Eventi

Incontro con Riccardo Muti

Muti Riccardo

Descrizione: «Quello del musicista è un mestiere che si sceglie per passione, si potrebbe quasi dire che sia una missione: alla continua ricerca di una verità interpretativa, di una irraggiungibile perfezione». Nel suo nuovo libro, Riccardo Muti ci accompagna alla ricerca del mistero della musica attraverso otto lezioni che intrecciano la storia dell’arte dei suoni, la sua grande esperienza di direttore e i ricordi più intimi: i maestri che ha incontrato sulla sua strada; il sogno – realizzato – di creare un’orchestra di giovani musicisti italiani e un’Accademia dell’opera italiana in un Paese che spesso dimentica il ruolo dell’arte nella società. Poi l’inestinguibile passione che lo lega da sempre non solo ai grandissimi, Mozart e Verdi, ma anche ai compositori italiani a lungo dimenticati. Una riflessione affascinante alla scoperta della potenza della musica e dei segreti della partitura, che un gesto può trasformare in un’emozione capace di raggiungere il cuore di tutti.

Categoria: Eventi

Editore: Solferino

Collana: Musica e danza

Anno: 2019

ISBN: 9788828202059

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Incontro con Riccardo Muti

Uno straordinario momento di condivisione nei dialoghi tra Luciano Fontana, direttore del “Corriere della Sera” e il maestro Riccardo Muti, tenuti domenica 19 maggio presso la Sala Buzzati a Milano.

Presente un pubblico pieno di calore, rapito dalle riflessioni personali del maestro, raccontate nel suo ultimo libro L’infinito tra le note. Il mio viaggio nella musica di Riccardo Muti, a cura di Susanna Venturi, uscita per Solferino giovedì 23 maggio. Un viaggio prezioso e affascinante dentro le architetture della musica e i messaggi nascosti tra le note delle partiture, che un grande maestro ha il compito di cogliere (attraverso uno studio umile e profondo), di veicolare all’orchestra e di svelare al pubblico. Appassionato intervento del maestro sui temi fondamentali, a lui cari, del ruolo e delle responsabilità di un maestro nei confronti della musica e dei suoi autori. Una descrizione minuziosa e umana del legame che si instaura tra il direttore e l’orchestra, senza trascurare le suggestioni del luogo in cui si esegue un’opera. La punta di rammarico per il calo di spessore delle direzioni d’orchestra nascenti e l’attenzione sbilanciata (da parte del pubblico e talvolta dagli stessi addetti ai lavori) alla ricerca visiva più che a quella sonora e musicale, con la conseguente tentazione di sopravvalutare le esibizioni fortemente gestuali. Il coinvolgimento emotivo e professionale non va individuato nella drammaticità della mimica del maestro, racconta espressamente e in modi coloriti il grande Muti, quanto piuttosto nell’immedesimazione con la comunicazione emotiva, empatica, con l’organismo dell’orchestra, che può prevedere un movimento del corpo e della bacchetta molto contenuto, quasi invisibile.

Dal suo podio di solitudine, e non solo quello della direzione d’orchestra, Muti condivide ricordi preziosi e quelli in controtendenza. Lungo gli otto capitoli del suo libro sfilano i grandi maestri che hanno emozionato il mondo, gli episodi che hanno influenzato e plasmato la sua vita, le ricerche, gli studi, il dominio di un tempo che forse non è solo quello musicale. Vibrano veraci, qua e là, piccole chicche di ironia pungente, a volte in odore di politica, col cuore incitante a un patriottismo nuovo, che aspira a un’Italia forte nel panorama mondiale. E vibrano veraci le emozioni al richiamo dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, il suo sogno divenuto realtà nel 2004, e il desiderio realizzato nel luglio 2015: la prima edizione della Riccardo Muti Italian Opera Academy per giovani direttori d’orchestra. Inarrestabile Muti, che a 78 anni progetta il futuro personale e musicale con equilibrio ed energia assolutamente invidiabili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Riccardo

