Romanzo storico

Il sentiero dei folli

Rosaci Domenico

Descrizione: All'alba del XIII secolo, Guglielmo, un cavaliere normanno percorre a cavallo la lunga strada che dall'Alsazia lo porterà in Sicilia. Raggiunta Palermo, inizierà una vita intensa e avventurosa, dando origine alla famiglia Falconari. Il suo destino s'intreccerà con quello dell'imperatore Federico II, lo "stupor mundi", che lo nominerà custode di uno straordinario segreto, direttamente collegato alla vita e alle opere di Gesù Cristo. Due secoli dopo, un suo pronipote, il barone Orazio Falconari, detto The Fool, fonda una confraternita segreta con l'ambizioso obiettivo di perseguire uno scopo impossibile: sradicare l'insensatezza dal genere umano. Oggi, il barone Vincenzo Falconari, ultimo discendente della famiglia, decide di realizzare l'ennesimo gesto folle della sua vita. Solo in pochi sanno che il barone ha destinato la sua esistenza a combattere una spietata organizzazione, che opera azioni criminali in nome della Fede religiosa. È davvero la Fede un pericolo e un danno per l'uomo, e può la Scienza essere la fiaccola che illumina il sentiero verso la verità?

Categoria: Romanzo storico

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788882963132

Recensito da Alessandra Allegretti

Le Vostre recensioni

…Come il Matto che inizia il suo cammino, col suo povero fagotto in spalla, con i miseri stracci che lo rendono ridicolo per chi lo vede. Emarginato dal mondo dei sani, dei saggi. Pazzo, definitivamente, perché non accetta le regole del mondo e sceglie di imboccare un sentiero nuovo, sconosciuto. Il sentiero dei folli. […] Ma quel sentiero porta molto più lontano…

Nel XIII secolo un guerriero normanno dà origine alla famiglia Falconari e intreccia il suo destino con l’imperatore Federico II, che gli confida e affida un grande segreto su Gesù Cristo.

La sua famiglia lo custodirà nel tempo e due secoli dopo Orazio Falconari fonderà la confraternita dei Folli che lotterà contro il Male in nome suo. L’intento dichiarato sarà sradicare la violenza dalla società umana.

Queste non sono altro che le prime avvisaglie di una  guerra che culmina in una grande sfida:  il Barone Vincenzo Falconari organizza oggi  l’ultimo duello, compiendo un gesto folle.

L’arma più potente non è materiale, perché è la persuasione. Si apre un gioco molto serio cui si partecipa con pedine come la morte, l’amore, il mistero. La posta è altissima e ci riguarda da vicino, perché il passato e il nostro presente fanno capolino mescolandosi a regola d’arte alla finzione.

E quando si arriva alla fine si avverte un senso di vuoto.  Ma è una sensazione felice, perché mentre lo leggevi, il romanzo ti conquistava. L’intreccio è riuscito a stupirti e la lettura è diventata frenetica per  la curiosità di vedere “come andrà a finire”. Così l’hai divorato e non te ne sei accorto. Ti sei davvero divertito, perché non esistevi più, c’era solo il dipanarsi dei colpi di scena lungo il sentiero dei folli.

E apprezzerai chi, come il Barone Falconari, mette a fuoco i suoi obiettivi, non ha pregiudizi e cammina con coraggio lungo la sua via.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Domenico

Rosaci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rosaci Domenico


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'aria tersa tremola per la calura di giugno. Judith, in piedi all'ombra di un albero ai bordi della spiaggia di Narbonne, si guarda intorno. Niente è come dovrebbe essere. È tutto falso. È tutta una menzogna. Sul sentiero non c'è anima viva. È su questa strada che Judith, uno zaino in spalla e tanta confusione in testa, sta per ricominciare la sua vita. Ha appena perso il marito Arne, e non ha che una certezza: per chiudere con il passato deve ripercorrere i passi di lui, seguendo gli appunti del diario che Arne aveva scritto durante il suo ultimo viaggio verso Santiago de Compostela. Con lei ci sono le amiche più care, quelle del martedì: la selvaggia Kiki, la fredda Caroline, l'eccentrica Estelle e la perfetta Eva. Per loro quello è un viaggio ribelle e scanzonato, come ai vecchi tempi quando dormivano sotto lo scintillio notturno delle costellazioni. Ma per Judith quel viaggio assume immediatamente una dimensione diversa. Sconvolgente. Bastano pochi chilometri per capire che nel diario di Arne c'è qualcosa di strano: le indicazioni sono sbagliate, nulla di quello che lui descrive corrisponde a ciò che lei vede. È tutto inventato o copiato da internet. Judith non riesce ad accettare che l'uomo che le è stato accanto non era quello che credeva. Eppure deve imparare a leggere dietro quelle parole per capire cosa nascondesse Arne. E deve imparare a leggere anche dietro le parole delle sue amiche. Judith non si può più fidare di niente e di nessuno. A guidarla adesso c'è solo una stella, solo una costellazione, quella del suo cuore. Solo così potrà finalmente imparare a credere in sé stessa.

LA QUINTA COSTELLAZIONE DEL CUORE

Peetz Monika

Giudicando la propria vita di uomo e l'opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell'umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. "Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo" afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l'intelligenza e la volontà. I "Taccuini di appunti" dell'autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un'opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

MEMORIE DI ADRIANO

Yourcenar Marguerite

Giacomo Leopardi: Pensieri e parole

I dolori e gli amori della giovane Max. Inquieta, testarda, bellissima. Lasciata da Lili dopo otto anni, così all’improvviso, una mattina di gennaio: come puoi farmi questo per una che conosci da tre giorni? Corse, rincorse, morsi e affanni, la vita che sprofonda e Max che non si rassegna. Fino all’arrivo di Leo, il fuoco nei capelli e un uomo per compagno. Un’altra ventata d’amore, l’illusione che tutto possa ricominciare e la paura che tutto possa franare di nuovo. Un romanzo che è come la sua protagonista: un terremoto di sentimenti e di ironia.

IO SONO MAX

Survive I. W.