Narrativa

Il teatro dei sogni

De Carlo Andrea

Descrizione: La mattina del primo gennaio Veronica Del Muciaro, inviata di un programma televisivo di grandi ascolti, sta per morire soffocata da una brioche in un caffè storico di Suverso, prospera cittadina del nord. La salva uno strano e affascinante archeologo, il marchese Guiscardo Guidarini, che le rivela di aver riportato alla luce un sito importante. L’inviata scopre di cosa si tratta e lo rende pubblico in diretta tv, scatenando una furiosa competizione tra comuni, partiti rivali, giornalisti e autorità scientifiche. Con Il teatro dei sogni Andrea De Carlo applica le sue capacità di osservazione sociale e di indagine psicologica a un romanzo fortemente contemporaneo, polemico ed esilarante, che scava nelle ragioni dei quattro protagonisti e ne fa emergere verità, segreti, ambizioni, paure e sogni sopiti.

Categoria: Narrativa

Editore: La nave di Teseo

Collana: Oceani

Anno: 2020

ISBN: 9788834603406

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Il teatro dei sogni di Andrea De Carlo

Tutto comincia con un incidente (“L’ostruzione la fa annaspare, la manda in tilt”) nel quale incappa Veronica del Muciaro, giornalista d’assalto (“I suoi toni che combinano curiosità, malizia e una robusta dose di improntitudine”) e inviata speciale di un programma di trash televisivo. Con la manovra di Heimlich la salva un gentiluomo: Guiscardo Guidarini (“È un tipo dallo sguardo intenso, capelli sale e pepe a ciocche disordinate, cappotto nero dallo splendido taglio morbido, sciarpa di seta viola e arancione, stivali da cavallo un po’ sporchi di fango”), eroe tipico alla De Carlo (“Un uomo interessante… con quell’aria da avventuriero apolide, privilegiato dalla nascita e maltrattato dalla vita”), un po’ Durante e un po’ Giro di vento, archeologo polemico nei confronti delle amministrazioni locali che hanno consentito la devastazione edilizia dei colli (“Sui colli qua intorno c’è un campionario pazzesco di devastazioni ambientali e abusi edilizi, come in tutto il resto d’Italia”).

Nell’occasione del suo salvataggio Veronica apprende che il bel marchese ha riportato alla luce, nella sua proprietà, un antico teatro (“A me personalmente ricorda tantissimo il teatro di Taormina… Be’, l’impianto è ellenistico”). Gli ingredienti ci sono tutti perché del caso (“Marchese archeologo con villa del Seicento che fa una scoperta spettacolare sulla sua proprietà e cerca di tenerla nascosta!”) si occupi la TV spazzatura con biechi obiettivi di audience. Il caso televisivo fa da cassa di risonanza, orienta il voyeurismo del pubblico sulla possibile passione tra il bel marchese e Annalisa Sarmani, vicesindaco di Suverso (“Aggiungiamo infine la comparsa del drone spia sopra le loro teste, e l’abbattimento del medesimo con la fionda”), attira l’interesse delle forze politiche, ingaggia un violento conflitto di competenza tra comune di Cosmarate e provincia di Suverso. Tanto più che i due enti sono amministrati da due forze politiche antagoniste: il Rivolgimento e l’Unione.

Nella forma del romanzo la verve critica di Andrea De Carlo colpisce i perversi meccanismi dei mass media, si avventa sulla speculazione edilizia, ironizza sui sapientoni che frequentano i salotti televisivi, si tinge di satira politica che smaschera le basse velleità dei partiti politici ormai sprovvisti di ideologia.

