Narrativa

Ma in seguito a rudi scontri

Culicchia Giuseppe

Descrizione: Torino, 2 aprile 1945. Ermanno Zazzi è un parà della Folgore pronto a partire per difendere gli ultimi avamposti fascisti. Prima ancora che nero, il suo cuore è granata. La visita del suo vecchio compagno di battaglie Hrubesch, Obersturmfuhrer delle SS, non potrebbe capitare in una giornata migliore: allo stadio Mussolini è in programma il derby. Una battaglia autentica, altro che rastrellamenti sulle montagne. I due amici assisteranno al derby più furioso della storia, con spari e risse sugli spalti, fin quando l’arbitro sospenderà la partita dopo 60, lunghissimi minuti: più che bastevoli allo Hrubesch per capire che, a prescindere da fascisti e comunisti, “il derby è il derby. E noi siamo del Toro”.

Categoria: Narrativa

Editore: Rizzoli

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788817068680

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Ma in seguito a rudi scontri”, Giuseppe Culicchia rimane vittima dei tafferugli dello stesso stadio che descrive nel romanzo. E vi spiego perché.

È il “1 aprile 1945… oggi poi che è Pasqua sembra di stare in una città fantasma”. A Torino, il fascista Ermanno Zazzi incontra il comandante delle SS, Franz Hrubesch: o meglio, quello che resta di lui in prossimità della fine della guerra. Il gerarca è mutilato (“E che ti è successo al braccio sinistro?”) e sofferente (“Dal giorno dell’amputazione, e anche dopo l’innesto di una protesi, i dolori lancinanti che prova…”). Ciononostante Ermanno Zazzi, volgare tifoso del Torino, lo conduce al derby, non prima di aver fatto tappa al lupanare (“la maîtresse mette a fuoco le rune argentate sul colletto del tedesco”), che vanta la presenza di Aida, angelo biondo veneziano. Ma l’ufficiale nazista è un uomo ormai distrutto dalle vicende personali e dalla prospettiva della sconfitta militare (“Oggi invece abbiamo sostituito la riva del Volga con quella dell’Oder”)… Morirà suicida a Berlino per non cadere prigioniero dell’Armata Rossa.

Tra sinistri simboli di arrogante potere (“la testa di morto che ghigna sul berretto”) e maschilismo roboante (“la moto BMW R75 con sidecar”), Ermanno Zazzi sfoga la sua natura violenta nell’odio calcistico (“Odio più l’altra squadra che i badogliani”), in uno stadio che si trasforma ben presto in un anfiteatro ove lo scontro duro si svolge sia in campo, sia sugli spalti.
La surreale visione (vorrebbe essere ironica? A parer mio non lo è affatto…) dei futuri eventi di uno sport incancrenito dalla corruzione non risolleva le sorti di un romanzo e di personaggi che si fanno detestare per quello che rappresentano.

L’autore voleva suscitare nausea attraverso l’identificazione della violenza politica e sportiva e mettendo alla berlina il qualunquismo? C’è riuscito ampiamente. Con un linguaggio rude, scurrile e fastidioso. Con buona pace della buona lettura…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuseppe

Culicchia

Libri dallo stesso autore

Intervista a Culicchia Giuseppe


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Estate 1996. Un' estate torrida e senza vento. Un gruppo di amici tra i 17 e i 20 anni si gode la bellezza della Costiera Amalfitana. Ci sono Pier, che ha una passione insolita per la poesia di Rimbaud, il suo migliore amico Dario, figlio di un vecchio aristocratico napoletano che preferisce lavorare in un pub anziché godersi i lussi di famiglia. E ci sono Luca, Liv, Silvia e Alessia. Sono tutti inquieti, nonostante un mare perennemente calmo e una luce bollente che riscalda le giornate. Per rompere la routine ci sono poche cose: saltare dal tetto di un palazzo ad un altro, oppure tuffarsi in mare posti sempre più alti e imprevedibile. Finché un giorno, Francesca, la ragazza di Pier, scompare. In quegli stessi luoghi arriva un uomo dalla Francia. Si chiama Ezra, ed è uno scultore. Arriva lì seguendo il diario di sua figlia, morta in un incidente d'auto. L'uomo sta ritornando nelle città in cui lei ha vissuto. Vuole portarsi a casa da quei luoghi dei frammenti di terra, che poi userà per una scultura-memoriale. Quei ragazzi sono un mistero che Ezra non riesce in nessun modo a penetrare. Neanche quando intuisce che stanno progettando di suicidarsi non appena sarà finito agosto.

TUTTA LA BELLEZZA DEVE MORIRE

Pingitore Luigi

Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

Prendi un verso dai poeti e dipingi il mondo di pace

Riccardin dal ciuffo (Riquet à la houppe)