Saggi

Il testo e la figura del paroliere

Pozzati Simone

Descrizione: In questo libro, quasi un saggio, non troverete nessuna formula segreta. Questo manuale non vuole essere un pretenzioso codice fatto di regole, né tanto meno un vademecum o un prontuario di idee. Piuttosto, in questa raccolta si può riflettere e ragionare sulla struttura e sulla morfologia della parte letteraria nelle canzoni di musica leggera. Sul suo modello generale, sulle caratteristiche principali e su alcuni spunti di sviluppo e scrittura. Vedremo quindi i canoni architettonici di questa particolare forma di narrazione chiamata canzone. Una parte è dedicata all'importanza delle figure retoriche, in un parallelismo tra il racconto e la canzone. Si trattano temi come struttura, metrica, poetica, stile e originalità. Si analizza dal punto di vista comunicativo il messaggio. Ci si sofferma brevemente sull'importanza dell'alfabeto, del valore archetipico di immagini evocative. L'ultima parte contiene una serie di consigli di scrittura creativa e nelle pagine conclusive compare un glossario della canzone contenente la terminologia più usata dagli autori, e un altro piccolo glossario su alcuni degli elementi narrativi trattati. L'intento di "Il testo e la figura del paroliere" è dunque di stimolare coloro i quali si approcciano per la prima volta al testo di una canzone, semplificando l'orientamento e mettendone in luce gli aspetti più importanti. Ma l'obiettivo è anche di generare riflessioni sulla funzione e sul ruolo della canzone di musica leggera nella società.

Categoria: Saggi

Editore: Arcana

Collana: Musica

Anno: 2019

ISBN: 9788862316613

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

In premessa Simone Pozzati  definisce “un manuale” la sua ultima opera, intitolata  Il testo e la figura del paroliere.  Ed è così che essa appare al lettore: un testo tecnico, che affronta con metodo scientifico la funzione del testo e la figura di chi compone il testo di una canzone.

Così, nella prima parte vengono analizzate Struttura e funzione della canzone.
Si parte dall’interrelazione tra testo, base musicale e melodia. Come rappresentarla? In una piramide che veda alla sua sommità il testo (ovvero la melodia) o piuttosto come insiemi booleani in intersezione?
Già in questa sezione Simone Pozzati illustra la funzione del testo della canzone come racconto, dialogo o rappresentazione di scena, prima di proporre alcuni paradigmi della struttura di una canzone.

Ma è nella seconda parte (Le idee prima testo) che emerge con potenza il significato del sottotitolo (Canzoni come teorie: la falsificabilità e le idee dietro le canzoni): l’autore ricorre ai concetti di inconscio personale e inconscio collettivo di Jung (“L’inconscio personale consiste soprattutto di complessi, il contenuto dell’inconscio collettivo, invece, è formato essenzialmente da archetipi”), alla figura del Cerchio ermetico di Hermann Hesse (“Nulla accade mai per caso, qui arrivano soltanto gli ospiti giusti. Questo è il Cerchio Ermetico…” “Per noi faranno parte del cerchio tutti quegli ascoltatori dotati di una sensibilità capace di captare a pieno il nostro messaggio”) e alla teoria epistemologica di Popper (“Canzone come teoria da falsificare. In questa ottica popperiana si può rivedere la struttura canzone…”) per elaborare una tesi originale: da un lato si fornisce uno strumento interpretativo per “leggere” in modo critico e cosciente le canzoni nel panorama musicale – individuando le ragioni del loro successo -, dall’altro vengono suggeriti spunti creativi a chi volesse coltivare l’arte della composizione testuale.

Disseminate qua e là troviamo immagini affascinanti (“Il testo deve essere un’onda marina che si alza e si abbassa fino a infrangersi sulla riva del finale. D’altronde la musica è composta da onde”) e inni all’originalità artistica (“Il paroliere è lo sciamano delle parole e dei suoni a esse connesse. A lui tocca l’arduo compito di fissare nuoce immagini ed emozioni per l’ascoltatore”).

Le “Pillole di scrittura”, delle quali riportiamo un breve stralcio, sono un tributo alla cultura:

  • L’ispirazione non esiste. Esistono solo momenti più redditizi e fecondi
  • Leggi i poeti romantici e tutta la letteratura che ti capita sottomano…
  • Studia le figure retoriche. Se non ne hai voglia, almeno leggi libri di poesia
  • Viaggia se puoi con tutti i mezzi che hai a disposizione
  • Evita i luoghi comuni, gli sterotipi, i qualunquismi…
  • Attingi agli archetipi…

L’analisi dei topoi letterari (Essere, Vita, Morte, tempo, Sogno, realtà, Amore, Sesso, Musica, Donna, Misoginia, Amicizia, Nemesi, Violenza, Spleen, Viaggio, Fortuna-Fato-Destino, Agnizione) si concretizza in una colorita rassegna di canzoni che dimostrano lo stretto legame tra idee e rappresentazione musicale delle stesse.

