Romanzo storico

IL SIGNORE DI BARCELLONA – di José Lloréns

Descrizione:

Categoria: Romanzo storico

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Signore di Barcellona

Titolo: Il signore di Barcellona (titolo originale: Te darè la tierra)
Autore: José Lloréns
Editore: Mondadori
Anno: 2010

Nel suo romanzo, Lloréns José ci descrive una Barcellona della quale non siamo abituati a sentir parlare.

I fatti narrati, infatti, hanno luogo a partire dal 1052. In quel periodo, come descritto dall’autore, la città contava poco più di 2500 abitanti e viveva un periodo di piena espansione: una moltitudine di persone vi si spostava dalle campagne circostanti per cercare di trarre vantaggio dalle numerose opportunità che essa offriva.

 La maggior parte di queste persone, non trovando spazio all’interno delle mura cittadine, colonizzava le zone attigue, creando centri abitati a ridosso delle stesse.

 

Tra chi, per terra e per mare, raggiungeva quotidianamente Barcellona per condurre i propri affari, c’era anche Marti Barnaby de Montgri, un giovane di campagna che lasciava la sua casa per iniziare una nuova vita in città. Tanta la paura e l’incertezza quando, in fila per oltrepassare le mura cittadine, si chiedeva se mai sarebbe riuscito a coronare il suo sogno di diventare cittadino di Barcellona…  L’autore ci spiega bene, infatti, che i cittadini ricoprivano un ruolo molto importante nella Barcellona di quei tempi, costituendo, accanto al clero e all’aristocrazia, la classe di maggior rilievo alla quale venivano attribuiti diritti pari a quelli una volta garantiti ai cittadini romani.

Martì dà prova delle sue grandi capacità imprenditoriali. Partendo da una piccola fortuna lasciatagli in eredità dal padre, infatti, riesce a diventare uno dei personaggi più facoltosi della città, mentre l’amore per Laia, figliastra di un cittadino molto potente inserito nell’amministrazione della città, gli porta tanta gioia ma anche grandi delusioni.

In parallelo alle avventure di Martì, Lloréns José ci narra la storia di Ramon Berenguer I, conte di Barcellona, e del suo amore per Almodis de la Marca, amore per il quale sfida ogni potere, incluso quello pontificio che si oppone all’unione fino a giungere alla scomunica dei due amanti.

La narrazione è piacevole ed il libro, seppur molto lungo, scorre velocemente. Per gli amanti del romanzo storico è certamente da leggere.

button_acquista_feltrinelli

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Montag fa il pompiere in un mondo dove gli incendi, anziché essere spenti, vengono appiccati. Armati di lunghi lanciafiamme, i militi irrompono nelle case dei sovversivi che conservano libri o altra carta stampata e li bruciano: così vuole la legge. Ma Montag non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi e slogan, con una moglie indifferente e passiva e un lavoro che svolge per pura e semplice routine. Finché un giorno, dall'incontro con una donna sconosciuta, nasce un sentimento impensabile, e per Montag il pompiere inizia la scoperta di un mondo diverso da quello in cui è sempre vissuto, un universo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della società tecnologica imperante. Scritto nel lontano 1953, Fahrenheit 451, romanzo prediletto di artisti del calibro di Aldous Huxley e Francois Truffaut, attesta ancora oggi Bradbury tra i massimi scrittori di fantascienza di tutti i tempi.

FAHRENHEIT 451

Bradbury Ray

Cosa accade a un uomo che torna nella propria città di notte come uno straniero, come un profugo, cosa accade a un uomo quando torna e nessuno lo aspetta, chi chiamerà il suo nome? Un uomo è il suo nome? E se nessuno lo pronuncia quel nome, l'uomo continuerà a esistere?

Preghiera di novembre

Gianeselli Irene

Italo Gorini, ultraottantenne professore di Lettere in pensione, vedovo e disabile, un figlio di trentacinque anni laureato e disoccupato, è accudito da una badante straniera che ne tiene desti i sensi e le fantasie. Sono di casa la sorella Maddalena e la cognata Giorgina, che a oltre settant'anni non ha abdicato alla propria femminilità. Ma un colpo di scena impensabile deflagra da un lontano passato e sconvolge i rapporti tra l'anziano invalido e la badante, mettendo in crisi i delicati equilibri dell'intera famiglia. L'ambigua relazione affettiva tra il professore e la sorella, rimasta nubile e per questo convinta di avere in mano il destino del fratello, nonché l'imprevista reazione del figlio, rendono sorprendenti gli esiti della vicenda. Questo singolare romanzo si interroga (e ci interroga) su uno dei temi cruciali del mondo contemporaneo: il protrarsi, sempre più medicalizzato, della vita, che però non di rado, quando i sogni sono finiti e i giorni, le ore diventano una lunga attesa, trasforma la vecchiaia in una crudele solitudine. Non solo: è anche un implacabile ritratto di non poche famiglie d'oggi.

La badante

Collura Matteo

Tre topolini ciechi

Christie Agatha