Narrativa

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta

Descrizione: Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2013

ISBN: 9788807019418

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Anna Carpinteri è andata a Pedrara, dove c’è la storica villa di famiglia, a morire. 

Il figlio e le nipoti la raggiungono quando pensano che manchi veramente poco. Bede, l’assistente, segretario, tuttofare ambiguo delle proprietà di Pedrara, non li vorrebbe lì. Non sanno troppe cose, non immaginano nemmeno cosa accada nelle serre della villa, sono proprietari completamente inconsapevoli.

Il libro comincia con il funerale di Anna e Bede; di Bede e di Mara, la nipote prediletta, sono le voci narranti, i differenti punti di vista.
Da un lato la narrazione di Mara, una donna normale, con i suoi dolori, che ha sempre avuto il sentore di qualcosa di strano, ma non ha mai indagato fino in fondo; dall’altro lato abbiamo Bede, che man mano ci racconta l’amore profondo senza genere e senza età e i misteri di Pedrara.

C’è qualcuno che non vuole che quelle persone girino per le serre, c’è qualcuno che vorrebbe Anna morta. I Numeri, una setta potente e crudele, hanno qualcosa in mente e, un po’ con la narrazione di Bede, un po’ con le indagini di Mara scopriremo che il libro non è solo una semplice saga familiare.

La Agnello Hornby ormai è una garanzia. Con le sue descrizioni ha la capacità di far fare un vero e proprio viaggio ai lettori nei posti che di cui racconta; i suoi personaggi sono umani, in un modo tale da farti sentire subito in empatia e ti coinvolgono fino in fondo.

Il libro si legge molto bene, narra di una Sicilia selvaggia e attraversata da profonde piaghe sociali. E non si limita ai problemi di quella terra: si va dall’anoressia alla violenza sulle donne, dall’immigrazione all’omosessualità.
Viene dato molto risalto ai rapporti familiari: sorelle/fratelli, madre/figli, zia/nipoti; ci viene fatto un quadro completo di una famiglia normale, dei giorni nostri, con tutto il carico di problemi che possiamo immaginare; vengono dette tante cose, ma molte vengono taciute e lasciate alla nostra sensibilità di lettori e di persone. Infatti, se c’è un difetto nel libro, è che di troppe trame che la scrittrice accenna solo poche si sviluppano a pieno. Ho amato la storia di Bede, in tutta la sua ambiguità, ma mi sarebbe piaciuto leggere di più, su Viola e la sua anoressia, su Mara e il suo rapporto con gli uomini, sul suo lavoro. E mi sarebbe piaciuto conoscere di più Anna, che viene dipinta dagli altri personaggi come una donna forte e risoluta, ma che nel tempo del libro è solo una donna malata di Alzheimer, ormai prossima alla fine.

L’autrice però ha dato un senso alla sua storia celebrando l’amore assoluto tra Anna e Bede e, come in ogni dramma che si rispetti, c’è un tipo di amore che trova la sua completezza solo nella morte. È un finale un po’ amaro, che finisce bene per alcuni personaggi, per altri meno. Possiamo non condividere, certo, ma dobbiamo assolutamente apprezzare la bellezza e la poesia con cui ci è stata raccontata questa storia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simonetta

Hornby

Agnello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Agnello Hornby Simonetta

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco

Nel giorno di Natale del suo ottantaduesimo compleanno la Morte va a trovare Chaplin nella sua casa in Svizzera. Chaplin è anziano, ma ha un figlio ancora piccolo e vorrebbe vederlo crescere. Perciò fa un patto con la vecchia: se riuscirà a farla ridere avrà guadagnato un anno di vita. E Chaplin riesce sì a divertirla, ma non con l’umorismo consumato dell’attore che egli è, ma per la comicità involontaria che deriva dagli impacci dell’età. Anno dopo anno la Morte si ripresenta e la commedia della vecchiaia le provoca sempre un’irrefrenabile risata. Nell’attesa dell’incontro Chaplin racconta il suo passato, dai primi passi fino all’incredibile successo. Eppure il romanzo non è solo la biografia apocrifa di uno dei grandi del Novecento, quanto piuttosto l’avventura stessa della vita, il ritratto di un’America piena di promesse, la terra delle illusioni e della fortuna. Sbarcato negli Stati Uniti il giovane Chaplin passa da un mestiere all’altro - strillone, tipografo, boxeur, imbalsamatore - da una costa all’altra, incontra uomini straordinari e anche gente comune, pronti quasi sempre a dargli una possibilità. È un orfano a spasso per il Nuovo Mondo e si paragona a una strada ferrata: «un taglio dentro la terra, un’ambizione smisurata, un desiderio di qualcosa cui non sapevo dare un nome». Su tutto la magia del cinema, l’invenzione dei fratelli Lumière che la fantasia dell’autore attribuisce al guardiano degli elefanti innamorato che Chaplin incontrò nel circo in cui aveva lavorato da giovane. E ritorna il Natale, l’ultimo, Chaplin si impegna davvero a rallegrare la Morte indossando i panni di un vecchissimo Charlot. Ma la sua esibizione è troppo perfetta…

L’ultimo ballo di Charlot

Stassi Fabio

Il romanzo, pubblicato nel 1904, narra la storia di un timido provinciale, Mattia Pascal, che si allontana di casa dopo una delle solite liti con la moglie Romilda e la suocera, e, arrivato a Montecarlo, vince, giocando a caso, diverse decine di migliaia di lire. Il possesso di una grossa somma e la lettura di una notizia di cronaca che annuncia la sua morte (si tratta di un'erronea identificazione del cadavere di un disperato che si è ucciso gettandosi nel pozzo di casa Pascal), lo inducono a simulare davvero la morte e a tentare di cominciare una nuova vita. Mattia Pascal diventa così il signor Adriano Meis, e va a stabilirsi a Roma.

Il fu Mattia Pascal

Pirandello Luigi

L'autrice di Paura di volare fa il punto sulla donna del terzo millennio. Un ritratto affettuoso che le donne vorranno leggere per capirsi e gli uomini per cercare di capirle.

Cosa vogliono le donne

Jong Erica