Narrativa

Il sorriso degli dei

Nievo Stanislao

Descrizione:

Categoria: Narrativa

Editore: Elliot

Collana:

Anno: 2015

ISBN: 9788861928336

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il sorriso degli dei (1997) di Stanislao Nievo è opera che riprende alcuni temi de “Il prato in fondo al mare” (1974) e anticipa l’argomento di “Aldilà” (1999).

In quest’opera l’alter ego dello scrittore, il ricercatore (“È una persona che si muove in continuazione. È perfino andato nel deserto per tirare i fili di questa vicenda. Uno che viaggia sempre. Così lo chiamano il viaggiatore. Ora ha aperto uno scavo nel castello dove la sua famiglia aveva abitato un tempo. È là che cerca il nesso fra tre eventi legati da un identico destino”), cerca disperatamente le connessioni tra tre personaggi e tre eventi tragici (“Questi eventi segnano la sorte di tre uomini della medesima famiglia. Due si chiamavano allo stesso modo e ognuno, nel nome, aveva il ricordo d’un cavallo”): uno aereo (1989, “Un aereo di linea era esploso”), uno marittimo (“… la nave esplodeva nella tempesta… Sotto le onde, scendevano i passeggeri. Quaranta”), uno terrestre (“Un capitano delle milizie guelfe era stato trucidato con alcuni compagni. Quattro”).

Diverse sono le epoche storiche: medioevale, risorgimentale, contemporanea. L’elemento unificante sembra essere ora l’istinto della ricerca, ora un nominalismo entificante (“Nomina sunt consequentia rerum”), ora il ricorso a sostanze propiziatorie (“Serviva  a preparare un infuso inebriante, che dava visioni. Erba veglia o erba voglio, il dorycnium”), ora il potere attribuito alla rete che in qualche modo ricorda lo spirito che pervade la realtà.

Rispetto a “Il prato in fondo al mare”, qui prevale la teoria del complotto sulla fine dell’illustre antenato dello scrittore (“Il colonnello aveva deciso di portare le carte al Ministro della Guerra…. Chi ha messo la carica di polvere nera, e  che nome aveva la nave che seguiva il vapore per far sparire eventuali tracce residue?”): quell’Ippolito Nievo che perse la vita su un naviglio che da Palermo doveva riportare i garibaldini a Genova e a Torino.

Di “Aldilà” vengono anticipate certe incursioni esoteriche e le escursioni in un mondo metafisico nel quale le individualità periture sembrano proiettate.

L’opera non è di facile lettura, i passaggi di epoca storica e i cambiamenti di ambienti e di atmosfere sono frequenti e ardui, l’intonazione è iniziatica.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stanislao

Nievo

Libri dallo stesso autore

Intervista a Nievo Stanislao


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo aver lasciato una carriera da manager, Sergio Bambarén ha sposato la natura e i grandi spazi, primo fra tutti il mare e in particolare l'oceano. Ha nuotato con i delfini, ha praticato il surf sulle coste più selvagge, ha trovato amici dal cuore grande. E ha intrapreso una ricerca spirituale. Alle grandi distese di acqua, però, ha anche affiancato il viaggio in uno dei luoghi più magici e avvolgenti della terra: il deserto. Insieme a una famiglia berbera, Sergio ha vissuto l'esperienza intensa ed emozionante di immergersi nel silenzio di sabbie millenarie, dove è possibile svuotare la mente da ogni affanno quotidiano e ritrovare la semplicità delle cose essenziali, quelle che contano davvero.

L’eco del deserto

Bambarén Sergio

Siamo nel VI secolo d.C.: Artú è morto da qualche tempo ormai e la terra della futura Inghilterra, dilaniata per decenni dalla guerra intestina fra britanni, romanizzati e cristianizzati, e sassoni, indigeni e pagani, gode ora di relativa pace. Ma uno strano fenomeno interessa entrambe le popolazioni: una nebbia diffusa sovrasta le genti e causa una labilità della memoria di breve e anche di lungo periodo, che impedisce loro di capire le ragioni del presente. Beatrice e Axl, ormai in tarda età, partono alla ricerca del figlio che ricordano vagamente di aver avuto. Per la strada si uniscono a loro un ragazzino morso da un demone, Edwin, un guerriero senza paura, Wistan, e un cavaliere della tavola rotonda, Gawain, ormai vecchissimo e male in arnese, a suo dire incaricato da Artú di uccidere la draghessa Querig, responsabile della nebbia che porta via la memoria. Sotto la veste del romanzo d’avventura, pur ricco d’inventiva e avvincente com’è, Il gigante sepolto nasconde un tema di piú lungo e profondo respiro: il contrasto fra ricordo e perdono, fra il dovere e la peculiarità umana della memoria, da un lato, e l’ostacolo che essa rappresenta all’appianamento dei conflitti, dall’altro. È la memoria il gigante sepolto e semimorto del libro, e la risposta individuale del lettore alle domande che esso pone non può essere né univoca né prevedibile.

Il gigante sepolto

Ishiguro Kazuo

Si incontreranno per tre volte, ma ogni volta sarà l’unica, e la prima, e l’ultima. Tre storie. Tre incontri. Tre episodi in cui scivolano personaggi che si incrociano, per sfasature temporali, in età diverse, sullo sfondo della hall di un hotel. L’albeggiare che annuncia, per tre volte, l’insistenza di un sentimento.

TRE VOLTE ALL’ALBA

Baricco Alessandro

Tra macchine per distillare dai romanzi la vita vera, manuali da tradurre dal russo, tutine stringipelle, speranze di vincere il premio Viareggio, Learco e Francesca si telefonano, si incontrano, cantano, decidono di andare a vivere insieme. Ma perché non scrivi un romanzo dove lo scrittore gioca con accostamenti generazionali molto ricercati e ben dosati a vestire ogni volta un sentimento che troppo spesso si dà per scontato di colori infiniti? chiede a Learco una voce di quelle che ha nella testa Eh, perché non lo scrivi? Con un interregionale lanciato sul far della notte nel cuore della vecchia Europa meridionale Learco va a trovare un’amica. Learco con questa sua amica canta tutto il pomeriggio e va in giro in autobus per Bologna, e quando sono insieme sull’autobus Learco sente l’odore del suo respiro. A Learco sentire l’odore del suo respiro è come se il mondo circostante gli arrivasse dopo essere passato per le vie respiratorie e i polmoni e i bronchi e tutti gli organi interessati di questa sua amica, si chiama Francesca, questa sua amica. Che schifo, dice a Learco una voce di quelle che stanno nella sua testa, al posto di un romanzo le cui pagine scorrano via al passo leggero di una lettura dal ritmo gradevole sorprendentemente femminile ma anche tenera aggraziata ironica e originale lui cosa ti scrive? Un romanzo d’amore. Con un titolo con in mezzo una virgola che fa venire gli sgrisori.

SI CHIAMA FRANCESCA, QUESTO ROMANZO

Nori Paolo