Letteratura tedesca

Il tamburo di latta

Grass Günter

Descrizione: Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880339

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Quando Günter Grass ha ricevuto il Nobel per la letteratura, in mezzo a quegli accademici travestiti da pinguini in smoking, sarebbe stato mirabolante che i passi verso la premiazione fossero scanditi da Oskar con il suo tamburo. Il rullo dissacrante di Oskar avrebbe dovuto fare da colonna sonora a quell’evento.

Chi è Oskar?

Oskar è il protagonista de “Il tamburo di latta“, romanzo allegorico e surreale che Grass scrisse sul finire degli anni Cinquanta dopo aver metabolizzato il nazismo, al quale il giovane scrittore aveva aderito, essendo poi diventato uno stimato socialdemocratico.

Un libro monstre, per il contenuto esuberante e pittoresco che vi è narrato, ma anche per l’aspetto fisico dell’eroe principale.

Oskar è deforme, difforme, abnorme, rispetto al resto della gente e delle circostanze. È un nano con la gobba, mostruoso emblema della deformità nazista del periodo, che a tre anni ha deciso di non crescere più e di suonare un tamburo dal quale non si separa mai.

Ha una nonna che ha avuto due mariti; una madre che gli darà due padri, quello biologico e quello legale; un figlio del quale sarà padre biologico anch’egli. Il tutto tra l’avvento del nazismo e la sua discesa.

È dissacrante in chiesa, nelle parate, nei locali, con il suo tamburo di latta che metterà anche al collo di Gesù in chiesa per farglielo suonare. E rompe i vetri con il suono della sua voce, fracassando vetrine per dar modo alla gente di rubare i gioielli.

Per la dote di distruttore di vetri verrà espulso da scuola, facendosi però una cultura sua con i testi che gli passa la moglie del pasticcere.

Tra l’arresto della sua crescita e la sua ripresa a trent’anni, c’è tutta l’epopea nazista. Sarà un caso che smetta di crescere con l’avvento del nazismo e decida di crescere alla sua fine?

Il testo è un libro di memorie che Oskar rivive all’interno del manicomio dove è rinchiuso perché accusato di omicidio: è stato un suo amico a denunciarlo a seguito del ritrovamento di un dito con un anello infilato di una donna in un campo.

Il mio infermiere non può dunque essermi nemico. Ho preso a volergli bene, a questo controllore appostato dietro lo spioncino. Appena mi entra nella stanza, gli racconto vicende della mia vita“.

Il nano con la gobba è cinico, scaltro, opportunista, ma anche generoso, affettuoso, tenero.

La madre si suicida con un’abbuffata di pesce dopo aver scoperto di essere nuovamente incinta: teme di mettere al mondo un altro figlio come Oskar.

Il padre putativo muore ammazzato da una fucilata dei nazisti per aver ingoiato una spilla che lo stava strozzando, per una serie di equivoci tragicomici.

Non mi posso nascondere, nemmeno quando sono più in vena di lamentele, che è stato il mio tamburo, anzi sono stato io stesso, il tamburino Oskar, a portare alla tomba prima la mia povera mamma, e poi Jan Bronski, mio zio e padre.”

Per un periodo sarà preda di una nana da circo con la quale allestirà spettacoli per le truppe tedesche, rientrando a casa il giorno prima del terzo compleanno di suo figlio Kurt.

Oskar ama Maria, che sposa un altro, ma lo renderà padre. A suo figlio regalerà un tamburo di latta.

Qualcuno vede in Oskar la trasfigurazione della Germania nazista: ha portato lutti a tutte le persone che gli hanno voluto bene.
Altri vedono nel tamburino la resistenza al nazismo, lo sberleffo con le mazzate sul tamburo e con i soffi vetricidi. Una pernacchia alla grandiosità e alla magnificenza del terzo Reich.

Günter Grass ha fatto i conti con il suo passato nazista, ha sviscerato drammi, caricature e passioni folli con questo suo romanzo. Avrebbe potuto fare ammenda e percuotersi i testicoli a suon di bottigliate, cospargersi il sale sulle ferite autoprodotte con la carta vetrata. Invece ha  fatto un lavoro egregio. Ci ha catapultato in luoghi dai nomi improbabili, in situazioni grottesche e paradossali, in un calderone di sentimenti disparati e tutti validi, suscitando commozione e identificazione anche in un essere sgraziato come Oskar.

Può essere che la mia gobba e la cassa toracica tanto convessa quanto stretta, iniziante già sotto il mento, sottolineassero con sufficiente contrasto la bellezza della mia mano, del mio occhio, l’aspetto piacente della mia capigliatura. Ad ogni modo accadeva abbastanza spesso che infermiere, nella cui stanza di guardia io sedevo, afferrassero le mie mani, giocassero con tutte le mie dita, fossero tenere anche coi miei capelli, e nell’uscire si dicessero l’una all’altra: “Quando lo si guarda negli occhi, si potrebbe facilmente dimenticare tutto il resto.”

