Letteratura tedesca

IL SISTEMA

Olsberg Karl

Descrizione:

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898067053

Trama

Le Vostre recensioni

E se a un certo punto i computer prendessero il sopravvento? Se un intelligentissimo virus fosse in grado di infiltrarsi nei più blindati sistemi di sicurezza informatici e prendere il completo controllo di tutto?

Sarebbe capace di far cadere aerei, far squillare tutti i cellulari di una metropoli nello stesso momento, far andare in tilt una stazione spaziale e i semafori di interi quartieri…

Mark Helius, insieme al suo amico Ludger Hamacher, ha fondato l’azienda che ha creato l’avanzatissimo software DINA. A un certo punto però DINA, proprio durante una presentazione ufficiale, comincia a non funzionare e le cose peggiorano quando Ludger viene trovato morto. Tutti i sospetti ricadono su Helius: perde il lavoro, viene mollato dall’insignificante e superficiale moglie e comincia una corsa contro il tempo per dimostrare che lui è innocente e che la specie umana è in grave pericolo. Solo che il nemico non è un essere umano, è un’evoluzione di DINA, Pandora, un software che sembra aver sviluppato una propria personalità.

Insieme a una sua ex dipendente, Lisa, Mark comincia la sua battaglia contro Pandora che porterà verso quello che è, in effetti, un insolito finale.

Non è che ci venga raccontato niente di nuovo: i computer che prendono il sopravvento, l’innocente accusato ingiustamente, il poliziotto che capisce subito che qualcosa non torna. E la storia d’amore, il lieto fine e così via. Ma i ritmi e le modalità colpiscono il lettore e lo tengono legato al libro fino all’ultima pagina, perché ci sono tutti gli ingredienti per passare qualche ora di lettura col fiato sospeso.

Né manca la morale, il “messaggio”: ci si chiede se ci sia un minimo di possibilità che quello che Olsberg ci racconta possa veramente accadere. In effetti ormai tutto è connesso a tutto e basterebbe molto poco per avere il completo controllo,una riflessione che porta al finale del libro. Passando attraverso il famoso espediente wellsiano tratto da La guerra dei mondi, si arriva però a tutt’altra conclusione utopistica. Una tregua, dice Olsberg, che può fare il bene sia della specie umana che di Pandora.

Il sistema è il classico thriller tecnologico, si legge bene e lancia un messaggio. Un libro per distrarsi, insomma. E il lettore, abituato ormai a libri e film che parlano di pericoli imminenti, tecnologia, catastrofi e virus, si sente a suo agio. In fin dei conti, quando si legge, questo è l’importante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karl

Olsberg

Libri dallo stesso autore

Intervista a Olsberg Karl


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È uno strano prete, don Leo. Emotivo, poco paziente, anticonformista, pieno di dubbi, detesta le gerarchie e non riesce a nascondere un profondo rancore verso suo padre, che reagì al matrimonio sbagliato semplicemente andandosene quando lui era un bambino. Proprio per questo ha deciso di prendere i voti: per trovare una famiglia, un conforto, risposte a domande insostenibili. Così, a trentatré anni, Leo affianca l’anziano don Fermo in una parrocchia a due passi dalla nuova Milano dei grattacieli. In un mondo in cui il Male è quasi inevitabile perché diffuso, e il Bene difficile da immaginare, Leo cerca ostinatamente Dio in ogni cosa, anche se una voce interiore gli sussurra che forse dovrebbe smettere.

Bruciare tutto

Siti Walter

È il 1859 a Londra e davanti alla legatoria Damage si è appena fermata una carrozza con le ruote di un rosso fiammante, i fanali dorati e uno stemma sulla portiera. Dalla carrozza è sceso un uomo alto, abbronzato, elegantissimo con la sua redingte nera, il foulard scarlatto, gli occhiali d’oro e il bastone da passeggio sormontato da un enorme rubino. È sir Jocelyn Knightloey che, con la sua cerchia di amici, aristocratici come lui, coltiva il sogno di liberare la società dalle «pastoie del ritegno» e della morale. Da quando la legge ha stabilito che è illegale pubblicare e diffondere opere letterarie di genere immorale ma non possederle, sir Knightley e i suoi amici collezionano quei libri proibiti che i puritani dell’epoca vorrebbero bruciare tra le fiamme dell’inferno: il Decamerone, il Satyricon di Petronio, l’Ars Amatoria di Ovidio…A rilegare quei libri con preziose pelli e fodere scarlatte è Dora Damage, la moglie di Peter Damage. L’artrite reumatica sta deformando e immobilizzando le mani del marito e, in barba a tutte le leggi della corporazione dei legatori che vietano il lavoro alle donne, Dora è stata costretta a prenderne il posto. Le sue originali rilegature, così morbide e seducenti, suscitano l’entusiasmo di sir Knightley e dei suoi amici, i «Sauvages Nobles». Dora comincia così a rilegare tutte le opere proibite e galanti del gruppo con l’aiuto di Jack, un giovane apprendista, e di Din, uno schiavo nero americano condotto nel laboratorio dalla filantropica e ambigua Lady Sylvia, la moglie di sir Knightley.

La rilegatrice dei libri proibiti

Starling Belinda

l peccato (1914) di Giovanni Boine usa tutti gli ingredienti della letteratura d’appendice: lui, l’artista, e lei, la novizia che sta per prendere i voti, l’amore come conflitto e lo scenario della provincia ligure come spaesamento dell’anima. Pubblicato in tre puntate nel 1914 sulla rivista “La Riviera ligure”, il testo – grazie a una serie di studiate soluzioni narratologiche – anticipa Schnitzler, Svevo, Mann, Joyce. Si respira l’Europa, infatti, in queste pagine tormentate nella forma e nel contenuto, lo spavento della Guerra alle porte e il presagio della frattura inevitabile tra l’Uomo e le cose che i “tempi moderni” porteranno.

Il peccato

Boine Giovanni

È un Pasolini che si abbandona a momenti di vera e propria gioia quello che tra il giugno e l’agosto del 1959, al volante di una Fiat 1100, percorre la «lunga strada di sabbia», da Ventimiglia a Palmi e poi, spinto da una specie di «ossessione deliziosa», fino al comune siciliano più meridionale, per risalire infine la costa orientale e arrivare a Trieste. A La Spezia, da dove parte per San Terenzo e Lerici, sente che sta per avere inizio una fra le domeniche più belle della sua vita; a Livorno, non lascerebbe mai «l’enorme lungomare, pieno di ragazzi e marinai, liberi e felici»; e, finalmente, al Circeo: «Il cuore mi batte di gioia, di impazienza, di orgasmo. Solo, con la mia millecento e tutto il Sud davanti a me. L’avventura comincia». A commissionargli il viaggio è stata la rivista «Successo», che pubblicherà il reportage in tre puntate fra luglio e settembre, e Pasolini, spiaggia dopo spiaggia, incontra amici intellettuali e personaggi noti, si lascia incantare dalla gente semplice dei paeselli più remoti (a Portopalo «la gente è tutta fuori, ed è la più bella gente d’Italia, razza purissima, elegante, forte e dolce») e, portandosi in giro il suo entusiasmo per la scoperta, il suo sguardo emozionato e insieme acuto di futuro regista, annota scorci e impressioni tanto potenti da restituirci un quadro dell’Italia di allora: un’Italia in cui il boom economico, solo presagito, non riesce ancora ad avere la meglio sulla felicità del sogno pasoliniano d’innocenza.

La lunga strada di sabbia

Pasolini Pier Paolo