Romanzo storico

Il traditore di Versailles

Delalande Arnaud

Descrizione: Versailles, 1774. Giocatore d'azzardo, spadaccino ed ex spia del Doge di Venezia, Pietro Viravolta ha abbandonato la Serenissima per entrare nel Segreto del Re, una rete d'informatori al servizio di Luigi XV. Perciò non è sorpreso quando il duca d'Aiguillon, ministro della corona, lo convoca d'urgenza a corte per far luce sul brutale omicidio di una giovane donna. Tuttavia non può immaginare ciò che l'assassino ha lasciato accanto al cadavere: un'elegante edizione delle opere di La Fontaine e una pergamena, sulla quale sono stati vergati col sangue i titoli di dieci favole e una firma, "il Favolista". Il messaggio è chiaro: qualcuno si appresta a compiere una serie di omicidi, inscenando macabre rappresentazioni delle opere del celebre autore. E c'è un altro dettaglio, ancora più sconcertante: quattro anni prima, lo stesso Viravolta aveva ucciso un agitatore politico che si faceva chiamare il Favolista... In bilico tra lo sfarzo abbagliante di Versailles e gli oscuri meandri di una nobiltà inquieta, la spia veneziana verrà risucchiata in un vortice di tradimenti, inganni e morti efferate, un vortice che potrebbe cambiare il destino del regno di Francia...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2010

ISBN: 9788842916628

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Il traditore di Versailles è un thriller storico che, per gli amanti del genere, non sarà certamente una delusione. Ambientato nella Francia di fine XVIII secolo, vede come protagonista Pietro Viravolta, un abile spadaccino veneziano conosciuto con l’appellativo di “Orchidea Nera”, che dopo aver acquistato gloria come spia del Doge, si trasferisce alla corte di Luigi XV, offrendo al sovrano i propri servigi.

Viravolta entra a far parte del Segreto, un gruppo di agenti al servizio del re; un po’ una versione settecentesca dei moderni servizi segreti.

Un delitto viene compiuto a Versailles. Il corpo mutilato di una donna viene trovato nella Galleria degli Specchi. Vicino al corpo alcune favole di La Fontaine ed una sfida per Viravolta. Il delitto è firmato dal Favolista, un personaggio ritenuto morto (ucciso proprio da Viravolta), che aveva attentato alla vita di Maria Antonietta, la Delfina di Francia. Il Duca D’Aiguillon convoca immediatamente l’Orchidea Nera, affidandogli il compito di risolvere questa situazione, complicata ulteriormente dall’uccisione di alcuni agenti del Segreto sempre ad opera del Favolista.

La morte del re e l’ascesa al trono di Luigi XVI, giovane ed inesperto, dà origine ad un periodo di agitazione alla corte, aggravando ulteriormente la non propriamente felice situazione del Segreto. A questo si aggiunge l’instabilità in un periodo certamente non semplice della Francia negli anni immediatamente precedenti la rivoluzione che ne sconvolgerà gli assetti di potere.

Chi è il Favolista? Qual è il significato delle favole che lascia accanto ad ogni corpo, e più importante ancora, cosa lo spinge a compiere questi atti? La storia prende un corso tutt’altro che scontato che l’autore, Arnaud Delalande, riesce abilmente a calare in questo interessante periodo storico. Un misto tra thriller e spy story, con tanto di aggeggi tecnologici (quantomeno per l’epoca) che l’addetto alle ricerche scientifiche della corte consegna a Viravolta, come nei migliori film di James Bond.

L’autore ambienta gran parte della storia nella reggia di Versailles e nei giardini che la circondano; un’ambientazione frutto di numerose ricerche compiute da Delalande, che appassiona il lettore in un ben riuscito romanzo di cappa e spada.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arnaud

Delalande

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delalande Arnaud


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli. Con un saggio di Dante Isella.

Il partigiano Johnny

Fenoglio Beppe

Un vampiro si aggira per Barcellona, accesa da bombardamenti e sparatorie; lui sta bene nei luoghi dove infuria la violenza, perché può andare a caccia con più comodità. Succhia il sangue dal collo di un bambino, di un sacerdote; uccide a morsi i maiali di un convento clandestino. È superba la quiete tra le mura altissime di questo convento di clausura, che nasconde ventisette monachelle e il vescovo di Barcellona dalla furia anticlericale che impazza là fuori. Suor Concezione ha tredici anni, è una tenera novizia; quando intona il Requiem di Fauré, scende una lacrima a tutta la comunità. Non è solo la forza del suo canto: lei si diverte a riscrivere la musica. Ma quando il vescovo le chiede di comporre da zero uno Stabat mater, suor Concezione trema, non sa da che parte cominciare. E che ripugnanza le ispirano le mani del vescovo, simili a lunghe radici nodose, e il suo alito di vecchio, gli occhi spiritati. Il commissario Muñoz non vuole più dormire, nel sonno gli appare un cane nero che ha il volto di sua madre. La realtà è anche peggio: un bambino e un sacerdote sgozzati per la strada, maiali squartati a morsi in un convento, come se non bastassero i caduti di quella guerra fratricida; e intorno a sé vede solo servi o traditori. Il commissario Muñoz però un amico ce l'ha. Gli soffia il fumo in faccia, a volte è troppo disinvolto, ma lo mette davanti alla bellezza della vita, alla sua giustizia impenetrabile, alla sua energia mostruosa.

FATTO DI SANGUE

Alzamora Sebastià

Le madri atroci

Dazieri Sandrone

Carolina, una ragazza nel tunnel della droga, e Giorgio, suo padre, editor di una piccola casa editrice romana. Un centro di recupero dal quale la figlia è uscita senza una vera guarigione. La vita che ricomincia come prima, attirata a ogni passo nei vicoli della dipendenza, verso un destino cui niente e nessuno sembra potersi opporre. Solo, impotente, smarrito, Giorgio tenta ogni strada per salvare sua figlia, e in ogni strada, dissestata, sconnessa da una crescente follia, la sua solitudine si fa più profonda, il suo smarrimento più vasto, la sua impotenza più fatale. Cerca rifugio nella fede, e una via di salvezza comincia ad affacciarsi, un'idea di fede oscura, un patto col diavolo...

Sacrificio

Carraro Andrea