Romanzo storico

Il tempo migliore della nostra vita

Scurati Antonio

Descrizione: Leone Ginzburg fu un eroe della Resistenza. Un eroe mite e integerrimo: non imbracciò mai le armi, lavoratore tenace, antifascista irriducibile. Fondò la casa editrice Einaudi e mandò avanti una famiglia sotto le bombe. Questa è la sua storia vera dal giorno in cui viene cacciato dall'università perché rifiuta di sottomettersi al fascismo fino a quello in cui è stato ucciso in carcere dai tedeschi.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Bompiani

Collana: Letteraria italiana

Anno: 2015

ISBN: 9788845279133

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Dal Campiello 2015 – Il tempo migliore della nostra vita di Antonio Scurati è un’opera dalle molteplici anime: è saggio storico e di letteratura, è romanzo-saga familiare, è autobiografia.

Figura centrale della narrazione è Leone Ginzburg: traduttore e critico (“Sebbene impugni soltanto la penna…”), docente di letteratura, cofondatore della più prestigiosa casa editrice italiana (“Un giorno un ex compagno del D’Azeglio… gli propone di fondare una casa editrice”), compagno di Cesare Pavese detto Cesarito (“L’amico di questa corrispondenza balneare è Cesare Pavese”), marito di un’illustre letterata, Natalia Levi (“Natalia e Leone sono due scrittori, l’una in embrione l’altro impedito dagli incidenti della cospirazione. Sono due scrittori e s’innamorano per lettera”), costretta a pubblicare le prime opere con lo pseudonimo di Alessandra Tornimparte (“Einaudi… pubblica il romanzo La strada che va in città dell’autrice esordiente Alessandra Tornimparte… è Natalia Ginzburg, costretta a occultare la propria identità… perché ebrea”) e poi, dopo la morte di Leone, decisa a mantenere il cognome del primo marito: Natalia Ginzburg.

I paragrafi dedicati a Leone (“Lui ebreo, antifascista, apolide in un Europa travolta dalla marcia trionfale dei fascisti, degli antisemiti, dei nazionalisti di ogni bandiera”) si alternano a quelli impiegati per ricostruire le radici familiari (“In Albania… esiste un paese, Skuraj, legato all’epopea della lotta contro i turchi”) degli Scurati (“Abitanti di Cusano sul Seveso… erano tutti socialisti”) e dei Recalcati (“A differenza degli Scurati, i Recalcati erano però gente di chiesa, dei paulott…”) in Brianza (“Bresso, il paese dei Recalcati confinante con Cusano”): da loro  nascerà Luigi, il padre dello scrittore. Dai Ferrieri di Napoli, gente con lo spettacolo nell’anima, discende Rosaria, la madre di Antonio Scurati.

Nelle pagine dedicate a Ginzburg opera prevalentemente lo storico letterario, che segue Leone sia sul piano biografico – il rifiuto del giuramento al fascismo (“Non intendo giurare. L’onore è un motivato rifiuto”), il processo (“Il processo si annuncia clamoroso… una prova generale di antisemitismo”), la prigionia (“Ribatte punto su punto e ribadisce il proprio antifascismo… Il 6 novembre 1934 lo condannano a quattro anni di carcere duro”) e la libertà vigilata, il confino (“A Pizzoli, in un paesino sperduto tra le montagne dell’Abruzzo, l’ebreo ucraino-russo Leone Ginzburg non demorde” e cura prefazione e traduzione di Guerra e Pace per Einaudi, in concorrenza a Mondadori), l’attivismo politico e nuovamente il carcere – sia sul piano culturale: il rigore ideologico (“Per lui l’antifascismo è una manifestazione spontanea delle sue convinzioni morali, un’espressione del suo gusto estetico, eppure questo antifascista naturale si astiene dalla lotta politica”), la precisione nel lavoro di critico e traduttore (“Alle riunioni editoriali adesso sono in quattro: Ginzburg che sa tutto di letteratura russa, tedesca e francese, Pavese che sa tutto di letteratura americana, l’editore che tace sempre mentre gli altri discutono per ore di traduzioni… e Natalia Levi, la figlia del professore, come ospite di leone che dal carcere le scriveva lettere d’amore”), il carattere (“Leone e Cesare lavoravano fianco a fianco, l’indomito e il piegato, il prossimo marito e l’innamorato cronico, l’uomo che non conosce angoscia e il malinconico compiaciuto”), la concezione sofferta del ruolo dell’intellettuale (“Essere capaci di raccontarsi l’un l’altro la propria storia, e a vicenda la storia degli altri”), l’eredità spirituale nell’ultima, commovente lettera scritta a Natalia dal carcere.

La cronaca del regime e della seconda guerra mondiale viene illustrata con il ritmo incalzante della storiografia scandita tanto dalle date quanto dalla retorica fascista (“La potenza delle nazioni dipende dalla potenza demografica, dichiara il duce priapeo”), dagli eventi bellici, dalle aggressioni imperialiste, dall’escalation dell’ideologia antisemita transitata dalle leggi razziali alle persecuzioni e deportazioni.
Nei capitoli dedicati alle origini familiari di Antonio, la guerra ha invece il sapore della ricostruzione romanzata attraverso ricordi e testimonianze.

