Romanzo storico

Il tempo migliore della nostra vita

Scurati Antonio

Descrizione: Leone Ginzburg fu un eroe della Resistenza. Un eroe mite e integerrimo: non imbracciò mai le armi, lavoratore tenace, antifascista irriducibile. Fondò la casa editrice Einaudi e mandò avanti una famiglia sotto le bombe. Questa è la sua storia vera dal giorno in cui viene cacciato dall'università perché rifiuta di sottomettersi al fascismo fino a quello in cui è stato ucciso in carcere dai tedeschi.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria italiana

Anno: 2015

ISBN: 9788845279133

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dal Campiello 2015

Il tempo migliore della nostra vita di Antonio Scurati è un’opera dalle molteplici anime: è saggio storico e di letteratura, è romanzo-saga familiare, è autobiografia.

Figura centrale della narrazione è Leone Ginzburg: traduttore e critico (“Sebbene impugni soltanto la penna…”), docente di letteratura, cofondatore della più prestigiosa casa editrice italiana (“Un giorno un ex compagno del D’Azeglio… gli propone di fondare una casa editrice”), compagno di Cesare Pavese detto Cesarito (“L’amico di questa corrispondenza balneare è Cesare Pavese”), marito di un’illustre letterata, Natalia Levi (“Natalia e Leone sono due scrittori, l’una in embrione l’altro impedito dagli incidenti della cospirazione. Sono due scrittori e s’innamorano per lettera”), costretta a pubblicare le prime opere con lo pseudonimo di Alessandra Tornimparte (“Einaudi… pubblica il romanzo La strada che va in città dell’autrice esordiente Alessandra Tornimparte… è Natalia Ginzburg, costretta a occultare la propria identità… perché ebrea”) e poi, dopo la morte di Leone, decisa a mantenere il cognome del primo marito: Natalia Ginzburg.

I paragrafi dedicati a Leone (“Lui ebreo, antifascista, apolide in un Europa travolta dalla marcia trionfale dei fascisti, degli antisemiti, dei nazionalisti di ogni bandiera”) si alternano a quelli impiegati per ricostruire le radici familiari (“In Albania… esiste un paese, Skuraj, legato all’epopea della lotta contro i turchi”) degli Scurati (“Abitanti di Cusano sul Seveso… erano tutti socialisti”) e dei Recalcati (“A differenza degli Scurati, i Recalcati erano però gente di chiesa, dei paulott…”) in Brianza (“Bresso, il paese dei Recalcati confinante con Cusano”): da loro  nascerà Luigi, il padre dello scrittore. Dai Ferrieri di Napoli, gente con lo spettacolo nell’anima, discende Rosaria, la madre di Antonio Scurati.

Nelle pagine dedicate a Ginzburg opera prevalentemente lo storico letterario, che segue Leone sia sul piano biografico – il rifiuto del giuramento al fascismo (“Non intendo giurare. L’onore è un motivato rifiuto”), il processo (“Il processo si annuncia clamoroso… una prova generale di antisemitismo”), la prigionia (“Ribatte punto su punto e ribadisce il proprio antifascismo… Il 6 novembre 1934 lo condannano a quattro anni di carcere duro”) e la libertà vigilata, il confino (“A Pizzoli, in un paesino sperduto tra le montagne dell’Abruzzo, l’ebreo ucraino-russo Leone Ginzburg non demorde” e cura prefazione e traduzione di Guerra e Pace per Einaudi, in concorrenza a Mondadori), l’attivismo politico e nuovamente il carcere – sia sul piano culturale: il rigore ideologico (“Per lui l’antifascismo è una manifestazione spontanea delle sue convinzioni morali, un’espressione del suo gusto estetico, eppure questo antifascista naturale si astiene dalla lotta politica”), la precisione nel lavoro di critico e traduttore (“Alle riunioni editoriali adesso sono in quattro: Ginzburg che sa tutto di letteratura russa, tedesca e francese, Pavese che sa tutto di letteratura americana, l’editore che tace sempre mentre gli altri discutono per ore di traduzioni… e Natalia Levi, la figlia del professore, come ospite di leone che dal carcere le scriveva lettere d’amore”), il carattere (“Leone e Cesare lavoravano fianco a fianco, l’indomito e il piegato, il prossimo marito e l’innamorato cronico, l’uomo che non conosce angoscia e il malinconico compiaciuto”), la concezione sofferta del ruolo dell’intellettuale (“Essere capaci di raccontarsi l’un l’altro la propria storia, e a vicenda la storia degli altri”), l’eredità spirituale nell’ultima, commovente lettera scritta a Natalia dal carcere.

La cronaca del regime e della seconda guerra mondiale viene illustrata con il ritmo incalzante della storiografia scandita tanto dalle date quanto dalla retorica fascista (“La potenza delle nazioni dipende dalla potenza demografica, dichiara il duce priapeo”), dagli eventi bellici, dalle aggressioni imperialiste, dall’escalation dell’ideologia antisemita transitata dalle leggi razziali alle persecuzioni e deportazioni.
Nei capitoli dedicati alle origini familiari di Antonio, la guerra ha invece il sapore della ricostruzione romanzata attraverso ricordi e testimonianze.

