Letteratura tedesca

Il tamburo di latta

Grass Günter

Descrizione: Romanzo epocale, "Il tamburo di latta" compie cinquant'anni e conserva tutta la sua carica provocatoria. In modo umoristico e grottesco, narra la vicenda del protagonista Oskar Matzerath, il tamburino inseparabile dal suo tamburo e con una voce potentissima che manda in frantumi i vetri. Dal manicomio dove è rinchiuso Oskar rievoca la propria storia, indissolubilmente intrecciata alla storia tedesca della prima metà del Novecento. Scorrono così nel fiume del suo racconto immagini memorabili, a partire da fatti leggendari come il concepimento e la nascita della madre sotto le quattro gonne della nonna, passando per la sua venuta al mondo ricca di presagi, fino all'ascesa irresistibile del nazismo e al crollo della Germania. È stato nel giorno del suo terzo compleanno che Oskar, in odio alla famiglia, al padre, alla società ipocrita, ha deciso di non crescere più. Da quell'osservatorio particolare che è la città polacco-tedesca di Danzica e poi da Düsseldorf, grazie alla sua prospettiva anomala di nano, può guardare al mondo degli uomini dal basso e scorgerne così meglio le miserie e gli orrori, mentre la sua deformità si staglia contro la ripugnanza della normalità piccolo-borghese. Con occhi disincantati e spalancati sulla ferocia e violenza del mondo grida una rabbia che non risparmia la viltà e la corruzione di nessuno, neppure le proprie. Di questa pietra miliare della letteratura contemporanea viene ora proposta una nuova traduzione.

Categoria: Letteratura tedesca

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880339

Recensito da Sandro Salerno

Le Vostre recensioni

Quando Günter Grass ha ricevuto il Nobel per la letteratura, in mezzo a quegli accademici travestiti da pinguini in smoking, sarebbe stato mirabolante che i passi verso la premiazione fossero scanditi da Oskar con il suo tamburo. Il rullo dissacrante di Oskar avrebbe dovuto fare da colonna sonora a quell’evento.

Chi è Oskar?

Oskar è il protagonista de “Il tamburo di latta“, romanzo allegorico e surreale che Grass scrisse sul finire degli anni Cinquanta dopo aver metabolizzato il nazismo, al quale il giovane scrittore aveva aderito, essendo poi diventato uno stimato socialdemocratico.

Un libro monstre, per il contenuto esuberante e pittoresco che vi è narrato, ma anche per l’aspetto fisico dell’eroe principale.

Oskar è deforme, difforme, abnorme, rispetto al resto della gente e delle circostanze. È un nano con la gobba, mostruoso emblema della deformità nazista del periodo, che a tre anni ha deciso di non crescere più e di suonare un tamburo dal quale non si separa mai.

Ha una nonna che ha avuto due mariti; una madre che gli darà due padri, quello biologico e quello legale; un figlio del quale sarà padre biologico anch’egli. Il tutto tra l’avvento del nazismo e la sua discesa.

È dissacrante in chiesa, nelle parate, nei locali, con il suo tamburo di latta che metterà anche al collo di Gesù in chiesa per farglielo suonare. E rompe i vetri con il suono della sua voce, fracassando vetrine per dar modo alla gente di rubare i gioielli.

Per la dote di distruttore di vetri verrà espulso da scuola, facendosi però una cultura sua con i testi che gli passa la moglie del pasticcere.

Tra l’arresto della sua crescita e la sua ripresa a trent’anni, c’è tutta l’epopea nazista. Sarà un caso che smetta di crescere con l’avvento del nazismo e decida di crescere alla sua fine?

Il testo è un libro di memorie che Oskar rivive all’interno del manicomio dove è rinchiuso perché accusato di omicidio: è stato un suo amico a denunciarlo a seguito del ritrovamento di un dito con un anello infilato di una donna in un campo.

Il mio infermiere non può dunque essermi nemico. Ho preso a volergli bene, a questo controllore appostato dietro lo spioncino. Appena mi entra nella stanza, gli racconto vicende della mia vita“.

Il nano con la gobba è cinico, scaltro, opportunista, ma anche generoso, affettuoso, tenero.

La madre si suicida con un’abbuffata di pesce dopo aver scoperto di essere nuovamente incinta: teme di mettere al mondo un altro figlio come Oskar.

Il padre putativo muore ammazzato da una fucilata dei nazisti per aver ingoiato una spilla che lo stava strozzando, per una serie di equivoci tragicomici.

Non mi posso nascondere, nemmeno quando sono più in vena di lamentele, che è stato il mio tamburo, anzi sono stato io stesso, il tamburino Oskar, a portare alla tomba prima la mia povera mamma, e poi Jan Bronski, mio zio e padre.”

Per un periodo sarà preda di una nana da circo con la quale allestirà spettacoli per le truppe tedesche, rientrando a casa il giorno prima del terzo compleanno di suo figlio Kurt.

Oskar ama Maria, che sposa un altro, ma lo renderà padre. A suo figlio regalerà un tamburo di latta.

Qualcuno vede in Oskar la trasfigurazione della Germania nazista: ha portato lutti a tutte le persone che gli hanno voluto bene.
Altri vedono nel tamburino la resistenza al nazismo, lo sberleffo con le mazzate sul tamburo e con i soffi vetricidi. Una pernacchia alla grandiosità e alla magnificenza del terzo Reich.

