Giallo - thriller - noir

Il taccuino perduto. Un’inchiesta di Monsieur Proust

Leprince Pierre-Yves

Descrizione: È la fine del 1906 a Versailles quando un ragazzino di diciassette anni, che ne dimostra tredici e si guadagna da vivere come galoppino, si imbatte in Marcel Proust. Lo scrittore non ha nemmeno quarant'anni e nessuno immagina che diventerà il più celebre autore francese del Novecento, per ora è solo uno scrittore che si è rifugiato al Grand Hotel per stare in pace e dedicarsi ai suoi appunti, almeno fino al momento in cui il suo prezioso taccuino non scompare. Di Nöel, il protagonista di questa storia, non c'è traccia da nessuna parte, non viene mai citato e non esistono testimonianze, lettere o biografie che lo ricordino, eppure per molto tempo fu la compagnia prediletta da Monsieur Proust, il compagno di numerose indagini segrete e l'abile risolutore di enigmi complicati. Soprattutto si deve a lui la ricerca e il fortunato ritrovamento di un prezioso taccuino indispensabile per scrivere un certo romanzo… Tra malintesi, ricerche misteriose, pagine perdute e abilmente ritrovate, Pierre-Yves Leprince costruisce un romanzo che è al tempo stesso una detective story intelligente e pronta a spiazzare il lettore in ogni certezza, la storia di amicizia tra un genio del secolo scorso e un ragazzino che ha letto pochi libri ma ha occhio per i dettagli, e soprattutto è un omaggio appassionato e acuto all'autore della Recherche da parte di uno scrittore che conosce ogni piega dell'opera, della lingua e, come il protagonista di queste pagine, sembra capace di ridere e scherzare con un amico d'eccezione.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori italiani e stranieri

Anno: 201\6

ISBN: 9788804660576

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Pierre-Yves Leprince predispone uno scenario (“1906, all’Hotel des Réservois di Versailles”) nel quale situa il giovane Noël, un efebo dall’aspetto leggiadro (“Quasi tutte desideravano passarmi la mano tra i capelli, come sono sottili, capelli d’angelo, o accarezzarmi le guance, che pelle di pesca, ti darei un bel bacio”) e dalla personalità ingenua, e un Grande del passato: il signor Proust (“L’uomo che scrisse Alla ricerca del tempo perduto adorava gli enigma”). Il taccuino perduto (per ben due volte: “A proposito della mia cara mamma, la perdita del taccuino mi addolorava soprattutto perché contiene alcune pagine in cui ho tentato di ricostruire stralci delle nostre conversazioni”) è l’occasione della conoscenza tra i due: perché Noël si guadagna da vivere lavorando come fattorino presso l’albergo e come apprendista detective presso un’agenzia d’investigazioni private.

Con la curiosità della giovane età e la perspicacia del poliziotto in erba, Noël ritrova il taccuino  (“Avete letto La lettera rubata del signor Edgar Allan Poe, signore?”) e conquista la fiducia e l’interesse dello scrittore. Tra visite e pranzi offerti da Proust, Noël intreccia un legame intenso fatto di apprendimento (“Mentre udivo per la prima volta la parola cafarnao e ne apprendevo il significato”), interessi comuni (“Trascorrere piacevoli momenti insieme: la passione per il canto e la musica”), ammirazione (“Il segreto di questo indagatore del tempo era considerare il Tempo come uno spazio da conquistare”), stimoli culturali (“Novello Achille piè veloce e novello Alcibiade spirito curioso, mi state chiedendo di comportarmi da novello Socrate e insegnarvi la filosofia camminando”), affetto (“Mi fece provare l’esperienza di una vicinanza reale”). Come avviene in ogni relazione affettiva che si rispetti,  Noël incontra le gelosie del personale di servizio dell’albergo (“Daniel sembrava geloso”), molto sensibile alle laute mance elargite dalla generosità dello scrittore, e s’imbatte in reazioni emotive (“Il caso delle inglesi… scatenò… la collera del signor Proust contro di me”) ispirate alla produzione letteraria di Proust (“Il barone Charlus. In una celebre e magnifica scena… il gran signore si scaglia contro il piccolo borghese che è il narratore della Ricerca”).

