Saggi

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle

Bukowski Charles

Descrizione: Fernanda Pivano incontra Charles Bukowski e lo fa parlare, quasi a ruota libera. Ne esce un ritratto incisivo di uomo e di artista. Precedute da una biografia dell'autore, la Pivano pone le sue domande, oscillando tra le questioni fondamentali e le piccole cose che fanno la vita di tutti i giorni.

Categoria: Saggi

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880568

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle” è il discutibile titolo attribuito all’intervista a Charles Bukowski, realizzata da Fernanda Pivano (“Ecco Malibù… Mi ci porta Joe Wolberg, ex professore di storia del marxismo… biografo di Charles Bukowski che da anni lo frequenta raccogliendo materiale su di lui”).
Preceduta da un’approfondita biografia, l’intervista ripercorre alcuni momenti della vita dello scrittore: il difficile rapporto con i genitori, che culmina in un atto violento (un pugno) contro il padre, il provocatorio proclama nazista, il viaggio in Europa con la contestazione delle femministe (“… perché le femministe mi detestano? Sono curioso di saperlo”), la  scandalosa partecipazione a un programma della TV francese, finita in rissa (“Sai, quando fanno queste cose io bevo, così non ricordo quello che ho detto”)…

Nell’intervista si ritrovano interessanti spunti sulla controversa poetica del Buk (“… scrivere è come andare a letto con una bella donna, fare all’amore e poi ci si alza e qualcuno ti dà dei soldi”) e giudizi sugli scrittori americani: il mostro sacro Hemingway (“Addio alle armi era uno dei primi, con l’infermiera che…” “E non mi piaceva Il vecchio e il mare e soltanto i primi erano molto buoni”), autori alla cui riscoperta Bukowski contribuì (“John Fante. A questo non avrei pensato… ora John Martin, il mio editore, lo ha ristampato”), affinità più apparenti che reali (“Qualcuno ha detto che tu eri il nuovo Miller e il nuovo Kerouac… mi pare che tu non abbia niente a che fare con loro… Anche Fitzgerald beveva, ma tu non hai niente a che fare con Fitzgerald”).

E in rapporto alla letteratura italiana?
Il primo citato è un grandissimo: “Sì, c’era uno che aveva comprato la macchina fotografica… Pirandello… mi piacevano le sue commedie, qualcuna.”
Poi viene il momento di “Silone… Era un po’ politicizzato, vero? … mi piaceva il suo modo di scrivere, il suo stile, molto bello.”
Buio completo su PPP: “Non hai mai sentito il nome di Pasolini? No.
E idee confuse su Moravia: “Oggi sul giornale c’era un articolo su un vecchio di settantadue anni che… come si chiama… Maromia… Non credo che mi piacerebbe quello che scrive però… è intonato politicamente, capisci, le sue risposte alle domande erano buone e mi ricordavano le stesse risposte che avrei dato a quella signora se le domande le avesse fatte a me.”

L’immagine che esce dall’intervista è quella di un Bukowski  imborghesito, arrivato, piuttosto autoriferito, confusamente intento a consolidare il mito del “genio e sregolatezza”, non del tutto privo di una sua dolcezza (“Certo. Prendi questa rosa”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles

CHI DI NOI DUE?

D'Amico Renata

Un vocabolario che comincia con un "abbraccio" e prosegue con "cuore", "dedica", "incontro", "notte", e "piangere" in cui Barthes interviene con il suo sottile ingegno di linguista a collezionare tutti questi discorsi spuri in un unico soliloquio. Per il grande pensatore francese l'amore è un discorso sconvolgente ed egli lo ripercorre attraverso un glossario dove recupera i momenti della "sentimentalità", opposta alla "sessualità", traendoli dalla letteratura occidentale, da Platone a Goethe, dai mistici a Stendhal. Si realizza così un repertorio suffragato da calzanti riferimenti letterari e da obbligati riferimenti psicanalitici sul lessico in uso nell'iniziazione amorosa.

Frammenti di un discorso amoroso

Barthes Roland

Se l'amore coniugale è il sofferto resoconto di una fedeltà impossibile, "il disprezzo" muove invece da una condizione apparentemente positiva, da una fedeltà matrimoniale quale è prevista dalle moderne istituzione borghesi. Pubblicato per la prima volta nel 1945, questo romanzo costituisce una tappa fondamentale del viaggio di Moravia attraverso le istituzioni borghesi e il loro scacco. Protagonista è uno scrittore di sceneggiature i cui primi rapporti con la moglie si illuminano e si complicano a contatto con il mondo della produzione cinematografica, della carriera e del successo. A differenza de L'amore coniugale che racconta la storia di un tradimento, Il disprezzo muove da un lato positivo, un caso di fedeltà matrimoniale, per chiarirne tutta la natura di illusione, di reale sconfitta e di profonda, modernissima contraddizione.

Il disprezzo

Moravia Alberto

Elegie di Patti Smith