Eventi

Incontro con Riccardo Muti

Muti Riccardo

Descrizione: «Quello del musicista è un mestiere che si sceglie per passione, si potrebbe quasi dire che sia una missione: alla continua ricerca di una verità interpretativa, di una irraggiungibile perfezione». Nel suo nuovo libro, Riccardo Muti ci accompagna alla ricerca del mistero della musica attraverso otto lezioni che intrecciano la storia dell’arte dei suoni, la sua grande esperienza di direttore e i ricordi più intimi: i maestri che ha incontrato sulla sua strada; il sogno – realizzato – di creare un’orchestra di giovani musicisti italiani e un’Accademia dell’opera italiana in un Paese che spesso dimentica il ruolo dell’arte nella società. Poi l’inestinguibile passione che lo lega da sempre non solo ai grandissimi, Mozart e Verdi, ma anche ai compositori italiani a lungo dimenticati. Una riflessione affascinante alla scoperta della potenza della musica e dei segreti della partitura, che un gesto può trasformare in un’emozione capace di raggiungere il cuore di tutti.

Categoria: Eventi

Editore: Solferino

Collana: Musica e danza

Anno: 2019

ISBN: 9788828202059

Recensito da Laura Monteleone

Le Vostre recensioni

Incontro con Riccardo Muti

Uno straordinario momento di condivisione nei dialoghi tra Luciano Fontana, direttore del “Corriere della Sera” e il maestro Riccardo Muti, tenuti domenica 19 maggio presso la Sala Buzzati a Milano.

Presente un pubblico pieno di calore, rapito dalle riflessioni personali del maestro, raccontate nel suo ultimo libro L’infinito tra le note. Il mio viaggio nella musica di Riccardo Muti, a cura di Susanna Venturi, uscita per Solferino giovedì 23 maggio. Un viaggio prezioso e affascinante dentro le architetture della musica e i messaggi nascosti tra le note delle partiture, che un grande maestro ha il compito di cogliere (attraverso uno studio umile e profondo), di veicolare all’orchestra e di svelare al pubblico. Appassionato intervento del maestro sui temi fondamentali, a lui cari, del ruolo e delle responsabilità di un maestro nei confronti della musica e dei suoi autori. Una descrizione minuziosa e umana del legame che si instaura tra il direttore e l’orchestra, senza trascurare le suggestioni del luogo in cui si esegue un’opera. La punta di rammarico per il calo di spessore delle direzioni d’orchestra nascenti e l’attenzione sbilanciata (da parte del pubblico e talvolta dagli stessi addetti ai lavori) alla ricerca visiva più che a quella sonora e musicale, con la conseguente tentazione di sopravvalutare le esibizioni fortemente gestuali. Il coinvolgimento emotivo e professionale non va individuato nella drammaticità della mimica del maestro, racconta espressamente e in modi coloriti il grande Muti, quanto piuttosto nell’immedesimazione con la comunicazione emotiva, empatica, con l’organismo dell’orchestra, che può prevedere un movimento del corpo e della bacchetta molto contenuto, quasi invisibile.

Dal suo podio di solitudine, e non solo quello della direzione d’orchestra, Muti condivide ricordi preziosi e quelli in controtendenza. Lungo gli otto capitoli del suo libro sfilano i grandi maestri che hanno emozionato il mondo, gli episodi che hanno influenzato e plasmato la sua vita, le ricerche, gli studi, il dominio di un tempo che forse non è solo quello musicale. Vibrano veraci, qua e là, piccole chicche di ironia pungente, a volte in odore di politica, col cuore incitante a un patriottismo nuovo, che aspira a un’Italia forte nel panorama mondiale. E vibrano veraci le emozioni al richiamo dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, il suo sogno divenuto realtà nel 2004, e il desiderio realizzato nel luglio 2015: la prima edizione della Riccardo Muti Italian Opera Academy per giovani direttori d’orchestra. Inarrestabile Muti, che a 78 anni progetta il futuro personale e musicale con equilibrio ed energia assolutamente invidiabili.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Riccardo

Muti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Muti Riccardo


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Figlio unico di madre single, J.R. cresce ascoltando alla radio la voce del padre, un dj di New York che ha preso il Volo prima che lui dicesse la sua prima parola. Poi anche quella voce scompare. Sarà il bar di quartiere, con l'umanità varia che lo popola, a crescerlo e farne un uomo. Appassionata e malinconicamente divertente, una grande storia di formazione e riscatto, di turbolento amore tra una madre e il suo unico figlio, ma anche l'avvincente racconto della lotta di un ragazzo per diventare uomo e un indimenticabile ritratto di come gli uomini rimangano, nel fondo del loro cuore, dei ragazzi perduti.

IL BAR DELLE GRANDI SPERANZE

Moehringer J. R.

Diego De Silva fa un passo a lato, si allontana dalle irresistibili vicende di Vincenzo Malinconico e ci regala una semplice storia d'amore. Semplice per modo di dire, perché la scommessa è tutta qui: nel nascondere la profondità in superficie, nel tratteggiare desideri e dolori, speranze e rovine, con poche parole essenziali, dritte e soprattutto vere. Perché, come diceva Fanny Ardant ne La signora della porta accanto, solo i racconti scarni e le canzoni dicono la verità sull'amore: quanto fa male, quanto fa bene. Solo lí si cela l'assoluto. Cosí De Silva prende i suoi due personaggi e li osserva con pazienza, li pedina, chiedendoci di seguirlo - e di seguirli - senza fare domande. La perfetta storia d'amore di due persone che si sfiorano senza incontrarsi mai. Nicola e Irene sono fatti l'uno per l'altra, ma non lo sanno. Probabilmente se ne accorgerebbero, se s'incrociassero anche solo una volta. Non dovrebbe essere difficile, visto che frequentano regolarmente lo stesso bistrot...

MANCARSI

De Silva Diego

Il disturbo di un corpo

Emozioni, storie, passioni all’ombra di una palla ovale, simbolo dello sport che più si è imposto all’attenzione del pubblico italiano in questi ultimi anni. Proprio nei giorni dedicati al Sei Nazioni, che vede il quindici azzurro impegnato contro i maestri francesi e britannici, escono i racconti rugbystici di Andrea Pelliccia, che rappresentano una ghiotta occasione per conoscere più da vicino il mondo del rugby e la sua magia. Dalla partita d’esordio di un quattordicenne non troppo convinto della propria passione per il rugby, alle emozioni di un arbitro italiano impegnato per la prima volta a Twickenham, autentica cattedrale della palla ovale; dalle vicende della squadra giovanile del Petrarca Padova in trasferta, viste con gli occhi dell’autista che li porta verso Parma, alla storia di una strana amicizia incentrata su un passato sportivo comune (ma un presente completamente opposto) fra un avvocato di successo e un mendicante; fino alla cronaca particolare di un allenamento con la Nazionale Italiana e al racconto thriller di due amanti rapiti da misteriosi malviventi, dove l’unico indizio è un portachiavi con un piccolo pallone ovale. Affrontando storie e generi diversi, Pelliccia regala un felice affresco dello sport nel quale, più che in altri, conta il rispetto della fatica e degli avversari.

Up & Under

Pelliccia Andrea