Giallo - thriller - noir

INNOCENTE

Turow Scott

Descrizione: Nel 1987 “Presunto innocente” ha inaugurato un nuovo genere letterario, il legal thriller, destinato ad avere un grandissimo successo di pubblico. Vent’anni dopo, “Innocente” segna il ritorno di Rusty Sabich, indimenticato protagonista del primo romanzo e ora sessantenne. In queste nuove pagine di Turow un fatto terribile, la misteriosa morte della moglie di Sabich, trovata cadavere nel letto coniugale, costringerà quest’ultimo a confrontarsi con Tommy Molto, il suo accusatore di un tempo. Si tratta di suicidio o assassinio? Ancora una volta Sabich si proclama innocente, ma molte sono le ombre che si addensano sulla sua versione dei fatti e oscuri risultano i ruoli del figlio e della giovane amante di Sabich in tutta la vicenda.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2010

ISBN: 9788804600138

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Tutte le volte che inizio un romanzo di Turow penso: “Mamma mia, quanto è lento”. Tutte le volte che lo finisco penso: “Che peccato, ne avrei lette altre 400 pagine!”.

Probabilmente, l’impressione di lentezza deriva da un confronto (sbagliato) con l’altro bestellerista seriale del legal thriller, John Grisham. Paragone che non ha senso, perché Turow ha un passo diverso nel ritmo, certo, ma anche una capacità di approfondimento psicologico dei personaggi notevolmente più marcata rispetto a Grisham. Diciamo che Turow è slow food, Grisham fast food. E Turow ha creato un genere che Grisham ha contribuito in modo decisivo a far affermare a livello mondiale.

Venendo a “Innocente”, entriamo nel campo dei romanzi imperdibili perché vent’anni dopo “Presunto Innocente”, pietra miliare del genere e non solo, Rusty Sabich ci ricasca. Ci ricasca in molti sensi, prima in una relazione extraconiugale, questa volta con la procace ex assistente Anna, che ha la metà esatta dei suoi anni. E, soprattutto, viene nuovamente indagato per omicidio. Venti anni fa, la vittima (anzi, la presunta vittima) era stata Carolyn Polhemus, l’amante di allora. Oggi Sabich si troverà di fronte l’accusatore di sempre, Tommy Molto, e dovrà provare addirittura di non avere ucciso la moglie Barbara.

Come lo stesso autore dichiara nella prefazione, l’immagine di una donna sdraiata nel letto e di un uomo che la veglia è stata quella che ha ispirato il sequel del fortunato romanzo. L’uomo è proprio Sabich. Sessantenne alle soglie dell’elezione a giudice della corte suprema. La donna, morta e non addormentata, è proprio Barbara. Uccisa da una miscela di farmaci e cibi proibiti nelle sue condizioni di salute o da un crudele progetto del marito? Questo è il dilemma attorno a cui si muove la trama. Molto e Sabich di nuovo uno contro l’altro. Sullo sfondo, Chicago e personaggi cambiati e cresciuti rispetto a “Presunto Innocente”, a partire da Nat, il figlio di Rusty Sabich e Barbara, che verrà avvertito dal padre solo ventitré ore dopo la morte della madre. Perché? Innocente non tradisce le aspettative del lettore e regala una nuova, brutta (per lui) avventura a questo bel (per noi) personaggio, ricco di sfaccettature e contrasti. Del quale, anche dopo due romanzi, credo nessuno possa dire con certezza “colpevole o innocente”, nonostante i finali e i titoli che ci regala Turow, che sembrano quasi suggerimenti su cui il lettore può ricamare a piacimento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scott

Turow

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turow Scott


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In un punto preciso dello spaziotempo Raffaele, satiro irrequieto, inciampa da una storia all'altra in cerca di successo e Fabio, misantropo nerd, insegue se stesso e la fortuna in un agone digitale di improbabili social. L'incrocio sbilenco delle loro vite innesca un romanzo selvaggio, labirintico, possente. Cometa è l'epopea disastrata, erotica e lisergica degli eroi senza motivo. Archetipi di una generazione fuori fuoco, il cui centro è dappertutto ma sempre altrove. L'odissea senza approdo di una stirpe di eletti a niente che cavalca il progresso come una pulce su un cavallo imbizzarrito, traghettata da sogni frenetici e deliri tecnologici. Gregorio Magini celebra il dispiegarsi incerto dell'epoca che viviamo e approda a una visione del futuro a cui tutti, volenti o impotenti, siamo destinati.

