Narrativa

Il teatro dei sogni

De Carlo Andrea

Descrizione: La mattina del primo gennaio Veronica Del Muciaro, inviata di un programma televisivo di grandi ascolti, sta per morire soffocata da una brioche in un caffè storico di Suverso, prospera cittadina del nord. La salva uno strano e affascinante archeologo, il marchese Guiscardo Guidarini, che le rivela di aver riportato alla luce un sito importante. L’inviata scopre di cosa si tratta e lo rende pubblico in diretta tv, scatenando una furiosa competizione tra comuni, partiti rivali, giornalisti e autorità scientifiche. Con Il teatro dei sogni Andrea De Carlo applica le sue capacità di osservazione sociale e di indagine psicologica a un romanzo fortemente contemporaneo, polemico ed esilarante, che scava nelle ragioni dei quattro protagonisti e ne fa emergere verità, segreti, ambizioni, paure e sogni sopiti.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2020

ISBN: 9788834603406

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il teatro dei sogni di Andrea De Carlo

Tutto comincia con un incidente (“L’ostruzione la fa annaspare, la manda in tilt”) nel quale incappa Veronica del Muciaro, giornalista d’assalto (“I suoi toni che combinano curiosità, malizia e una robusta dose di improntitudine”) e inviata speciale di un programma di trash televisivo. Con la manovra di Heimlich la salva un gentiluomo: Guiscardo Guidarini (“È un tipo dallo sguardo intenso, capelli sale e pepe a ciocche disordinate, cappotto nero dallo splendido taglio morbido, sciarpa di seta viola e arancione, stivali da cavallo un po’ sporchi di fango”), eroe tipico alla De Carlo (“Un uomo interessante… con quell’aria da avventuriero apolide, privilegiato dalla nascita e maltrattato dalla vita”), un po’ Durante e un po’ Giro di vento, archeologo polemico nei confronti delle amministrazioni locali che hanno consentito la devastazione edilizia dei colli (“Sui colli qua intorno c’è un campionario pazzesco di devastazioni ambientali e abusi edilizi, come in tutto il resto d’Italia”).

Nell’occasione del suo salvataggio Veronica apprende che il bel marchese ha riportato alla luce, nella sua proprietà, un antico teatro (“A me personalmente ricorda tantissimo il teatro di Taormina… Be’, l’impianto è ellenistico”). Gli ingredienti ci sono tutti perché del caso (“Marchese archeologo con villa del Seicento che fa una scoperta spettacolare sulla sua proprietà e cerca di tenerla nascosta!”) si occupi la TV spazzatura con biechi obiettivi di audience. Il caso televisivo fa da cassa di risonanza, orienta il voyeurismo del pubblico sulla possibile passione tra il bel marchese e Annalisa Sarmani, vicesindaco di Suverso (“Aggiungiamo infine la comparsa del drone spia sopra le loro teste, e l’abbattimento del medesimo con la fionda”), attira l’interesse delle forze politiche, ingaggia un violento conflitto di competenza tra comune di Cosmarate e provincia di Suverso. Tanto più che i due enti sono amministrati da due forze politiche antagoniste: il Rivolgimento e l’Unione.

Nella forma del romanzo la verve critica di Andrea De Carlo colpisce i perversi meccanismi dei mass media, si avventa sulla speculazione edilizia, ironizza sui sapientoni che frequentano i salotti televisivi, si tinge di satira politica che smaschera le basse velleità dei partiti politici ormai sprovvisti di ideologia.

Il lettore avrà così modo di veder descritti e dileggiati i peccati del populismo (“Come Rivolgimento da quando siamo al governo abbiamo introdotto il premio di gioventù per i cittadini sotto i terntacinque anni, l’indennità di disoccupazione preventiva, il condono di laurea che consente di saltare gli ultimi quattro esami e la tesi universitaria con la formula ‘a posto così’ per gli studenti fuori corso…”) e del sovranismo (“E poi è l’antico teatro italico!… L’unico che c’è al Nord!”), potrà scorgere sotto le spoglie esilaranti della conduttrice Roberta Riscatto i ritratti delle grottesche regine dei programmi-spazzatura che infestano i palinsesti (“La Riscatto alterna simulazioni di ingenuità infantile ad aggressività ferina… fa gesti da vigile che dirige il traffico…”), potrà perfino individuare l’alter ego di uno dei più tristi condottieri mercenari del nostro tempo (“Mirko Noseletti… seduto a gambe larghe, in un’affermazione di egemonia mascolina sullo spazio… Bulimico… di cibo, di consensi, di like sui social, di attenzione mediatica, di polemiche, di gente raccolta ad applaudirlo…”).

Il finale riserva naturalmente un grosso colpo di scena, collocato in una zuffa che si spettacolarizza proprio nel teatro oggetto della contesa, alla quale partecipano gli immancabili cinesi, larvatamente portatori di una pandemia appena accennata da alcuni colpi di tosse.

