Romanzo storico

IL SIGNORE DI BARCELLONA – di José Lloréns

Descrizione:

Categoria: Romanzo storico

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Signore di Barcellona

Titolo: Il signore di Barcellona (titolo originale: Te darè la tierra)
Autore: José Lloréns
Editore: Mondadori
Anno: 2010

Nel suo romanzo, Lloréns José ci descrive una Barcellona della quale non siamo abituati a sentir parlare.

I fatti narrati, infatti, hanno luogo a partire dal 1052. In quel periodo, come descritto dall’autore, la città contava poco più di 2500 abitanti e viveva un periodo di piena espansione: una moltitudine di persone vi si spostava dalle campagne circostanti per cercare di trarre vantaggio dalle numerose opportunità che essa offriva.

 La maggior parte di queste persone, non trovando spazio all’interno delle mura cittadine, colonizzava le zone attigue, creando centri abitati a ridosso delle stesse.

 

Tra chi, per terra e per mare, raggiungeva quotidianamente Barcellona per condurre i propri affari, c’era anche Marti Barnaby de Montgri, un giovane di campagna che lasciava la sua casa per iniziare una nuova vita in città. Tanta la paura e l’incertezza quando, in fila per oltrepassare le mura cittadine, si chiedeva se mai sarebbe riuscito a coronare il suo sogno di diventare cittadino di Barcellona…  L’autore ci spiega bene, infatti, che i cittadini ricoprivano un ruolo molto importante nella Barcellona di quei tempi, costituendo, accanto al clero e all’aristocrazia, la classe di maggior rilievo alla quale venivano attribuiti diritti pari a quelli una volta garantiti ai cittadini romani.

Martì dà prova delle sue grandi capacità imprenditoriali. Partendo da una piccola fortuna lasciatagli in eredità dal padre, infatti, riesce a diventare uno dei personaggi più facoltosi della città, mentre l’amore per Laia, figliastra di un cittadino molto potente inserito nell’amministrazione della città, gli porta tanta gioia ma anche grandi delusioni.

In parallelo alle avventure di Martì, Lloréns José ci narra la storia di Ramon Berenguer I, conte di Barcellona, e del suo amore per Almodis de la Marca, amore per il quale sfida ogni potere, incluso quello pontificio che si oppone all’unione fino a giungere alla scomunica dei due amanti.

La narrazione è piacevole ed il libro, seppur molto lungo, scorre velocemente. Per gli amanti del romanzo storico è certamente da leggere.

button_acquista_feltrinelli

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è una minaccia mortale da qualche parte a Empire City e Fixer ha solo fino all'alba per salvare la sua città... e il mondo come lo conosciamo. "Sacro terrore" racconta la disperata missione di un eroe costretto ad affrontare un esercito di fanatici per poter impedire un terribile crimine contro l'umanità.

Sacro terrore

Miller Frank

Si dice che il problema sia di chi resta, non di chi se ne va. Emilie se n'è andata, portata via da un cancro. Alessio le è sopravvissuto. Sono passati otto anni ed è ora che tutto ha inizio. "Le 13 cose" ci afferra dalle prime righe e ci trascina in un piccolo paese di provincia che pare evacuato, sempre pronto a riversarsi in un al di là parallelo simile a un campo sfollati. Alessio Valentino, protagonista suo malgrado, lega la propria vita ad assurdi vicini di casa e a personaggi improbabili. Figure sghembe e grottesche che innescano intrecci e situazioni inneggianti alla vita più stramba. Il suo mondo sembra uno sgangherato e divertente luna park, di quelli che stanno alle periferie dell'esistenza, dove la pena e la catarsi si tengono abbracciati, come amanti su un ottovolante per cui non hanno pagato il biglietto.

LE 13 COSE

Turati Alessandro

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro

Mandragola

Machiavelli Niccolò