Romanzo storico

Il vampiro

Holland Tom

Descrizione: Lord Byron nasconde un segreto immortale. Quando una sua discendente cercherà di rintracciare le memorie del famoso poeta si troverà di fronte una realtà incredibile: Lord Byron non è morto ed è un vampiro. Un romanzo tra storia e leggenda.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Tre Editori

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788886755597

Recensito da Diego Manzetti

Le Vostre recensioni

Pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1995 con il titolo “The Vampyre: Being the True Pilgrimage of George Gordon, Sixth Lord Byron”, “Il Vampiro” ci presenta una versione romanzata e fantastica della vita di Lord Byron.
Tom Holland ricostruisce la vita di Byron basandosi sulla sua fama di “poeta maledetto”, appellativo che l’autore si era conquistato per via della sua eccessiva dissolutezza. Nel romanzo Byron assume le vesti di un vampiro, anzi del più potente dei vampiri, che narra la propria storia sin da prima che avvenisse la trasformazione durante un viaggio in Grecia.
Holland è abile nell’intrecciare una storia fantastica con la vita di Lord Byron, “giustificando” il suo carattere misterioso proprio con la sua natura di vampiro.

In realtà, l’accostamento tra la figura di Lord Byron e i vampiri è ben più risalente del libro di Tom Holland. Già nel 1818, il medico di Lord Byron, John Polidori, pubblicò “Il Vampiro”, un romanzo che per la prima volta introdusse l’immagine del vampiro che poi andò affermandosi negli anni.

Pare che “Il Vampiro” di Polidori, inizialmente attribuito allo stesso Byron, abbia visto la luce in una serata estiva del 1816, durante la quale lo scrittore Percy Bysshe Shelley, la sua compagna Mary Wollstonecraft e la sorellastra di quest’ultima, Claire Clairmont (con la quale Byron aveva avuto un flirt), furono ospiti di Lord Byron, insieme a Polidori, presso la Villa Diodati, sul lago di Ginevra.

In questa occasione, Byron propose ai suoi ospiti una sfida, consistente nello scrivere un racconto di paura da leggere durante la piovosa serata. Questa sarebbe l’origine del “Vampiro” di Polidori, così come quella del Frankestein di Mary Shelley.

L’aneddoto è riportato fedelmente da Tom Holland nel suo romanzo, dove Polidori è descritto come un personaggio brillante nell’arte medica, ma estremamente invidioso di Byron e del suo successo come scrittore, oltre che forse geloso della passione di quest’ultimo per Percy Bysshe Shelley.

Ed è proprio Shelley che Lord Byron vuole come suo compagno, condividendo con lui un’esistenza altrimenti solitaria, caratterizzata dalla maledizione di una vita di eterni omicidi e dissanguamenti.

Ogni altro evento della vita di Lord Byron è narrato dall’autore in modo da conferirgli un diverso significato. La morte della figlia Allegra, avuta con Claire Clairmont (la sorella di Mary Wollstonecraft), la visita al campo di Waterloo dove Napoleone ha di recente combattuto la famosa battaglia, il lungo soggiorno a Venezia ed anche la morte dello scrittore a Missolongi, in Grecia, nel 1824; tutti questi eventi, così come tanti altri, sono dall’autore connessi indissolubilmente alla vera natura di Lord Byron.

Il grande successo di Tom Holland, pubblicato in Italia dalla Tre Editori di Roma, appassiona il lettore in una storia di vampiri ben diversa da quelle cui siamo abituati. Una storia di malvagità ma, allo stesso tempo, di umanità, che a tratti tenta di emergere e che è calata in un contesto storico ben descritto dall’autore. Consigliato!!

