Narrativa

Il teatro dei sogni

De Carlo Andrea

Descrizione: La mattina del primo gennaio Veronica Del Muciaro, inviata di un programma televisivo di grandi ascolti, sta per morire soffocata da una brioche in un caffè storico di Suverso, prospera cittadina del nord. La salva uno strano e affascinante archeologo, il marchese Guiscardo Guidarini, che le rivela di aver riportato alla luce un sito importante. L’inviata scopre di cosa si tratta e lo rende pubblico in diretta tv, scatenando una furiosa competizione tra comuni, partiti rivali, giornalisti e autorità scientifiche. Con Il teatro dei sogni Andrea De Carlo applica le sue capacità di osservazione sociale e di indagine psicologica a un romanzo fortemente contemporaneo, polemico ed esilarante, che scava nelle ragioni dei quattro protagonisti e ne fa emergere verità, segreti, ambizioni, paure e sogni sopiti.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2020

ISBN: 9788834603406

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il teatro dei sogni di Andrea De Carlo

Tutto comincia con un incidente (“L’ostruzione la fa annaspare, la manda in tilt”) nel quale incappa Veronica del Muciaro, giornalista d’assalto (“I suoi toni che combinano curiosità, malizia e una robusta dose di improntitudine”) e inviata speciale di un programma di trash televisivo. Con la manovra di Heimlich la salva un gentiluomo: Guiscardo Guidarini (“È un tipo dallo sguardo intenso, capelli sale e pepe a ciocche disordinate, cappotto nero dallo splendido taglio morbido, sciarpa di seta viola e arancione, stivali da cavallo un po’ sporchi di fango”), eroe tipico alla De Carlo (“Un uomo interessante… con quell’aria da avventuriero apolide, privilegiato dalla nascita e maltrattato dalla vita”), un po’ Durante e un po’ Giro di vento, archeologo polemico nei confronti delle amministrazioni locali che hanno consentito la devastazione edilizia dei colli (“Sui colli qua intorno c’è un campionario pazzesco di devastazioni ambientali e abusi edilizi, come in tutto il resto d’Italia”).

Nell’occasione del suo salvataggio Veronica apprende che il bel marchese ha riportato alla luce, nella sua proprietà, un antico teatro (“A me personalmente ricorda tantissimo il teatro di Taormina… Be’, l’impianto è ellenistico”). Gli ingredienti ci sono tutti perché del caso (“Marchese archeologo con villa del Seicento che fa una scoperta spettacolare sulla sua proprietà e cerca di tenerla nascosta!”) si occupi la TV spazzatura con biechi obiettivi di audience. Il caso televisivo fa da cassa di risonanza, orienta il voyeurismo del pubblico sulla possibile passione tra il bel marchese e Annalisa Sarmani, vicesindaco di Suverso (“Aggiungiamo infine la comparsa del drone spia sopra le loro teste, e l’abbattimento del medesimo con la fionda”), attira l’interesse delle forze politiche, ingaggia un violento conflitto di competenza tra comune di Cosmarate e provincia di Suverso. Tanto più che i due enti sono amministrati da due forze politiche antagoniste: il Rivolgimento e l’Unione.

Nella forma del romanzo la verve critica di Andrea De Carlo colpisce i perversi meccanismi dei mass media, si avventa sulla speculazione edilizia, ironizza sui sapientoni che frequentano i salotti televisivi, si tinge di satira politica che smaschera le basse velleità dei partiti politici ormai sprovvisti di ideologia.

Il lettore avrà così modo di veder descritti e dileggiati i peccati del populismo (“Come Rivolgimento da quando siamo al governo abbiamo introdotto il premio di gioventù per i cittadini sotto i terntacinque anni, l’indennità di disoccupazione preventiva, il condono di laurea che consente di saltare gli ultimi quattro esami e la tesi universitaria con la formula ‘a posto così’ per gli studenti fuori corso…”) e del sovranismo (“E poi è l’antico teatro italico!… L’unico che c’è al Nord!”), potrà scorgere sotto le spoglie esilaranti della conduttrice Roberta Riscatto i ritratti delle grottesche regine dei programmi-spazzatura che infestano i palinsesti (“La Riscatto alterna simulazioni di ingenuità infantile ad aggressività ferina… fa gesti da vigile che dirige il traffico…”), potrà perfino individuare l’alter ego di uno dei più tristi condottieri mercenari del nostro tempo (“Mirko Noseletti… seduto a gambe larghe, in un’affermazione di egemonia mascolina sullo spazio… Bulimico… di cibo, di consensi, di like sui social, di attenzione mediatica, di polemiche, di gente raccolta ad applaudirlo…”).

Il finale riserva naturalmente un grosso colpo di scena, collocato in una zuffa che si spettacolarizza proprio nel teatro oggetto della contesa, alla quale partecipano gli immancabili cinesi, larvatamente portatori di una pandemia appena accennata da alcuni colpi di tosse.

