Saggi

Incontrare Vittorino Andreoli

Andreoli Vittorino

Descrizione: L’evoluzione tecnologica sta portando un grande progresso in molti campi della vita dell’uomo, ma ha anche un impatto crescente sul suo comportamento. Gli smartphone su cui passiamo la maggior parte del nostro tempo sono oggi vere e proprie protesi di corpo e mente e stanno creando una pericolosa divisione “tra due cervelli”...

Categoria: Saggi

Editore: Solferino

Collana: Saggi

Anno: 2019

ISBN: 9788828201243

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Incontrare Vittorino Andreoli

Se non di persona, attraverso i suoi libri. È un incontro sempre interessante, sull’umano sentire e ragionare. L’ultimo nato non tradisce le aspettative.  L’uomo col cervello in tasca. Come la rivoluzione digitale sta cambiando i nostri comportamenti, edizioni Solferino. Dalla quarta di copertina:

L’evoluzione tecnologica sta portando un grande progresso in molti campi della vita dell’uomo ma anche un impatto pericoloso sul suo comportamento.
Gli smartphone su cui passiamo la maggior parte del nostro tempo sono oggi vere e proprie protesi di corpo e mente e stanno conducendo a una divisione tra due cervelli: il nostro e quello che «portiamo in tasca».
Una relazione pericolosa, secondo Vittorino Andreoli, che in queste pagine ricostruisce origini e funzioni dell’organo naturale mettendolo a confronto con quello artificiale, che ne è figlio, per comprendere i rischi psicologici e sociali che la rivoluzione digitale, dal computer ai tablet, dall’invenzione del web all’avanzata della robotica, ha innescato per giovani e adulti, in famiglia, nei legami e sul lavoro.
La nostra identità rischia uno sdoppiamento? L’intelligenza artificiale da appendice diventerà parte integrante del nostro corpo prendendo alla fine il sopravvento? Sono solo alcune delle domande cui questo saggio cerca di dare una risposta con un’analisi affascinante sulle nostre origini e il futuro prossimo che ci aspetta. 

Ragionando su questo libro, i pensieri dell’autore:

Bisogna ricordare che la tecnologia nasce dall’uomo. Se c’è conflitto tra cervello di carne e cervello tecnologico, si tratta di un problema dentro di noi. Bisogna tenere presente che quello che abbiamo in tasca è generato da noi. Bisogna mantenere la gerarchia. Il nostro cervello è il padre, noi dominiamo le nostre scoperte. Certo, corriamo dei rischi. Il PC è la prima protesi della mente creata dall’uomo. In precedenza le innovazioni erano legate al corpo (per esempio la ruota). Ora il cervello umano ha creato qualcosa “a somiglianza” del cervello stesso, perché è in grado di compiere azioni che riguardano il nostro mondo mentale. Da protesi del corpo si è passati a protesi del cervello, questo ha cambiato la storia dell’uomo. Ma dobbiamo tenere separati i due ambiti. Non ci deve essere lotta, né supremazia. Il mondo digitale non può sostituire quello umano.

L’uomo ha capacità di generare pensieri, anche di cose che non esistono. Ci sono gli affetti (diversi dalle emozioni, che sono risposte a degli stimoli) che sono legami. La mente mantiene il legame anche in assenza della persona amata. La mente differenzia l’uomo dal regno animale.

La tecnologia è una bicicletta che non deve impedire all’uomo di camminare. Creatività e relazioni affettive fanno la differenza. La tecnologia può lavorare sulle emozioni, ma non sul legame d’amore. Quest’ultimo è anche una proiezione d’amore e spesso amiamo noi stessi nell’altro. Possiamo solo elogiare la tecnologia, che offre elaborazioni di migliaia di operatori su migliaia di PC. Il rischio è rappresentato dall’uso patologico della tecnologia, dal rapporto sbagliato tra creatura tecnologica e creatore. La mente non è un organismo fatto di ingranaggi. E noi conosciamo ancora poco il cervello. Abbiamo scoperto che la mente è funzione del cervello. C’è attività del cervello già solo con i desideri, come se facessimo l’esperienza concreta.  Questa comprensione ha riportato l’uomo al centro della sua storia, quindi non teniamo il nostro cervello in tasca. Quello è ciò che abbiamo generato. Un piccolissimo cervello. Turing ci ha deviato insinuando l’ipotesi che le macchine possano pensare. Ma non è così. I dialoghi di Platone con Socrate mostrano come le domande facciano scaturire i dubbi e altre domande, nel PC questo non succede.

