Narrativa

IL VELENO DELL’OLEANDRO

Agnello Hornby Simonetta

Descrizione: Pedrara. La Sicilia dei Monti Iblei. Una villa perduta sotto alte pareti di roccia tra l’occhieggiare di antiche tombe e il vorticare di corsi d’acqua carezzati dall’opulenza degli oleandri. È qui che la famiglia Carpinteri si raduna intorno al capezzale di zia Anna, scivolata in una svagata ma presaga demenza senile. Esistono davvero le pietre di cui la donna vaneggia nel suo letto? Dove sono nascoste? Ma soprattutto, qual è il nodo che lega la zia al bellissimo Bede, vero custode della proprietà e ambiguo factotum? Come acqua nel morbido calcare i Carpinteri scavano nel passato, cercano negli armadi, rivelano segreti - vogliono, all’unisono, verità mai dette e ricchezze mai avute. Tra le ombre del giorno e i chiarori della notte, emergono influenze di notabili locali, traffici con i poteri occulti, e soprattutto passioni ingovernabili. Le voci di Mara, nipote prediletta di Anna, e di Bede ci guidano dentro questo sinuoso labirinto di relazioni, rimozioni, memorie, fino a scavalcare il confine della stessa morte. Simonetta Agnello Hornby mette a fuoco, con la sapienza di una immaginazione maestosa, un micromondo che pare allargarsi, con un brivido, a rappresentare i guasti, le ambizioni e le ansie di liberazione dell’universo famigliare, tutto intero.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2013

ISBN: 9788807019418

Recensito da Angela Del Prete

Le Vostre recensioni

Anna Carpinteri è andata a Pedrara, dove c’è la storica villa di famiglia, a morire. 

Il figlio e le nipoti la raggiungono quando pensano che manchi veramente poco. Bede, l’assistente, segretario, tuttofare ambiguo delle proprietà di Pedrara, non li vorrebbe lì. Non sanno troppe cose, non immaginano nemmeno cosa accada nelle serre della villa, sono proprietari completamente inconsapevoli.

Il libro comincia con il funerale di Anna e Bede; di Bede e di Mara, la nipote prediletta, sono le voci narranti, i differenti punti di vista.
Da un lato la narrazione di Mara, una donna normale, con i suoi dolori, che ha sempre avuto il sentore di qualcosa di strano, ma non ha mai indagato fino in fondo; dall’altro lato abbiamo Bede, che man mano ci racconta l’amore profondo senza genere e senza età e i misteri di Pedrara.

C’è qualcuno che non vuole che quelle persone girino per le serre, c’è qualcuno che vorrebbe Anna morta. I Numeri, una setta potente e crudele, hanno qualcosa in mente e, un po’ con la narrazione di Bede, un po’ con le indagini di Mara scopriremo che il libro non è solo una semplice saga familiare.

La Agnello Hornby ormai è una garanzia. Con le sue descrizioni ha la capacità di far fare un vero e proprio viaggio ai lettori nei posti che di cui racconta; i suoi personaggi sono umani, in un modo tale da farti sentire subito in empatia e ti coinvolgono fino in fondo.

Il libro si legge molto bene, narra di una Sicilia selvaggia e attraversata da profonde piaghe sociali. E non si limita ai problemi di quella terra: si va dall’anoressia alla violenza sulle donne, dall’immigrazione all’omosessualità.
Viene dato molto risalto ai rapporti familiari: sorelle/fratelli, madre/figli, zia/nipoti; ci viene fatto un quadro completo di una famiglia normale, dei giorni nostri, con tutto il carico di problemi che possiamo immaginare; vengono dette tante cose, ma molte vengono taciute e lasciate alla nostra sensibilità di lettori e di persone. Infatti, se c’è un difetto nel libro, è che di troppe trame che la scrittrice accenna solo poche si sviluppano a pieno. Ho amato la storia di Bede, in tutta la sua ambiguità, ma mi sarebbe piaciuto leggere di più, su Viola e la sua anoressia, su Mara e il suo rapporto con gli uomini, sul suo lavoro. E mi sarebbe piaciuto conoscere di più Anna, che viene dipinta dagli altri personaggi come una donna forte e risoluta, ma che nel tempo del libro è solo una donna malata di Alzheimer, ormai prossima alla fine.

