Narrativa

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen

Descrizione: Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Categoria: Narrativa

Editore: Numeri Primi

Collana: NumeriPrimi

Anno: 2014

ISBN: 9788866215172

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Ragazzo da parete” di Stephen Chbosky (in Italia edito nel 2012  con il nuovo titolo Noi siamo infinito) è uno dei testi che figura nell’elenco dei “libri proibiti” che abbiamo indicato in un precedente articolo apparso sulla nostra testata. Finito nella lista nera dei libri più controversi dell’American Library Association, viene così definito nella cover delle edizioni Frassinelli: “Stephen Chbosky ha creato un coinvolgente romanzo di formazione, che evoca tutto il sapore agrodolce dell’adolescenza”.

Il romanzo è redatto sotto forma epistolare e rappresenta la sequenza delle lettere spedite dal protagonista Charlie a un destinatario sconosciuto nel periodo che va dal 25 agosto 1991 al 23 agosto 1992.
Quindicenne, al primo anno del liceo, Charlie è sensibile, intelligente (“Mamma… vuole che m’impegni, perché ottenga una borsa di studio accademica. Ed è quello che faccio, in attesa di trovarmi un amico nella nuova scuola”), curioso e originale (“Tu sei strano, lo sai? Lo sei sempre stato. Lo dicono tutti. Fin da quando eri piccolo”): ma in fin dei conti cerca nelle esperienze amicali la propria identità intima e sociale, arrovellandosi nel desiderio di appartenere a qualcosa o a qualcuno (“Ricordo solo che camminavo in mezzo a loro, e per la prima volta ho provato un senso di appartenenza”).

Convinto di non vivere dissidi familiari (“Sai… un sacco di ragazzi, a scuola, odiano i propri genitori… Personalmente, per quanto non riesca a capire i miei e per quanto, a volte, mi senta dispiaciuto per loro, non posso far altro che amarli con tutto me stesso”), in realtà risente di un’esperienza infantile sconvolgente (“So che zia Helen sarebbe ancora viva, oggi, se mi avesse comprato un solo regalo, come tutti gli altri”) che emergerà in modo sorprendente durante l’approfondimento della relazione affettiva con la ragazza amata: Sam, che frequenta l’ultimo anno del liceo.

Attraverso iniziazioni illecite (“Vedo ancora oggetti muoversi. Vorrei che si fermassero, ma non dovrebbe succedere prima di qualche ora”), feste, balli (“… è quel genere di ballo in cui è la ragazza a invitare il ragazzo”), rappresentazioni teatrali e redazionali, nella solidale frequentazione di Patrick, il fratello omosessuale di Sam (“Credo che il mio amico mi abbia portato in tutti quei posti che, diversamente, non avrei mai conosciuto”) e nell’illusoria indipendenza regalata dall’agguantare la patente automobilistica, Charlie si destreggia in un senso di perenne inadeguatezza (“Si può sapere che… hai che non va?”) che lo relega nel ruolo dello spettatore (“Io non riesco a dormire. Tutti gli altri dormono,  o stanno facendo sesso”), del mediatore, dell’interprete partecipe dei drammi di familiari e amici. Sperimentando quel senso di infinito (“Le ho raccontato di quella volta in cui abbiamo provato una sensazione di infinito”) che fa dell’adolescenza una delle età più genuine del complesso ciclo esistenziale.

Sì, un romanzo di formazione. Inutile censurarlo, anche ammettendo l’opportunità di qualche forma di censura. Significherebbe cercare di rimuovere una fase che tutti noi abbiamo variamente attraversato – da protagonisti o da spettatori – in gradazioni d’intensità proporzionali alla nostra sensibilità.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stephen

Chbosky

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chbosky Stephen

Nella luce di un giugno radioso e sfacciato, Viola sente crescere il vuoto delle sue giornate. Ha quarantatré anni, e per metà della vita è stata moglie devota di un acclamato direttore d’orchestra e madre di una figlia avuta da giovanissima. Nient’altro, nessuna concessione a se stessa, nessun inciampo, nemmeno ora che, con la morte improvvisa del marito e una figlia ormai adulta, le sue giornate sono scandite dalla solitudine. Il pomeriggio del solstizio d’estate, durante un concerto in memoria del marito, Viola conosce un uomo e qualcosa accade dentro di lei: una breccia nel muro, un’infiltrazione d’acqua nelle crepe, un punto di sutura che si dissolve. Mentre nel chiostro assolato risuonano le note di Bach, un’impacciata Viola in abito da cocktail, il filo di perle al collo e i capelli raccolti, lascia il concerto e fugge in macchina con lui. La tentazione è quella di abbandonarsi, di lasciarsi portare dalla corrente, ma l’autocontrollo è la disciplina in cui Viola eccelle e quello che sta succedendo non è solo sconveniente: è assurdo. Eppure è tardi per tornare indietro, perché il viaggio è iniziato, e con quell’uomo lei sta andando esattamente dove desiderava da tempo: lontano. Lontano da tutto per avvicinarsi alla sua verità, semplice e scandalosa.

IL TEMPO TAGLIATO

Longo Silvia

L’importanza delle origini

Angela Grigoletto

Piacenza, dicembre 2019. Sono trascorsi dieci anni da quando si è spento Stefano Fugazza, l'indimenticato direttore della Galleria d'arte moderna Ricci Oddi, e fervono i preparativi per la mostra che lo celebrerà. A curarla è stato chiamato Gabriele Dadati, che era il più stretto collaboratore dello studioso nell'ultimo periodo della sua vita. Quando l'allestimento è ormai concluso, avviene un fatto clamoroso: a distanza di ventitré anni dal furto, fa la sua ricomparsa in città "Ritratto di signora" di Gustav Klimt. Un capolavoro divenuto celebre nella primavera del 1996, quando si scoprì che il maestro viennese aveva inspiegabilmente dipinto due volte la stessa tela, e che fu sottratto al museo pochi mesi dopo in maniera rocambolesca. La notizia fa il giro del mondo. Dal «New York Times» alla BBC, da «Le Figaro» allo «Spiegel»: tutti ne parlano. Sembra quasi un risarcimento ideale per la memoria dello storico dell'arte, che a lungo aveva convissuto con il dolore e l'umiliazione per quella vicenda. Ma chi rubò l'opera? Chi l'ha restituita ora, infilandola in un sacco della spazzatura e nascondendola in una nicchia sporca e umida? E prima ancora: chi è la donna ritratta in due momenti diversi da Klimt? Qualcuno è depositario delle risposte a tutte queste domande. Con lui, all'indomani dell'inaugurazione, Dadati trascorrerà una lunghissima giornata. Scoprendo nelle sue parole una vicenda incredibile e struggente che inizia a Vienna nel 1910, attraversa tutto il Novecento e arriva fino a noi. Tra verità e menzogne.

La modella di Klimt

Dadati Gabriele

“Pasolini” è un colloquio immaginario tra due artisti che parte da un assunto fantastico: Pasolini è vivo, e ha delle cose da dire. Molte. Essenziali. Ma è davvero lui? O un fantasma, un attore, un mitomane? Quel che è certo è che la sua conversazione con Davide Toffolo vibra di quel senso, di quell’acutezza che ne hanno reso immortale lo spirito. Toffolo cerca Pasolini tra le pagine dei suoi libri, nei ritagli di stampa, nelle interviste e ne cattura perfettamente l’essenza: la rabbia, l’inalienabile solitudine, la feroce irriducibilità del poeta sono tutte tra le pagine di quest’intenso ritratto della grazia pasoliniana a opera di uno dei più anticonformisti artisti del paese.

Pasolini

Toffolo Davide