Altra grande dote della mente umana è la fragilità, che non è debolezza. Il cervello ha due zone: pensiero e affettività, a volte in conflitto che genera dubbi, vissuti, cambiamenti. Nel PC non c’è nulla di questo. Tutti i PC sono uguali. Gli uomini sono tuti diversi, per ciascuno il vissuto è unico. Il sogno di farci diventare tutti uguali è il sogno dei padroni dell’umanità (Chomsky). Quando si manda un segnale in rete deve arrivare uguale a tutti, ognuno però lo interpreta a suo modo. C’è un gruppo di lavoro internazionale che cerca di ottenere una risposta uguale per tutti (togliendo sentimenti ed emozioni che disturbano, oppure omologando le risposte, tramite emoji per esempio).

Per opporci a questa deriva bisogna impegnarci a scoprire di più del nostro cervello. La tecnologia teniamola in tasca, perché se ci sostituisce andiamo verso il buio. L’uomo che non sbaglia e non ha dubbi non è umano. Sono preoccupato per le persone che sono sensori: a stimolo, rispondono. È più facile far diventare robot le persone che non crearli con la tecnologia. In molti hanno già perso creatività e fantasia. Credono che l’adattamento consista in “cliccare” e “annullare” ciò che non ci piace. Quindi dedichiamoci al cervello per non digitalizzarci. Pensare al potenziale del cervello e non usarlo è terribile.

La fantasia è il fondamento della creatività. Forse la più grande funzione della mente. Può creare ciò che non c’è. Penso ai racconti straordinari dei matti attraverso i loro deliri. I circuiti digitali creano illusioni. L’immaginazione è un’altra cosa. La parola cervello non può essere usata pe runa macchina. Il caso è una grande dimensione dell’uomo, ma non si tratta di caso, è piuttosto una inconsapevolezza. Tutto ciò che ci pare casuale e assurdo potrebbe essere recuperato nella dimensione dell’inconscio, introiezioni di cui non ci siamo accorti o di cui non conserviamo memoria. A volte diciamo una parola per un’altra, e sicuramente c’è una ragione per questo comportamento. Si tratta della memoria semantica. Oggi abbiamo delegato i numeri al computer e va benissimo, ma dobbiamo evitare di delegare la memoria semantica. Perché se diciamo al computer “occupatene tu” abbiamo perso la capacità di comunicare. Io lo vedo già nella comunicazione tra adolescenti e padri. Lo vedo quando gli insegnanti mi dicono “non possiamo far leggere i Promessi Sposi perché i nostri studenti non conoscono le parole”.

Non possiamo delegare la memoria concettuale, il meccanismo che ci permette di costruire i discorsi nella mente prima di pronunciarli. Non possiamo delegarla al computer. Deleghiamo solo le funzioni utili e che non ci fanno rischiare la perdita di noi stessi. Il concetto l’algebra non ce l’ha. Ha solo 0 o 1, sì o no. E l’umanità non si può ridurre a un sistema binario.

___________________________________________________________________

Leggi la bio-bibliografia di Vittorino Andreoli sul sito di Rizzoli, cliccando su questo link

