Narrativa

IN FONDO AI SUOI OCCHI

Bonfanti Roberto

Descrizione: Elisabetta ha i capelli scuri, due splendidi occhi grigio-azzurri e un sorriso sempre sereno, capace di trasmettere lo stesso senso di forza e quiete del mare placido in una giornata di primavera. Impossibile, per chi la guarda, immaginare che dietro quel volto perfetto e quella maschera di calma assoluta si possa nascondere un'anima inquieta, tormentata da ricordi dolorosi, costantemente alla ricerca di qualcosa che probabilmente nemmeno lei riesce ancora ad afferrare. Le parole di Roberto Bonfanti raccontano questa storia dal sapore blues, pregna di vita e di scelte difficili, nel tentativo di tracciare un ritratto umano intimo, fragile e profondo dell'enigmatica protagonista.

Categoria: Narrativa

Editore: Falzea Editore

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788882963255

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

“… la cosa più importante nella vita è sapersi contraddire. Essere incoerenti. Ma con coerenza

Così Elisabetta non si tira indietro e prova di nuovo a voltare pagina e ricominciare daccapo, assecondando ancora una volta quell’inquietudine che non le ha mai dato tregua.

Chi è Elisabetta? Una persona come tante… Bonfanti non ha la pretesa di sorprenderci con colpi di scena inverosimili: vuole solo raccontare la storia di una giovane donna disillusa e concreta, mantenendo la promessa fattale in una notte “illuminata da una luna così bella da meritare un ritratto“. A sorprenderci, però, l’autore ci riesce ugualmente: grazie alla disarmante sensibilità con cui tratteggia i pensieri più intimi della sua protagonista.

Elisabetta non è un’eroina, né un esempio di virtù: ha mille dubbi ed altrettante paure. Ma vale la pena aspettare di sciogliere i primi e superare le seconde? Non è forse meglio buttarsi e vivere, anche a costo di sbagliare? E conta davvero ciò che pensa la gente? “… Elisabetta non piange mai. Elisabetta si tiene tutto dentro fino a scoppiare. Elisabetta non ama sbattere in piazza ciò che prova. Elisabetta è stronza e si sente superiore a tutti. E allora? Troppe volte questi pensieri le avevano fatto provare un misto di rabbia, frustrazione e impotenza. Troppe volte avrebbe voluto rispondere a muso duro all’intera massa bisbigliante. Troppe volte avrebbe voluto prendere uno per uno i bisbigliatori e urlargli in faccia il suo disprezzo e la sua rabbia. Ma erano troppi. E non sarebbe servito a nulla

Trasferirsi a Roma dopo il liceo è stato il primo passo per conquistare la libertà e “… per correre verso qualcosa di più grande e importante di cui però non riusciva nemmeno a immaginare i contorni“.

Adesso vive con Marco da cinque anni ma, inaspettatamente, in una notte qualsiasi, Elisabetta si rende conto che è giunto il tempo di ripartire.

Forse, dentro di sé, lo aveva già deciso da tempo; forse il perché lo sa, o forse no; forse i motivi di questa decisione non le interessano veramente, o forse invece sì.

Fatto sta che alla fine smette di pensare, di rimuginare, di valutare, e se ne va via, iniziando una nuova vita…

Elisabetta è una persona reale: è questa la sua forza. E nella realtà non tutto è sempre chiaro, non tutto può essere frutto di un ragionamento ponderato, di un calcolo dei pro e dei contro.

A volte si sente semplicemente il bisogno di lanciare i dadi…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Roberto

Bonfanti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bonfanti Roberto


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

«Un Julien Sorel all’epoca della crisi»: così venne presentato, alla sua comparsa nelle librerie francesi, il protagonista di questo romanzo. Come l’eroe di Stendhal, Jean-Luc Daguerne non ha che un desiderio: «afferrare il mondo a piene mani», diventare uno di quelli che gestiscono il potere e gli affari. Per riuscirci accetterà di essere umiliato, di mentire, di adulare, di fare il doppio gioco, e persino di tradire il suo unico vero amico. Fino al giorno in cui ritroverà dentro di sé, con stupore e sgomento, «quel desiderio di tenerezza, quel disperato bisogno di amore» che per anni ha dovuto negare e soffocare. Allora cercherà, con una sorta di furioso accanimento, di farsi amare dalla sola donna tra le cui braccia abbia sentito riemergere la propria fragilità di bambino, e si chiederà che senso abbia avuto quella lotta convulsa, rabbiosa, per sottrarsi a un destino di miseria, per intrufolarsi negli ambienti giusti, per avere in mano le carte vincenti. Alla fine, il patto faustiano si rivela una beffa: «Il successo, quando è lontano, ha la bellezza del sogno, ma non appena si trasferisce su un piano di realtà appare sordido e meschino».

La preda

Némirovsky Irène

Al largo di Fjällbacka, nella nassa di un pescatore a caccia di aragoste rimane impigliato il corpo senza vita di una bambina. Nei suoi polmoni ci sono tracce d'acqua dolce e sapone: qualcuno l'ha annegata in una vasca da bagno prima di gettarla in mare. Mentre Erica, mamma da poche settimane, è completamente assorbita da una neonata che tutto le offre fuorché le "gioie deliranti della maternità" che si aspettava, Patrik guida le indagini. Ma chi può aver voluto la morte della piccola Sara? Il paese è alla ricerca di un capro espiatorio, la gente bisbiglia, i conflitti nutriti negli anni si fanno più aspri: dentro le case dalle facciate perfette affiorano drammi famigliari che il tempo non ha saputo placare. Al terzo romanzo della sua serie pubblicata in trentadue paesi, Camilla Làckberg, con occhio attento agli esseri umani e alla loro psicologia, intreccia le colpe del passato agli effetti devastanti sul presente, tracciando il ritratto lacerante di una psiche femminile sfrenata, affascinante, e mostruosa.

LO SCALPELLINO

Läckberg Camilla

In occasione del giorno della memoria, un diario di ricordi sull'occupazione. Pagine di memoria da custodire e tramandare. Roma, 1943. I tedeschi occupano la “città aperta”. Il diario di un bambino tiene traccia di quei giorni terribili e degli anni che seguirono. I bombardamenti, i rastrellamenti, il papà partigiano e la Resistenza, la Liberazione e la lenta ripresa del dopoguerra vengono raccontati con un'impronta serena, senza polemiche, come solo un bambino potrebbe fare.

LA BICICLETTA DI MIO PADRE

Roccheggiani Fabrizio

Il volume "Alberto Moravia e La ciociara. Letteratura. Storia. Cinema", raccoglie le relazioni pronunciate nel corso del II Convegno Internazionale svoltosi a Fondi, nei luoghi del romanzo, il 13 aprile 2012, e con alcuni interventi di rilievo, oltre alla prefazione di Rino Caputo, al saggio introduttivo di Angelo Fàvaro, alle conclusioni di Dante Della Terza e all'indirizzo di saluto di Dacia Maraini. Pubblicato dalle Edizioni Sinestesie, con il patrocinio dell'Associazione Fondo Alberto Moravia, è passato al vaglio di numerosi comitati scientifici e ha ottenuto il plauso per i contenuti e per la forma editoriale. Da non tacere alcuni interventi di insigni storici della letteratura, intellettuali, italianisti, esperti dell'Opera di Alberto Moravia, non senza alcune inedite riflessioni e dimostrazioni.

Alberto Moravia e La ciociara – Atti del secondo convegno internazionale a Fondi (Edizioni Sinestesie)

Autori vari