Letteratura tedesca

Il tamburo di latta

Grass Günter

Descrizione: Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880339

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Quando Günter Grass ha ricevuto il Nobel per la letteratura, in mezzo a quegli accademici travestiti da pinguini in smoking, sarebbe stato mirabolante che i passi verso la premiazione fossero scanditi da Oskar con il suo tamburo. Il rullo dissacrante di Oskar avrebbe dovuto fare da colonna sonora a quell’evento.

Chi è Oskar?

Oskar è il protagonista de “Il tamburo di latta“, romanzo allegorico e surreale che Grass scrisse sul finire degli anni Cinquanta dopo aver metabolizzato il nazismo, al quale il giovane scrittore aveva aderito, essendo poi diventato uno stimato socialdemocratico.

Un libro monstre, per il contenuto esuberante e pittoresco che vi è narrato, ma anche per l’aspetto fisico dell’eroe principale.

Oskar è deforme, difforme, abnorme, rispetto al resto della gente e delle circostanze. È un nano con la gobba, mostruoso emblema della deformità nazista del periodo, che a tre anni ha deciso di non crescere più e di suonare un tamburo dal quale non si separa mai.

Ha una nonna che ha avuto due mariti; una madre che gli darà due padri, quello biologico e quello legale; un figlio del quale sarà padre biologico anch’egli. Il tutto tra l’avvento del nazismo e la sua discesa.

È dissacrante in chiesa, nelle parate, nei locali, con il suo tamburo di latta che metterà anche al collo di Gesù in chiesa per farglielo suonare. E rompe i vetri con il suono della sua voce, fracassando vetrine per dar modo alla gente di rubare i gioielli.

Per la dote di distruttore di vetri verrà espulso da scuola, facendosi però una cultura sua con i testi che gli passa la moglie del pasticcere.

Tra l’arresto della sua crescita e la sua ripresa a trent’anni, c’è tutta l’epopea nazista. Sarà un caso che smetta di crescere con l’avvento del nazismo e decida di crescere alla sua fine?

Il testo è un libro di memorie che Oskar rivive all’interno del manicomio dove è rinchiuso perché accusato di omicidio: è stato un suo amico a denunciarlo a seguito del ritrovamento di un dito con un anello infilato di una donna in un campo.

Il mio infermiere non può dunque essermi nemico. Ho preso a volergli bene, a questo controllore appostato dietro lo spioncino. Appena mi entra nella stanza, gli racconto vicende della mia vita“.

Il nano con la gobba è cinico, scaltro, opportunista, ma anche generoso, affettuoso, tenero.

La madre si suicida con un’abbuffata di pesce dopo aver scoperto di essere nuovamente incinta: teme di mettere al mondo un altro figlio come Oskar.

Il padre putativo muore ammazzato da una fucilata dei nazisti per aver ingoiato una spilla che lo stava strozzando, per una serie di equivoci tragicomici.

Non mi posso nascondere, nemmeno quando sono più in vena di lamentele, che è stato il mio tamburo, anzi sono stato io stesso, il tamburino Oskar, a portare alla tomba prima la mia povera mamma, e poi Jan Bronski, mio zio e padre.”

Per un periodo sarà preda di una nana da circo con la quale allestirà spettacoli per le truppe tedesche, rientrando a casa il giorno prima del terzo compleanno di suo figlio Kurt.

Oskar ama Maria, che sposa un altro, ma lo renderà padre. A suo figlio regalerà un tamburo di latta.

Qualcuno vede in Oskar la trasfigurazione della Germania nazista: ha portato lutti a tutte le persone che gli hanno voluto bene.
Altri vedono nel tamburino la resistenza al nazismo, lo sberleffo con le mazzate sul tamburo e con i soffi vetricidi. Una pernacchia alla grandiosità e alla magnificenza del terzo Reich.

Günter Grass ha fatto i conti con il suo passato nazista, ha sviscerato drammi, caricature e passioni folli con questo suo romanzo. Avrebbe potuto fare ammenda e percuotersi i testicoli a suon di bottigliate, cospargersi il sale sulle ferite autoprodotte con la carta vetrata. Invece ha  fatto un lavoro egregio. Ci ha catapultato in luoghi dai nomi improbabili, in situazioni grottesche e paradossali, in un calderone di sentimenti disparati e tutti validi, suscitando commozione e identificazione anche in un essere sgraziato come Oskar.

