Romanzo storico

Il traditore di Versailles

Delalande Arnaud

Descrizione: Versailles, 1774. Giocatore d'azzardo, spadaccino ed ex spia del Doge di Venezia, Pietro Viravolta ha abbandonato la Serenissima per entrare nel Segreto del Re, una rete d'informatori al servizio di Luigi XV. Perciò non è sorpreso quando il duca d'Aiguillon, ministro della corona, lo convoca d'urgenza a corte per far luce sul brutale omicidio di una giovane donna. Tuttavia non può immaginare ciò che l'assassino ha lasciato accanto al cadavere: un'elegante edizione delle opere di La Fontaine e una pergamena, sulla quale sono stati vergati col sangue i titoli di dieci favole e una firma, "il Favolista". Il messaggio è chiaro: qualcuno si appresta a compiere una serie di omicidi, inscenando macabre rappresentazioni delle opere del celebre autore. E c'è un altro dettaglio, ancora più sconcertante: quattro anni prima, lo stesso Viravolta aveva ucciso un agitatore politico che si faceva chiamare il Favolista... In bilico tra lo sfarzo abbagliante di Versailles e gli oscuri meandri di una nobiltà inquieta, la spia veneziana verrà risucchiata in un vortice di tradimenti, inganni e morti efferate, un vortice che potrebbe cambiare il destino del regno di Francia...

Categoria: Romanzo storico

Editore: Nord

Collana: Narrativa Nord

Anno: 2010

ISBN: 9788842916628

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Il traditore di Versailles è un thriller storico che, per gli amanti del genere, non sarà certamente una delusione. Ambientato nella Francia di fine XVIII secolo, vede come protagonista Pietro Viravolta, un abile spadaccino veneziano conosciuto con l’appellativo di “Orchidea Nera”, che dopo aver acquistato gloria come spia del Doge, si trasferisce alla corte di Luigi XV, offrendo al sovrano i propri servigi.

Viravolta entra a far parte del Segreto, un gruppo di agenti al servizio del re; un po’ una versione settecentesca dei moderni servizi segreti.

Un delitto viene compiuto a Versailles. Il corpo mutilato di una donna viene trovato nella Galleria degli Specchi. Vicino al corpo alcune favole di La Fontaine ed una sfida per Viravolta. Il delitto è firmato dal Favolista, un personaggio ritenuto morto (ucciso proprio da Viravolta), che aveva attentato alla vita di Maria Antonietta, la Delfina di Francia. Il Duca D’Aiguillon convoca immediatamente l’Orchidea Nera, affidandogli il compito di risolvere questa situazione, complicata ulteriormente dall’uccisione di alcuni agenti del Segreto sempre ad opera del Favolista.

La morte del re e l’ascesa al trono di Luigi XVI, giovane ed inesperto, dà origine ad un periodo di agitazione alla corte, aggravando ulteriormente la non propriamente felice situazione del Segreto. A questo si aggiunge l’instabilità in un periodo certamente non semplice della Francia negli anni immediatamente precedenti la rivoluzione che ne sconvolgerà gli assetti di potere.

Chi è il Favolista? Qual è il significato delle favole che lascia accanto ad ogni corpo, e più importante ancora, cosa lo spinge a compiere questi atti? La storia prende un corso tutt’altro che scontato che l’autore, Arnaud Delalande, riesce abilmente a calare in questo interessante periodo storico. Un misto tra thriller e spy story, con tanto di aggeggi tecnologici (quantomeno per l’epoca) che l’addetto alle ricerche scientifiche della corte consegna a Viravolta, come nei migliori film di James Bond.

L’autore ambienta gran parte della storia nella reggia di Versailles e nei giardini che la circondano; un’ambientazione frutto di numerose ricerche compiute da Delalande, che appassiona il lettore in un ben riuscito romanzo di cappa e spada.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Arnaud

Delalande

Libri dallo stesso autore

Intervista a Delalande Arnaud


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO

Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Antigone

Sofocle

C'è un patrimonio di inestimabile valore nascosto in una lussuosissima villa di Hollywood Heights. Si tratta di una collezione di vini tra i più pregiati e preziosi che si possano trovare sul mercato: Lafite Rothschild, Latour, Margaux, Figeac, Pétrus.Ogni bottiglia vale migliaia di dollari e Danny Roth, un ricco avvocato, le conserva gelosamente lontano da occhi indiscreti. Ma un giorno commette un errore e accetta di parlare dei suoi favolosi esemplari al «Los Angeles Times» per la pagina di enologia. Un peccato di vanità fatale, perché durante la notte di Capodanno qualcuno fa irruzione nella villa e i vini vengono rubati. Per indagare sul furto viene assoldato Sam Leavitt, un investigatore privato dal passato oscuro e rocambolesco: prima ladro-gentiluomo, poi avvocato. Sam è l'unico in grado di risolvere velocemente questa spinosa questione, proprio grazie ai suoi trascorsi non limpidissimi. Per localizzare una refurtiva così preziosa le prime ore sono fondamentali. Ecco perché Sam non perde tempo e inizia subito un viaggio che dai filari di viti della Califomia lo porta fino nei vigneti baciati dal caldo sole del Sud della Francia, a Bordeaux, la capitale mondiale del vino. Qui, aiutato dalla bellissima e misteriosa esperta di vini Sophie Costes, si mette sulle tracce di un ricco collezionista di Marsiglia, Monsieur Reboul. È solo un caso che l'uomo l'anno prima abbia tentato di comprare parecchi dei vini scomparsi? Per scoprirlo Sam e Sophie dovranno addentrarsi nei bui corridoi della cantina di Reboul, anche usando mezzi non del tutto leciti...

IL COLLEZIONISTA DI MARSIGLIA

Mayle Peter

Novemila giorni e una sola notte

Brockmole Jessica