Classici

Il sergente nella neve

Stern Mario Rigoni

Descrizione: La testimonianza storica di un'esperienza unica e devastante, quale fu per l'esercito italiano la campagna di Russia, e insieme la storia autobiografica di un uomo che in quella prova lotta per non perdere la propria dignità.

Categoria: Classici

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Scrittori

Anno: 2005

ISBN: 9788806177324

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

I militari non sono quelli con i Ray-Ban a specchio sulla Jeep, quelli che scendono nei locali e con l’aria da signori della morte brancano le ragazze in minigonna poggiando il palmo aperto sulle natiche. O almeno, non sono solo quelli.

I militari sono quelli che pattugliano le strade serbando nel portafogli la foto della mamma e della sorella a casa.
Sono quelli che si tengono nel palmo della mano l’immagine del figlio piccolo che ride con la finestra in mezzo ai denti che pian piano si richiuderà.
Sono quelli che la notte si toccano sotto alle coperte ricordando la fidanzata quella volta che rantolava e non bastano mostrine da generale per dare una soddisfazione più grande.
Sono pure quelli che hanno mollato la placida caserma per rischiare il culo pur di guadagnare l’indennità con la quale si pagheranno la macchina nuova o  le prime rate del mutuo dell’appartamento.

Mario Rigoni Stern è stato uno di questi: un soldato spedito  nelle grinfie del Generale Inverno della Russia durante la Seconda Guerra Mondiale. Per la Madre Patria.

Ha scritto questa cronaca dell’Armata Italiana in Russia, la rinomata Armir, durante la prigionia nei campi di concentramento tedeschi sul finire della guerra. Prigioniero di quelli che erano stati amici e sodali di tante battaglie. Poi dicono di fidarsi degli amici.

Il sergente nella neve” spiega nel dettaglio quello che ognuno ha saputo da anziani parenti memori di quel fiasco clamoroso. Lo zio che raccontava del ritorno a piedi scalzi con frammenti di calze attaccati ancora alla pelle, ricolmo di pidocchi fin dentro le mutande quasi a compensare il calo di peso, rideva nel raccontare del lavaggio nella vasca da bagno con la moglie che spargeva varechina sulla cute lercia e crostosa.

Rigoni Stern ha raccontato delle marce nella neve con le piaghe che nemmeno fanno più male per l’anestesia dal gelo. Dei gatti che unici superstiti tra tutti gli animali morti per cibarsi o per la guerra, che vengono guardati col languore allo stomaco, magari insieme alla polenta cucinata nel pentolone dove sono stati bolliti i vestiti per ripulirli dai parassiti. Dei muli che fanno fatica insieme agli uomini a scavare trincee o trasportare bagagli o feriti. Altro che Jeep e occhiali da sole.

E poi ha riportato i discorsi in dialetto di gente di ogni dove che ha mescolato la propria lingua ad accenti del Nord, del Sud, e di ogni luogo dove c’era una casa ad aspettarli.

Giuanin chiede sempre al suo superiore: “Sergentmagiù, ghe riverem a baita?” e ci spalanca l’anima per la pena, quel desiderio di casa sua, la baita che abbiamo conosciuto anche noi che abbiamo fatto gli emigranti sulle montagne. Vorremmo che fosse ritornato a baita, a casa dove c’era la fidanzata ad aspettarlo. Vorremmo.

Non c’è odio in nessuna riga del libro: i russi di fronte vivono come gli italiani. Ascoltano a vicenda le loro parole anche senza capirsi, tanto sono vicini. Potrebbero sputarsi dalle loro trincee, ma si sfottono. E si rispettano.

Nella prima parte del libro viene descritta la quotidianità dei soldati nell’avamposto sulla riva del fiume Don, con le loro speranze, nostalgie, sogni. E voglia di ritornare a baita.

Quando i russi iniziano ad attuare l’accerchiamento degli invasori italiani arriva l’ordine della ritirata, con i reparti a smobilitare un po’ per volta coprendosi le spalle.

Nella seconda parte c’è la ritirata attraverso la steppa sovietica e le vicende cruente che coinvolgono i militari italiani braccati, affamati, stanchi, ora con i tedeschi, ora con i russi.

Il reparto del Sergente Rigoni Mario fu GioBatta è costituito da circa venti soldati, ma alla fine non saranno più venti.

Cammina, cammina, ogni passo che facciamo è uno di meno che dovremo fare per arrivare a baita.”

All’epilogo della tragedia i nostri soldati saranno sformati, trasfigurati, irriconoscibili anche a sé stessi.

