Narrativa

IL VANGELO SECONDO GESU’ CRISTO

Saramago José

Descrizione: A differenza dei vangeli che conosciamo, quello di Saramago svela sentimenti e intimità del personaggio, in una dimensione umana e a noi vicina. Gesù nasce da donna e dunque reca in sé debolezza, amore, sensualità. Gesù è un bambino scapestrato, un fanciullo della sua età, e un adolescente insicuro come tutti gli altri. Tuttavia, egli è anche creatura divina, generata da Dio, e in quanto tale subisce tutto il mistero e lo sconcerto di una lontananza incolmabile. Gesù vaga, vive nel deserto, apprende l'arte dei pastori, abbandona la famiglia e impara dal "Nemico di Dio" a crescere conoscendo il significato del dolore, della rinuncia, della sofferenza.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Scrittori

Anno: 2005

ISBN: 9788806174453

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Il figlio dell’uomo seppellirà l’uomo, ma egli stesso rimarrà insepolto“.

Protagonista di questo Vangelo non è Dio, ma l’uomo, nella sua fragilità, inconsistenza, povertà e debolezza. L’uomo Gesù, figlio di Dio, ma nato da una donna e da un uomo, attraverso un amore carnale.

Gesù, figlio di Maria e Giuseppe, che suo malgrado scopre di essere figlio di Dio, un Dio malvagio, disposto a tutto pur di ottenere potere e gloria, anche di sacrificare il proprio figlio sulla croce, e di generare secoli di violenza in nome suo.

Il romanzo narra la storia conosciuta della vita di Gesù dalla nascita alla morte, ponendo l’attenzione sulla figura del Profeta, un giovane inesperto della vita, del tutto uguale agli altri uomini, che attraverso la vita stessa impara a crescere, fino a diventare portatore di un pensiero nuovo, rivoluzionario.
Moltissimi sono i temi che Saramago tocca, con sagace intelligenza, attraverso una scrittura densa e fluida, tipica dello stile dell’autore, che ben rende il flusso di pensieri e di azioni che spesso si mescolano e si confondono nel processo di conoscenza della vita del Profeta.

Gesù soffre per la morte del padre Giuseppe, figura centrale nella vita del giovane, dal quale erediterà il senso di colpa per aver amato troppo il proprio figlio, dimenticando i figli degli altri nella strage di Erode. La colpa, che vive attraverso il sogno notturno, si ammanta di poesia e di pietà tra le pieghe del sonno di Gesù, attraverso la sempre maggiore consapevolezza della propria condizione di uomo e di figlio di Dio.

Attraverso l’incontro con Maria di Magdala, uno dei punti più appassionati del romanzo, Gesù allontana da sè la solitudine che fino a quel momento lo ha accompagnato, per lasciarsi andare a un sentimento condito di tenerezza e passione. A sua volta Maria di Magdala , prostituta d’alto bordo, trova in Gesù un uomo che è in grado di considerarla donna e non solo amante. L’unione avviene con naturalezza e da quel momento Maria non abbandonerà più Gesù e lo seguirà fin sotto la croce, soffrendo per la sua morte molto più profondamente di quanto farà la stessa madre di Gesù.
Il Profeta vive la sua intera vita nel tentativo di ribellarsi a Dio, che si mostra a lui spesso in compagnia del Diavolo, suo alter ego, in una visione speculare tra bene e male, fino a quando, ormai appeso alla croce, prende atto della propria impossibilità a sottrarsi alla volontà del Padre, burattinaio crudele e implacabile, e rassegnato urla disperato agli uomini:

Perdonatelo, perché non sa quello che fa“.

Con questa frase finale Saramago ribalta completamente la versione canonica della morte di Gesù, restituendo agli uomini la possibilità di dare il perdono e togliendo a Dio ogni tensione verso il Bene dell’umanità.

Il romanzo, pubblicato nel 1991, scatenò forti critiche da parte della Chiesa portoghese, tanto da indurre lo scrittore a lasciare il paese per vivere alla Canarie.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

José

Saramago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saramago José


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina. Nei suoi polmoni ci sono tracce d'acqua dolce e sapone: qualcuno l'ha annegata in una vasca da bagno prima di gettarla in mare. Mentre Erica, mamma da poche settimane, è completamente assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini. Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare. Al terzo romanzo della sua serie pubblicata in trentadue paesi, Camilla Làckberg, con occhio attento agli esseri umani e alla loro psicologia, intreccia le colpe del passato agli effetti devastanti sul presente, tracciando il ritratto lacerante di una psiche femminile sfrenata, affascinante, e mostruosa.

LO SCALPELLINO

Läckberg Camilla

IL MAESTRO E MARGHERITA – di Michail Bulgakov

Alcune storie per bambini, tra cui ve ne sono anche di inedite, di Elsa Morante raccolte da Giuseppe Pontremoli e illustrate dalla stessa autrice.

Le bellissime avventure di Caterí dalla trecciolina e altre storie

Morante Elsa

Desirée si reca regolarmente alla tomba del marito, che ha avuto il cattivo gusto di morire troppo giovane. Bibliotecaria e cittadina, vive in un appartamento tutto bianco, con mobili di design, pieno di libri. Al cimitero incontra spesso un tipo che si prende cura della tomba accanto, realizzata con cattivo gusto, piena di angeli e decorazioni in marmo e circondata da una vegetazione strabordante. Il tipo si chiama Benny, il quale, dopo la morte della madre, vive solo nella fattoria di famiglia con ventiquattro mucche da latte e cerca di cavarsela come può, aiutato dal buonsenso paesano e da una gran dose di autoironia. Ogni volta che la incontra, è esasperato dalla vicina di cimitero, con quel berretto di feltro in testa e il piccolo taccuino di poesie sempre dietro. Un giorno però, un sorriso appare contemporaneamente sulle loro labbra, lasciandoli piuttosto turbati. È solo l’inizio di una passione bizzarra e sfrenata… Con romanticismo e humour, questo romanzo d’amore affronta una questione molto seria: cosa succede quando due culture completamente diverse si incontrano?

IL TIZIO DELLA TOMBA ACCANTO

Mazetti Katarina