Saggi

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle

Bukowski Charles

Descrizione: Fernanda Pivano incontra Charles Bukowski e lo fa parlare, quasi a ruota libera. Ne esce un ritratto incisivo di uomo e di artista. Precedute da una biografia dell'autore, la Pivano pone le sue domande, oscillando tra le questioni fondamentali e le piccole cose che fanno la vita di tutti i giorni.

Categoria: Saggi

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880568

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle” è il discutibile titolo attribuito all’intervista a Charles Bukowski, realizzata da Fernanda Pivano (“Ecco Malibù… Mi ci porta Joe Wolberg, ex professore di storia del marxismo… biografo di Charles Bukowski che da anni lo frequenta raccogliendo materiale su di lui”).
Preceduta da un’approfondita biografia, l’intervista ripercorre alcuni momenti della vita dello scrittore: il difficile rapporto con i genitori, che culmina in un atto violento (un pugno) contro il padre, il provocatorio proclama nazista, il viaggio in Europa con la contestazione delle femministe (“… perché le femministe mi detestano? Sono curioso di saperlo”), la  scandalosa partecipazione a un programma della TV francese, finita in rissa (“Sai, quando fanno queste cose io bevo, così non ricordo quello che ho detto”)…

Nell’intervista si ritrovano interessanti spunti sulla controversa poetica del Buk (“… scrivere è come andare a letto con una bella donna, fare all’amore e poi ci si alza e qualcuno ti dà dei soldi”) e giudizi sugli scrittori americani: il mostro sacro Hemingway (“Addio alle armi era uno dei primi, con l’infermiera che…” “E non mi piaceva Il vecchio e il mare e soltanto i primi erano molto buoni”), autori alla cui riscoperta Bukowski contribuì (“John Fante. A questo non avrei pensato… ora John Martin, il mio editore, lo ha ristampato”), affinità più apparenti che reali (“Qualcuno ha detto che tu eri il nuovo Miller e il nuovo Kerouac… mi pare che tu non abbia niente a che fare con loro… Anche Fitzgerald beveva, ma tu non hai niente a che fare con Fitzgerald”).

E in rapporto alla letteratura italiana?
Il primo citato è un grandissimo: “Sì, c’era uno che aveva comprato la macchina fotografica… Pirandello… mi piacevano le sue commedie, qualcuna.”
Poi viene il momento di “Silone… Era un po’ politicizzato, vero? … mi piaceva il suo modo di scrivere, il suo stile, molto bello.”
Buio completo su PPP: “Non hai mai sentito il nome di Pasolini? No.
E idee confuse su Moravia: “Oggi sul giornale c’era un articolo su un vecchio di settantadue anni che… come si chiama… Maromia… Non credo che mi piacerebbe quello che scrive però… è intonato politicamente, capisci, le sue risposte alle domande erano buone e mi ricordavano le stesse risposte che avrei dato a quella signora se le domande le avesse fatte a me.”

L’immagine che esce dall’intervista è quella di un Bukowski  imborghesito, arrivato, piuttosto autoriferito, confusamente intento a consolidare il mito del “genio e sregolatezza”, non del tutto privo di una sua dolcezza (“Certo. Prendi questa rosa”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

C'è una minaccia mortale da qualche parte a Empire City e Fixer ha solo fino all'alba per salvare la sua città... e il mondo come lo conosciamo. "Sacro terrore" racconta la disperata missione di un eroe costretto ad affrontare un esercito di fanatici per poter impedire un terribile crimine contro l'umanità.

Sacro terrore

Miller Frank

Boscobasso, succulento borgo in provincia di Cremona, è in subbuglio. Non solo il liutaio Arcari è stato trovato morto in circostanze imbarazzanti, ma pare che la sua perfetta mogliettina si sia messa a intrallazzare col becchino, mentre l'ex sindaco è "fuggito" dalla sua tomba: è troppo persino per il maresciallo Bellomo e per i suoi due obbedienti sottoposti. Nel breve volgere di due giorni, mezzo paese viene preso dalla febbre dell'intrigo, che non risparmia nessuno: dalla segretaria comunale Gigliola, zelante in tutto tranne che nel lavoro, al ruvido macellaio milanista Primo Ruggeri, per non parlare della bella barista Elena, contesa tra due uomini e ben decisa a conquistarne un terzo. L'indagine si complica, finché il maresciallo perderà, se non la testa, perlomeno il cappello... Una commedia degli equivoci sul filo del giallo che mette in scena con gusto la provincia italiana, i suoi caratteri, la sua allegria e i suoi misteri, in un intreccio che coinvolge e trascina come una sarabanda.

Il cappello del maresciallo

Ghizzoni Marco

La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič

«Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

La morte della Pizia

Dürrenmatt Friedrich