Classici

Il sogno di una cosa

Pasolini Pier Paolo

Descrizione:

Categoria: Classici

Editore: Garzanti

Collana: Gli elefanti. Narrativa

Anno: 2015

ISBN: 9788811688921

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

1945: Uomini e no di Vittorini.
1947: Il compagno di Pavese
Stesso anno, il 1947: Calvino pubblica “Il sentiero dei nidi di ragno”.
Negli anni Cinquanta Fenoglio scrive Il partigiano Johnny, che verrà pubblicato postumo nel 1968.
1960: il premo Strega viene assegnati a “La ragazza di Bube” di Cassola.
Negli anni 1949-1950 Pier Paolo Pasolini aveva scritto Il sogno di una cosa, che si articola in due parti (Prima parte 1948, Seconda parte 1949). L’opera viene pubblicata nel 1962.

Sono soltanto alcuni momenti della stagione neorealista della letteratura italiana: una cultura prolifica e sfaccettata, che trova espressione in una pluralità di interpreti – ciascuno di loro ha un profilo letterario originale e un’evoluzione poetica autonoma – e in una varietà di opere che oggi leggiamo con rimpianto e ammirazione, per il senso civile di impegno e per l’essenzialità spesso sperimentale dell’espressione, per le connotazioni di serietà contenutistica e per il senso drammatico della storia, caratteristiche – ahinoi – spesso assenti nella produzione letteraria autoreferenziale, narcisistica ed evanescente dei nostri giorni.

Il sogno di una cosa” di Pasolini è una storia corale (quella de “la gioventù dell’altra riva del Tagliamento”), icastica, rappresentativa di un’epoca e di un luogo: sono gli anni del dopoguerra, gli anni del sogno del socialismo reale e dell’utopia della purezza contadina, gli anni della contestazione del sistema capitalistico e a ciò esplicitamente s’ispirano titolo e citazione introduttiva (“Il mondo ha da lungo tempo il sogno di una cosa” – K. Marx).

Nel panorama agreste (“Un verde ancora invernale, freddo e leggero, colorato qua e là da qualche ramo rosa di pesco”) e popolano (“Le piattaforme per il ballo sono ancora vuote e le mille bandierine di carta, sospese ai fili delle lampade, si muovono appena…”) di un Friuli bucolico sì (“Qualche ramo di saggina o di sambuco, nudo, qualche intrico di venchi sottili e rossi come il sangue, sporgeva qua e là dalla riva della roggia”), ma visto attraverso lo sguardo disincantato e critico di Pasolini, scorrono le imprese di tre giovanotti (“Da Ligugnana, Rosa e San Giovanni, che erano i loro paesi, senza sapere l’uno dell’altro, Nini Infant, Milio Bortolus e Eligio Pereisson…”), che trascorrono il loro tempo tra esperienze amicali (“Andarono in osteria e lì crismarono l’amicizia”), sogni rudimentali (“Ognuno aveva molti pensieri in cuore e pochi soldi in tasca”) e ideali ritenuti a portata di mano (“In Jugoslavia.. là almeno c’è il comunismo”) nell’atmosfera promettente dell’immediato dopoguerra (“Ma quelli erano i giorni della speranza”).

L’approccio dei ragazzi al socialismo reale è deludente (“Qua moriamo di fame”) e apre squarci sulle tragedie epocali di quegli anni (“La confusione dei profughi”). Con il ritorno a casa, l’ozio (“All’Enal l’aria bruciava”) si alterna all’impegno nelle sezioni del partito e alle proteste sindacali (“Come abbiamo fatto e faremo con tutti gli agrari della zona, perché… lei dia da lavorare ai disoccupati… questo è il suo dovere, adesso che hanno fatto il lodo De Gasperi”) animate da un orgoglio identitario ribelle (“Noi comunisti non siamo manigoldi”).

