Saggi

Il volto femminile della filosofia

Rocca Miriam

Descrizione: La presente opera intende "umanizzare" la figura del filosofo, calandolo in un contesto familiare e sociale, e lasciando emergere come il rapporto con le donne (madri, mogli, sorelle, figlie e amanti) finisca per influenzarne la visione del mondo. Scopriamo, infatti, nelle biografie dei grandi pensatori del passato, figure di donne che, nel bene o nel male, ne hanno condizionato la vita e le opere. A volte donne-angelo, a volte donne-diavolo, le immaginiamo ora attente e vigili nei confronti dei figli (Santa Monica con Sant'Agostino), ora scorbutiche verso mariti assorti in più elevati pensieri (Santippe e Socrate). La ricerca vuole dare luce a queste compagne di viaggio, senza la pretesa di esautorare i filosofi dal loro piedistallo e senza la presunzione di poter essere descrizione esaustiva delle loro vite. Ci si accontenterà di soffermarsi in modo più esauriente su alcuni, quando esaurienti saranno state le fonti reperite, e meno su altri, quando le fonti saranno state avare, sperando di far cosa gradita a chi ama non solo il pensiero del "filosofo", ma anche a chi è attento nel considerarne il tratto storico-biografico e il suo essere uomo con pregi, difetti, debolezze, fragilità.

Categoria: Saggi

Editore: Rubbettino

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788849827385

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Il pensiero umano non è “… frutto di sterili meditazioni solipsistiche, ma di produttive interazioni sociali che sono prima di tutto generate da rapporti duali uomo-donna presenti in tutto l’arco dell’esistenza umana“.

In un ricco e rapido excursus, Miriam Rocca dà finalmente risalto al ruolo delle donne nella filosofia, calando al tempo stesso i grandi pensatori del passato e dell’epoca moderna in un contesto intimo e familiare che ne evidenzia il lato più umano e meno noto di figli, mariti fratelli e amanti.

Il saggio è suddiviso in sezioni incentrate proprio sui diversi tipi di relazione affettiva instaurati tra i filosofi e le donne che ne hanno influenzato il pensiero e le opere.

Così scopriamo, ad esempio, che l’essere stato trascurato dalla madre durante la giovinezza probabilmente incise sul pessimismo e la sfiducia di Schopenhauer, mentre le preghiere di santa Monica favorirono la conversione di Agostino; o anche che il celibato di Kant potrebbe trovare le sue radici nell’idealizzazione della figura materna, ricca di fede e di interiorità, al contrario delle donne del suo tempo immerse nei salotti e nella civetteria: “… se il maggior potere di attrarre è quello dell’anima, quando la donna cura più il corpo dello spirito, viene meno alla perfezione della sua femminilità, e non di rado la stravolge“.

Ancora, leggiamo che Cicerone ripudiò la storica consorte Terenzia e, dopo la morte dell’adorata figlia Tullia, ripudiò anche Publilia, ed è proprio in concomitanza con questi eventi dolorosissimi che i suoi lavori filosofici si infittirono; ed apprendiamo che Karl Popper disse di Josephine Anna Henninger: “Senza di lei (…) molto di ciò che ho fatto non sarebbe mai stato realizzato“.

Le relazioni fraterne, poi, hanno un ruolo veramente centrale nello sviluppo cognitivo e morale: iniziano dalla nascita del secondogenito e, solitamente terminano solo con la morte, sicché possono fortemente influenzare il modo di concepire le cose da parte di un soggetto. “Pare che Hegel abbia scritto la Fenomenologia subendo il plagio e la fascinazione della sorella schizofrenica (da questa esperienza familiare il suo lavoro sulle malattie mentali)”.

E infine ci sono le amanti… I grandi della filosofia greca spesso si son fatti trasportare dall’amore lussurioso e clandestino, mentre l’avvento dell’Era cristiana ha determinato la condanna del concubinato; nel XVII secolo i rapporti dei filosofi con le donne sono perlopiù basati su intensi legami culturali, mentre le passioni tornano violente con l’Illuminismo, basti pensare a Rousseau.

