Narrativa

IL SILENZIO IMPERFETTO – di Aldo Penna

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore:

Collana:

Anno:

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Il silenzio imperfettoTitolo: Il silenzio imperfetto
Autore: Aldo Penna
Editore: Stampa Alternativa
Anno: 2010

Io credo che in una democrazia difficile come la nostra abbiamo bisogno come l’aria di un’informazione libera e pluralista. Giornalisti con la schiena dritta, che non si pieghino, programmi televisivi di informazione e non di disinformazione, che non facciano da cassa di risonanza alla voce del Potere, ma che sappiano raccontare, per quanto possibili, altre verità” (dall’introduzione di Antonio Ingroia).

Nel romanzo di Penna la mafia viene descritta nella sua accezione più pericolosa e,oserei dire, ‘moderna’: fenomeno subdolo e strisciante che tenta di occupare ogni ramo della società civile. Antonio Ingroia, magistrato antimafia formatosi nel pool di Falcone e Borsellino, autore dell’introduzione, ci ricorda cha la mafia oggi è più ‘civile’, che è riuscita ad infiltrarsi ‘nei salotti buoni’ della società e perfino nei circuiti delle istituzioni. Passando dalla stagione delle stragi alla relativa tranquillità di oggi, si sarebbe forse tentati di abbassare la guardia, di considerare poco grave il pericolo mafioso: scrittori come Penna ci ricordano che la convivenza con la mafia, in un paese civile, non è possibile e non è tollerabile.


Nel romanzo “Il silenzio imperfetto” irrompe la semplicità della vita reale; tengono banco vicende che non ci stupiremmo di sentire annunciate al telegiornale oppure riportate sui quotidiani nazionali. Nulla di eclatante, all’inizio, niente di eccezionale, all’apparenza. Un disoccupato che, disperato, si getta dal cornicione di un palazzo. Una ragazza trovata morta in seguito ad una accidentale caduta dagli scogli. Un politico rampante che si appresta a fare il salto di qualità candidandosi a diventare Sindaco di una grande città, Palermo. Gaetano Flores, protagonista del racconto, è un giornalista di carattere, conosce fin troppo bene la sua città e i problemi che la mortificano e non impiega molto tempo a nutrire sospetti su troppe e inverosimili coincidenze. Per scrivere i suoi articoli Flores non si accontenta dei ‘lanci di agenzia’: verifica di persona, domanda, indaga, interroga e si interroga. Non è semplice arrivare alla verità, non bisogna tralasciare nessun dettaglio nemmeno quelli che sembrano insignificanti e che potrebbero essere facilmente trascurati ma che, una volta inseriti in un quadro più ampio, ci possono aiutare a comprendere la realtà che ci circonda. Nel tentativo di collegare avvenimenti apparentemente incompatibili Flores e il commissario Di Jemma provano sulla loro pelle la terribile sensazione di combattere contro un nemico che si nasconde ovunque, che ha il volto delle persone con le quali condividi il posto di lavoro, che compare là dove avresti dovuto trovare protezione e solidarietà. Il colpo di scena finale non riesce a nascondere una sorta di amara sensazione dovuta, a mio parere, alla consapevolezza di avere a che fare con un nemico tutt’altro che sconfitto.


L’autore, profondo conoscitore della realtà palermitana grazie al suo lungo impegno politico, oltre alla descrizione dei luoghi che fanno da sfondo allo svolgersi del racconto, riesce davvero a farci comprendere le profonde contraddizioni dell’ambiente sociale, di quel fondersi di modernità e tradizione, di desiderio di fuggire e di amore per la propria terra.


Il “silenzio imperfetto” è un romanzo forte ed incisivo che parla di mafia e di come è possibile resisterle, di come è possibile combatterla, di come non si deve rischiare di farla diventare una sorta di ‘abitudine’, una compagnia molesta ma tutto sommato tollerabile se non fa troppo rumore. Per tutti questi motivi è una lettura consigliata a chiunque ma, in special modo, ai giovani, perché comprendano e agiscano di conseguenza.

{jcomments on}

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un maschio eterno, del tutto privo di moralità, molto avido, un po' vile, anche sentimentale (solo con se stesso). Sullo sfondo della Francia della Terza Repubblica, Bel-Ami è l'arrampicatore sociale per eccellenza con un'unico obiettivo: il successo e il profitto a qualunque costo

Bel-Ami

De Maupassant Guy

A volte il cambiamento avviene in maniera naturale e progressiva e noi ci rendiamo conto solo del risultato finale. Altre volte invece il cambiamento è repentino e brutalmente evidente. Paolo e Alexis, due amici inseparabili, vivono in contemporanea un cambiamento radicale per entrambi. La metamorfosi di Paolo viene da dentro, la crescita avviene suo malgrado. I nuovi desideri aprono la strada a un amore più completo che mai, a una felicità fatta non più di sbronze e piaceri egoistici, ma di attenzione vera per l'altro e condivisione di progetti costruttivi. Alexis è sconvolta dall'amore per una donna che la mette di fronte ai preconcetti propri e altrui. La trama leggera permette all'autore del romanzo di infilare nel racconto semplici ma incisivi brani informativi, ricchi di dati chiari e interessanti, che aiutano sia i protagonisti sia i lettori ad allargare i loro orizzonti culturali ed emotivi. Prefazione di Aurelio Mancuso.

DUE NON E’ IL DOPPIO DI UNO

Groppo Elettra

Nel 2011 è finito il mondo: mi sono uccisa. Il 23 luglio, alle 15.29, la mia morte è partita da Catania. L’epicentro il mio corpo secco disteso, i miei trecento grammi di cuore umano, i seni piccoli, gli occhi gonfi, l’encefalo tramortito, il polso destro poggiato sul bordo della vasca e l’altro immerso in un triste mojito di bagnoschiuma alla menta e sangue... Viola Di Grado racconta la storia di un suicidio, di ciò che lo precede e poi lo segue: la famiglia, l’amore, la solitudine, la voglia di vivere intensamente e, dopo la morte, la nostalgia, la frequentazione “fantasmatica” delle persone amate, una straordinaria invenzione della vita dopo la morte.

Cuore cavo

Di Grado Viola

Come si spiega che nei Paesi occidentali (Italia compresa) l’evoluzionismo sia diventato terreno di scontro politico tra destra e sinistra? Che c’entra Darwin con la politica? In realtà, dicono gli autori, questo è stato il suo destino da sempre, fin da prima della pubblicazione di L’origine delle specie. Da allora la polemica non si è mai estinta. Dai comunisti ai liberali, dalle chiese ai tribunali, dal creazionismo americano a quello di matrice islamica, Compagno Darwin ricostruisce l’accoglienza del darwinismo in politica, mostrando che il naturalista con la barba è buono o cattivo a seconda di chi osserva e di cosa viene osservato attraverso le lenti della sua teoria. Da destra e da sinistra, l’evoluzionismo darwiniano è stato sposato per giustificare – non senza forzature – questa o quella posizione, salvo poi essere attaccato quando risultava scomodo. Lesa maestà nei confronti della scienza? Gli autori credono di no: in parte anche i ricercatori hanno un atteggiamento oscillante; e occuparsi del posto dell’uomo nel mondo, proprio come ha fatto Darwin, è l’essenza stessa della politica. Se si lamenta la distanza tra scienza e cittadini, lo spettacolo di una teoria scientifica che entra prepotentemente nel dibattito pubblico andrebbe guardato con interesse e casomai con sollievo, non temuto.

Compagno Darwin

Nosengo Nicola