La seconda parte del romanzo si cala nelle dimensioni personali di personaggi che tuttavia assumono il nucleo familiare come unità archetipica. La scena si sposta nel casale degli zii di Eligio, i Faedis: lì si consumano l’amore infelice di Cecilia per Nini, la relazione tra  Nini e Pia, l’agonia di Eligio.
I raduni serali nella stalla celebrano i risvolti individuali della sensibilità infantile (“Cecilia aveva un’espressione spaventata. Era pentita di essere entrata in sala”), del sentimento adolescenziale (“Il pensiero del Nini le dava solo come una specie di spavento”), della malattia e quelli collettivi dello sviluppo industriale (“Doveva essere scoppiato un deposito della Mangiarotti: tutti lo capirono subito”).

Pasolini rimane un poeta, così impianta la storia su un sottofondo sonoro (“L’orchestra aveva attaccato allegramente con un passo doppio”): le note del boogie-woogie, la fisarmonica di Eligio, i rintocchi dal sapore leopardiano (“Cominciarono a rintoccare le campane dell’Or di notte”) sino ai suoni del corteo carnevalesco finale che fa da contraltare oppositivo al dramma, nella musicalità linguistica di alcuni passaggi:
“E la luce del sole già basso, dal cielo senza una nuvola, colpiva di sbieco radendo la campagna quasi troppo verde, le casupole del paese, chiazzate d’umido e sgretolate dai lunghi ardori delle estati, gli orti deserti, i cortili grigi, in mezzo ai quali nel disordine dei pollai e degli stabbi, sfolgorava qualche vecchio gelso”.

Bruno Elpis

Il sito del Centro Studi Pier Paolo Pasolini

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paolo

Pier

Pasolini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasolini Pier Paolo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una fortezza ai limiti del deserto una guarnigione aspetta l'arrivo dei Tartari invasori. Ma sarà una lunghissima, vana, logorante attesa.

Il deserto dei tartari

Buzzati Dino

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco

Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. È attraverso il loro linguaggio che Victoria comunica le sue emozioni più profonde. La lavanda per la diffidenza, il cardo per la misantropia, la rosa bianca per la solitudine. Perché Victoria non ha avuto una vita facile. Abbandonata in culla, ha passato l'infanzia saltando da una famiglia adottiva a un'altra. Fino all'incontro, drammatico e sconvolgente, con Elizabeth, l'unica vera madre che abbia mai avuto, la donna che le ha insegnato il linguaggio segreto dei fiori. E adesso, è proprio grazie a questo magico dono che Victoria ha preso in mano la sua vita: ha diciotto anni ormai, e lavora come fioraia. I suoi fiori sono tra i più richiesti della città, regalano la felicità e curano l'anima. Ma Victoria non ha ancora trovato il fiore in grado di rimarginare la sua ferita. Perché il suo cuore si porta dietro una colpa segreta. L'unico capace di estirparla è Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei. Solo lui può levare quel peso dal cuore di Victoria, come spine strappate a uno stelo. Solo lui può prendersi cura delle sue radici invisibili. Solo così il cuore più acerbo della rosa bianca può diventare rosso di passione.

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI FIORI

Diffenbaugh Vanessa

In un momento di grande attenzione all’alimentazione, alla salute e alla cucina, la confessione denuncia di Christophe Brusset è insieme un pugno nello stomaco e un invito a essere sempre vigili. Brusset è un veterano del settore agroalimentare, ha lavorato nelle principali multinazionali del cibo e qui ha deciso di svelare il suo allucinante funzionamento. Ne esce un ritratto spietato in cui nessuna preoccupazione per la salute di chi consumerà il cibo riesce a oscurare l’imperativo principale: smerciare qualsiasi tipo di prodotto o materia prima, in qualsiasi modo e con qualsiasi mezzo, ottenendone il maggior margine di guadagno possibile. Così nel cibo può finire di tutto: escrementi, antibiotici, diserbanti, ecc. Ancora più impressionante la descrizione della lunga catena che porta a tutto questo: cibo che viaggia per tutto il pianeta, che viene lavorato in luoghi diversi, società intermediarie fittizie, impossibilità per chi lo acquista di sapere da dove venga realmente. Ma grazie ai suoi consigli si può imparare a fare acquisti più oculati e addirittura a orientare l’operato delle multinazionali.

Siete pazzi a mangiarlo

Brusset Christophe