Con questo divertente romanzo Andrea De Carlo contrappone l’eleganza dell’intellettualismo ai meccanismi deteriori della società, dell’economia e della politica, innalzando un grido che è un allarme pessimistico su ciò che sta accadendo: “Sarà necessaria una catastrofe collettiva, perché si riprenda a sognare?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea

Liber è un uomo in fuga, anzi no, è un uccello. Liber è un uomo libero, anzi no, è un assassino. Liber è uno solo, anzi no, Liber sono tanti. Un personaggio ricorrente, che come nei sogni attraversa città e dimensioni, tracciando ogni volta una storia diversa. Si ramificano così molteplici possibilità di vita e di narrazione. Liber è un personaggio che fugge dalle situazioni difficili, dai ricordi dolorosi, dalle città caotiche, ma ogni fuga non è altro che l'inizio di un viaggio. E così Liber sfugge alle trame dei racconti, si maschera da vecchio, da uomo volante, da miglioratore del mondo, da bambino sognante. Ogni alter ego racconta una storia in più. Trasformarsi, mutare, viaggiare, raccontare: tutto ciò permette a Liber di tenere fede al suo nome, di restare un essere libero.

Tanti modi di fuggire da una città

Casacca Stefano

Inutile negarlo: l’essere ipersensibili può portare a risvolti problematici. Nonostante queste persone tendano a rinunciare a se stesse rivolgendo la loro attenzione all’esterno e agli altri, non sono rari rimproveri del tipo: Devi essere sempre così emotivo? Eppure, l’ipersensibilità non è necessariamente un “tallone d’Achille” che espone a sofferenze, delusioni, o irragionevoli inibizioni: se la si usa bene, può rivelarsi una dote incredibile. Rolf Sellin, che per anni ha studiato questa predisposizione soffrendone lui stesso, guida gli ipersensibili verso l’adozione di un nuovo atteggiamento che permetta loro di contenere gli effetti più negativi della loro condizione. Insegna a smettere di acconsentire a richieste eccessive, ponendo confini più netti tra sé e il mondo. Spiega come uscire vincitori, anche quando si ha la netta impressione di essere affetti da una forma inguaribile di “altruismo patologico”, indesiderato, incompreso e, per giunta, gratuito. Aiuta a valorizzare la capacità di empatia, senza esserne sopraffatti, a vivere le emozioni proprie e altrui, con maggiore equilibrio. Invita a trasformare le sensibilissime antenne in dotazione agli ipersensibili, eccezionali nel captare ciò che ai più resta sconosciuto, in un talento da spendere in ogni ambito dell’esistenza. Gli spunti di riflessione, i numerosi suggerimenti sono utili a chi vuole imparare a gestire da solo e in modo costruttivo la propria sensibilità, sia nella vita privata sia professionale, e a proteggersi in modo più efficace a livello mentale ed energetico, così che l’ipersensibilità possa tornare a essere quello che realmente è: un’incomparabile risorsa interiore.

Le persone sensibili hanno una marcia in più

Sellin Rolf

Maurizio ha dieci anni e non vede l'ora che comincino le vacanze. Per lui l'estate significa stare dai nonni a Crabas: lì ogni anno ritrova Franco e Giulio, fratelli di biglie, di ginocchia sbucciate e caccia alle libellule, e domina con loro un piccolo universo retto da legami che sembrano destinati a durare per sempre. Ma nell'estate del 1986 qualcosa di imprevedibile incrinerà la loro infanzia e mostrerà a tutti, adulti e ragazzi, quanto possa essere fragile il granito delle identità collettive. Basta un prete venuto da fuori a fondare una nuova parrocchia per portare una scintilla di fanatico antagonismo dove prima c'erano solo fratellanze. In quella crepa della comunità l'estraneo può assumere qualunque volto, persino i capelli rossi di un inseparabile compagno di giochi. In questo racconto insieme comico e profondo, la penna inconfondibile di Michela Murgia ci regala una storia di formazione in cui il protagonista scopre - insieme al lettore - cosa significa dire "oi". "Non era un pronome come negli altri posti, ma la cittadinanza di una patria tacita dove tutto il tempo si declinava così, al presente plurale".

L’incontro

Murgia Michela

Francesco è un quarantenne che si è appena lasciato, a un passo dalle nozze. Una mattina di primavera, mentre passeggiando a San Gimignano cerca di riafferrare il senso della sua vita, incontra un signore francese con il quale entra subito in sintonia e che gli propone di lavorare per lui, presso la sua azienda vinicola in Borgogna. Quella per la Francia è una passione che Francesco ha sempre coltivato. Si trova quindi di fronte alla possibilità di realizzare veramente il sogno di una vita. Così lascia il suo lavoro e si trasferisce pieno di entusiasmo. Le sue aspettative sono subito appagate: il posto è splendido, la collega Ludivine affascinante, il lavoro interessante. Fino a quando, oltre i colori pastello di quel paesaggio così tipicamente francese, non cominceranno a emergere i segni di un passato inquietante che riguarda sia il suo datore di lavoro, sia la bella Ludivine, della quale si sta ormai innamorando. Una prova decisiva per Francesco che, in un crescendo di colpi di scena, riuscirà a portare luce nel passato della donna e nel suo presente.

Primavera in Borgogna

Terenzoni Luca