Muti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Muti Riccardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È un mattino di pioggia gelida quello in cui Fortuna torna a casa. Sono passati dieci anni dall’ultima volta, ma Roccachiara è rimasto uguale a un tempo: un paesino abbarbicato alle montagne e a precipizio su un lago, le cui acque sembrano inghiottire la luce del sole. Fortuna pensava di essere riuscita a scappare, di aver finalmente lasciato il passato alle spalle, spezzato i legami con ciò che resta della sua famiglia per rinascere a nuova vita, lontano. Ma nessun segreto può resistere all’erosione dell’acqua nera del lago. A richiamarla a Roccachiara è un ritrovamento, nel profondo del bosco, che potrebbe spiegare l’improvvisa scomparsa della sua migliore amica, Luce. O forse, a costringerla a quel ritorno è la forza invisibile che, nonostante tutto e tutti, ha sempre unito la sua famiglia: tre generazioni di donne tenaci e coraggiose, ognuna a suo modo. E forse, questa volta, è giunta l’ora che Fortuna dipani i segreti nascosti nella storia della sua famiglia. Forse è ora che capisca qual è la natura di quella forza invisibile, per riuscire a darle un nome. Sperando che si chiami amore.

ACQUANERA

D'Urbano Valentina

Quattro amiche di lunga data decidono di fare una vacanza insieme. Lontano dai mariti, dai figli, dal lavoro, circondate dal paesaggio del Cile del Sud, si raccontano, senza inibizioni, le proprie personali esperienze.

Noi che ci vogliamo così bene

Serrano Marcela

Primi anni ottanta. Sulla sponda occidentale del Lago di Como, nel triangolo soleggiato compreso fra Menaggio, Bellagio e l’Isola Comacina, dentro il quadro fastoso del turismo internazionale e dei grandi personaggi che vi hannosoggiornato (Liszt, Stendhal, Churchill, Hitchcock e l’ex cancelliere tedesco Konrad Adenauer), vanno in scena le piccole vicende della Tremezzina. In quella provincia italiana dove il tempo sembra essersi fermato el’opulenza degli alberghi di Cadenabbia e di Villa Balbianello sembra lontanissima, irrompe sulla scena il piccolo borgo di Mezzegra. Qui sono in gioco le dispute fra parroco e sindaco, le grazie non ancora onorate di Angela – l’organista –, la moto rombante dell’anarchico Bernasconi che quelle grazie vorrebbe onorare, le feste di paese, i traffici illeciti con la vicinaSvizzera, e poi corriere, biciclette, l’epopea del volo in idrovolante, milanesi e “teroni”, battelli della Navigazione Lago di Como e una galleria di personaggi irresistibili. È proprio questo mondo che viene scosso dalla sparizione della statua della Madonna del Carmine. Chi ha commesso questo atto sacrilego? A che scopo? Che fine ha fatto la statua? Il bravo don Luigi, erede di tutti i curati di campagna che hanno lasciato traccia nella letteratura e nel cinema, non perde le staffe, cerca di capire, indaga, interroga e non dimentica che “il diavolo è nel dettaglio”. Una commedia degli errori che, in forza della macchina dell’indizio, lascia trapelare piccoli segreti, calde passioni, speranze e appetiti inconfessabili. Cocco sonda ritmi e linguaggi da commedia, creando un nuovo luogo geografico-letterario, compreso tra il mondo in dialetto di Davide Van de Sfroos e la memoria di grandi scrittori lacustri come Piero Chiara. Ritmo impeccabile,personaggi incisi con gusto e maestria, un senso inedito della comunità e della narrazione, e un che di amaro, che arriva da più lontano.

Il bacio dell’Assunta

Cocco Giovanni

C’è la misteriosa eredità di Tabitha Dyerson, la guaritrice – o maga – del paese, che sposò il Dr. Robert Morgan, un disertore della guerra civile. Gli infermi della città si radunavano attorno a Tabitha, i cui rimedi a base di erbe curavano molti più pazienti di quanto i metodi scientifici di suo marito avessero mai fatto. Si diceva che Tabitha avesse lasciato un ‘‘libro delle ombre’’, un libro da strega con le ricette di tutte le sue pozioni. Nonostante in molti lo avessero cercato, nessuno era mai riuscito a trovarlo... fino ad ora. Il lettore segue la vita di Truly, la figlia di Tabitha, i suoi tempi e le sue avventure. Le sottotrame abbondano, così come le risate, le lacrime, gli intrighi, le bugie e la magia.

LA RAGAZZA GIGANTE DELLA CONTEA DI ABERDEEN

Baker Tiffany