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Vittorino

Andreoli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Andreoli Vittorino

Sinfonia di sessanta canzoni scritte da Mogol. Sessanta canzoni per sessant'anni di carriera. Una selezione fatta da Clemente Mimun, direttore del Tg5, e Vittoria Frontini, giovane giornalista al suo esordio letterario. Al di là, Emozioni, Pensieri e parole... Un'analisi di opere letterarie di Mogol per scoprire la profondità e la sensibilità del suo poetico sguardo sull'esistenza. Qui ritroviamo la vita di tutti i giorni, le emozioni, i piccoli gesti quotidiani indagati e raccontati con i versi che hanno fatto sognare i ragazzi di ieri e di oggi. Una antologia, uno strumento didattico utile a insegnare ai più giovani l'arte della parola utilizzata con spontaneità e semplicità per esprimere il proprio pensiero, anche col sorriso dell'ironia. Un viaggio senza tempo con Mogol, nel quale vengono esplorati e commentati i testi delle sue canzoni che da oltre 60 anni penetrano nella nostra mente e nel nostro cuore. L'analisi delle situazioni, delle parole usate per descriverle, il loro contesto storico, la diversa età di Vittoria, Clemente e Mogol mettono in luce l'identità dei sentimenti di tre generazioni in cui tutti, a prescindere dall'età, ci riconosciamo anche attraverso espressioni poetiche che dalle canzoni sono entrate nel linguaggio comune. Fra le tante: «Lo scopriremo solo vivendo». Un libro per conoscere più da vicino Mogol, l'autore, il poeta, l'uomo e la sua storia. Come sottolinea Vincenzo Mollica, i testi di Mogol «sembrano scritti per il momento esatto in cui li cantiamo».

Mogol. Oltre le parole

Mimum Clemente, Frontini Vittoria

Il Circolo de i-LIBRI – Segnalazione prossimo libro

Ognuno nasce con un fato, quello di Roswita è essere l’unica in grado di fermare la malefica Dea Irmin. Roswita è un’adolescente volitiva, cresciuta in un bosco, nascosta al mondo da Iosò, una misteriosa anziana che chiama nonna. Trascorre le sue giornate a studiare e a giocare nella natura insieme all’inseparabile Lupa; e non sospetta il perché del suo isolamento. Fin quando un giorno un incontro inaspettato la stravolge… ma lui è il principe Fredric dei Noctiluca, figlio della malefica Irmin. In un susseguirsi di eventi, intrighi e misteri, Roswita dovrà combattere per il proprio amore e per la salvezza del mondo rinunciando per sempre alla propria innocenza. Un romanzo dalla prosa delicata ma incisiva, scritto con maestria, che conduce in luoghi incantati e al contempo infernali. Lacrime d’Ametista è un fantasy fiabesco, destinato a lasciare un segno indelebile nel cuore dei lettori. «L’amore può trascinare tutto con sé, anche l’odio più feroce».

Lacrime d’ametista

Perullo Donatella

Nadia Motta ha ventiquattro anni, nessun sogno e un'unica ambizione: il denaro. La sua vita da studentessa è solo una farsa, e i lavori occasionali piú disparati le permettono di tirare avanti. Perché preoccuparsi? Il futuro prima o poi le «verrà incontro da solo». E per quanto riguarda gli uomini? Faccende di poco conto. Se sua madre Stefi si definisce una «femminista storica» e crede di poterne fare a meno, lei è una «postfemminista»: inutile prenderli troppo sul serio, meglio puntare su un fidanzato con un bel lato «b» (babbeo), come Eros, che pensa di essere un grand'uomo ma gliela dà sempre vinta. Solo una cosa conta davvero, su questo Nadia non ha dubbi: i soldi, quella corrente che nasce chissà dove e spinge le nostre vicende in una direzione o nell'altra. E i soldi arrivano: Nadia vince ventuno milioni a una super lotteria, ritrovandosi da un giorno all'altro a dover maneggiare una cifra a sei zeri che solleverà le sue certezze come palloncini, fino a farle scoppiare in un mondo di traffici e avvocati, conti all'estero, misteri della finanza e amici dal lato «i» (quello intelligente) e dal lato «s» (quello stronzo) fin troppo sviluppati. Sola, e abbandonata a se stessa, Nadia sogna una città metafisica dove tutto è in svendita, piena di manichini sorridenti, castelli in aria e ruote panoramiche, e dove il Signore dei Saldi e dei Soldi sta in agguato appeso a un'enorme ragnatela... Comprare il sole è una commedia sul denaro crudele e attualissima, un balletto vertiginoso sul nostro mondo fatto di apparenze, su una «società di poveri ricchi» che ha perso il senso delle cose.

COMPRARE IL SOLE

Vassalli Sebastiano