Poi la narrazione si chiude a tenaglia e le numerose trame del canovaccio s’intrecciano nell’unica maglia dell’epilogo: Luigi Scurati viene assunto alle Messaggerie Italiane di via Broletto a Milano, ove si vendono con successo i libri di Pavese e dei Ginzburg, poi diviene dirigente della Rinascente e a Napoli s’innamora di Rosaria. Sullo sfondo, spruzzata di nostalgia, l’incredibile atmosfera del dopoguerra e del boom economico, ricreata con episodi, oggetti e riferimenti acustici: il premio Strega a “La bella estate” di Pavese (1950) e a “Lessico familiare” di Natalia Ginzburg(1963), il dilagare della Vespa, le note delle canzoni di Modugno e Celentano, la Ginzburg a interpretare la Maddalena nel Vangelo secondo Matteo di Pasolini…

Antonio Scurati ha scritto un’opera che fonde il senso della ricerca scientifica e dell’indagine umanistica in un assolo ove si sposano coralità e autobiografismo, per restituirci la figura di un uomo, Leone Ginzburg, che nella coerenza e nell’impegno ha veicolato al tempo stesso l’altruismo e l’intellettualismo (“Il dilemma… vivere tra gli uomini, agire direttamente sulle loro coscienze o vivere tra i libri, inviare lettere ad amici ignoti e lontani che un giorno, forse, in un incerto avvenire le riceveranno?”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte prima – i-LIBRI

[…] 24/10 ore 16.30: L’Italia che resiste – con Aldo Cazzullo e Antonio Scurati http://www.i-libri.com/libri/il-tempo-migliore-della-nostra-vita-2/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Scurati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scurati Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Quando nel 1985 Robert Ward pubblicò Red Baker, romanzo accolto da un enorme successo di critica e vincitore del Pen West, non sapeva che il libro fosse destinato a scomparire dalle librerie per un bel po’ di tempo. Riapparve più avanti, sull’onda di un feroce passaparola. Red Baker era divenuto una sorta di oggetto di culto fra scrittori come Robert Stone, Richard Price, Michael Connelly, Cristopher Hitchens, James Crumley, Laura Lippman. Oggi Ward è autore di undici romanzi e un libro di nonfiction. Red Baker è stato paragonato a Il grande Gatsby di Fitzgerald e soprattutto a Furore di Steinbeck, per la capacità di dare voce alle classi più svantaggiate e meno rappresentate.

Io sono Red Baker

Ward Robert

Jim Parsons è un medico di talento, abile nelle più avanzate tecniche mediche e occupato a salvare vite umane. Ma un incidente stradale lo proietta improvvisamente a centinaia di anni di distanza nel futuro, dove Parsons scopre con orrore una civiltà incredibilmente avanzata, che abbraccia il culto della morte. Si trova quindi incastrato tra il suo istinto, che lo spingerebbe a guarire le persone, e il conflitto con una società in cui è illegale impegnarsi a salvare vite umane. Ma Parsons non è l’unico a credere che la vita abbia un valore da preservare, e coloro che condividono le sue convinzioni stanno mettendo a punto dei piani per sfruttare le sue competenze mediche, e per salvare il futuro della loro società. “Dottor Futuro” non è solo un’interpretazione emozionante di un futuro dai tratti inquietanti, è anche un excursus fantastico dei paradossi dei viaggi nel tempo che poteva venire solo dalla mente di Philip K. Dick.

Dottor futuro

Dick Philip K.

Caterina Guerra ha dieci anni e un sogno: correre in bicicletta come i campioni del Giro. Vive nell’Italia del boom, in una piccola città della pianura vicino a un fiume. Ma lei non sa che in quel periodo per le donne è quasi impossibile diventare corridori. O forse preferisce ignorarlo, perché solo in sella si sente davvero felice. L’appartamento in cui abita, angusto e periferico, è aperto su cortili, cantine, orti e strade che portano al fiume e che rappresentano le sue vie di fuga. Di fronte alla casa c’è la fabbrica dove suo padre lavora come caporeparto: un lavoro di cui è orgoglioso ma che non lo rallegra. La sera Caterina lo vede mentre si sfoga, da uomo silenziosamente fantasioso qual è, facendo solitari comizi dal balcone di casa. Nemmeno l’ambiente famigliare sembra rasserenarlo, soprattutto a causa della moglie: bella, inquieta, ambiziosa, eccessiva in tutto. La vita della bambina e della sua famiglia continua apparentemente sempre uguale fino a che, nell’estate del 1964, un evento interrompe quel mondo prodigioso e a tratti anche crudele, insieme al sogno di Caterina di diventare corridore...

LE NOTTI SEMBRAVANO DI LUNA

Bosio Laura