Fantasy

Indio

Leone Lucilla

Descrizione: 2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni R.E.I.

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Allyson è una ragazza espansiva e socievole. Vive con la madre in un piccolo paese del Nord del Canada e conduce un’esistenza tranquilla fino a quando un evento inaspettato quanto incomprensibile le stravolge la vita. Un richiamo la spinge in soccorso di un giovane pellerossa, Adahy, rimasto ferito cadendo da cavallo. Allyson lo aiuta e lo accompagna alla casa che il giovane condivide con una misteriosa anziana. Lì conoscerà anche il bellissimo Sewati, amico di Adahy, e la sua vita subirà una svolta.

Adahy è gentile e sensibile e mostra riconoscenza e amicizia ad Allyson al contrario di Sewati che da principio si mostra burbero. La ragazza si affeziona subito ai due giovani e difende la loro amicizia contro la mentalità gretta dei suoi concittadini che non vedono di buon occhio i rapporti con i nativi.

I guai cominciano quando Adahy si confida con Allyson rivelandole un passato doloroso e inimmaginabile. La giovane si offre di aiutarlo e da quel momento non sarà più al sicuro. Così, mentre l’amicizia per Sewati si trasforma gradualmente in amore e i segreti di Adahy si dimostrano più pericolosi e orribili che mai, Allyson dovrà affrontare la sconvolgente verità sulla morte di suo padre e difendere la propria vita.

Indio è il romanzo d’esordio di Lucilla Leone, giovane e promettente scrittrice di origini abruzzesi nata a Roma dove vive con il marito e i due figli. La sua è una scrittura fresca e a tratti acerba che ghermisce piacevolmente il lettore.

Indio è un fantasy young-adult che strizza l’occhio anche a un pubblico maturo in cerca di piacevoli emozioni.

Del suo rapporto con la scrittura Lucilla Leone dice: “Scrivere è per me il bisogno di rivelarmi, il bisogno di risonare, non dissimile dal bisogno di respirare, di palpitare, di camminare incontro all’ignoto per le vie della terra“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lucilla

Leone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leone Lucilla


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È una mattina fredda e piovosa quella che Luigi e Francesca scelgono per partire insieme. L'idea è di passare un fine settimana in montagna da soli, lontano dal frastuono della città e dalla confusione delle loro vite. Perché Luigi e Francesca un tempo sono stati amici, fidanzati, sposati. Ma poi la loro vita insieme è finita, spezzata definitivamente da un evento che ha segnato in maniera indelebile il loro destino. Ed è proprio per fare i conti con quel passato che non accenna a scomparire che quella mattina partono, salutando i rispettivi nuovi compagni di vita per affrontare insieme un dolore troppo grande per essere superato. Quella di Luigi e Francesca sarà un'esperienza bellissima anche se dolorosa, difficile eppure necessaria.

Apri gli occhi

Righetto Matteo

«Non ho ucciso mio padre, ma certe volte mi sembra quasi di avergli dato una mano a morire». Chi racconta è Jack, un ragazzino sporco, foruncoloso, tenuto in disparte dalla famiglia; suo padre è un uomo fragile, irascibile e ossessivo, che un giorno decide di costruire un giardino roccioso: si mette al lavoro, ma muore di fronte all'indifferenza di Jack che non chiede aiuto. Julie, sorella maggiore, prime magliette scollate, primi amori tenuti segreti. Sue, due anni meno di Jack, sgraziata, sempre pronta a ritessere i difficili rapporti di famiglia. Tom, un bambinetto vivace, tutto preso dai suoi giochi e dai terrori scolastici. Infine la madre, slavata, sempre affaccendata in cucina oppure sprofondata nel letto di malata. Un balletto di «enfants terribles» che fanno pensare a Cocteau, a Vitrac, alla Compton Burnett, eppure sono anche banali; figli di una «cattività» familiare segnata da un esasperato sadismo.

IL GIARDINO DI CEMENTO

Il male supremo, quello banale e terrestre, disappropriante e dissociativo, esiste. Il male è Luciano Lualdi, l’impresario più importante dello star system nostrano, l’uomo che influisce sulla vita politica e sottoculturata dell’Italia targata talent. Demiurgo spietato di tronisti palestrati e starlette anoressiche, Lucio succhia dall’interno la linfa vitale dei nuovi ragazzi di vita: la folla votata al palcoscenico per imporre il proprio nome, le proprie vocazioni inesistenti, la propria inconsistenza – cifra di un’intera nazione ipnotizzata davanti allo schermo televisivo. Ingenua vittima sacrificale è Christian Russo, muscoloso, ventenne, occhi chiari trasparenti, con una malattia che gli rode l’anima e una che gli toglie il respiro. Christian, il burattino, e Lucio, l’arbitro dei destini: un incastro tra identità speculari, perfetto fino quando l’ironia tragica della realtà stravolge quell’equilibrio. A raccontare questa storia è Teresa Ciabatti, cantrice della nostra contemporaneità, con meccanismo narrativo perfetto, che si intrude nel vilipendio morale e fisico che è la cifra del nostro presente. La scrittura affonda il bisturi laddove la malattia scintilla, sprofondando nell’epica trash italiana di oggi, che in Tuttissanti si narra e trionfa, in una ricognizione drammaturgica del disagio e del formidabile di un’epoca. Una forma di racconto che pendola tra realismo apparente e trance, tutt’altro che immaginaria.

TUTTISSANTI

Ciabatti Teresa

Le assi curve di Yves Bonnefoy