Saggi

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle

Bukowski Charles

Descrizione: Fernanda Pivano incontra Charles Bukowski e lo fa parlare, quasi a ruota libera. Ne esce un ritratto incisivo di uomo e di artista. Precedute da una biografia dell'autore, la Pivano pone le sue domande, oscillando tra le questioni fondamentali e le piccole cose che fanno la vita di tutti i giorni.

Categoria: Saggi

Editore: Feltrinelli

Collana: Universale economica

Anno: 2012

ISBN: 9788807880568

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle” è il discutibile titolo attribuito all’intervista a Charles Bukowski, realizzata da Fernanda Pivano (“Ecco Malibù… Mi ci porta Joe Wolberg, ex professore di storia del marxismo… biografo di Charles Bukowski che da anni lo frequenta raccogliendo materiale su di lui”).
Preceduta da un’approfondita biografia, l’intervista ripercorre alcuni momenti della vita dello scrittore: il difficile rapporto con i genitori, che culmina in un atto violento (un pugno) contro il padre, il provocatorio proclama nazista, il viaggio in Europa con la contestazione delle femministe (“… perché le femministe mi detestano? Sono curioso di saperlo”), la  scandalosa partecipazione a un programma della TV francese, finita in rissa (“Sai, quando fanno queste cose io bevo, così non ricordo quello che ho detto”)…

Nell’intervista si ritrovano interessanti spunti sulla controversa poetica del Buk (“… scrivere è come andare a letto con una bella donna, fare all’amore e poi ci si alza e qualcuno ti dà dei soldi”) e giudizi sugli scrittori americani: il mostro sacro Hemingway (“Addio alle armi era uno dei primi, con l’infermiera che…” “E non mi piaceva Il vecchio e il mare e soltanto i primi erano molto buoni”), autori alla cui riscoperta Bukowski contribuì (“John Fante. A questo non avrei pensato… ora John Martin, il mio editore, lo ha ristampato”), affinità più apparenti che reali (“Qualcuno ha detto che tu eri il nuovo Miller e il nuovo Kerouac… mi pare che tu non abbia niente a che fare con loro… Anche Fitzgerald beveva, ma tu non hai niente a che fare con Fitzgerald”).

E in rapporto alla letteratura italiana?
Il primo citato è un grandissimo: “Sì, c’era uno che aveva comprato la macchina fotografica… Pirandello… mi piacevano le sue commedie, qualcuna.”
Poi viene il momento di “Silone… Era un po’ politicizzato, vero? … mi piaceva il suo modo di scrivere, il suo stile, molto bello.”
Buio completo su PPP: “Non hai mai sentito il nome di Pasolini? No.
E idee confuse su Moravia: “Oggi sul giornale c’era un articolo su un vecchio di settantadue anni che… come si chiama… Maromia… Non credo che mi piacerebbe quello che scrive però… è intonato politicamente, capisci, le sue risposte alle domande erano buone e mi ricordavano le stesse risposte che avrei dato a quella signora se le domande le avesse fatte a me.”

L’immagine che esce dall’intervista è quella di un Bukowski  imborghesito, arrivato, piuttosto autoriferito, confusamente intento a consolidare il mito del “genio e sregolatezza”, non del tutto privo di una sua dolcezza (“Certo. Prendi questa rosa”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Charles

Bukowski

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bukowski Charles


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Kafka, Franz – IL FUOCHISTA (America, 1927)

Spagna, località di Las Marinas. La luce si è ritirata verso qualche luogo nel cielo. Il buio della notte avvolge le viuzze del paese e il mare è nero come la pece. Julia ha perso la strada di casa: è circondata dal silenzio e sente solo la voce del vento che soffia dal mare, e profuma di sale e di fiori. Non ricorda cosa sia successo: era uscita a prendere il latte per suo figlio, ma sulla strada del ritorno all'improvviso si è ritrovata in macchina senza soldi, documenti e cellulare. In pochi minuti quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in un incubo. Per le strade non c'è nessuno, le case sulla spiaggia sembrano tutte uguali e Julia non riesce a ritrovare l'appartamento nel quale l'attendono il marito Felix e il figlio di pochi mesi. Prova a contattarli da un telefono pubblico, ma la linea è sempre occupata. Tutto, intorno a lei, è così familiare eppure così stranamente irreale. Tra le vie oscure e labirintiche c'è solo una luce, quella di un locale notturno. A Julia non resta altra scelta che raggiungerlo, nella speranza di trovare qualcuno che l'aiuti. Qui, quasi ad aspettarla, c'è un uomo, un tipo affascinante, con la barba incolta e l'accento dell'Est Europa, che sembra sapere tante, troppe cose su di lei. Si chiama Marcus: Julia ha la sensazione di averlo già incontrato da qualche parte. Fidarsi di lui è facile. Eppure Marcus non è quello che sembra e nasconde qualcosa.

LA VOCE INVISIBILE DEL VENTO

Sanchez Clara

Imperniato attorno a un leggendario brano blues, il racconto parla con la voce di un sedicenne che scopre di avere un difetto irreversibile all’udito. Il suo è un viaggio attraverso la presa di coscienza dell’handicap, ma è anche il cammino di un teenager come tanti, alla ricerca della propria identità. È un’empatia che lo sorregge dove i sensi vengono meno: trasporta lontano e pone un diaframma tra lui e il mondo degli uomini che si muovono in fretta, e coltivano cinici il destino come fosse un’occasione. Il ragazzo osserva, memorizza i suoni per riascoltarli nell’animo e attende il silenzio che verrà, e che forse sarà davvero un’occasione. Lo fa in disparte, perché non ama la compagnia chiassosa e accessoria delle conoscenze di passaggio. L’affiancano gli amici dai quali trae, come dalla musica, l’energia per combattere la deriva. L’amicizia è il sentimento che conforta e dà voce a ogni cosa, mentre sul mondo cade fragile il sipario del silenzio.

La Forma Fragile del Silenzio

Pigola Fabio Ivan

Cantico di borgata

Vergoni Gianfranco