Con questo divertente romanzo Andrea De Carlo contrappone l’eleganza dell’intellettualismo ai meccanismi deteriori della società, dell’economia e della politica, innalzando un grido che è un allarme pessimistico su ciò che sta accadendo: “Sarà necessaria una catastrofe collettiva, perché si riprenda a sognare?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Come vive, e cosa pensa, prova, soffre, anche senza raccontarlo neppure a se stesso, chi è stato sradicato dalla propria terra e allontanato dalla propria gente, dalla propria casa? Anna Maria Mori, istriana di Pola, ha lasciato con la famiglia i luoghi della sua infanzia al termine della seconda guerra mondiale, quando sono "passati" dall'Italia alla Jugoslavia: un esodo che ha coinvolto altri trentacinquemila italiani che, come lei, si sono trovati all'improvviso cittadini di un altro stato, per giunta pregiudizialmente ostile nei loro confronti. Nelida Milani, anche lei istriana, anche lei nata nella Pola italiana, è invece rimasta, rinunciando alla lingua, a molti degli affetti, alla consuetudine, con un mondo che, con brutale ferocia, veniva snaturato. Le due donne - accomunate da una sorte uguale e contemporaneamente diversa - si sono scambiate una fitta corrispondenza, tante lettere dove le riflessioni si intrecciano ai ricordi, gli aneddoti si sovrappongono alla cronaca degli eventi storici, la nostalgia si coniuga con il senso di privazione. Il loro epistolario è diventato questo libro, specchio di una condizione subita da migliaia di altri individui e testimonianza di due destini in cui la frontiera ha giocato un ruolo determinante.

Bora

Mori Anna Maria Milani Nelida

4 marzo 1861: parte da Palermo il battello a vapore “Ercole”, con a bordo Ippolito Nievo, in viaggio verso Napoli per riportare i documenti della spedizione garibaldina dei Mille cui aveva preso parte. Ma la nave “Ercole” nel corso di una violenta tempesta scompare nel nulla. Nessun superstite, nessuna traccia, nessuna inchiesta che riesca a capire cosa è accaduto. 5 marzo 1961: in occasione del centenario della scomparsa di Ippolito Nievo, Stanisalo, suo pronipote, viene abbagliato da un flash, che interpreta come un invito a riaprire le indagini su quella morte misteriosa. Stanislao Nievo dedica dieci anni della sua vita a raccogliere i materiali utili per ricostruire le fila di questo capitolo di storia patria. Così la vicenda di Nievo si sdoppia e si aggroviglia in tante storie diverse, e le ricerche non sono meno avventurose e romanzesche della fine leggendaria del vascello “Ercole”. Pubblicato nel 1974, il romanzo è il Premio Campiello 1975.

Il prato in fondo al mare

Nievo Stanislao

Siamo a Denver, è il 7 aprile 2052 quando ad Oscar Mianich, 70 enne burbero e abitudinario, viene diagnosticata una rara malattia che lo porterà, in poco tempo, a perdere la vista. Cosa lega il suo destino a quello di Anthony Peng, ricco e potente imprenditore? Probabilmente ciò che accomuna da sempre tutti gli umani sulla terra: la paura di andarsene senza aver lasciato un segno tangibile di sé. Nell'era in cui la rivoluzione digitale ha ormai cambiato radicalmente la quotidianità del genere umano, Anthony Peng brevetta un server in grado di custodire tutto ciò che vi confluisce dalla memoria di pc, tablet, smartphone di miliardi di utenti, un vero e proprio database grande milioni di gigabyte. In questo sterminato spazio dorme la nostra memoria e i nostri ricordi, l'esubero di informazioni che non riusciamo più a contenere nell'angusto spazio di un cellulare. Quanti scatti fotografici conta ogni giorno la camera del nostro smartphone? Quante di quelle cose che abbiamo filmato e memorizzato ci interessano davvero?

Chiama tua madre

Barale Fabrizio

Quando, puntando il telescopio contro il cielo, Galileo Galilei edificava le basi della teoria destinata a rivoluzionare il modo di concepire l’universo, l’astronomo sapeva che, per affermare la sua dignità di uomo di scienza, avrebbe dovuto fronteggiare i pregiudizi di una vetusta tradizione e i minacciosi strali della Chiesa, ancora convinta di poter dominare la sete di sapere con le torture e i roghi accesi dalla Santa Inquisizione. Gli strali della Curia romana, insieme allo zelo oscurantista dei gesuiti, rivivono nel grande romanzo di Jacob Popper: ricostruzione quanto mai avvincente e accurata degli uomini che, nel clima arroventato del Diciassettesimo secolo, opposero la loro stessa vita alla feroce politica dei tribunali della fede, acerrimi nemici di ogni cambiamento. In un affresco costruito con rara sapienza, tra le pagine di “Ereticus” sfilano, insieme a Galileo Galilei, Marina, la concubina dell’astronomo, Simon Marius, l’alchimista e fra’ Paolo Sarpi, il monaco scettico. Mentre le figure di Filippo Salviati, scienziato progressista, e Giovan Francesco Sagredo, nobile veneziano di idee illuminate, danno un corpo e un’anima alle voci contenute nel “Dialogo su i massimi sistemi”, il libro di Galileo messo all’indice nel 1633, la furia del papato irrompe sulla nuova scienza. E se gli irrequieti studenti di Padova sono pronti persino a sguainare la spada per difendere la concezione copernicana della Terra, Galileo resta solo con la sua ultima profezia, alla ricerca di una verità nemica di ogni dogma, eternamente straniera ad ogni scuola di pensiero e a qualunque confessione religiosa.

Ereticus

Popper Jacob