Giallo - thriller - noir

INNOCENTE

Turow Scott

Descrizione: Nel 1987 “Presunto innocente” ha inaugurato un nuovo genere letterario, il legal thriller, destinato ad avere un grandissimo successo di pubblico. Vent’anni dopo, “Innocente” segna il ritorno di Rusty Sabich, indimenticato protagonista del primo romanzo e ora sessantenne. In queste nuove pagine di Turow un fatto terribile, la misteriosa morte della moglie di Sabich, trovata cadavere nel letto coniugale, costringerà quest’ultimo a confrontarsi con Tommy Molto, il suo accusatore di un tempo. Si tratta di suicidio o assassinio? Ancora una volta Sabich si proclama innocente, ma molte sono le ombre che si addensano sulla sua versione dei fatti e oscuri risultano i ruoli del figlio e della giovane amante di Sabich in tutta la vicenda.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2010

ISBN: 9788804600138

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

Tutte le volte che inizio un romanzo di Turow penso: “Mamma mia, quanto è lento”. Tutte le volte che lo finisco penso: “Che peccato, ne avrei lette altre 400 pagine!”.

Probabilmente, l’impressione di lentezza deriva da un confronto (sbagliato) con l’altro bestellerista seriale del legal thriller, John Grisham. Paragone che non ha senso, perché Turow ha un passo diverso nel ritmo, certo, ma anche una capacità di approfondimento psicologico dei personaggi notevolmente più marcata rispetto a Grisham. Diciamo che Turow è slow food, Grisham fast food. E Turow ha creato un genere che Grisham ha contribuito in modo decisivo a far affermare a livello mondiale.

Venendo a “Innocente”, entriamo nel campo dei romanzi imperdibili perché vent’anni dopo “Presunto Innocente”, pietra miliare del genere e non solo, Rusty Sabich ci ricasca. Ci ricasca in molti sensi, prima in una relazione extraconiugale, questa volta con la procace ex assistente Anna, che ha la metà esatta dei suoi anni. E, soprattutto, viene nuovamente indagato per omicidio. Venti anni fa, la vittima (anzi, la presunta vittima) era stata Carolyn Polhemus, l’amante di allora. Oggi Sabich si troverà di fronte l’accusatore di sempre, Tommy Molto, e dovrà provare addirittura di non avere ucciso la moglie Barbara.

Come lo stesso autore dichiara nella prefazione, l’immagine di una donna sdraiata nel letto e di un uomo che la veglia è stata quella che ha ispirato il sequel del fortunato romanzo. L’uomo è proprio Sabich. Sessantenne alle soglie dell’elezione a giudice della corte suprema. La donna, morta e non addormentata, è proprio Barbara. Uccisa da una miscela di farmaci e cibi proibiti nelle sue condizioni di salute o da un crudele progetto del marito? Questo è il dilemma attorno a cui si muove la trama. Molto e Sabich di nuovo uno contro l’altro. Sullo sfondo, Chicago e personaggi cambiati e cresciuti rispetto a “Presunto Innocente”, a partire da Nat, il figlio di Rusty Sabich e Barbara, che verrà avvertito dal padre solo ventitré ore dopo la morte della madre. Perché? Innocente non tradisce le aspettative del lettore e regala una nuova, brutta (per lui) avventura a questo bel (per noi) personaggio, ricco di sfaccettature e contrasti. Del quale, anche dopo due romanzi, credo nessuno possa dire con certezza “colpevole o innocente”, nonostante i finali e i titoli che ci regala Turow, che sembrano quasi suggerimenti su cui il lettore può ricamare a piacimento.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Scott

Turow

Libri dallo stesso autore

Intervista a Turow Scott


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È il 1981, Ciccio lavora a Foggia in un negozio di dischi e vuole fare il deejey. Tonio è un genio dell'elettronica, intrappolato nell'officina del padre. Giovanni, bello come Alain Delon, è l'ala destra dell'Aquilana calcio, la grande promessa del calcio italiano. Teresa, la sua fidanzata, ha deciso, partirà, finirà gli studi e diventerà un medico. E poi Lorenzo, il prete che ama Jimi Hendrix, e irrompe in paese all'alba su una vecchia citroen. Tre ragazzi, una ragazza e un prete. Un luogo inghiottito nella valle, dove tutto sembra immobile e i segreti germogliano sotto i sassi. Un giorno Ciccio ha un'idea: fare una radio, dare una scossa a quella vita fatta di niente. In un paese dove il mondo arriva in ritardo, la musica si lancerà nell'etere per scorticare il silenzio. E la voce di Lupo Solitario, il mitico dj, si materializzerà in una notte di tregenda.

RADIOPIRATA

Carofiglio Francesco

È il racconto degli avvenimenti vissuti nel corso di una giornata da Leopold Bloom e Stephen Dedalus a Dublino, in un vagabondaggio che ripercorre le tappe dell'Odissea. Episodi, scene e fatti sono costruiti con più o meno evidente parallelismo rispetto all'opera omerica. Il romanzo però non si esaurisce in questo, vuole essere anche una "summa" di tutti gli aspetti dell'uomo moderno e dei suoi rapporti con la società.

Ulisse

Joyce James

Alex è un cantante famoso. Dalla vita ha avuto la gloria, l’ammirazione dei fan, premi e ricchezze. Ma gli è mancata Greta, il grande amore con cui non si è mai trovato al momento giusto, qualcosa ha sempre impedito loro di stare insieme. Finché un giorno, fuori da una fermata del metrò di Parigi, la città dove vive, Alex fa amicizia con una ragazza che vende tubi con cui fare le bolle di sapone. Chiacchierano, lui le racconta la sua storia con Greta, come, dal primo incontro a Napoli in poi, si siano sempre sfiorati, senza mai riuscire davvero ad affidarsi l’uno all’altra. La ragazza lo ascolta, gli porge in dono un tubo dei suoi e gli propone un patto che sembra impossibile. Ogni volta che soffierà nel cerchio e formerà le bolle di sapone, Alex potrà tornare in un giorno del suo passato, per cambiarlo. Ma per ogni viaggio nel tempo, dovrà rinunciare a un anno di vita. Alex rientra nella camera d’albergo, la sua casa parigina, guarda e riguarda il tubo. È possibile che quello che ha detto la ragazza sia vero? Potrà davvero modificare il corso degli eventi e vivere la sua storia d’amore con Greta? Ambientato tra una Parigi magica e una Napoli calda e avvolgente, Un anno per un giorno segna il grande ritorno di Massimo Bisotti, con un romanzo meraviglioso scritto col suo stile inconfondibile, una storia incantata che riflette sui sentimenti umani, sull’intreccio tra speranza e destino.

Un anno per un giorno

Bisotti Massimo

Laura Monteleone presenta Nidi di periferia. Milano, 11 marzo 2017