Fantasy

Indio

Leone Lucilla

Descrizione: 2010, Baia di Hudson. Allyson Gordon è una giovane ragazza di diciannove anni che vive a Churchill, un freddo e misterioso paesino di appena tremila abitanti nel Nord del Canada.Quando, in circostanze del tutto misteriose, conoscerà un giovane ragazzo indiano di nome Adahy e il suo amico Sewati, la sua vita cambierà inesorabilmente. Ben presto Allyson capirà il legame antico che unisce Adahy alla sua famiglia, scoprendo la verità sulle morti premature dei suoi antenati e di suo padre. Con l'aiuto dell'amico indiano Sewati dovrà cercare di salvare se stessa dalla medesima fine&Di origini abruzzesi, Lucilla Leone nasce a Roma nel 1975, dove risiede tuttora con il marito e i due figli. La passione per la scrittura la accompagna sin dai tempi delle Scuole Superiori.

Categoria: Fantasy

Editore: Edizioni R.E.I.

Collana:

Anno: 2013

ISBN:

Recensito da Donatella Perullo

Le Vostre recensioni

Allyson è una ragazza espansiva e socievole. Vive con la madre in un piccolo paese del Nord del Canada e conduce un’esistenza tranquilla fino a quando un evento inaspettato quanto incomprensibile le stravolge la vita. Un richiamo la spinge in soccorso di un giovane pellerossa, Adahy, rimasto ferito cadendo da cavallo. Allyson lo aiuta e lo accompagna alla casa che il giovane condivide con una misteriosa anziana. Lì conoscerà anche il bellissimo Sewati, amico di Adahy, e la sua vita subirà una svolta.

Adahy è gentile e sensibile e mostra riconoscenza e amicizia ad Allyson al contrario di Sewati che da principio si mostra burbero. La ragazza si affeziona subito ai due giovani e difende la loro amicizia contro la mentalità gretta dei suoi concittadini che non vedono di buon occhio i rapporti con i nativi.

I guai cominciano quando Adahy si confida con Allyson rivelandole un passato doloroso e inimmaginabile. La giovane si offre di aiutarlo e da quel momento non sarà più al sicuro. Così, mentre l’amicizia per Sewati si trasforma gradualmente in amore e i segreti di Adahy si dimostrano più pericolosi e orribili che mai, Allyson dovrà affrontare la sconvolgente verità sulla morte di suo padre e difendere la propria vita.

Indio è il romanzo d’esordio di Lucilla Leone, giovane e promettente scrittrice di origini abruzzesi nata a Roma dove vive con il marito e i due figli. La sua è una scrittura fresca e a tratti acerba che ghermisce piacevolmente il lettore.

Indio è un fantasy young-adult che strizza l’occhio anche a un pubblico maturo in cerca di piacevoli emozioni.

Del suo rapporto con la scrittura Lucilla Leone dice: “Scrivere è per me il bisogno di rivelarmi, il bisogno di risonare, non dissimile dal bisogno di respirare, di palpitare, di camminare incontro all’ignoto per le vie della terra“.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Lucilla

Leone

Libri dallo stesso autore

Intervista a Leone Lucilla


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il ballo ha la perfezione esemplare di un piccolo classico, poiché riesce a mescolare, pur nella sua brevità, i temi più ardui: la rivalità madre-figlia, l’ipocrisia sociale, le goffe vertigini della ricchezza improvvisata, le vendette smisurate dell’adolescenza – che passano, in questo caso eccezionale, dall’immaginazione alla realtà. Perché è proprio una vendetta, quella della quattordicenne Antoinette nei confronti della madre: non premeditata, e per questo ancora più terribile. In poche pagine folgoranti, con la sua scrittura scarna ed essenziale, Irène Némirovsky condensa, senza nulla celare della sua bruciante crudeltà, un dramma di amore respinto, di risentimento e di ambizione. Nel 1929, quando Némirovsky pubblica David Golder, il suo primo romanzo (a cui l’anno dopo seguirà Il ballo), la critica manifesta tutta la sua sbalordita ammirazione di fronte a questa giovane donna elegante e mondana, appartenente a una ricca famiglia di émigré russi di origine ebrea, che si rivela una brillante scrittrice. Per tutti gli anni Trenta Irène Némirovsky continuerà a pubblicare con immutato successo. Nel dopoguerra, tuttavia, sulla sua opera cala il silenzio. Solo a partire dall’autunno del 2004 la critica, ma soprattutto i lettori, hanno cominciato a restituire a Irène Némirovsky il posto che le spetta fra i più grandi, e i più amati, narratori del Novecento.

Il ballo

Némirovsky Irène

OLTRE L’ORIZZONTE

De Sanctis Antonello

La «società eccitata», estrema propaggine della «società dello spettacolo» di cui parlavano Guy Debord e i situazionisti, ha trasformato il sensazionale in regime di vita, oltre che in industria. La sovraesposizione agli stimoli, producendo assuefazione a ciò che impressiona, magnetizza e sconvolge, ha inciso profondamente sull’assetto antropologico, e la lingua ha registrato lo smottamento sociale: la sensazione, da fenomeno percettivo, si è intensificata, ed è ormai sinonimo di shock, emozione al limite del tollerabile. Proprio al «far sensazione», al fenomeno del sensazionale, è dedicato il saggio di Christoph Türcke, che tuttavia non si spinge a predicare l’astinenza mediatica, l’ascetismo emotivo. Il suo sguardo si volge piuttosto all’indietro, risale la modernità dal Rinascimento all’Illuminismo a oggi, per mostrare come la situazione odierna sia la conseguenza di una evoluzione secolare.

La società eccitata

Türcke Christoph

Un giovane italiano si trasferisce a Londra, lavora in un museo e sogna di scrivere un romanzo mentre scrive brevi ritratti dei personaggi che incontra. Ma l'esperienza di vita si fa dirompente e l'arte sembra passare in secondo piano. Un lungo percorso fuori e dentro se stesso, accompagnato da una moglie idealizzata e platonica, da amici, amanti e pseudo-fidanzati che lo porteranno a rivelazioni circa se stesso, la sua sfera sentimentale e sessuale, e il suo rapporto con l'arte. Londra equivale a mille possibilità: di una storia d'amore tanto cercata, di solitudine produttiva o lacerante, di estasi e profonda malinconia, di violenza omofobica e razziale.

Segmenti di coscienza

Sabatini Federico