Può essere che la mia gobba e la cassa toracica tanto convessa quanto stretta, iniziante già sotto il mento, sottolineassero con sufficiente contrasto la bellezza della mia mano, del mio occhio, l’aspetto piacente della mia capigliatura. Ad ogni modo accadeva abbastanza spesso che infermiere, nella cui stanza di guardia io sedevo, afferrassero le mie mani, giocassero con tutte le mie dita, fossero tenere anche coi miei capelli, e nell’uscire si dicessero l’una all’altra: “Quando lo si guarda negli occhi, si potrebbe facilmente dimenticare tutto il resto.”

Anche dopo venti anni dalla lettura de Il tamburo di latta sopraggiunge la malinconia per l’atmosfera creata da Grass con il suo capolavoro. Il fatto che sia stato anche nazista non pregiudica alcunché: uno scappellotto può bastare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Günter

Grass

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grass Günter


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Cuore pensante" è il romanzo di una formazione spirituale di una bambina diversa dalle altre, che portava i pantaloni, che soffriva e amava la solitudine, che non seduceva i ragazzi scimmiottando modelli da rotocalco, che faceva molte domande, che coglieva il sacro nel dettaglio quotidiano, che sapeva sorprendersi della natura, delle sue leggi e delle sue meraviglie. Susanna Tamaro offre ai suoi lettori un personalissimo diario spirituale, un libro confessione che si legge come un romanzo e che mette a nudo, come mai aveva fatto sinora, la sua spiritualità concretissima, che non sacrifica la realtà al mistero ma coglie il mistero nella realtà.

Un cuore pensante

Tamaro Susanna

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen

Estate 1975. Nello scenario di una Puglia misteriosa, tra la campagna e il mare, quattro ragazzi vivono un'esperienza che segnerà per sempre le loro esistenze. Matteo Leoni, un tredicenne timido e riservato con la passione per la scrittura e la cugina Valentina, sua coetanea bella e intelligente, gli altri amici. L'estate scivola tra escursioni avventurose, corse in bicicletta, presenze inquietanti, bagni notturni, rocambolesche vicende familiari, amori sotterranei, risse e scoperte stupefacenti. Sullo sfondo la traccia misteriosa della foresta, compatta e scura, disegnata a rilievo sulla campagna. Come un cane nero, che corre. Poi arriva settembre, e segnerà la linea di confine, imprevedibile, che dividerà le loro vite.

L’ESTATE DEL CANE NERO

Carofiglio Francesco

Jean è uno scrittore solitario che fatica a distinguere il presente dal passato, i ricordi veri da quelli immaginari. Eppure non ha sognato: sul suo vecchio taccuino nero degli anni Sessanta sono infatti annotati nomi, numeri di telefono, date di appuntamenti, e persino brevi testi «che hanno qualcosa a che fare con la letteratura». Fra questi nomi spicca quello di Dannie e Paul Chastagnier, Duwelz e tutta la loro banda di loschi personaggi che frequentano locali equivoci come l’Unic Hotel o il bar «66» vicino ai giardini del Luxembourg, teatro di frequenti retate notturne. Nelle sue lunghe passeggiate negli stessi quartieri di allora, fra i palazzi e la folla anonima della Parigi moderna, Jean ricorda un’epoca in cui non esistevano gli iPhone, un tempo in cui la città era diversa: una topologia dove il reale trascolora nel sogno, quasi un paesaggio interiore dove a volte si apre un varco nel tempo, e dalla memoria scaturiscono fantasmi del passato o scrittori come Gérard de Nerval, Tristan Corbière e perfino Jeanne Duval, la musa di Baudelaire. Così, riaffiorano alla mente dettagli incompiuti, segreti mai svelati, misteri irrisolti: perché la polizia lo aveva interrogato? Cos’era successo al pianoterra di quell’appartamento sul lungosenna? C’è forse un legame con la guerra d’Algeria e l’affare Ben Barka? E poi, quale significato attribuire alle parole di Dannie: «Cosa diresti se io avessi ucciso qualcuno» e, soprattutto, alla sua improvvisa scomparsa? La verità è lì a un passo, eppure irraggiungibile. Un romanzo onirico, evocativo che incanta con la sua melodia coinvolgente e risuona a lungo nella memoria e nel cuore, come il sassofono preciso e malinconico di Stan Getz.

L’erba delle notti

Modiano Patrick