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Tom

Holland

Libri dallo stesso autore

Intervista a Holland Tom


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Tom Smith e Jerry Wesson si incontrano davanti alle cascate del Niagara nel 1902. Nei loro nomi e nei loro cognomi c’è il destino di un’impresa da vivere. E l’impresa arriva insieme a Rachel, una giovanissima giornalista che vuole una storia memorabile, e che, quella storia, sa di poterla scrivere. Ha bisogno di una prodezza da raccontare, e prima di raccontarla è pronta a viverla. Per questo ci vogliono Smith e Wesson, la coppia più sgangherata di truffatori e di falliti che Rachel può legare al suo carro di immaginazione e di avventura. Ci vuole anche una botte, una botte per la birra, in cui entrare e poi farsi trascinare dalla corrente. Nessuno lo ha mai fatto. Nessuno è sceso giù dalle cascate del Niagara dentro una botte di birra. È il 21 giugno 1902. Nessuno potrà mai più dimenticare il nome di Rachel Green? E sarà veramente lei a raccontarla quella storia?

Smith & Wesson

Baricco Alessandro

Luke è un ragazzo brillante e simpatico, ma è costretto a vivere chiuso in casa da quando è nato, perché è allergico alla luce del sole. Le sue uniche finestre sul mondo sono la TV, internet e le visite serali di Julie, la sua migliore amica. Luke, però, ha deciso che deve guarire e trovare una cura per la sua malattia, costi quel che costi. E quando un guru gli assicura che può risolvere il suo problema e lo invita a raggiungerlo in Galles, il ragazzo non ha più scuse per tirarsi indietro: dovrà uscire dalla sua stanza e fare i conti con il mondo esterno. A bordo di un furgoncino Volkswagen e in compagnia di Julie e altri quattro amici - Charlotte, David, Leanne e Chantel - Luke si mette in viaggio sulle stradine della campagna inglese, fasciato in un.improvvisata tuta spaziale, per proteggersi dal sole. Sotto un terribile nubifragio e con la loro vecchia vita finalmente alle spalle, Julie e Luke si lanciano in un'incredibile avventura che li cambierà per sempre.

IL GIRO PIU’ PAZZO DEL MONDO

Thomas Scarlett

Ernesto Cervicati si è sempre occupato di zia Antonia. L'ha tenuta in casa finché lei - ormai anziana - non ha preferito trasferirsi nella Casa di Riposo di Bellano, un po' per non gravare troppo sul nipote, un po' per pudore. Antonio, fratello di Ernesto, della zia non ne ha mai voluto sapere, impegnato com'è con sua moglie Augusta, vogliosa e ossigenata. Finché un giorno Antonio non decide che è venuto il momento di occuparsi dell'anziana parente. Certo, non è ricca, ma si può sempre sperare in qualche briciola di eredità...

ZIA ANTONIA SAPEVA DI MENTA

Vitali Andrea

Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. È attraverso il loro linguaggio che Victoria comunica le sue emozioni più profonde. La lavanda per la diffidenza, il cardo per la misantropia, la rosa bianca per la solitudine. Perché Victoria non ha avuto una vita facile. Abbandonata in culla, ha passato l'infanzia saltando da una famiglia adottiva a un'altra. Fino all'incontro, drammatico e sconvolgente, con Elizabeth, l'unica vera madre che abbia mai avuto, la donna che le ha insegnato il linguaggio segreto dei fiori. E adesso, è proprio grazie a questo magico dono che Victoria ha preso in mano la sua vita: ha diciotto anni ormai, e lavora come fioraia. I suoi fiori sono tra i più richiesti della città, regalano la felicità e curano l'anima. Ma Victoria non ha ancora trovato il fiore in grado di rimarginare la sua ferita. Perché il suo cuore si porta dietro una colpa segreta. L'unico capace di estirparla è Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei. Solo lui può levare quel peso dal cuore di Victoria, come spine strappate a uno stelo. Solo lui può prendersi cura delle sue radici invisibili. Solo così il cuore più acerbo della rosa bianca può diventare rosso di passione.

IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI FIORI

Diffenbaugh Vanessa