Qualcuno mi mette in mano un rasoio di sicurezza e un piccolo specchio. Guardo queste cose nelle mie mani e poi mi guardo nello specchio. E questo sarei io: Rigoni Mario di GioBatta, n. 15454 di matricola, sergente maggiore del 6° reggimento alpini, battaglione Vestone.”

Si riuscirà a venirne a capo nonostante i morti, il vuoto nell’orbita dell’occhio del soldato, la gamba di legno dell’altro. Reduci di guerra.

Il tenente che aveva preso il comando della compagnia mi chiese il nome di quelli che meritavano di essere decorati. Diedi i nomi di Antonelli, di Artico, di Cenci, di Moscioni, di Menegolo, di Giuanin, di Tardivel, e di qualche altro.”

Le guerre di oggi fanno più schifo di quella del Sergente Rigoni anche se fanno meno morti.

Chissà cosa ne direbbe oggi lo scrittore autodidatta, impiegato poi al catasto, di questi morti per motivi da niente, di cui rimangono le foto su Facebook anche dopo mesi che sono saltati in aria sulle mine con i loro carri.

Chissà cosa direbbe, adesso che è ritornato a baita.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Rigoni

Mario

Stern

Libri dallo stesso autore

Intervista a Stern Mario Rigoni

Marta ha solo sedici anni, ma dietro i suoi begli occhi si nascondono le incisioni di segreti inconfessati, orribili ferite dall'odore nauseabondo. Gli uomini sono delle bestie, Marta è costretta a ripeterselo. L'ha imparato a sue spese, sulla sua pelle, e pagherà fino in fondo. Eppure, gli uomini sono l'unico approdo che resta, quando tutti i sogni si spengono nelle ristrettezze di una vita che offre solo la copia sbiadita di ciò che sembra luccicare nell'Occidente, così lontano eppure appena dietro l'angolo. Salvo avere la fortuna di scovarlo, l'uomo giusto. Un uomo da amare. Sempre che l'amore esista davvero. Chisinau, Moldavia... La gioventù finisce presto, da quelle parti. La spensieratezza non c'è. La vita è dura, violenta, i miti si schiantano nella realtà di tutti i giorni. Si vive border line, e si finisce sopraffatti, se si è donne, giovani, carine. Come Marta, violabile e violata, colpevole senza colpe, eroina al contrario di una storia senza speranza. E in cambio c'è solo vendetta, morte, e altra sopraffazione. Esiste una giustizia? Se esiste, è la giustizia più ingiusta che si possa meritare. La "Frivolezza" è quella dei sogni rincorsi. Ma la storia è densa, proprio come "il cristallo liquido" che nel titolo annulla e trasforma gli anni teneri di una gioventù bruciata dagli altri. Irina Turcanu scrive questa sua cronaca dell'infanzia con mano intenerita e partecipe, eppure senza fronzoli, senza mediare con l'asprezza delle tematiche scelte, con mano dura laddove la storia si fa dura. Il romanzo di una giovanissima scrittrice rumena, oggi italiana. Tenetelo di conto, ne sentirete ancora parlare.

LA FRIVOLEZZA DEL CRISTALLO LIQUIDO

Turcanu Irina

OCEANO MARE

Baricco Alessandro

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

Un manuale snello e ironico che demolisce la figura edificante e mielosa incarnata dalla donna che legge. Uno sguardo innovativo e iconoclasta sul rapporto tra una donna che legge e i libri. Un saggio divertente che libera le lettrici dal giogo imposto da secoli di posizione subalterna: la lettura diventa una liberazione che origina dal desiderio, si manifesta nel sesso (lettura e libri come liberazione sessuale?), attraversa il corpo della letteratura e il corpo delle donne. La lettura inaugura, così, l’apprendistato verso una consapevolezza piena e matura: se per Rousseau nessuna ragazza dai casti costumi dovrebbe leggere romanzi, Francesca Serra ne rovescia l’ammonimento, dichiarando a gran voce che ogni fanciulla, prima ancora di essere un’amante, deve imparare a diventare una grande lettrice; che si tratti di Alice prossima a gettarsi all’inseguimento del Bianconiglio, della Novella Eloisa che legge avidamente una lettera dell’amato Saint-Preux, di Marilyn Monroe, colta in uno dei suoi ultimi scatti sulla spiaggia di Coney Island, mentre sfoglia l’Ulisse di Joyce. Cosa sarebbe stato della povera Emma Bovary se ne avesse seguito i consigli?

Le brave ragazze non leggono romanzi

Serra Francesca