L’autrice però ha dato un senso alla sua storia celebrando l’amore assoluto tra Anna e Bede e, come in ogni dramma che si rispetti, c’è un tipo di amore che trova la sua completezza solo nella morte. È un finale un po’ amaro, che finisce bene per alcuni personaggi, per altri meno. Possiamo non condividere, certo, ma dobbiamo assolutamente apprezzare la bellezza e la poesia con cui ci è stata raccontata questa storia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Simonetta

Hornby

Agnello

Libri dallo stesso autore

Intervista a Agnello Hornby Simonetta

Il giovane Pietro Brusio, studente di legge e scrittore in erba nella scenografica Catania di metà Ottocento, rimane affascinato dall'elegante contessa di Prato Narcisa Valdesi, trovandosene perdutamente innamorato e sull'orlo della disperazione per l'irraggiungibilità di tal donna che «vivea pei piaceri, della quale il lusso era il bisogno come l'aria è il bisogno dell'uomo». Superando con il suo genio artistico le convenzioni sociali si introduce a pieno titolo in quel mondo aristocratico fin allora a lui precluso e riesce a vincere il cuore della donna, fino ad un epilogo inaspettato e tragico.

Una peccatrice

Verga Giovanni

Tre storie diverse, la stessa città – Roma, all’inizio degli anni ottanta – e lo stesso destino: smettere di essere soltanto figli, diventare genitori. Eppure Luciana, Valentina, Cecilia non sono certe di volerlo, si sentono fragili, insofferenti. Così comesono confusi, distanti, presi dai loro sogni i padri. Si può tornare indietro, fare finta di niente, rinunciare a un evento che si impone con prepotenza assoluta? Luciana lavora in un giornale che sta per chiudere. Corre, è sempre in ritardo, l’uomo che ama è lontano, lei lo chiama l’Irlandese per via dei capelli rossi. Valentina ha diciassette anni, va alle superiori ed è convinta che dagrande farà la psicologa. Appena si è accorta di essere incinta, ha smesso di parlare con Ermes, il ragazzo con cui è stata per qualche mese e che adesso fa l’indifferente, ma forse è solo una maschera. Cecilia vive fra una casa occupata e la strada, porta uncaschetto rosa e tiene al guinzaglio un cane. Una sera torna da Gaetano, alla tavola calda in cui lavora: non vuole nulla da lui, se non un ultimo favore. A osservarli c’è lo sguardo partecipe di un io che li segue nel tempo cruciale della trasformazione. Un giro di pochi mesi, una primavera che diventa estate. Tra bandiere che sventolano festose, manifesti elettorali che sbiadiscono al sole e volantini che parlano di una ragazza scomparsa, le speranze italiane somigliano a inganni. Poi ecco che una nuova vita arrivae qualcosa si svela. Lontano dagli occhi è una dichiarazione d’amore al potere della letteratura, alla sua capacità di avvicinare verità altrimenti inaccessibili. Ricostruendo con la forza immaginifica della narrazione l’incognita di una nascita, le ragioni di una lontananza, Paolo Di Paolo arriva a rovesciare la distanza dal cuore suggerita dal titolo. Una storia sul peso delle radici, su come diventiamo noi stessi.

Lontano dagli occhi

Di Paolo Paolo

Un colpo sordo, un corpo che si schianta sui sampietrini di una nobile strada romana. Via Rasella, sessant’anni dopo l’attentato che fece da drammatico prologo all’eccidio delle Fosse Ardeatine. Così muore Friedrick Gius, professore ordinario di Storia Moderna all’Università La Sapienza, nel giorno del suo sessantesimo compleanno. E l’ora di quella morte, omicidio o suicidio che sia, è la stessa della strage ordinata dalle cellule partigiane. Prende le mosse da qui, una delle più straordinarie storie gialle ambientate nella Capitale, nella quale si fondono passato e presente, esoterismo e misteri, inseguimenti e colpi di scena, in un intreccio che si salda nei canoni più classici dell’indagine poliziesca fino al rendez vous conclusivo, ad alta tensione.

LA MEMORIA DEL DESTINO

Turitto Pierpaolo

"Bestiario di vite disgraziate" è tutto quello che ci circonda e che a tratti ci spaventa, ma soprattutto ci fa ridere. Il bestiario è composto da storie allegramente disperate che, mano a mano, come in un percorso di smarrimento, si riempiono di personaggi disgraziati e sognatori, mentre l'occhio si sposta dall'interno all'esterno, dal personale al collettivo, e tutto diventa favolistico. Dalla risata amara di questi racconti nasce la convinzione di essere parte, assieme all'autrice, di questo affresco surreale e tragicomico dell'umanità. In definitiva il libro è un contenitore di bestie venute male, un po' storpie, eternamente tragiche, che serpeggiano fuori e dentro di noi, ma di cui, alla fine, non possiamo che innamorarci.

Bestiario di vite disgraziate

porcedda ambra