Saggi

Il ventre di Napoli

Serao Matilde

Descrizione: Spesso considerata, con tono benevolo e sprezzante, "un reportage", il capolavoro della Serao ha la forza della verità che si fa letteratura, del rifiuto per quella "retorichetta a base di golfo e colline fiorite che serve per quella parte di pubblico che non vuole essere seccata con racconti di miserie". La sua denuncia resta, a un secolo di distanza, di straordinaria attualità: "Questo ventre di Napoli, se non lo conosce il governo, chi lo deve conoscere? A che sono buoni tutti questi impiegati alti e bassi, questo immenso ingranaggio burocratico che ci costa tanto?"

Categoria: Saggi

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788817054850

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

È una città molto povera, quella descritta da Matilde Serao, eppure capace di sprigionare una forza sorprendente. E il popolo napoletano non è rozzo ed incivile: è stato semplicemente abbandonato a se stesso.

 

Le strade sono luride e le case fatiscenti. Nei vicoli si agitano mercanti di avanzi ed agenzie di pegni.

Cosa risolverebbe la bonifica parziale della parte bassa della città, proposta dal ministro Depretis?

Napoli e la sua gente non meritano tutta questa miseria… C’è bisogno di iniziative concrete e realistiche.

È questo il messaggio/denuncia lanciato dalla scrittrice, che ci regala una descrizione precisa non solo delle problematiche, ma anche delle usanze di quei tempi.

 

Il gioco del Lotto ad esempio, speranza fumosa e dolcissima di risollevarsi dal degrado, cui sono legati personaggi come “l’assistito” e il monaco.

L’assistito è (o finge di essere) un visionario e vive grazie alle offerte dei giocatori, che pendono letteralmente dalle sue labbra. Del monaco si dice addirittura che i numeri li conosca sicché, se poi non vengono estratti, la colpa é solo ed unicamente della poca fede del giocatore.

La piaga dell’usura è personificata da Donna Carmela e Donna Raffaella; Annarella, invece, che presta servizio in tre case ogni giorno per sole cinque lire, è un po’ l’emblema dei mestieri femminili, anch’essi molto duri e degradanti.

 

Nelle altre città, il latte si vende in igieniche bottiglie; per le strade di Napoli passa “il capraro”; il cibo scarseggia e così spopola il venditore di “spassatiempo”, il quale dispensa semi di vario tipo che hanno il pregio di donare un senso di sazietà a buon mercato.

Insomma, “Il ventre di Napoli” fotografa la Napoli dell’Ottocento con sincera pietà, ma le rende anche omaggio. Vi commuoveranno alcuni episodi di generosità immensa: madri che allattano figli di altre donne e persone che  non esitano a dividere quel poco che hanno con chi è ancora più sfortunato…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Matilde

Serao

Libri dallo stesso autore

Intervista a Serao Matilde


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

1944. In un’Italia spaccata in due, in mano per metà alle forze alleate e per l’altra metà all’oppressione nazifascista, ci si arrabatta per portare a casa la pelle. E Orvieto, dichiarata città aperta per preservare la ricchezza del suo patrimonio artistico, si trova malgrado ciò a fronteggiare la furia distruttrice dei bombardamenti che ne dilaniano il territorio, arrivando a sfiorare l’altissima rupe di tufo. Ma per quale ragione, in una di quelle terribili notti di guerra, qualcuno decide di sfidare il coprifuoco aggirandosi tremante fra lapidi e croci? Cosa sotterra di così prezioso da rischiare la vita mentre dal cielo imperversa una pioggia fatale di spezzoni incendiari? E come mai, a distanza di più di sessant’anni, quel vecchio episodio sconosciuto torna a incidere sulla piccola comunità orvietana di cui la libraia Matilde Ferraris è entrata stabilmente a far parte?

LA LIBRAIA DI ORVIETO. L’ULTIMA EREDITA’

Pattavina Valentina

Un turno di radiomobile come tanti si trasforma presto nell'inizio di un vero rompicapo. In Contrada Madonnuzza è stato trovato il corpo senza vita di una giovane donna, bendata, mani e piedi legati. Sul luogo del ritrovamento giungono il capitano Spada e il maresciallo Piscopo ma non solo. Per cercare l'assassino e il movente di questo omicidio, si aprono, infatti, tre piste divergenti, ciascuna battuta da personaggi interessanti che hanno tutti un buon motivo per consegnare alla giustizia il colpevole. La competenza e la professionalità degli uomini dell'arma, si incontrano e scontrano, così, con un reporter d'assalto alla ricerca del ghiotto scoop da mandare in Tv in una sensazionale prima serata, e con un'insolita appassionata di mappe astrali.

Le geometrie dell’animo omicida

Bartolini Monica

Avremo mai il coraggio di essere noi stessi? Si chiedono i protagonisti di questo romanzo. Due ragazzi, due uomini, due incredibili destini. Uno eclettico e inquieto, l’altro sofferto e carnale. Un legame assoluto che s’impone, violento e creativo, insieme al sollevarsi della propria natura. I due protagonisti si allontanano, crescono geograficamente distanti, stabiliscono nuovi legami, ma il bisogno dell’altro resiste in quel primitivo abbandono che li riporta a se stessi. Nel luogo dove hanno imparato l’amore. Un luogo fragile e virile, tragico come il rifiuto, ambizioso come il desiderio. L’iniziazione sentimentale di Guido e Costantino attraversa le stagioni della vita, l’infanzia, l’adolescenza, il ratto dell’età adulta. Mettono a repentaglio tutto, ogni altro affetto, ogni sicurezza conquistata, la stessa incolumità personale. E ogni fase della vita rende più struggente la nostalgia per quell’età dello splendore che i due protagonisti, guerrieri con la lancia spezzata, attraversano insieme. La voce narrante del protagonista ha la limpidezza poetica, l’ingenua epicità dei grandi inetti della letteratura, s’impenna funambolica, s’immerge tragica e gioiosa nelle mille insenature di questo romanzo che è insieme classico e sperimentale. Un romanzo che non somiglia a nessun romanzo, perché una storia d’amore non somiglia a nessun’altra storia d’amore. Margaret Mazzantini ci affida un romanzo ipnotico, dotato di una luce che ti fucila alle spalle, che avanza con l’urgenza folle e anticonformista di un narratore che rivendica il diritto di trasformare la vergogna in bellezza. Il diritto della letteratura, quello di risvegliarci lasciandoci nello stupore di un fragoroso sogno. Perché il vero scandalo sarebbe non aver cercato se stessi. E alla fine sappiamo che ognuno di noi può essere soltanto quello che è. E che il vero splendore è la nostra singola, sofferta, diversità.

Splendore

Mazzantini Margaret