Nell’opera di Miriam Rocca, dunque, uomini straordinari di ieri e di oggi sono sempre affiancati da donne: donne che vivono nell’ombra, donne ispiratrici, donne impavide, fredde o generose, perché, come affermava Maritain: “… l’essere umano non è compiuto se non nell’uomo e nella donna presi insieme“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Miriam

Rocca

Libri dallo stesso autore

Intervista a Rocca Miriam


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

"Sulle spalle dei giganti" rappresenta per i lettori di Eco un evento festoso. Lontano dalle aule universitarie, dai congressi accademici, dalle cerimonie onorarie, Eco scrive questi testi, nel corso di tre lustri, per intrattenere gli spettatori (che ogni volta per lui accorrono a frotte) della Milanesiana, il festival ideato e diretto da Elisabetta Sgarbi. Testi che il più delle volte traggono spunto dal tema stesso che ogni anno la Milanesiana si dà, per poi scorrere lungo rivoli di un repertorio che attinge alla filosofia quanto alla letteratura, all'estetica, all'etica e ai mass media. Come dire: la quintessenza dell'universo echiano, raccontato con un linguaggio affabile, intriso di ironia, talora giocoso, affilato quando necessario. Le radici della nostra civiltà, i canoni mutevoli della bellezza, il falso che si invera e modifica il corso della storia, l'ossessione del complotto, gli eroi emblematici della grande narrativa, le forme dell'arte, aforismi e parodie sono alcuni degli spunti di attrazione di un libro arricchito dalle immagini che l'autore usava proiettare nel corso del suo dire.

Sulle spalle dei giganti

Eco Umberto

Rossana Campo, ancora una volta senza infingimenti e con lo stile dirompente e "difforme" che caratterizza la sua produzione letteraria, ma mettendosi in gioco forse più che in ogni altro suo libro, racconta qui il rapporto con Renato, il padre amatissimo e difficile scomparso di recente; o meglio con le molteplici figure, spesso contraddittorie, che Renato ha incarnato lungo tutta la sua vorticosa esistenza: il maestro di vita che fin da piccola esorta la figlia a rifuggire ogni forma di condizionamento e ipocrisia, ma anche l'irresponsabile che per niente e nessuno si separerebbe dalla sua amica più fidata: la bottiglia; l'individuo gioviale e irriducibilmente ottimista, ma anche l'attaccabrighe, dominato da una rabbia incontenibile; e ancora lo "zingaro" che non sopporta alcuna imposizione e non riconosce alcuna autorità, il contaballe prodigioso, il casinista indefesso, il terrone orgoglioso in un Nord che lo respinge... in una parola un essere infinitamente vitale e tremendamente fragile. Ne emerge un racconto, magari spudorato, ma proprio per questo di rara autenticità, della parte più profonda di sé.

Dove troverete un altro padre come il mio

Campo Rossana

Toscana, 1911. Adolfo, il folle, il dongiovanni, il cadetto di una nobile famiglia rispettosa delle regole e amante del buon cibo. Ed è proprio dai manicaretti che cucina Finimola, la cuoca di famiglia, e dalla sua corpulenta avvenenza, che inizia la saga dei Martigli. Dalla guerra di Libia, agli amori, dai matrimoni alle piccole pazzie quotidiane, gli episodi familiari si snodano leggeri e profondi conditi dai sapori di una terra sanguigna, vivace e saporita come i suoi personaggi. Adolfo, il cui nome significa "nobile lupo", conduce le danze, più da pecora nera che da capo branco, trascinando in un vortice da tragicommedia perfino i suoi discendenti, come l'autore del romanzo, che porta nascostamente il suo stesso nome.

La follia di Adolfo

Martigli Carlo A.

Michele Gervasini è il tuo vicino di scrivania. Goffo e incolore, sempre a un passo dall'agognato scatto di carriera, dimostra a ogni respiro una solenne verità: l'uomo è quell'animale che, grazie al lavoro, sceglie liberamente di rendersi schiavo per tutta la vita. Ma il giorno in cui i colleghi cominciano a suicidarsi a raffica, il percorso esistenziale casa-ufficio registra un sinistro scricchiolio. E sotto gli occhi stolidi della mucca aziendale in vetroresina salta in aria l'organigramma del mondo. Un romanzo abrasivo, comico e letterario, in cui ridendo degli altri è impossibile non riconoscersi.

NESSUNO E’ INDISPENSABILE

Fiore Peppe