Letteratura tedesca

IL SISTEMA

Olsberg Karl

Descrizione:

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: BookSalad

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788898067053

Trama

Le Vostre recensioni

E se a un certo punto i computer prendessero il sopravvento? Se un intelligentissimo virus fosse in grado di infiltrarsi nei più blindati sistemi di sicurezza informatici e prendere il completo controllo di tutto?

Sarebbe capace di far cadere aerei, far squillare tutti i cellulari di una metropoli nello stesso momento, far andare in tilt una stazione spaziale e i semafori di interi quartieri…

Mark Helius, insieme al suo amico Ludger Hamacher, ha fondato l’azienda che ha creato l’avanzatissimo software DINA. A un certo punto però DINA, proprio durante una presentazione ufficiale, comincia a non funzionare e le cose peggiorano quando Ludger viene trovato morto. Tutti i sospetti ricadono su Helius: perde il lavoro, viene mollato dall’insignificante e superficiale moglie e comincia una corsa contro il tempo per dimostrare che lui è innocente e che la specie umana è in grave pericolo. Solo che il nemico non è un essere umano, è un’evoluzione di DINA, Pandora, un software che sembra aver sviluppato una propria personalità.

Insieme a una sua ex dipendente, Lisa, Mark comincia la sua battaglia contro Pandora che porterà verso quello che è, in effetti, un insolito finale.

Non è che ci venga raccontato niente di nuovo: i computer che prendono il sopravvento, l’innocente accusato ingiustamente, il poliziotto che capisce subito che qualcosa non torna. E la storia d’amore, il lieto fine e così via. Ma i ritmi e le modalità colpiscono il lettore e lo tengono legato al libro fino all’ultima pagina, perché ci sono tutti gli ingredienti per passare qualche ora di lettura col fiato sospeso.

Né manca la morale, il “messaggio”: ci si chiede se ci sia un minimo di possibilità che quello che Olsberg ci racconta possa veramente accadere. In effetti ormai tutto è connesso a tutto e basterebbe molto poco per avere il completo controllo,una riflessione che porta al finale del libro. Passando attraverso il famoso espediente wellsiano tratto da La guerra dei mondi, si arriva però a tutt’altra conclusione utopistica. Una tregua, dice Olsberg, che può fare il bene sia della specie umana che di Pandora.

Il sistema è il classico thriller tecnologico, si legge bene e lancia un messaggio. Un libro per distrarsi, insomma. E il lettore, abituato ormai a libri e film che parlano di pericoli imminenti, tecnologia, catastrofi e virus, si sente a suo agio. In fin dei conti, quando si legge, questo è l’importante.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Karl

Olsberg

Libri dallo stesso autore

Intervista a Olsberg Karl

Valentina è una neonata imprigionata nel corpo di un'adulta. A causa di una rara malattia genetica, la sindrome di Rett, vive, fin dalla nascita, in un mondo ovattato, senza la possibilità di parlare, camminare... completamente in balia di chi si prende cura di lei. Assorbe, come una spugna, gli stati d'animo delle persone che ha attorno: felicità, tristezza o dolore. Comunica solo con gli occhi, usa lo sguardo per richiamare l'attenzione, per scegliere ciò che vuole o che non vuole. La sua giornata, con l'immancabile sottofondo musicale, è scandita da movimenti ripetitivi e sempre uguali. Questa è la sua storia ed è anche la storia della sua famiglia che, a volte col sorriso, a volte con il pianto, ha imparato a convivere con la consapevolezza di essere stata scelta per un compito diverso, difficile e impegnativo.

Solo con gli occhi

Vignolo Claudia

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

Gelsomina - detta Mina - Settembre è una borghese napoletana in «trasferta» nei Quartieri Spagnoli; in possesso di una non comune sensibilità sociale, determinata a proteggere i deboli dalle prevaricazioni, anche a dispetto delle regole, Mina è guardata con sospetto dove lavora, perché è pur sempre una «signora». Le sue contraddizioni sembrano riflettersi sul suo corpo; 42 anni ben portati, aggraziata, ma con un fisico prosperoso che non accetta e che cerca di nascondere con maglioni sformati che le attirano pesanti reprimende dall’acida madre, con cui è tornata ad abitare suo malgrado dopo la separazione, e non la preservano dalle volgari attenzioni di Rudy, portinaio anziano ma tutt’altro che rassegnato all’età. Anche la sua vita sentimentale è una contraddizione vivente, sospesa com’è tra Claudio, ex marito magistrato, protettivo e un po’ grigio, ancora innamorato di lei, e Domenico, ginecologo imbranato e inconsapevole che lavora nel suo stesso consultorio. In uno strano mese di settembre in una Napoli luminosa e disperata Mina è alle prese con una penosa situazione di degrado sociale, innocenti da sottrarre alla prevaricazione di un delinquente protetto dalla solita falla legislativa; e una tempesta sentimentale da fronteggiare, con il bel Domenico che non si decide a corteggiarla e la madre, determinata a renderle la vita un vero inferno. Nel frattempo l’ex marito magistrato porta avanti con assoluta riservatezza un’indagine sull’Assassino delle Rose, un pazzo che ammazza gente senza un criterio dopo avergli fatto trovare in casa o sul posto di lavoro una rosa. Quello che Claudio non sa è che anche Mina riceve ogni giorno una rosa. Rossa, come il sangue.

Dodici rose a Settembre

De Giovanni Maurizio

Martino Rebowsky è uno dei dodici uomini più felici sulla faccia della terra. Ormai sempre più grasso, più misogino, più pigro, più strafatto, più allo sbando e più rock 'n' roll, passa le sue giornate a dormire e a guardare serie tv su Netflix, mentre di notte - come un moderno guru della Genova by night - va in giro a filosofeggiare per i locali del centro storico o a suonare la sua tromba nei peggiori club della città. Ma qualcosa sta per cambiare. Quando improvvisamente sparisce nel nulla Bianca, una delle spogliarelliste del Perciò, gli equilibri zen della sua vita sballano radicalmente. Rebowsky, assoldato da Lele "il fighetto", proprietario del night, dovrà cercare la ragazza scomparsa e farlo alla svelta; Lele non vuole sbirri tra i piedi, quindi, in cambio di una discreta somma di grano, dovrà trovare Bianca senza fare troppo chiasso in giro. Aiutato come sempre dalla sua amica Marilù - ricca e naïf - Martino, improvvisandosi maldestramente investigatore privato, si troverà improvvisamente catapultato in una surreale e bizzarra indagine, contornata da folli nottate, Porsche fiammanti, musicisti ossessivo compulsivi, hipster vegani, provocanti spogliarelliste, fotografi radical-chic, incensisti senza capo né coda, grassi finanzieri corrotti e artisti maledetti. Ma che fine ha fatto, davvero, Bianca? E di chi è quel cadavere trovato in mare, domenica 12 maggio?

Dodici lumache e una banana split

Monforte Matteo