Narrativa

IL VIAGGIO DI JOËLLE

Sacco Vanessa

Descrizione: La promessa di un viaggio è sempre la speranza di una rinascita. Non serve andare troppo lontano. Per riscoprirsi a volte basta solo staccarsi un po' da sé stessi. Due donne e un uomo, estranei l'uno all'altro eppure indissolubilmente legati, incroceranno i loro destini sulle orme di un padre fantastico da chi odiato, da chi sognato, da chi semplicemente amato come Natura vuole che il figlio ami il padre in giro fra la vecchia Europa e i sogni che non hanno confini. Solo così rinasceranno una seconda volta. Solo così saranno liberi.

Categoria: Narrativa

Editore: Round Robin

Collana:

Anno: 2005

ISBN: 9788890148040

Recensito da Simona Comi

Le Vostre recensioni

L’autrice proietta se stessa e moltiplica il suo io nei tre protagonisti delle storie, o forse sarebbe

meglio dire della storia, che ci ritroviamo tra le dita pagina dopo pagina.
Il confronto uomo/donna è continuo e costante: il mondo che ci viene descritto ne Il viaggio di
Joëlle è un mondo popolato da donne, ciascuna con la propria vicenda e il proprio dramma: due madri che hanno conosciuto l’“incantesimo” e l’abbandono; due giovani donne che, in diversi luoghi d’Europa, condividono un nome ed un passato a cui tenteranno di riaggrapparsi per “liberare” se stesse.
A partire dal grande assente, Joel l’enchanteur, che muove le fila di tutto il romanzo, l’uomo, invece, si caratterizza per la sua mancanza o per la sua presenza ingombrante: citando dal testo stesso, “gli uomini, se entravano, non erano capaci di lasciare un segno più duraturo di un’orma sul bagnasciuga”.
Tre in particolare sono le vite, parallele, che si sfiorano senza mai incontrarsi: quella delle due Joëlle, due personalità molto diverse: l’una, architetto con alle spalle un divorzio, un aborto e una convivenza fallita; l’altra, un po’ più giovane, commessa nel negozio di famiglia, vittima della routine e delle convenzioni. Il terzo personaggio è invece un uomo che, a causa del padre “libertino e impenitente senza obblighi e doveri”, ha vissuto in mezzo a molte donne piacenti e ad una tata, “l’unica donna cui mio padre riuscì mai a legarsi con sentimenti puri e sinceri”.
Il viaggio che tutti e tre intraprendono è un percorso che prende avvio dalla volontà di cercare le proprie origini e il padre comune, mago del Circo La Jungle, ma si rivela piuttosto un percorso di liberazione dalla figura dell’illusionista, prestigiatore nel lavoro e nella vita, e di rinascita personale.
La struttura del libro è tripartita e si conclude con un epilogo in cui, attraverso simboliche poesie, si tirano le somme della vicenda. Nel passare da una sezione all’altra il lettore si trova piacevolmente spiazzato da diversi colpi di scena che lo faranno indietreggiare di qualche pagina, per poi riprendere con più interesse da dove aveva lasciato.
I parallelismi delle vicende narrate sono riscontrabili anche a livello formale dall’uso di ripetizioni di intere frasi, di rimandi da un capitolo all’altro o di isotopie come quella della libertà, del viaggio e della vita in contrapposizione alla perdita/morte. Inoltre, sono ben connesse tra di loro le relazioni che uniscono ciascuno dei protagonisti agli altri personaggi che ruotano intorno a loro.
Le uniche pecche del romanzo sono, a mio parere, alcune coincidenze fin troppo “facili” e lo squilibrio di spazio che, all’interno del racconto, viene dato a ciascuno dei protagonisti. Mi sarebbe piaciuto leggere più dettagli sulla vita di Joel, che viene invece trattata in maniera forse un po’ troppo sbrigativa.
Rimane comunque un testo piacevole e leggero che spinge il lettore a cercare, seppur di sfuggita, un altro se stesso all’infuori del solito io, o perlomeno a fantasticare sull’esistenza di un’eventuale altra Joëlle che, chissà dove nel mondo, vive un’esperienza di vita parallela alla sua.
“Nuda davanti allo specchio, controllai chi fossi.”

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vanessa

Sacco

Libri dallo stesso autore

Intervista a Sacco Vanessa


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

IO NICHI MORETTI

Legni Franco

Theresa Osborne, giornalista di Boston, divorziata e madre di un ragazzino dodicenne, raccoglie sulla spiaggia, durante una vacanza, una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l'uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Profondamente turbata da emozioni che non riesce a frenare, Theresa si avventura, grazie anche a fortunate coincidenze, in una località turistica della costa alla ricerca del protagonista di questo amore infelice.

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

Sparks Nicholas

La vita di Alice è apparentemente perfetta: 28 anni, un lavoro a tempo indeterminato e un fidanzato che ama, ricambiata. Non le resta che cercare casa e fare dei figli, guadagnandosi il paradiso terrestre di una vita normale. Eppure di perfetto non c’è nulla. Il surreale sarcasmo di Alice fa scoprire al lettore situazioni che suo malgrado conosce fin troppo bene, nascoste dietro la maschera della normalità di un’ordinaria giornata in ufficio. Il badge che scandisce malignamente il tempo. La routine del ritmo aziendale che diventa ossessione. Le manie degli impiegati a un passo dalla psicosi. La sindrome antisociale dell’open-space. Le figure clownesche dei capufficio, tronfi della loro incompetenza. I giorni che invece di allargarsi in un presente vivo si spengono con monotonia uno sull’altro. Le pause – pausa-mela, pausa aria, pausa-sclero – sono le uniche boccate di sollievo. Finché Alice non scopre la pausa-papera! Osservando da dietro la recinzione dell’azienda i pennuti che vivono liberi nel loro stagno, ad Alice si rivela una nuova filosofia di vita, una possibilità di salvezza, di liberazione…

ALICE IN GABBIA

Gasbarro Arianna