Giallo - thriller - noir

INNOCENTE

Turow Scott

Descrizione: Nel 1987 “Presunto innocente” ha inaugurato un nuovo genere letterario, il legal thriller, destinato ad avere un grandissimo successo di pubblico. Vent’anni dopo, “Innocente” segna il ritorno di Rusty Sabich, indimenticato protagonista del primo romanzo e ora sessantenne. In queste nuove pagine di Turow un fatto terribile, la misteriosa morte della moglie di Sabich, trovata cadavere nel letto coniugale, costringerà quest’ultimo a confrontarsi con Tommy Molto, il suo accusatore di un tempo. Si tratta di suicidio o assassinio? Ancora una volta Sabich si proclama innocente, ma molte sono le ombre che si addensano sulla sua versione dei fatti e oscuri risultano i ruoli del figlio e della giovane amante di Sabich in tutta la vicenda.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2010

ISBN: 9788804600138

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Tutte le volte che inizio un romanzo di Turow penso: “Mamma mia, quanto è lento”. Tutte le volte che lo finisco penso: “Che peccato, ne avrei lette altre 400 pagine!”.

Probabilmente, l’impressione di lentezza deriva da un confronto (sbagliato) con l’altro bestellerista seriale del legal thriller, John Grisham. Paragone che non ha senso, perché Turow ha un passo diverso nel ritmo, certo, ma anche una capacità di approfondimento psicologico dei personaggi notevolmente più marcata rispetto a Grisham. Diciamo che Turow è slow food, Grisham fast food. E Turow ha creato un genere che Grisham ha contribuito in modo decisivo a far affermare a livello mondiale.

Venendo a “Innocente”, entriamo nel campo dei romanzi imperdibili perché vent’anni dopo “Presunto Innocente”, pietra miliare del genere e non solo, Rusty Sabich ci ricasca. Ci ricasca in molti sensi, prima in una relazione extraconiugale, questa volta con la procace ex assistente Anna, che ha la metà esatta dei suoi anni. E, soprattutto, viene nuovamente indagato per omicidio. Venti anni fa, la vittima (anzi, la presunta vittima) era stata Carolyn Polhemus, l’amante di allora. Oggi Sabich si troverà di fronte l’accusatore di sempre, Tommy Molto, e dovrà provare addirittura di non avere ucciso la moglie Barbara.

Come lo stesso autore dichiara nella prefazione, l’immagine di una donna sdraiata nel letto e di un uomo che la veglia è stata quella che ha ispirato il sequel del fortunato romanzo. L’uomo è proprio Sabich. Sessantenne alle soglie dell’elezione a giudice della corte suprema. La donna, morta e non addormentata, è proprio Barbara. Uccisa da una miscela di farmaci e cibi proibiti nelle sue condizioni di salute o da un crudele progetto del marito? Questo è il dilemma attorno a cui si muove la trama. Molto e Sabich di nuovo uno contro l’altro. Sullo sfondo, Chicago e personaggi cambiati e cresciuti rispetto a “Presunto Innocente”, a partire da Nat, il figlio di Rusty Sabich e Barbara, che verrà avvertito dal padre solo ventitré ore dopo la morte della madre. Perché? Innocente non tradisce le aspettative del lettore e regala una nuova, brutta (per lui) avventura a questo bel (per noi) personaggio, ricco di sfaccettature e contrasti. Del quale, anche dopo due romanzi, credo nessuno possa dire con certezza “colpevole o innocente”, nonostante i finali e i titoli che ci regala Turow, che sembrano quasi suggerimenti su cui il lettore può ricamare a piacimento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scott

Turow

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turow Scott


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Patrick Bateman è giovane, bello, ricco. Vive a Manhattan, lavora a Wall Street e con i colleghi Timothy, David, Patten e Craig, frequenta i locali più alla moda, le palestre più esclusive e le toilette dove gira la migliore cocaina della città, discutendo di nuovi ristoranti, cameriere corpoduro ed eleganza maschile. Ma la sua vita è ricca di particolari piuttosto inquietanti e quando le tenebre scendono su New York, Patrick Bateman si trasforma in un torturatore omicida, freddo, metodico, spietato.

American Psycho

Ellis Bret Easton

Fatti mangiare dalla mamma è un libro corale. Nell'estate del 2012 lanciamo un'iniziativa su Facebook per Fabrizio Pittalis, poeta e scrittore di Porto Torres, un gruppo come tanti su social, Cuori da Venere, il pianeta dove lui si è trasferito nel 2007 a causa di un tumore-sarcoma di Ewing. Da lì l'idea di un libro fatto con le ricette date dalle mamme, ricette della tradizione o anche semplice frutto della loro creatività, quelle dei loro quaderni, quelle che i figli ricordano."

Fatti mangiare dalla mamma

AA.VV.

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017

Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

MONTEDIDIO

De Luca Erri