La terza parte fornisce Spunti per esercizi e approfondimenti e materializza alcuni consigli per tramutare spaccati di vita vissuta – una passeggiata, le frasi rubate, l’ascolto degli altri in un bar, il trovarsi in una stanza chiusa o in un luogo aperto, il porsi le domande – in afflato creativo. Senza rinunciare al principio di razionalità, che deve comunque governare anche la più libera delle espressioni artistiche: ”Essere Joyce pur pensando a Kafka. Flusso di coscienza sì, va bene, ma con un occhio alle metamorfosi di Kafka, Intendo dire che può andare bene vomitare sul foglio sensazioni al limite dello sconclusionato… ma non sarebbe male unire a questo processo di ruota libera un punto di vista ben preciso…

Simone Pozzati, forte delle intense esperienze sia di paroliere sia di scrittore, regala ai suoi lettori e a parolieri aspiranti e/o navigati un’imperdibile occasione di approfondimento e di conoscenza per meglio librarsi sulle ali della fantasia musicale.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simone

Pozzati

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pozzati Simone


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'amica geniale comincia seguendo le due protagoniste bambine, e poi adolescenti, tra le quinte di un rione miserabile della periferia napoletana, tra una folla di personaggi minori accompagnati lungo il loro percorso con attenta assiduità. L'autrice scava intanto nella natura complessa dell'amicizia tra due bambine, tra due ragazzine, tra due donne, seguendo passo passo la loro crescita individuale, il modo di influenzarsi reciprocamente, i buoni e i cattivi sentimenti che nutrono nei decenni un rapporto vero, robusto. Narra poi gli effetti dei cambiamenti che investono il rione, Napoli, l'Italia, in più di un cinquantennio, trasformando le amiche e il loro legame. E tutto ciò precipita nella pagina con l'andamento delle grandi narrazioni popolari, dense e insieme veloci, profonde e lievi, rovesciando di continuo situazioni, svelando fondi segreti dei personaggi, sommando evento a evento senza tregua, ma con la profondità e la potenza di voce a cui l'autrice ci ha abituati... Non vogliamo dirvi altro per non guastare il piacere della lettura. Torniamo invece all'inizio. Dicevamo che L'amica geniale appartiene a quel genere di libro che si vorrebbe non finisse mai. E infatti non finisce. O, per dire meglio, porta compiutamente a termine in questo primo romanzo la narrazione dell'infanzia e dell'adolescenza di Lila e di Elena, ma ci lascia sulla soglia di nuovi grandi mutamenti che stanno per sconvolgere le loro vite e il loro intensissimo rapporto. Altri romanzi arriveranno nel giro di pochi mesi, per raccontarci la giovinezza, la maturità, la vecchiaia incipiente delle due amiche.

L’AMICA GENIALE

Ferrante Elena

L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina la storia di Lou, una giovane donna che vede il corso della propria vita assurdamente deviato e stravolto allorché s'imbatte per caso in un evento molto più grande di lei. Una straordinaria prova di immaginazione letteraria a partire da un fatto realmente accaduto. Coinvolta per caso in una famosa vicenda di cronaca nera, la giovane Lou si allontana velocemente dalla scena dell'incidente. Per lei all'inizio non sembrano profilarsi conseguenze gravi. Pure quando all'indomani la notizia esplode su TV e giornali per via delle vittime illustri, Lou non si sente responsabile e nessun testimone l'ha vista. Poco alla volta però i sensi di colpa l'assalgono e teme di essere rintracciata, denunciata, data in pasto alla voracità dei media, arrestata. La sua vita precipita inesorabilmente in un gorgo di paure, sospetti e rimorsi. Con un ritmo magistrale, una tensione che toglie il fiato, Laurence Cossé riesce a calare il lettore nei panni di una donna che si sente braccata e che deve quindi trasformare in maniera radicale la propria vita fino ad allora tranquilla e appagata. L'autrice della Libreria del buon romanzo immagina con un'efficacia stupefacente il destino di una persona coinvolta in un "grande evento della Storia", ma che la Storia stessa, la cronaca e la polizia non sono riuscite mai a identificare.

L’incidente

Cossé Laurence

"Quelli che leggono i miei romanzi potrebbero chiedersi come può una donna, che nella sua vita non è mai stata nemmeno corteggiata e che non ha mai provato la meravigliosa sintonia di anima e corpo che unisce due persone, pretendere di scrivere sull'amore. La mia risposta è che una mente astuta e un occhio attento, uniti a una fervida immaginazione, possono creare qualsiasi tipo di illusione letteraria. La verità è che ho conosciuto un uomo che mi ha fatto provare realmente le profonde emozioni che descrivevo nei miei libri, che ha risvegliato la mia anima, da lungo tempo ormai sopita. Di quest'uomo non ho mai potuto parlare, ho dovuto relegare il mio amore per lui in un angolo nascosto del mio cuore e bandirlo per sempre. Io, però, non l'ho dimenticato." E se la vita di Jane Austen non fosse stata esattamente come ce l'hanno raccontata? Se dietro ai personaggi indimenticabili di Mr. Darcy, Willoughby ed Edward Ferrars si nascondesse un uomo reale? C'è un solo scritto che riporta questa storia mai dimenticata, per Jane fu il più intimo, il più vero: il suo diario.

IL DIARIO PERDUTO DI JANE AUSTEN

James Syrie

Profondamente turbata dagli oscuri segreti del giovane e inquieto imprenditore Christian Grey, Anastasia Steele ha messo fine alla loro relazione e ha deciso di iniziare un nuovo lavoro in una casa editrice. Ma l'irresistibile attrazione per Grey domina ancora ogni suo pensiero e quando lui le propone di rivedersi, lei non riesce a dire di no. Pur di non perderla, Christian è disposto a ridefinire i termini del loro accordo e a svelarle qualcosa in più di sé, rendendo così il loro rapporto ancora più profondo e coinvolgente. Quando finalmente tutto sembra andare per il meglio, i fantasmi del passato si materializzano prepotentemente e Ana si trova a dover fare i conti con due donne che hanno avuto un ruolo importante nella vita di Christian. Di nuovo, il loro rapporto è minacciato e a questo punto Ana deve affrontare la decisione più importante della sua vita, e può prenderla soltanto lei... Questo è il secondo attesissimo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo.

Cinquanta sfumature di nero

James E. L.