Narrativa

Noi siamo infinito (Ragazzo da parete)

Chbosky Stephen

Descrizione: Fra un tema su Kerouac e uno sul "Giovane Holden", tra una citazione da "L'attimo fuggente" e una canzone degli Smiths, scorrono i giorni di un adolescente per niente ordinario. L'ingresso nelle scuole superiori lo lancia in un vortice di prime volte: la prima festa, la prima rissa, il primo amore - per la bellissima ragazza con gli occhi verdi che quando lo guarda fa tremare il mondo. Il primo bacio, e lei gli dice: per te sono troppo grande, però possiamo essere amici. Per compensare, Charlie trova una che non gli piace e parla troppo: a sedici anni fa il primo sesso, e non sa neanche perché. Allora lui, più portato alla riflessione che all'azione, affida emozioni, trasgressioni e turbamenti a una lunga serie di lettere indirizzate a un amico, al quale racconta ciò che vive, che sente, che ha intorno. Dotato di un'innata gentilezza d'animo e di un dono speciale per la poesia, il ragazzo è il confidente perfetto di tutti, quello che non dimentica mai un compleanno, quello che non tradisce mai e poi mai un segreto. Peccato che quello più grande, fosco e lontano, sia nascosto proprio dentro di lui.

Categoria: Narrativa

Editore: Numeri Primi

Collana: NumeriPrimi

Anno: 2014

ISBN: 9788866215172

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

“Ragazzo da parete” di Stephen Chbosky (in Italia edito nel 2012  con il nuovo titolo Noi siamo infinito) è uno dei testi che figura nell’elenco dei “libri proibiti” che abbiamo indicato in un precedente articolo apparso sulla nostra testata. Finito nella lista nera dei libri più controversi dell’American Library Association, viene così definito nella cover delle edizioni Frassinelli: “Stephen Chbosky ha creato un coinvolgente romanzo di formazione, che evoca tutto il sapore agrodolce dell’adolescenza”.

Il romanzo è redatto sotto forma epistolare e rappresenta la sequenza delle lettere spedite dal protagonista Charlie a un destinatario sconosciuto nel periodo che va dal 25 agosto 1991 al 23 agosto 1992.
Quindicenne, al primo anno del liceo, Charlie è sensibile, intelligente (“Mamma… vuole che m’impegni, perché ottenga una borsa di studio accademica. Ed è quello che faccio, in attesa di trovarmi un amico nella nuova scuola”), curioso e originale (“Tu sei strano, lo sai? Lo sei sempre stato. Lo dicono tutti. Fin da quando eri piccolo”): ma in fin dei conti cerca nelle esperienze amicali la propria identità intima e sociale, arrovellandosi nel desiderio di appartenere a qualcosa o a qualcuno (“Ricordo solo che camminavo in mezzo a loro, e per la prima volta ho provato un senso di appartenenza”).

Convinto di non vivere dissidi familiari (“Sai… un sacco di ragazzi, a scuola, odiano i propri genitori… Personalmente, per quanto non riesca a capire i miei e per quanto, a volte, mi senta dispiaciuto per loro, non posso far altro che amarli con tutto me stesso”), in realtà risente di un’esperienza infantile sconvolgente (“So che zia Helen sarebbe ancora viva, oggi, se mi avesse comprato un solo regalo, come tutti gli altri”) che emergerà in modo sorprendente durante l’approfondimento della relazione affettiva con la ragazza amata: Sam, che frequenta l’ultimo anno del liceo.

Attraverso iniziazioni illecite (“Vedo ancora oggetti muoversi. Vorrei che si fermassero, ma non dovrebbe succedere prima di qualche ora”), feste, balli (“… è quel genere di ballo in cui è la ragazza a invitare il ragazzo”), rappresentazioni teatrali e redazionali, nella solidale frequentazione di Patrick, il fratello omosessuale di Sam (“Credo che il mio amico mi abbia portato in tutti quei posti che, diversamente, non avrei mai conosciuto”) e nell’illusoria indipendenza regalata dall’agguantare la patente automobilistica, Charlie si destreggia in un senso di perenne inadeguatezza (“Si può sapere che… hai che non va?”) che lo relega nel ruolo dello spettatore (“Io non riesco a dormire. Tutti gli altri dormono,  o stanno facendo sesso”), del mediatore, dell’interprete partecipe dei drammi di familiari e amici. Sperimentando quel senso di infinito (“Le ho raccontato di quella volta in cui abbiamo provato una sensazione di infinito”) che fa dell’adolescenza una delle età più genuine del complesso ciclo esistenziale.

Sì, un romanzo di formazione. Inutile censurarlo, anche ammettendo l’opportunità di qualche forma di censura. Significherebbe cercare di rimuovere una fase che tutti noi abbiamo variamente attraversato – da protagonisti o da spettatori – in gradazioni d’intensità proporzionali alla nostra sensibilità.

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Stephen

Chbosky

Libri dallo stesso autore

Intervista a Chbosky Stephen


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nessun pregiudizio personale, meschinità o moralismo contro la carriera e i format della famosa conduttrice. Ma una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell'intrattenimento "facile" che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all'anonimato dilagante. "Maria De Filippi ti odio" è il tentativo di scardinare, con il grimaldello della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo "ecologico" di pensare l'uso e l'impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.

Maria De Filippi ti odio

Castoro Carmine

Un turno di radiomobile come tanti si trasforma presto nell'inizio di un vero rompicapo. In Contrada Madonnuzza è stato trovato il corpo senza vita di una giovane donna, bendata, mani e piedi legati. Sul luogo del ritrovamento giungono il capitano Spada e il maresciallo Piscopo ma non solo. Per cercare l'assassino e il movente di questo omicidio, si aprono, infatti, tre piste divergenti, ciascuna battuta da personaggi interessanti che hanno tutti un buon motivo per consegnare alla giustizia il colpevole. La competenza e la professionalità degli uomini dell'arma, si incontrano e scontrano, così, con un reporter d'assalto alla ricerca del ghiotto scoop da mandare in Tv in una sensazionale prima serata, e con un'insolita appassionata di mappe astrali.

Le geometrie dell’animo omicida

Bartolini Monica

Uno sguardo affilato e un punto di vista originale danno vita a uno zibaldone di pensieri e giudizi. Barbara Alberti, nota scrittrice e voce di Radio 24, in questo libro analizza a modo suo la contemporaneità complessa che stiamo vivendo attraverso tre grandi temi. Il primo è la politica. La Alberti porta avanti una vera e propria analisi antropologica dell'uomo politico, visto nelle sue sfaccettature e nella sua complessità umana. Il secondo è l'amore, visto come passione travolgente ma anche come percorso consapevole, come viaggio. Con un'attenzione particolare al suo divenire più recente sul versante dell'eros e delle sue manifestazioni più modaiole ed estreme. Il terzo è la letteratura, che dopo un periodo di buio vede in questi anni una rinascita tutta italiana, portata avanti da giovani bravissimi autori.

LA GUARDIANA DEL FARO

Alberti Barbara

L’innesto