Intanto i casi che mettono alla prova la propensione per gli enigmi dei due protagonisti (“Anch’io ho iniziato un’indagine, ma la mia è di natura diversa e non so ancora dove mi porterà”) si susseguono e riguardano anche due omicidi: “Una somiglianza tra il passato – la borsa scomparsa e l’omicidio della signora Cornard – e il presente – il taccuino rubato e la morte di Joseph”.

Nell’albergo si respira un’aria ambigua (“Joseph andava spesso a giocare a dama dal signor Proust”) e carica di sottintesi, e questo clima è l’humus naturale nel quale l’autore indaga sulla misteriosa intimità e sulle segrete inclinazioni di Proust. Per formulare una teoria che attribuisce eleganza e dolcezza alla dimensione più nascosta dell’autore del Tempo perduto e ritrovato (“I ricordi sono uccelli timorosi, se per caso ci passano accanto, non bisogna spaventarli”), un’originale mania ben lontana dalle pratiche delle perversioni che umiliano o feriscono.

Le premesse di Leprince sono promettenti (“Mi ero ripromesso di non trattare argomenti che i lettori di Marcel Proust conoscono attraverso la sua opera”), l’intento nobile (“Se servirà a far nascere il desiderio di scoprire Alla ricerca del tempo perduto…”): il romanzo restituisce alla figura di Proust una fisionomia più accessibile e fruibile, “addomesticata” alle regole della narrazione di genere.
“Ci sono persone che approfittano del nostro amore per torturarci: quando capiscono di essersi spinte troppo oltre, se ne vergognano, chiedono scusa sperando che, così facendo, la preda non fugga via, appena la perdoniamo, tornano ad alzare la cresta come se niente fosse.”

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pierre-yves

Leprince

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leprince Pierre-Yves

Da sempre Clare Moorhouse ama camminare nella folla di Parigi, fra i boulevard e gli stretti vicoli del quartiere latino. Tra gli sguardi frettolosi dei passanti, passi svelti e mani che si sfiorano per sbaglio, Clare riesce a essere sé stessa completamente. Solo in mezzo a completi sconosciuti si sente al sicuro. Nessuno può riconoscerla, nessuno può scoprire il segreto che da anni custodisce nel cuore, nemmeno il vento di primavera che le scompiglia i capelli biondi. Ma oggi è un giorno speciale. Clare ha appena saputo di dover organizzare una cena importante per suo marito, un diplomatico in carriera. Forse per lui è arrivato il momento di ottenere la tanto attesa promozione ad ambasciatore. E tutto dipende dalla cena che Clare ha appena dodici ore per definire. Un compito che può svolgere solo lei, abituata a rendere ogni ricevimento impeccabile. Per lei non è mai stato un problema, eppure oggi, mentre sceglie le primule da mettere nel centrotavola o corre al Bon Marché per gli ingredienti più raffinati, un peso le tormenta l'anima. Perché il nuovo incarico per suo marito sarà in Irlanda. E Dublino è la città che nasconde il segreto dal quale Clare ha cercato di fuggire per vent'anni. Tutta la sua vita perfetta, suo marito, i suoi figli e quello che ha di più caro sono in pericolo: oggi, tra la folla che l'ha sempre fatta sentire protetta, sono riapparsi gli occhi azzurri di un uomo che Clare credeva morto. Un uomo che è l'unico al mondo a conoscere il suo passato, e che adesso potrebbe spazzare via la tela di inganni così sapientemente intessuta…

Quando eravamo foglie nel vento

Korkeakivi Anne

Non ricordo più

A tredici anni un amore che sboccia può sembrare un plagio. Una ragazzina che assiste a una violenza può convincersi di aver riconosciuto il responsabile e far condannare un innocente, rovinandolo e rovinandosi. Perché tutta la vita sarà segnata dalle conseguenze. La ragazzina crescerà, diventerà una scrittrice, ma non si libererà del peso dell'ingiustizia inferta a un innocente, alla propria sorella innamorata e in fin dei conti anche a se stessa.

Espiazione

McEwan Ian

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi