Classici

Il sentiero dei nidi di ragno

Calvino Italo

Descrizione: Dove fanno il nido i ragni? L'unico a saperlo è Pin, che ha dieci anni, è orfano di entrambi i genitori e conosce molto bene la radura nei boschi in cui si rifugiano i piccoli insetti. È lo stesso posto in cui si rifugia lui, per stare lontano dalla guerra e dallo sbando in cui si ritrova il suo piccolo paese tra le colline della Liguria, dopo l'8 settembre 1943. Ma nessuno può davvero sfuggire a ciò che sta succedendo qui e nel resto d'Italia. Neppure Pin. Ben presto viene coinvolto nella Resistenza e nelle lotte dei partigiani, sempre alla ricerca di un grande amico che sia diverso da tutte le altre persone che ha conosciuto. Ma esisterà davvero qualcuno a cui rivelare il suo segreto? Il romanzo che ha segnato l'esordio di Italo Calvino, in edizione illustrata da Gianni De Conno. Età di lettura: da 13 anni.

Categoria: Classici

Editore: Mondadori

Collana:

Anno: 1993

ISBN: 9788804375913

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Il sentiero dei nidi di ragno, romanzo d’esordio di Italo Calvino, si incontra nelle antologie di letteratura italiana tra le pagine dedicate al neorealismo, movimento culturale che l’Italia visse tra gli Anni ’40 e ’50. Questo volumetto, di non più di centocinquanta pagine e spesso confinato alla letteratura dei ragazzi, è considerato proprio una delle opere fondanti di tale movimento.

Pin, bambino vivace e dispettoso, cresce in un piccolo borgo sconvolto dalla guerra in Liguria. Orfano e fratello di una prostituta piuttosto conosciuta nei dintorni, Pin non è in sintonia con i suoi coetanei, a cui risulta troppo duro, né si trova in armonia con il mondo degli adulti, i quali lo guardano con disprezzo e paura allo stesso tempo.

Una serie di circostanze lo conducono a un covo di partigiani, in cui finisce per trovarsi sorprendentemente a proprio agio. Spinto da un’irrefrenabile curiosità e voglia di crescere, il bambino vive tra i boschi con la combriccola scalmanata, quasi macchietta di se stessa.

E’ proprio questa la forza della narrazione: parafrasando Cesare Pavese, si può dire che Pin ha la capacità di mostrare al lettore uno scorcio di vita partigiana come una favola di bosco, incredibilmente variopinta, ma soprattutto diversa da quella che si legge nei libri di storia.

Il linguaggio della narrazione è scorrevole e semplice – qui spiegata la collocazione tra i libri per ragazzi -, eppure non scontato. I dialoghi vogliono esplorare alcune espressioni dialettali, come appunto si confà a un’opera meravigliosamente realistica.

La definizione di neorealismo trova dunque la sua massima espressione proprio tra le righe di Calvino, accompagnata mano nella mano dalle avventure di Pin. I fatti vengono letteralmente trasformati in parole e quello che resta al lettore è uno spaccato di storia puramente e inconfondibilmente italiana. Calvino ha scritto: “I classici sono quei libri di cui si sente dire di solito: «Sto rileggendo… » e mai «Sto leggendo… »”, e Il sentiero dei nidi di ragno è appunto un libro da rileggere.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Italo

Calvino

Libri dallo stesso autore

Intervista a Calvino Italo