Fantasy

IMPLOSION

Heron M. J.

Descrizione: Non è affatto un giorno come un altro. Le loro vite stanno per cambiare. Quando Katherine Evans incontra Armand non sa che dietro quelle sembianze da bello e dannato si cela uno dei più potenti Generali dell'Antica Stirpe. Non può immaginare che sarà proprio lui la sua salvezza o la sua rovina, né può conoscere il suo piano crudele e oscuro come le tenebre. Una verità agghiacciante sta per essere svelata. Nessuno è al sicuro, i protagonisti stanno per essere soffocati dalle loro stesse esistenze. Ognuno di loro nasconde un segreto, nessuno può permettersi di fallire. Una sola certezza: quando supera se stesso, l'amore può uccidere.

Categoria: Fantasy

Editore: De Agostini

Collana:

Anno: 2013

ISBN: 9788841886809

Trama

Le Vostre recensioni

L’amore contrastato: i casi più celebri

L’amore contrastato è uno dei temi più cari alla letteratura. Voglio scomodare “Romeo and Juliet”, ma preferisco scegliere – di proposito – altre due coppie celebri: Paolo e Francesca, Abelardo ed Eloisa.

E perché questa scelta?

Perché in Paolo e Francesca “Galeotto fu ‘l libro e chi lo scrisse” (ndr: il libro nel quale si narra di un altro amore contrastato! Quello tra Ginevra e Lancillotto …) e perché Abelardo era il precettore di Eloisa.

In “Implosion” si celebra infatti l’amore tra una studentessa universitaria ventenne, Katherine, e un assistente universitario pro tempore, Armand, che si presenta come un giovane pur avendo più di … trecento anni! Cultura e amore per l’arte fanno da sottofondo in quel di Firenze, laddove Verona, Rimini e Parigi sono invece i teatri delle sopra richiamate tragiche vicende passionali.

L’implosione

L’implosione per me, fino a ieri, era unicamente la tecnica utilizzata per distruggere con una carica esplosiva gli ecomostri che devastano le nostre belle coste. Da quando ho letto il paranormal romance della ventottenne M.J. Heron ho imparato a vedere l’idea applicata a ogni oggetto che “non si era sciolto, ma accartocciato, compresso, proprio come se si fosse ripiegato su se stesso.”

E, semanticamente arricchito da questa nuova lettura, mi esercito ad applicare il concetto anche in senso metaforico, spingendomi a considerare una forma traslata di implosione anche la vendetta su Abelardo (che, come tutti sanno, viene evirato).

L’amore contrastato nel paranormal fantasy

La letteratura classica e la tragedia hanno a disposizione situazioni tipiche e tristemente ordinarie per contrapporre il contrasto alla passione amorosa: l’odio dinastico (quello di Monetecchi e Capuleti in “Romeo e Giulietta”), i rapporti familiari (Paolo e Francesca sono cognati), le interferenze istituzionali e religiose (Abelardo è chierico, Eloisa diviene monaca; Lancillotto è cavaliere di Artù). In virtù di tali premesse, l’epilogo è inevitabilmente drammatico.

Il paranormal romance ha a disposizione possibilità pressoché infinite per rendere una storia d’amore un campo di battaglia. E “Implosion” non si lascia certamente sfuggire quest’opportunità di costruire una vicenda romantica tesa ed esplosiva (in controtendenza rispetto al titolo), sfruttando temi del tipo: “non avrebbe mai più potuto guardare Katherine negli occhi, non dopo averle ucciso il padre” ossia l’ideatore del “TRW-killer, l’arma di distruzione di massa più efficace di tutti i tempi … un software in grado di generare un’alternanza di infrasuoni e ultrasuoni che portava a una reazione nucleare all’interno delle cellule cerebrali”.

I protagonisti dell’amore sono belli ai limiti delle umane possibilità (“una ragazza dagli occhi blu notte” e “un semidio sceso dall’Olimpo” con una “fragranza di sandalo e bergamotto”!) e sono dotati di poteri paranormali.