Il lettore avrà così modo di veder descritti e dileggiati i peccati del populismo (“Come Rivolgimento da quando siamo al governo abbiamo introdotto il premio di gioventù per i cittadini sotto i terntacinque anni, l’indennità di disoccupazione preventiva, il condono di laurea che consente di saltare gli ultimi quattro esami e la tesi universitaria con la formula ‘a posto così’ per gli studenti fuori corso…”) e del sovranismo (“E poi è l’antico teatro italico!… L’unico che c’è al Nord!”), potrà scorgere sotto le spoglie esilaranti della conduttrice Roberta Riscatto i ritratti delle grottesche regine dei programmi-spazzatura che infestano i palinsesti (“La Riscatto alterna simulazioni di ingenuità infantile ad aggressività ferina… fa gesti da vigile che dirige il traffico…”), potrà perfino individuare l’alter ego di uno dei più tristi condottieri mercenari del nostro tempo (“Mirko Noseletti… seduto a gambe larghe, in un’affermazione di egemonia mascolina sullo spazio… Bulimico… di cibo, di consensi, di like sui social, di attenzione mediatica, di polemiche, di gente raccolta ad applaudirlo…”).

Il finale riserva naturalmente un grosso colpo di scena, collocato in una zuffa che si spettacolarizza proprio nel teatro oggetto della contesa, alla quale partecipano gli immancabili cinesi, larvatamente portatori di una pandemia appena accennata da alcuni colpi di tosse.

Con questo divertente romanzo Andrea De Carlo contrappone l’eleganza dell’intellettualismo ai meccanismi deteriori della società, dell’economia e della politica, innalzando un grido che è un allarme pessimistico su ciò che sta accadendo: “Sarà necessaria una catastrofe collettiva, perché si riprenda a sognare?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Carlo

De

Libri dallo stesso autore

Intervista a De Carlo Andrea

Notizia sul testo, Note di commento, Cronologia della vita di Gabriele d'Annunzio a cura di Annamaria Andreoli. Nell'ebook si ripropone il testo di La figlia di Iorio raccolto in Tragedie, sogni e misteri, a cura di Annamaria Andreoli, con la collaborazione di Giorgio Zanetti, «I Meridiani», Mondadori, Milano 2013. Gli apparati informativi riproducono quelli pubblicati nell'edizione dei «Meridiani»; la Cronologia riproduce quella pubblicata nel primo tomo delle Prose di ricerca (a cura di Annamaria Andreoli e Giorgio Zanetti, «I Meridiani», Mondadori, Milano 2005). Scritta nel 1903, rappresentata nel 1904 e dopo due anni musicata, La figlia di Iorio è senza dubbio il capolavoro teatrale di Gabriele d'Annunzio, l'opera drammatica che più si avvicina, per toni e motivi, alla poesia delle Laudi. La vicenda appassionata e tragica di Aligi, che ha «dormito settecent'anni», e di Mila di Codro, peccatrice nel senso più arcaico e favoloso del termine, non ha infatti di reale che alcuni momenti indispensabili: il resto, il valore definitivo, bisogna ricercarlo nel modo con cui la realtà, per pura forza di poesia, riesce a trasformarsi in mito. La chiave di lettura di questa tragedia delle «nostalgie abruzzesi» è dunque nel senso totale della rappresentazione, nei sentimenti corali e religiosi che animano questi personaggi che, perduti i loro contorni concreti, si dissolvono in figure di sogno, in una dimensione lirica e senza tempo.

La Figlia di Jorio

D’Annunzio Gabriele

E’ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge, più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino. E’ come se i traditori avessero accesso a un manuale segreto in cui sono racchiuse le frasi utili a innamorare, rabbonire, turlupinare le malcapitate, nel tentativo di perpetrare all’infinito la bigamia. Le amanti, nei primi tempi della relazione (e talvolta per un periodo molto lungo prima di insospettirsi), ascoltano con orecchie vergini le asserzioni del fedifrago, credendo nell’esclusività di quelle parole e ignorando che si tratta invece di formule condivise da tutta la categoria dei traditori. Tali formule corrispondono a enunciati standard – con variazioni idiosincratiche minime – che accompagnano ogni fase della relazione: dalle sperticate dichiarazioni d’amore alle promesse di un futuro diverso, passando attraverso i ripensamenti (guarda caso, sempre post-coitali) nonché i moniti, le precisazioni, le preoccupazioni, le giustificazioni, le gelosie, le autocommiserazioni, le fantasie poligame, le pietose o impietose descrizioni opportunistiche della legittima consorte e delle copule coniugali, le esaltazioni appassionate del polimorfo sesso extraconiugale, e infine, i finti abbandoni e le nuove epifanie. Qualunque sia la verità scientifica in proposito, a partire da oggi ogni donna possiede uno strumento indispensabile di difesa personale, perché il manuale del fedifrago non è più segreto: è qui, tra le vostre mani, sotto i vostri occhi, affinché vi possa essere di aiuto e conforto. Le mogli sapranno finalmente cosa raccontano i mariti alle amanti. Le amanti si accorgeranno di non essere sole, ma di subire insieme a migliaia di altre tapine un’ineluttabile logosfera comune. E infine, i fedifraghi dotati di intelligenza e umorismo potranno ridere di sé, ma forse chissà, talvolta anche riflettere.

