Narrativa

IL TIZIO DELLA TOMBA ACCANTO

Mazetti Katarina

Descrizione: Desirée si reca regolarmente alla tomba del marito, che ha avuto il cattivo gusto di morire troppo giovane. Bibliotecaria e cittadina, vive in un appartamento tutto bianco, con mobili di design, pieno di libri. Al cimitero incontra spesso un tipo che si prende cura della tomba accanto, realizzata con cattivo gusto, piena di angeli e decorazioni in marmo e circondata da una vegetazione strabordante. Il tipo si chiama Benny, il quale, dopo la morte della madre, vive solo nella fattoria di famiglia con ventiquattro mucche da latte e cerca di cavarsela come può, aiutato dal buonsenso paesano e da una gran dose di autoironia. Ogni volta che la incontra, è esasperato dalla vicina di cimitero, con quel berretto di feltro in testa e il piccolo taccuino di poesie sempre dietro. Un giorno però, un sorriso appare contemporaneamente sulle loro labbra, lasciandoli piuttosto turbati. È solo l’inizio di una passione bizzarra e sfrenata… Con romanticismo e humour, questo romanzo d’amore affronta una questione molto seria: cosa succede quando due culture completamente diverse si incontrano?

Categoria: Narrativa

Editore: Elliot

Collana: Scatti

Anno: 2010

ISBN: 9788861922037

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni


Dalla Svezia non arrivano solo gialli e thriller in questo 2011.

Il libro di Katarina Mazetti è una piacevole scoperta e racconta una storia d’amore realistica e sincera. Il titolo, di per sé, incuriosisce, e la lettura non delude. La vicenda scorre veloce, fa sorridere e regala un epilogo possibile e speranzoso. Difficile parlare di sentimenti senza cadere nel romanzetto rosa, nell’ovvio oppure, peggio ancora, nell’originale a tutti i costi dove la realtà rischia di sfuggire di mano. La storia è molto semplice, in fondo: due trentenni si incontrano al cimitero, congiunti dal caso per la vicinanza delle tombe del marito e della madre. Uno “shock culturale”, come lo definisce Desiree, la protagonista femminile, attraversa e vivacizza tutto: bibliotecaria “slavata” e colta lei, “silvicoltore” che puzza di stalla con i capelli “da troll” lui. Due universi paralleli, destinati forse a non incontrarsi, ma tra i quali scocca la famosa scintilla. Divertente leggere a due voci la scoperta progressiva delle differenze incolmabili, presentate senza censura o tentativi di edulcorazione dall’autrice, che sembra condurre la storia d’amore verso un’inevitabile e poco fiabesca fine. Ma il finale accontenta un po’ tutte le aspettative, senza risultare banale eppure concedendo una visione che riporta l’amore in primo piano. L’amore può davvero far superare le differenze? Avverto che il libro lascia il quesito aperto, ma ci accompagna nella riflessione senza tralasciare una sempre apprezzabile vena umoristica. Un romanzo per tutti e per tutte le età (ma forse i troppo giovani non comprenderanno fino in fondo quali profonde verità si celino dietro gli aspetti più divertenti del romanzo, salvo che, malauguratamente, abbiano già perso il romanticismo assoluto dell’adolescenza).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Katarina

Mazetti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Mazetti Katarina

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda

Montag fa il pompiere in un mondo dove gli incendi, anziché essere spenti, vengono appiccati. Armati di lunghi lanciafiamme, i militi irrompono nelle case dei sovversivi che conservano libri o altra carta stampata e li bruciano: così vuole la legge. Ma Montag non è felice della sua esistenza alienata, fra giganteschi schermi televisivi e slogan, con una moglie indifferente e passiva e un lavoro che svolge per pura e semplice routine. Finché un giorno, dall'incontro con una donna sconosciuta, nasce un sentimento impensabile, e per Montag il pompiere inizia la scoperta di un mondo diverso da quello in cui è sempre vissuto, un universo di luce non ancora offuscato dalle tenebre della società tecnologica imperante. Scritto nel lontano 1953, Fahrenheit 451, romanzo prediletto di artisti del calibro di Aldous Huxley e Francois Truffaut, attesta ancora oggi Bradbury tra i massimi scrittori di fantascienza di tutti i tempi.

FAHRENHEIT 451

Bradbury Ray

Un uomo e un bambino, padre e figlio, senza nome. Spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo una strada americana. La fine del viaggio è invisibile. Circa dieci anni prima il mondo è stato distrutto da un'apocalisse nucleare che lo ha trasformato in un luogo buio, freddo, senza vita, abitato da bande di disperati e predoni. Non c'è storia e non c'è futuro. Mentre i due cercano invano più calore spostandosi verso sud, il padre racconta la propria vita al figlio. Ricorda la moglie (che decise di suicidarsi piuttosto che cadere vittima degli orrori successivi all'olocausto nucleare) e la nascita del bambino, avvenuta proprio durante la guerra. Tutti i loro averi sono nel carrello, il cibo è poco e devono periodicamente avventurarsi tra le macerie a cercare qualcosa da mangiare. Visitano la casa d'infanzia del padre ed esplorano un supermarket abbandonato in cui il figlio beve per la prima volta un lattina di cola. Quando incrociano una carovana di predoni l'uomo è costretto a ucciderne uno che aveva attentato alla vita del bambino. Dopo molte tribolazioni arrivano al mare; ma è ormai una distesa d'acqua grigia, senza neppure l'odore salmastro, e la temperatura non è affatto più mite. Raccolgono qualche oggetto da una nave abbandonata e continuano il viaggio verso sud, verso una salvezza possibile...

La strada

McCarthy Cormac

Andalusia nella poesia