Cometa

Magini Gregorio

Lo sceriffo Longmire (lo stesso che è protagonista della serie dei romanzi gialli) riceve la visita di una giovane donna asiatica che all’inizio non riconosce ma che poi ricorda essere stata al centro di un’incredibile storia capitatagli nel Natale di trent’anni prima. Così poco alla volta Longmire rievoca quella commovente storia natalizia. All’epoca era un giovanissimo sceriffo e fu chiamato nel luogo di un incidente automobilistico dove due coniugi giapponesi avevano perso la vita. Erano sopravvissute la figlia di pochi anni e sua nonna, una vecchietta giapponese raggrinzita e incapace di capire una parola d’inglese. La bambina era però in pericolo di vita e andava aerotrasportata urgentemente all’ospedale di Denver, l’unica struttura in grado di salvarla. All’annuncio dell’arrivo di una tempesta di neve si scopre che nessun velivolo è in condizioni di decollare. L’unico “pazzo” che si offre è un vecchio pilota della Seconda guerra mondiale, alcolizzato e con un aereo più vecchio di lui, un bombardiere con il quale aveva bombardato i nemici giapponesi. La squadra che lo accompagna in questo volo pazzesco tra le montagne è composta da Longmire e da un vecchio dottore tedesco, oltre ovviamente alla bambina in fin di vita e alla nonna. Attraverseranno le montagne mentre l’aereo perde pezzi, il pilota continua a bere whiskey, il medico cerca di tenere in vita la bambina e Longmire resta addirittura appeso fuori dall’aereo in mezzo alla tormenta.

Il volo di Natale

Johnson Craig

Cosa accadrebbe se a James Joyce venisse rifiutato ogni libro? E se Tolstoj fosse ospitato in radio a Roma, per ascoltare il parere di Ilaria da Foggia? E se William Shakespeare finisse alla sbarra con l'accusa di plagio? Sono solo alcuni dei ritratti paradossali che questo libro ha in serbo per il lettore. Con una prosa scanzonata, L'unico scrittore buono è quello morto illumina splendori e miserie del mondo letterario, senza risparmiare i mostri sacri. Autori e lettori, editori e traduttori finiscono in un frullatore di racconti che miscela una metafisica Praga ribattezzata Kafkania (dove i bordelli si chiamano "Il castello", "La condanna" o "La colonia penale") con una San Francisco iperletteraria dove vagano i sosia dei beat, uno scrittore beone alle prese con una lettrice assatanata e un poetastro in gara nel poetry slam più sgangherato della storia. Una parodia per aspiranti scrittori e lettori sgamati, che snocciola una carrellata di personaggi afasici, perduti, smarriti nel tragicomico labirinto delle lettere. Un libro per tutti quelli che vogliono scrivere e per chi li farebbe fuori volentieri, ma anche un grande atto d'amore per la forza della scrittura.

L’UNICO SCRITTORE BUONO E’ QUELLO MORTO

Rossari Marco

Jocelyn ha passato i cinquanta e come Jane Austen, la sua scrittrice preferita, non si è mai sposata anche se sa tutto dell'amore e del corteggiamento. Per risollevare l'umore di Sylvia, amica del cuore fin da quando era ragazzina, appena separata, la donna ha un'idea geniale: fondare un club del libro, il Jane Austen Book Club. Chiama perciò a raccolta le amiche più care che, come lei, amano la Austen. Unico problema: ognuna di loro ama la grande scrittrice a modo suo...

Jane Austen Book Club

Fowler Karen Joy