Günter Grass ha fatto i conti con il suo passato nazista, ha sviscerato drammi, caricature e passioni folli con questo suo romanzo. Avrebbe potuto fare ammenda e percuotersi i testicoli a suon di bottigliate, cospargersi il sale sulle ferite autoprodotte con la carta vetrata. Invece ha  fatto un lavoro egregio. Ci ha catapultato in luoghi dai nomi improbabili, in situazioni grottesche e paradossali, in un calderone di sentimenti disparati e tutti validi, suscitando commozione e identificazione anche in un essere sgraziato come Oskar.

Può essere che la mia gobba e la cassa toracica tanto convessa quanto stretta, iniziante già sotto il mento, sottolineassero con sufficiente contrasto la bellezza della mia mano, del mio occhio, l’aspetto piacente della mia capigliatura. Ad ogni modo accadeva abbastanza spesso che infermiere, nella cui stanza di guardia io sedevo, afferrassero le mie mani, giocassero con tutte le mie dita, fossero tenere anche coi miei capelli, e nell’uscire si dicessero l’una all’altra: “Quando lo si guarda negli occhi, si potrebbe facilmente dimenticare tutto il resto.”

Anche dopo venti anni dalla lettura de Il tamburo di latta sopraggiunge la malinconia per l’atmosfera creata da Grass con il suo capolavoro. Il fatto che sia stato anche nazista non pregiudica alcunché: uno scappellotto può bastare.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Günter

Grass

Libri dallo stesso autore

Intervista a Grass Günter


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un tempo e un luogo non precisati, all'improvviso l'intera popolazione diventa cieca per un'inspiegabile epidemia. Chi è colpito da questo male si trova come avvolto in una nube lattiginosa e non ci vede più. Le reazioni psicologiche degli anonimi protagonisti sono devastanti, con un'esplosione di terrore e violenza, e gli effetti di questa misteriosa patologia sulla convivenza sociale risulteranno drammatici. I primi colpiti dal male vengono infatti rinchiusi in un ex manicomio per la paura del contagio e l'insensibilità altrui, e qui si manifesta tutto l'orrore di cui l'uomo sa essere capace. Nel suo racconto fantastico, Saramago disegna la grande metafora di un'umanità bestiale e feroce, incapace di vedere e distinguere le cose su una base di razionalità, artefice di abbrutimento, violenza, degradazione. Ne deriva un romanzo di valenza universale sull'indifferenza e l'egoismo, sul potere e la sopraffazione, sulla guerra di tutti contro tutti, una dura denuncia del buio della ragione, con un catartico spiraglio di luce e salvezza.

Cecità

Saramago José

Quindici storie che segnano l'esordio narrativo di James Joyce e compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l'infanzia, l'adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. In queste pagine Joyce ritrae oggettivamente il mondo della sua città natale, i pregi e i difetti della piccola borghesia dublinese, l'attaccamento alla tradizione cattolica, il sentimento nazionalistico, il decoro, la grettezza, le meschinità, i pregiudizi, osservati e descritti con mordente ironia e profondo senso poetico. Ogni storia, dove pare nulla succeda, rivela in realtà una complessità di sentimenti che smascherano, agli occhi e al cuore di Joyce, la vera anima di Dublino. Introduzione di Giorgio Melchiori.

Gente di Dublino

Joyce James

Oggi è un’anziana clochard costretta a vivere per le strade di Parigi, ma il suo passato le ha regalato fama e successo. Qualcuno la vuole morta, ed è solo l’intervento di Oswald Breil e Sara Terracini a salvare la vita di Luce de Bartolo. Ma qual è il segreto che custodisce, così potente da sconvolgere l’ordine mondiale? Chi è davvero quella donna? La sua storia inizia nell’Argentina fra le due guerre e racconta un’amicizia straordinaria, quella fra Luce e una tra le donne più ammirate di tutti i tempi: Eva Duarte. Mentre Luce diventa il soprano più famoso al mondo, Eva sposa il colonnello Juan Domingo Perón: nasce così il mito intramontabile di Evita. Le due amiche incontrano grandi soddisfazioni, ma anche tragedie e violenze che sembrano sgorgare dalla fonte stessa del male: il nazismo. Un’ideologia che trova la sua forza simbolica in un oggetto dal potere immenso: la leggendaria lancia di Longino, la cui punta trafisse il costato di Cristo. Il Reich sopravvive alla sconfitta, ed è proprio in Argentina che il male nazista intreccia le proprie trame oscure di rinascita con l’ascesa di Perón, per poi estendere i propri tentacoli sino a raggiungere le stanze più inviolabili: quelle delle alte sfere del Vaticano e della finanza più spregiudicata. E il male nazista oggi è pronto a risollevare la testa. Perché si scateni, manca soltanto una chiave: quella in possesso di una donna sopravvissuta con coraggio e determinazione a tutto ciò che il destino le ha riservato.

LA VOCE DEL DESTINO

Buticchi Marco

È la storia di due ragazze, Maria (che narra in prima persona) e Tsugumi. A diciannove anni Maria lascia il piccolo paese sul mare per trasferirsi a Tokyo e iscriversi all'università. Anni dopo, decide di tornare al paese per le vacanze, dove ritrova Tsugumi, l'eroina del romanzo, bellissima e dispotica ragazza. Tutti tentano di essere indulgenti con lei, sperando di renderle migliore la vita che le resta. Infatti le è stata diagnosticata dalla nascita una malattia incurabile. Terminate le vacanze, Maria sta per tornare a Tokyo ma le condizioni di Tsugumi peggiorano e pare non ci sia più niente da fare. All'ultimo momento Tsugumi si salva, sentendosi vicina alla morte però aveva scritto a Maria una lettera-testamento e con questa si chiude il romanzo.

TSUGUMI

Yoshimoto Banana