Narrativa

IL SILENZIO IMPERFETTO

Penna Aldo

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Stampa Alternativa

Collana:

Anno: 2010

ISBN:

Recensito da Laura Barbieri

Le Vostre recensioni

“Io credo che in una democrazia difficile come la nostra abbiamo bisogno come l’aria di un’informazione libera e pluralista. Giornalisti con la schiena dritta, che non si pieghino, programmi televisivi di informazione e non di disinformazione, che non facciano da cassa di risonanza alla voce del Potere, ma che sappiano raccontare, per quanto possibili, altre verità” (dall’introduzione di Antonio Ingroia).

Nel romanzo di Penna la mafia viene descritta nella sua accezione più pericolosa e,oserei dire, ‘moderna': fenomeno subdolo e strisciante che tenta di occupare ogni ramo della società civile. Antonio Ingroia, magistrato antimafia formatosi nel pool di Falcone e Borsellino, autore dell’introduzione, ci ricorda cha la mafia oggi è più ‘civile’, che è riuscita ad infiltrarsi ‘nei salotti buoni’ della società e perfino nei circuiti delle istituzioni. Passando dalla stagione delle stragi alla relativa tranquillità di oggi, si sarebbe forse tentati di abbassare la guardia, di considerare poco grave il pericolo mafioso: scrittori come Penna ci ricordano che la convivenza con la mafia, in un paese civile, non è possibile e non è tollerabile.

Nel romanzo “Il silenzio imperfetto” irrompe la semplicità della vita reale; tengono banco vicende che non ci stupiremmo di sentire annunciate al telegiornale oppure riportate sui quotidiani nazionali. Nulla di eclatante, all’inizio, niente di eccezionale, all’apparenza. Un disoccupato che, disperato, si getta dal cornicione di un palazzo. Una ragazza trovata morta in seguito ad una accidentale caduta dagli scogli. Un politico rampante che si appresta a fare il salto di qualità candidandosi a diventare Sindaco di una grande città, Palermo. Gaetano Flores, protagonista del racconto, è un giornalista di carattere, conosce fin troppo bene la sua città e i problemi che la mortificano e non impiega molto tempo a nutrire sospetti su troppe e inverosimili coincidenze. Per scrivere i suoi articoli Flores non si accontenta dei ‘lanci di agenzia': verifica di persona, domanda, indaga, interroga e si interroga. Non è semplice arrivare alla verità, non bisogna tralasciare nessun dettaglio nemmeno quelli che sembrano insignificanti e che potrebbero essere facilmente trascurati ma che, una volta inseriti in un quadro più ampio, ci possono aiutare a comprendere la realtà che ci circonda. Nel tentativo di collegare avvenimenti apparentemente incompatibili Flores e il commissario Di Jemma provano sulla loro pelle la terribile sensazione di combattere contro un nemico che si nasconde ovunque, che ha il volto delle persone con le quali condividi il posto di lavoro, che compare là dove avresti dovuto trovare protezione e solidarietà. Il colpo di scena finale non riesce a nascondere una sorta di amara sensazione dovuta, a mio parere, alla consapevolezza di avere a che fare con un nemico tutt’altro che sconfitto.

L’autore, profondo conoscitore della realtà palermitana grazie al suo lungo impegno politico, oltre alla descrizione dei luoghi che fanno da sfondo allo svolgersi del racconto, riesce davvero a farci comprendere le profonde contraddizioni dell’ambiente sociale, di quel fondersi di modernità e tradizione, di desiderio di fuggire e di amore per la propria terra.

Il “silenzio imperfetto” è un romanzo forte ed incisivo che parla di mafia e di come è possibile resisterle, di come è possibile combatterla, di come non si deve rischiare di farla diventare una sorta di ‘abitudine’, una compagnia molesta ma tutto sommato tollerabile se non fa troppo rumore. Per tutti questi motivi è una lettura consigliata a chiunque ma, in special modo, ai giovani, perché comprendano e agiscano di conseguenza.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Aldo

Penna

Libri dallo stesso autore

Intervista a Penna Aldo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il principe della Marsiliana

Perodi Emma

Vivono a Roma, madre e figlia. Laury si cura con le alghe, racconta di viaggi a Goa e cena con gli amici hippy. Un dettaglio: ha quasi settant’anni. Sua figlia Elena ne ha trentasette ed è l’opposto. Fa l’impiegata e ha poche ambizioni. Nasconde un’inquietudine che viene dal passato: non sa chi è suo padre. Yves invece sta a Parigi, in una chiatta sulla Senna che affitta a turisti russi, mangia nel bistrot della bella Yvonne ma ogni tanto si sente solo. Anche lui sta cercando qualcosa, una compagna o una famiglia… Personaggi tragicomici e indimenticabili, pagine piene di ritmo, per un romanzo che racconta un conflitto attualissimo, quello tra due generazioni che non si capiscono ma devono provarci.

Il futuro di una volta

Dandini Serena

Venezia 1894. Un incontro fortuito. 36 anni lei, 31 lui. Duse e d’Annunzio attraverseranno insieme 10 burrascosi anni. Un breve tratto, ma per entrambi capitale: sia perché, col tempo, il Vate si sarebbe ravveduto, rimpiangendola; sia perché quella con d’Annunzio è la sola convivenza della Diva che, sul viale del tramonto, parrà prediligere la compagnia di giovani donne. Questo narra la vulgata confermata da oltre un secolo. Se corrispondono al vero passione, tradimenti e umiliazioni, sono da ribaltare i ruoli: fu lui la vittima e lei il carnefice. È quanto emerge dai numerosi documenti, sottoposti a nuovo esame con un’avvertenza: a varare la favola dei divi amanti fu Gabriele per suo tornaconto.

Più che l’amore

Andreoli Annamaria

Abitavamo in un bosco di querce

Guglielmi Marilena