Narrativa

IL VANGELO SECONDO GESU’ CRISTO

Saramago José

Descrizione: A differenza dei vangeli che conosciamo, quello di Saramago svela sentimenti e intimità del personaggio, in una dimensione umana e a noi vicina. Gesù nasce da donna e dunque reca in sé debolezza, amore, sensualità. Gesù è un bambino scapestrato, un fanciullo della sua età, e un adolescente insicuro come tutti gli altri. Tuttavia, egli è anche creatura divina, generata da Dio, e in quanto tale subisce tutto il mistero e lo sconcerto di una lontananza incolmabile. Gesù vaga, vive nel deserto, apprende l'arte dei pastori, abbandona la famiglia e impara dal "Nemico di Dio" a crescere conoscendo il significato del dolore, della rinuncia, della sofferenza.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Scrittori

Anno: 2005

ISBN: 9788806174453

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Il figlio dell’uomo seppellirà l’uomo, ma egli stesso rimarrà insepolto“.

Protagonista di questo Vangelo non è Dio, ma l’uomo, nella sua fragilità, inconsistenza, povertà e debolezza. L’uomo Gesù, figlio di Dio, ma nato da una donna e da un uomo, attraverso un amore carnale.

Gesù, figlio di Maria e Giuseppe, che suo malgrado scopre di essere figlio di Dio, un Dio malvagio, disposto a tutto pur di ottenere potere e gloria, anche di sacrificare il proprio figlio sulla croce, e di generare secoli di violenza in nome suo.

Il romanzo narra la storia conosciuta della vita di Gesù dalla nascita alla morte, ponendo l’attenzione sulla figura del Profeta, un giovane inesperto della vita, del tutto uguale agli altri uomini, che attraverso la vita stessa impara a crescere, fino a diventare portatore di un pensiero nuovo, rivoluzionario.
Moltissimi sono i temi che Saramago tocca, con sagace intelligenza, attraverso una scrittura densa e fluida, tipica dello stile dell’autore, che ben rende il flusso di pensieri e di azioni che spesso si mescolano e si confondono nel processo di conoscenza della vita del Profeta.

Gesù soffre per la morte del padre Giuseppe, figura centrale nella vita del giovane, dal quale erediterà il senso di colpa per aver amato troppo il proprio figlio, dimenticando i figli degli altri nella strage di Erode. La colpa, che vive attraverso il sogno notturno, si ammanta di poesia e di pietà tra le pieghe del sonno di Gesù, attraverso la sempre maggiore consapevolezza della propria condizione di uomo e di figlio di Dio.

Attraverso l’incontro con Maria di Magdala, uno dei punti più appassionati del romanzo, Gesù allontana da sè la solitudine che fino a quel momento lo ha accompagnato, per lasciarsi andare a un sentimento condito di tenerezza e passione. A sua volta Maria di Magdala , prostituta d’alto bordo, trova in Gesù un uomo che è in grado di considerarla donna e non solo amante. L’unione avviene con naturalezza e da quel momento Maria non abbandonerà più Gesù e lo seguirà fin sotto la croce, soffrendo per la sua morte molto più profondamente di quanto farà la stessa madre di Gesù.
Il Profeta vive la sua intera vita nel tentativo di ribellarsi a Dio, che si mostra a lui spesso in compagnia del Diavolo, suo alter ego, in una visione speculare tra bene e male, fino a quando, ormai appeso alla croce, prende atto della propria impossibilità a sottrarsi alla volontà del Padre, burattinaio crudele e implacabile, e rassegnato urla disperato agli uomini:

Perdonatelo, perché non sa quello che fa“.

Con questa frase finale Saramago ribalta completamente la versione canonica della morte di Gesù, restituendo agli uomini la possibilità di dare il perdono e togliendo a Dio ogni tensione verso il Bene dell’umanità.

Il romanzo, pubblicato nel 1991, scatenò forti critiche da parte della Chiesa portoghese, tanto da indurre lo scrittore a lasciare il paese per vivere alla Canarie.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

José

Saramago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saramago José


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il corpo senza vita di Chiara viene ritrovato nel greto di un torrente che scorre tra i boschi delle dorsali lariane. La zona del ritrovamento ha uno specifico interesse archeologico: lì si trovano i "massi avelli", antiche tombe dall'origine incerta e misteriosa. E proprio in prossimità di uno di questi monumenti funerari, le piogge alluvionali hanno dissepolto uno scheletro umano. Si tratta di un reperto che consentirà di progredire negli studi storici sulle civiltà lariane o di un altro delitto? Il commissario Giordàn torna, pungolato dall'impazienza e dall'esuberanza della nipote Gabriella, in un'indagine che dovrà svolgersi tra sedute spiritiche e allusioni demoniache, con lo scopo di individuare - oltre all'omicida - le cause profonde che inducono i comportamenti criminali. Per riportare a galla, tra le sponde innevate del lago di Como e nella magica atmosfera prenatalizia, pratiche estreme e complessi di colpa che pesano più dei massi avelli.

Il mistero dei massi avelli

Un inno alla vita, tra fiction e realtà. Il romanzo più disperato e divertito di Franz Krauspenhaar, pericolosamente in bilico tra il coronarico e l’esoterico. Franco Scelsit, cinquantenne, vizioso e appassionato di bolidi anni ’60 – che compra e distrugge in furiose scorribande notturne – è convinto di essere uno scrittore dal talento incompreso. Il riconoscimento economico arriva quando, sotto pseudonimo, crea il personaggio di Stan Dolero e comincia a pubblicare thriller di bassa lega che affollano gli autogrill dell’intera Penisola. Potrebbe finalmente scappare da Milano, da una madre apprensiva e dal fratello saggio e alienato con cui vive, ma un infarto arriva a stravolgere ogni piano. Da un ospedale di periferia, Franco si trova a dover ripensare la propria vita. A fargli da spalla, un agguerrito gruppo di infartuati di diversa età ed estrazione sociale con cui instaura un rapporto di cameratismo ed accettazione della transitorietà umana. “Se la noia di vivere avesse un prezzo sarebbe quello di una mutanda di Bulgari. Bulgari non tratta mutande? Beh, per ora.”

Grandi momenti

Frank Krauspenhaar

Il primo grande romanzo di Thomas Mann racconta la storia di una famiglia tedesca dell'Ottocento che dopo anni di prosperità è esposta a una tragica decadenza: le basi di un patrimonio e di una potenza che sembravano incrollabili sono sgretolate da una forza ostinata e segreta. Opera di ispirazione autobiografica, questo romanzo, capolavoro della letteratura europea, esprime compiutamente la concezione estetica e politica dello scrittore tedesco, il suo rimpianto per una mitica e solida. borghesia, la coscienza della crisi di un mondo e di valori destinati inesorabilmente a scomparire.

I Buddenbrook

Mann Thomas

Croce rossa

Puliafito Alberto