Lei: “distruggeva le cose senza neppure toccarle” e “come se non bastasse aveva scoperto che in particolari situazioni il suo corpo riusciva a effondere un calore insopportabile …” Però, come ogni innamorato, sa ancora sorprendersi: “Questo è sangue! Cosa ci fa nel tuo frigo?

Lui: “era nato umano e la sua trasformazione non era ancora del tutto ultimata” e domina la “Krotomateria, ovvero l’antimateria totalmente distruttiva che la sua mente era in grado di liberare”. Perché il nitido Armand è un Kurann, ossia una …

 … nuova declinazione dei vampiri!

Hanno i denti affilati, ghigno beffardo, sono grossi predatori: “Venivano sopraffatti dalla tikosaima, ovvero dalla brama di sangue che li spingeva a uccidere gli umani per inebriarsi con il sapore irresistibile del loro caldo liquido scarlatto”. La loro natura “consentiva agli esemplari con il sangue più puro di vivere quasi duemila anni”.

A me piace immaginare, con l’autrice, che siano una nuova edizione delle chere: “Nella mitologia greca le chere erano viste come demoni della morte e venivano spesso raffigurate come creature nere alate, con denti aguzzi e artigli, che si nutrivano del sangue dei morti e dei feriti”.

Credo di aver fornito gli elementi essenziali perché un’altra storia di amore contrastato possa essere fruita da chi, appassionato del genere, ritenga “Implosion” un romanzo interessante. Così come credo sia chiaro in quale direzione muove il sentimento di un antico…

… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

J.

M.

Heron

Libri dallo stesso autore

Intervista a Heron M. J.


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Per migliaia di chilometri, in auto, a piedi, su traghetti, bus e funivie, una carovana piena di colori tenta di stare dietro al ritmo furibondo imposto dai ciclisti che in tre settimane girano tutta l'Italia, dalla costiera amalfitana agli aspri profili del Vajont. Fa parte della carovana anche uno scrittore, che fin da bambino sognava di partecipare al Giro d'Italia e affronta questa avventura con entusiasmo assoluto, pronto a infiammarsi per l'epica che il ciclismo da sempre sprigiona. Ma presto scoprirà che la tenacia e la passione dei corridori sono solo una parte della storia. Perché sarà proprio tutto quello che accade intorno alla corsa a rendere il viaggio strepitoso. Lungo le strade secondarie, nel cuore selvatico o cementificato della provincia italiana, si rischia di perdersi a ogni bivio mentre si incontrano folle festanti e personaggi clamorosi, paesini pazzeschi come la gente che li abita, assessori dediti alla promozione di figlie cantanti, pompieri ballerini di break dance, maturi musicisti da pianobar che cercano di infilarsi in casting riservati agli adolescenti, oscuri poeti a caccia di editori... le mille impossibili follie che solo la vita vera ci può regalare. Alla passione ardente per il ciclismo - grandissima metafora della fatica e della gloria nascosta a ogni curva della vita - Fabio Genovesi unisce il suo impareggiabile umorismo, facendo di queste pagine la cronaca di un'impresa sportiva straordinaria e insieme il racconto stralunato e memorabile del nostro Paese, delle sue debolezze e dei suoi grandi sogni.

TUTTI PRIMI SUL TRAGUARDO DEL MIO CUORE

Genovesi Fabio

Due racconti sul diverso modo di vivere l'attesa della Vigilia di Natale, introdotti da una poesia di Edmond Rostand. "Il dono di Natale" di Grazia Deledda è ambientato nella Sardegna dei primi del Novecento. Dopo la messa della Vigilia, i cinque fratelli pastori festeggiano, davanti al focolare dell'umile casa, il fidanzamento dell'unica sorella consumando carne arrosto, focacce e una torta di miele. "A.D. 2953" è un racconto distopico in cui un nuovo ordine mondiale ha preso il potere sulla Terra. La razza umana, sfidando le leggi di natura e sostituendosi a Dio, è diventata immortale. C'è ancora, però, una frangia dissidente e una luce di speranza. Seppur così apparentemente lontani, un filo rosso lega i due racconti che, nel finale, ci svelano che il dono più grande è il miracolo della vita.

Luci di Natale

Deledda Grazia

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele