Narrativa

IL VANGELO SECONDO GESU’ CRISTO

Saramago José

Descrizione: A differenza dei vangeli che conosciamo, quello di Saramago svela sentimenti e intimità del personaggio, in una dimensione umana e a noi vicina. Gesù nasce da donna e dunque reca in sé debolezza, amore, sensualità. Gesù è un bambino scapestrato, un fanciullo della sua età, e un adolescente insicuro come tutti gli altri. Tuttavia, egli è anche creatura divina, generata da Dio, e in quanto tale subisce tutto il mistero e lo sconcerto di una lontananza incolmabile. Gesù vaga, vive nel deserto, apprende l'arte dei pastori, abbandona la famiglia e impara dal "Nemico di Dio" a crescere conoscendo il significato del dolore, della rinuncia, della sofferenza.

Categoria: Narrativa

Editore: Einaudi

Collana: Tascabili Scrittori

Anno: 2005

ISBN: 9788806174453

Recensito da Ivana Bagnardi

Le Vostre recensioni

Il figlio dell’uomo seppellirà l’uomo, ma egli stesso rimarrà insepolto“.

Protagonista di questo Vangelo non è Dio, ma l’uomo, nella sua fragilità, inconsistenza, povertà e debolezza. L’uomo Gesù, figlio di Dio, ma nato da una donna e da un uomo, attraverso un amore carnale.

Gesù, figlio di Maria e Giuseppe, che suo malgrado scopre di essere figlio di Dio, un Dio malvagio, disposto a tutto pur di ottenere potere e gloria, anche di sacrificare il proprio figlio sulla croce, e di generare secoli di violenza in nome suo.

Il romanzo narra la storia conosciuta della vita di Gesù dalla nascita alla morte, ponendo l’attenzione sulla figura del Profeta, un giovane inesperto della vita, del tutto uguale agli altri uomini, che attraverso la vita stessa impara a crescere, fino a diventare portatore di un pensiero nuovo, rivoluzionario.
Moltissimi sono i temi che Saramago tocca, con sagace intelligenza, attraverso una scrittura densa e fluida, tipica dello stile dell’autore, che ben rende il flusso di pensieri e di azioni che spesso si mescolano e si confondono nel processo di conoscenza della vita del Profeta.

Gesù soffre per la morte del padre Giuseppe, figura centrale nella vita del giovane, dal quale erediterà il senso di colpa per aver amato troppo il proprio figlio, dimenticando i figli degli altri nella strage di Erode. La colpa, che vive attraverso il sogno notturno, si ammanta di poesia e di pietà tra le pieghe del sonno di Gesù, attraverso la sempre maggiore consapevolezza della propria condizione di uomo e di figlio di Dio.

Attraverso l’incontro con Maria di Magdala, uno dei punti più appassionati del romanzo, Gesù allontana da sè la solitudine che fino a quel momento lo ha accompagnato, per lasciarsi andare a un sentimento condito di tenerezza e passione. A sua volta Maria di Magdala , prostituta d’alto bordo, trova in Gesù un uomo che è in grado di considerarla donna e non solo amante. L’unione avviene con naturalezza e da quel momento Maria non abbandonerà più Gesù e lo seguirà fin sotto la croce, soffrendo per la sua morte molto più profondamente di quanto farà la stessa madre di Gesù.
Il Profeta vive la sua intera vita nel tentativo di ribellarsi a Dio, che si mostra a lui spesso in compagnia del Diavolo, suo alter ego, in una visione speculare tra bene e male, fino a quando, ormai appeso alla croce, prende atto della propria impossibilità a sottrarsi alla volontà del Padre, burattinaio crudele e implacabile, e rassegnato urla disperato agli uomini:

Perdonatelo, perché non sa quello che fa“.

Con questa frase finale Saramago ribalta completamente la versione canonica della morte di Gesù, restituendo agli uomini la possibilità di dare il perdono e togliendo a Dio ogni tensione verso il Bene dell’umanità.

Il romanzo, pubblicato nel 1991, scatenò forti critiche da parte della Chiesa portoghese, tanto da indurre lo scrittore a lasciare il paese per vivere alla Canarie.

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

José

Saramago

Libri dallo stesso autore

Intervista a Saramago José

Questo volume raccoglie tutte le maggiori opere poetiche "italiane" di Amelia Rosselli: le opere giovanili in italiano, inglese e francese di "Primi scritti" (1980, ma risalenti al periodo tra il 1952 e il 1963); il poemetto "La libellula" (1959); le raccolte "Variazioni belliche" (1963), "Serie ospedaliera" (1969) e "Documento" (1976); il poemetto "Impromptu" (1981). Completano il volume alcuni testi tratti da "Appunti sparsi e persi" e a suo tempo inseriti nell'"Antologia poetica" pubblicata nel 1987.

Le poesie

Rosselli Amelia

Di tasse parlano tutti. Le pagano in molti. Ne capiscono in pochi. Ne sorride nessuno. Questo libro è in debito con quel geniale (e anonimo) studente dell’Università di Torino che, con l’aggiunta di una sola elle, trasformò un burocratico divieto di affiggere campeggiante su un muro in un meraviglioso VIETATO AFFLIGGERE. Fu l’occasione giusta per capire che si possono affrontare cose serie e importanti nel modo meno sadico possibile. A tale ambizioso obiettivo mira il libro che hai tra le mani. E può essere letto sia come una reazione allergica sia come un vaccino contro il dilagare di dibattiti sui temi finanziari e fiscali che imperversano in ogni dove. In televisione e sull’autobus, sui giornali e dal barbiere. In forma ironica, disincantata e non di rado comica vengono affrontati temi che vanno dal debito pubblico alla lotta all’evasione fiscale, passando per “più Stato o più mercato?” e altro ancora. Perché il fisco ci riguarda tutti. Ma delle logiche perverse che ci stanno dietro non sappiamo quasi niente. E forse è arrivato il momento di scoprirle.

Fisco inferno

Marcheselli Andrea

C.U.B.A.M.S.C. Con Una Bomba A Mano Sul Cuore – di Marco Cubeddu

In un elastico spettacolare di azzardi e tradimenti, di inseguimenti e azione, di disperazione e visionarietà, questo "romanzo criminale" scandinavo viene consegnato al lettore come un pacco che non si può mandare indietro, e la storia (realmente accaduta) dei tre ragazzi "uniti contro il mondo", il loro legame unico segnato dalla violenza, la loro reazione a un destino sfortunato ci rivela una volta per tutte quanto sia sottile la linea di demarcazione tra condanna e assoluzione. Scritto da Anders Roslund (autore, assieme a Börge Hellström, di bestseller mondiali come Tre secondi) e da Stefan Thunberg, sceneggiatore all'esordio narrativo e fratello di Carl, Johan Alin e Lennart Sumonja, i veri autori delle rapine sulla cui storia è basato il romanzo, Made in Sweden è stato salutato come una miracolosa sintesi tra Stieg Larsson e Romanzo criminale. Il libro è in via di traduzione in tutti i paesi del mondo, i diritti cinematografici sono stati acquistati dalla DreamWorks e, appena uscito, ha raggiunto in Svezia il primo posto in classifica.

Made in Sweden

Roslunf Anders, Thunberg Stefan