Anche dopo venti anni dalla lettura de Il tamburo di latta sopraggiunge la malinconia per l’atmosfera creata da Grass con il suo capolavoro. Il fatto che sia stato anche nazista non pregiudica alcunché: uno scappellotto può bastare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Günter

Grass

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grass Günter


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Questo breve e intenso primo libro di Erri De Luca porta già impressi in ogni frase - mi sembra - i segni di un vero scrittore: un tono di voce che appena si coglie diventa inconfondibile, e la integrità di uno sguardo che sa mettere nel giusto fuoco i pensieri e i sentimenti. Qui la memoria non è consolazione, ma è un dramma, e il tempo gioca un suo gioco crudele stabilendo distanze insormontabili tra chi narra e la materia del proprio racconto. Una luce bianca e densa come quella che filtra da nuvole alte bagna queste pagine. E la luce in cui il protagonista de "Il posto delle fragole" di Bergman vedeva i propri genitori ancor giovani intenti a pescare con la canna sulle rive di un lago. Leggendo questo libro che rievoca i momenti di un'infanzia trascorsa a Napoli e per sempre scomparsa, ho ripensato a quell'immagine struggente che dice con assoluta e trasparente immediatezza il dolore per la vita che tutto cancella e ci rende estranei a noi stessi e al nostro passato." (Raffaele La Capria)

NON ORA, NON QUI

De Luca Erri

“Voci di famiglia” è un titolo che allude alla storia narrata, dove parlano tre persone distintamente, quelle che in un'unica scena del romanzo formano una famiglia.Sofia si reca al cimitero a portare un fiore a sua madre, Ashley. Era una scrittrice, e prima di morire aveva chiesto che all'interno della cappella dove avrebbe dimorato la sua salma, ci fosse un ripiano dove collocare una copia di ogni suo libro. Chi avesse voluto prenderne uno da leggere, in cambio avrebbe dovuto lasciare un fiore. Sofia vede una rosa rossa. Vede che non c'è La musica del silenzio, l'unico che non ha letto. Torna a casa, prende il libro, si accomoda sul letto e inizia a leggere una storia che non conosceva. Nel libro che Sofia legge segue una pagina bianca; intuisce che la seconda parte non è stata scritta da sua madre. Quando Sofia torna al cimitero vede che il libro è stato riportato, ma ce n'è anche un altro mai visto prima. Si intitola “Il risveglio” ed è firmato solo con un nome: Luciano. Sofia si guarda intorno ma non vede nessuno. Torna a casa per leggerlo.Poi si reca al cimitero, e lo inserisce accanto ai libri scritti da sua madre. Sente un rumore alle sue spalle. Si volta, e lo vede.

Voci di famiglia

Giubilei Vincenza

Qual è il segreto che custodisce un libro? Quali sono i libri che non abbiamo dimenticato e perché? Come può un libro essere un incontro? Cosa significa leggere un libro? In che modo l’inconscio può aprire un libro? Tutti questi interrogativi tracciano le vie lungo le quali Massimo Recalcati ci accompagna verso una nuova teoria della lettura con il racconto suggestivo dei libri che hanno segnato la sua formazione umana e intellettuale, dall’Odissea agli Scritti di Lacan. Ne scaturisce un’opera davvero unica: teorica e intima insieme, un intenso spaccato autobiografico di cosa può significare per una vita l’esperienza della lettura, un grande e appassionato elogio del libro in un’epoca che vorrebbe decretarne la morte. “I libri sono tagli nel corso delle nostre vite. Ogni incontro d’amore ha la natura traumatica del taglio. L’incontro con un libro è un incontro d’amore."

A libro aperto

Recalcati Massimo

Per anni ha custodito frammenti di una vita lontana e ora aspetta solo di essere scoperta. Trevor Stratton, professore americano, la trova per puro caso. Al suo interno lettere, vecchie foto, pagine di diari, vari oggetti, tra cui spiccano un paio di guanti a rete. I guanti di una santa o di una peccatrice? Trevor non lo sa. Per ora sa solo che la donna che li indossava si chiamava Louise Brunet e viveva a Parigi tra le due guerre. La risposta alle altre domande è in quei frammenti, tra i loro profumi e segreti, tra le parole nascoste e quei ritratti seppia. Pezzo dopo pezzo, parola dopo parola, Trevor cerca di ricostruire la vita della donna sconosciuta. Dall'amore tenero e tragico per il cugino, al rapporto morboso con il padre, al matrimonio fatto di noia per un uomo non scelto da lei fino alla passione impossibile per l'affascinante professore di francese, vicino della casa dove abita al numero 13 di Rue Thérèse. Ma più Trevor si immerge negli oggetti del passato e ripercorre i luoghi di Louise, più qualcosa di strano e misterioso inizia ad accadere nella vita del presente. Chi è veramente Josienne, la bibliotecaria dai capelli rossi, che sembra prevedere qualunque movimento di Stratton? Perchè il professore si sente così attratto da lei? Che cosa sa veramente quella donna di Louise Brunet? Solo la scatola possiede la verità. Solo gli oggetti custodiscono una promessa e una speranza. E spetta a Trevor discernere tra realtà e finzione per far sì che il destino segua il suo corso.

VITA PRIVATA DI UNA SCONOSCIUTA

Shapiro Elena Mauli