Narrativa

IL VATICANO SMENTISCE OGNI COINVOLGIMENTO

Zulli Massimiliano

Descrizione: Queste pagine sono state trattate con sostanze psicotrope in grado di generare dipendenza. Si consiglia di portare questo libro sempre con sé, per evitare pericolosi attacchi di astinenza. Le pagine 73, 110 e 121 possono essere rollate, nel rispetto delle vigenti normative in tema di fumo in luoghi chiusi. Massimiliano Zulli, in arte Uomo Morde, Cane, ripercorre gli anni della sua generazione, dalla nascita nel 1970 fino ai giorni nostri con racconti divertenti e pungenti che non fanno sconti a nessuno. Da leggere con animo leggero. Per lamentele e cagnare di ogni genere, l’autore scrive a tutt’oggi sul suo blog www.uomomordecane.it

Categoria: Narrativa

Editore: Absolutely Free

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788897057918

Recensito da Valeria Martino

Le Vostre recensioni

Irriverente, anticonformista, cinico e sprezzante. Si può riassumere così il nuovo e- book di Massimiliano Zulli, in arte UomoMordeCane, – Il Vaticano smentisce ogni coinvolgimento- edito da Absolutely free.

È la storia, assolutamente fuori  da ogni schema, della vita dell’autore, un racconto partecipato e meta-letterario quasi, in cui alle vicende personali  si intrecciano eventi e fatti di cronaca, italiana e non, che corrono paralleli dal 1970 ad oggi.

“Sesso, sangue e religione”, come avverte l’autore, sono gli ingredienti sapientemente dosati in oltre 600 pagine che metteranno spesso  il lettore davanti all’arduo dilemma: continuare la lettura o no?! E dopo aver riposto quella vena conformista che alberga in noi, comuni lettori, non si può che continuare a leggere e  a sorridere sotto i baffi –  proprio così –  per quelle battute, talvolta banali (non me ne vorrà sicuramente il Nostro) talvolta sfrontatamente e assolutamente incorrectly  (le pagine sui preti… strano non siano state censurate!).

Per gustare  davvero queste pagine come meritano, con leggerezza e una punta di cinismo, sarebbe  opportuno abbandonare ogni preconcetto e seguire l’anarchia della libertà del pensiero e dal pensiero, per scoprire una storia (c’è una storia??!) in cui si alternano nonsense, comicità surreale e satira.

Una buona ragione per leggere questo libro? Massimiliano Zulli è stato premiato come “cattivo più temibile della blogosfera”… Ci sarà un motivo, no?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Massimiliano

Zulli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Zulli Massimiliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un cellulare che squilla nella notte, una voce irriconoscibile e poche taglienti parole: una minaccia di morte. Cesare Almansi, avvocato di successo, ha da poco deciso di entrare in politica quando sono iniziate ad arrivare queste misteriose telefonate. C'è solo una persona a cui può rivolgersi: il suo vecchio amico del liceo, il detective Bacci Pagano. Sono passati anni da quel lontano '68 e dai cortei a cui i due partecipavano per le vie di Genova, trascinati dall'idea di cambiare il mondo puntando su valori diversi, quasi rivoluzionari. Valori in cui Cesare crede ancora e che ha trasferito nella nuova avventura elettorale. Ora qualcuno vuole fermarlo, anche se l'avvocato non ha idea di chi possa essere. Nessuna pista per Bacci Pagano che inizia a indagare nell'intricato sistema di potere dei partiti e dei favori per ottenere voti. Eppure su quel fronte tutto si risolve in buco nell'acqua. L'investigatore dei carruggi avrebbe bisogno del suo intuito infallibile, ma per la prima volta nella sua carriera, è distratto da qualcosa, o meglio da qualcuno: Lou, la responsabile dell'ufficio stampa di Almansi, capelli biondi e occhi azzurri come due squarci feroci di cielo. Bacci Pagano rimane invischiato in una relazione fatta di tira e molla, di passione e di fughe improvvise. Quando l'indagine porta a galla una verità che viene dal passato, il detective deve fare i conti con una terribile notte di trent'anni prima. Una notte che lui e Cesare volevano dimenticare.

Lo spaventapasseri

Morchio Bruno

"Nonostante qualche critica iniziale e un certo scetticismo, alimentato dalla stessa autrice in lettere private, La virtù di Checchina è uno dei testi più riusciti di Matilde Serao, un racconto borghese gradevole e coinvolgente, in cui l'innata simpatia della sua protagonista, i suoi ostentati timori, i vorrei ma non posso che ne animano di continuo le azioni e le esitazioni, riescono a creare una naturale empatia con il lettore che pur lasciandosi scappare magari più d'un sorriso dinanzi all'esibita ingenuità della donna, non può che divertirsi a sospirare e cospirare con lei, nella ricercata realizzazione di desideri tanto comuni quanto umani." (dalla prefazione di Aldo Putignano).

La virtù di Checchina

Serao Matilde

Capuana, Luigi – DELITTO IDEALE (Delitto Ideale, 1902)

Antonio Magnano, giovane seduttore catanese, non riesce a consumare il suo matrimonio con la bella ereditiera Barbara di cui è forse troppo innamorato. Nel clima di machismo che impera tra le due guerre lo scandalo scoppia rapidamente. Il più amaro e significativo romanzo di Vitaliano Brancati (1907-1954).

IL BELL’ANTONIO

Brancati Vitaliano