Poi la narrazione si chiude a tenaglia e le numerose trame del canovaccio s’intrecciano nell’unica maglia dell’epilogo: Luigi Scurati viene assunto alle Messaggerie Italiane di via Broletto a Milano, ove si vendono con successo i libri di Pavese e dei Ginzburg, poi diviene dirigente della Rinascente e a Napoli s’innamora di Rosaria. Sullo sfondo, spruzzata di nostalgia, l’incredibile atmosfera del dopoguerra e del boom economico, ricreata con episodi, oggetti e riferimenti acustici: il premio Strega a “La bella estate” di Pavese (1950) e a “Lessico familiare” di Natalia Ginzburg(1963), il dilagare della Vespa, le note delle canzoni di Modugno e Celentano, la Ginzburg a interpretare la Maddalena nel Vangelo secondo Matteo di Pasolini…

Antonio Scurati ha scritto un’opera che fonde il senso della ricerca scientifica e dell’indagine umanistica in un assolo ove si sposano coralità e autobiografismo, per restituirci la figura di un uomo, Leone Ginzburg, che nella coerenza e nell’impegno ha veicolato al tempo stesso l’altruismo e l’intellettualismo (“Il dilemma… vivere tra gli uomini, agire direttamente sulle loro coscienze o vivere tra i libri, inviare lettere ad amici ignoti e lontani che un giorno, forse, in un incerto avvenire le riceveranno?”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Book City Milano – parte prima – i-LIBRI

[…] 24/10 ore 16.30: L’Italia che resiste – con Aldo Cazzullo e Antonio Scurati http://www.i-libri.com/libri/il-tempo-migliore-della-nostra-vita-2/ […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Antonio

Scurati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Scurati Antonio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Teddy Garnett è un arzillo vecchietto e non vuole saperne di lasciare la casa in cima agli Appalachi dove ha vissuto per anni con la compianta Rose. Non gli importa della pioggia incessante, un diluvio catastrofico che ha messo in ginocchio l'intero pianeta, né di essere l'unico essere umano ancora vivo nella piccola comunità di Punkin' Center, ormai ridotta a un isolotto in mezzo alle acque. Senza paura, Teddy aspetta il giorno in cui si avvererà il suo unico desiderio: riabbracciare la moglie. Ma quando riceve la visita di Carl, il suo migliore amico creduto morto o portato in salvo dalla Guardia Nazionale, scopre che ci sono cose peggiori della pioggia. Cose che serpeggiano sottoterra, creature striscianti che tarlano il sottosuolo e scavano verso la superficie per rivelarsi al mondo. E conquistarlo.

I VERMI CONQUISTATORI

Keene Brian

William ha poco più di vent'anni e le frustrazioni di tanti giovani: odia il suo lavoro (commesso in un negozio di dischi), la città in cui vive (Londra), e la ragazza con cui sta è molto restia a concedersi. Candido e complicato come il giovane Holden, gran tiratardi nel capire le cose del mondo, ha solo un paio di amici e divide la casa con una tipa che non incontra mai e che comunica con lui attraverso bigliettini. Il suo unico conforto è fare musica. In realtà il suo vero talento sembra essere un altro: perdere gli autobus, dire la cosa sbagliata al momento sbagliato e, soprattutto, trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato. Una sera, infatti, assiste involontariamente a un delitto. La caccia agli assassini lo porterà a una sorprendente scoperta!

QUESTA NOTTE MI HA APERTO GLI OCCHI

Coe Jonathan

Marina ha vent'anni e una bellezza assoluta. È cresciuta inseguendo l'affetto di suo padre, perduto sulla strada dei casinò e delle belle donne, e di una madre troppo giovane e fragile. Per questo dalla vita pretende un risarcimento, che significa lasciare la Valle Cervo, andare in città e prendersi tutto: la fama, il denaro, avere il mondo ai suoi piedi. Un sogno da raggiungere subito e con ostinazione. La stessa ostinazione di Andrea, che lavora part time in una biblioteca e vive all’ombra del fratello emigrato in America, ma che ha un progetto folle e coraggioso in cui nessuno sembra disposto a credere, neppure suo padre, il granitico ex sindaco di Biella. Per lui la sfida è tornare dove ha cominciato il nonno tanti anni prima, risalire la montagna, ripartire dalle origini. Marina e Andrea si attraggono e respingono come magneti, bruciano di un amore che vuole essere per sempre. Marina ha la voce di una dea, canta e balla nei centri commerciali trasformandoli in discoteche, si muove davanti alle telecamere con destrezza animale. Andrea sceglie invece di lavorare con le mani, di vivere secondo i ritmi antichi delle stagioni. Loro due, insieme, sono la scintilla. Se con Acciaio Silvia Avallone aveva anticipato la fine di un benessere che credevamo inesauribile, con questo romanzo ci dice che il destino non è già segnato e che la vera rivoluzione sta nel rimanere, nel riappropriarci della nostra terra senza arretrare di un passo perché, anche se scalzi, furiosi e affamati, ce la faremo. Le regole del gioco sono cambiate quando i padri hanno divorato il futuro dei loro figli. Da oggi siamo tutti figli. Siamo tutti luci al neon e campi da arare. Siamo tutti Marina Bellezza.

Marina bellezza

Avallone Silvia

IL RITRATTO DEL DIAVOLO

Barrili Anton Giulio