Non avremmo mai dovuto

Bonafini Francesca, Falconi Caterina

Nel 1999, dopo aver pubblicato tre romanzi di culto, il celebre scrittore Nathan Fawles annuncia la sua decisione di smettere di scrivere per ritirarsi a vita privata a Beaumont, un'isola selvaggia e sublime al largo delle coste mediterranee. Autunno 2018. Fawles non rilascia interviste da più di vent'anni, mentre i suoi romanzi continuano ad attirare i lettori. Mathilde Monney, una giovane giornalista svizzera, sbarca sull'isola, decisa a svelare il segreto del celebre scrittore. Lo stesso giorno, viene ritrovato sulla spiaggia il cadavere di una donna e le autorità mettono sotto sequestro l'isola, bloccando ogni partenza e ogni arrivo. Comincia allora un pericoloso faccia a faccia tra Mathilde e Nathan, in cui si scontrano verità occulte e insospettabili menzogne, e si mescolano l'amore e la paura...

La vita segreta degli scrittori

Musso Guillaume

Alla vigilia della morte, stendendo l’elenco delle sue opere sul retro del quaderno di “Suite francese”, accanto al “Vino della solitudine” l’autrice scriveva: «Di Irène Némirovsky per Irène Némirovsky». Non sarà difficile, in effetti, riconoscere nella piccola Hélène – che all’inizio del romanzo siede a tavola dritta e composta per evitare gli aspri rimproveri della madre – la stessa Irène; e nella bella donna dall’aria annoiata – che a cena sfoglia le riviste di moda appena arrivate da Parigi in quella lontana provincia dell’Impero russo, che si occupa di sé e del giovane amante ignorando la figlia – quella Fanny Némirovsky, che ha fatto dell’infanzia di Irène un deserto senza amore. Hélène detesta la madre con tutte le sue forze («doveva baciare quel volto odioso ... posare la sua bocca su quella guancia che avrebbe voluto lacerare con le unghie»), al punto da sostituirne il nome, nelle preghiere serali, con quello dell’amata istitutrice («con una vaga speranza omicida»). Verrà un giorno, però, in cui la madre sarà vecchia, ed Hélène avrà diciott’anni: accadrà a Parigi, dove la famiglia si è stabilita dopo la guerra (che ha consentito al padre di accumulare un’immensa ricchezza) e la rivoluzione d’Ottobre (in cui hanno rischiato di perdere ogni cosa) e la fuga attraverso le vaste pianure gelate della Finlandia, durante la quale l’adolescente ha avuto per la prima volta «la consapevolezza del suo potere di donna». Sembra giunto il momento della vendetta: «Aspetta e vedrai! Ti farò piangere come tu hai fatto piangere me!». Ma quando Hélène scoprirà in sé lo stesso demone che abita la madre – quello «della civetteria, della crudeltà, del piacere di giocare con l’amore di un uomo» –, si allontanerà, scegliendo una vita diversa: «Sono sola, ma la mia solitudine è amara e inebriante». Se è vero che da un’infanzia infelice non si guarisce mai, pochi hanno saputo raccontare quell’infelicità come Irène Némirovsky.

Il vino della solitudine

Némirovsky Irène