Saggi

Insegnare a vivere

Morin Edgar

Descrizione: Sulle tracce di La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Edgar Morin auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Categoria: Saggi

Editore: Cortina Raffaello

Collana: Temi

Anno: 2015

ISBN: 9788860307460

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Edgar Morin, Insegnare a vivere

La conoscenza complessa riconosce sempre un residuo inesplicabile. Comprendere non è comprendere tutto, è anche riconoscere che c’è dell’incomprensibile.”

Un dibattito sempre aperto, oggi inspiegabilmente se non nascosto, quantomeno messo in una certa subordinazione, è quello sull’insegnamento, prima ancora che sulla cultura. Da millenni l’uomo politico, sociale, civile si è trovato di fronte alla questione-problema della propria formazione accademica e culturale, e conseguentemente della trasmissione del messaggio alle generazioni future. Riprendendo la bella immagine di Umberto Eco, è solo sulle spalle dei giganti, ossia dei nostri Maestri, che l’uomo si erge per riuscire a guardare oltre. E, neanche a dirlo, l’istituzione che permette – o dovrebbe permettere? – di comprendere a fondo quei giganti è la scuola. Invero l’insegnamento, vero propulsore che muove questo meccanismo che si rivolge – è bene ricordarlo – agli studenti, sta oggi vivendo una crisi profonda, dipendente da una progressiva sfiducia verso il ruolo del corpo docenti, considerata, ahinoi, sempre più una professione-contenitore più che una missione fondante e fondamentale. Ancora una volta, a trasmettere le sue idee a riguardo è l’illustre sociologo francese Edgar Morin nel suo Insegnare a vivere, edito Raffaello Cortina a cura di Mauro Ceruti e in traduzione di Susanna Lazzari. Già il titolo, che utilizza la nota espressione di Jean-Jacques Rousseau, ci indirizza precisamente: come e cosa si insegna? In che direzione, e quale ruolo ricopre l’insegnamento nel XXI secolo? E ancora, c’è qualche direzione possibile e percorribile? Il sottotitolo è chiaro, perentorio, e pone al centro del dibattito uno scopo precipuo: Manifesto per cambiare l’educazione. Solo un ripensamento radicale, una riflessione attenta e accurata, un cambiamento vero e rivoluzionario possono, afferma Morin, sciogliere questo nodo. Cambiamento che non parte dalla distruzione però, ma dal «superamento, termine che significa non solo che ciò che deve essere superato deve essere conservato, ma anche che tutto ciò che deve essere conservato deve essere rivitalizzato». La multidimensionalità, la globalizzazione ormai consolidata, la complessità del nuovo mondo sono tutti fattori e temi che hanno portato a un mutamento radicale della vita di tutti i giorni, al quale non si è ancora adeguata l’istruzione: è forse questa la ragione degli imperativi che scandiscono i capitoli, quasi a voler fornire dei punti fermi e decisi di appiglio nella volubile liquidità della nostra contemporaneità. «Vivere!», per riflettere davvero sulla vita e la sua multicromaticità, superare le incertezze e ragionare sulla differenza fra le diverse vite: è solo nostra la scelta; «Comprendere!», perché l’incomprensione dei costumi, dei linguaggi, degli usi e tradizioni straniere, o semplicemente l’incomprensione fra di noi, sempre distratti da un mondo mediatico e distante dalla realtà carnale, è uno fra i mali più grandi della nostra era, presa da una terribile frenesia; «Conoscere!», perché non si riempia semplicemente delle menti vacanti o parziali, ma si percorra un parte di strada insieme fino al raggiungimento della piena consapevolezza e conoscenza della conoscenza: il resto è solo lì che aspetta di essere scoperto; «Essere umano!», perché si ritorni all’uomo e all’umanità e si rifletta su concetti quali “identità”, “appartenenza”, “condizione umana”, assolutamente improcrastinabili. Infine, la sola chiave che tutto unisce e innalza: l’Eros, perché «dipende da noi civilizzare questa rivoluzione introducendovi l’Eros del direttore d’orchestra, maestro o professore, che può e deve guidare la rivoluzione pedagogica della conoscenza e del pensiero. […] Chi altri, nel suo umanesimo attivo, potrebbe incitare a essere umano?».

Insegnare a vivere di Edgar Morin, che chiude la trilogia pedagogica dopo La testa ben fatta (Raffaello Cortina, 2000) e I sette saperi necessari all’educazione del futuro (Raffaello Cortina, 2001), è un libro che nella sua brevità (poco più di 100 pagine) estende diversi temi mostrandone criticità e soluzioni, alcune molto concrete e persino urgenti, altre, c’è da dirlo, ancora troppo distanti dalla reale applicabilità. L’idea di fondo non è quella di una distruzione generale e disordinata, come già dicevamo, ma in primis una analisi accurata della contemporaneità. Analizzando gli insegnamenti, vengono a poco a poco enucleati, con raffinatezza e grande acume, tutte le criticità della nostra società. Scevro di esempi e di pensieri inutilmente articolati, Morin è incisivo ma mai duro, fortemente severo ma mai catastrofico: è lui che compone il suo manifesto, una base seria da cui partire per costruire e ricostruire ciò che è declinato nel corso degli anni. Chiaro, mai equivoco, Insegnare a vivere si presenta come una guida e una riflessione per tutti: per gli insegnanti, per far ripartire un sistema stantio, quasi putrido; per i genitori, perché sappiano l’importanza dell’istruzione e della formazione, della cultura e della passione che costituiranno la forza e l’appoggio delle donne e degli uomini di domani; per la società intera, perché riconosca e valorizzi l’insegnamento come unica difesa contro l’irruenza, la violenza (verbale, psicologica, fisica), l’ignoranza e l’incomprensione; per gli studenti e i giovani tutti, perché capiscano, comprendano, vivano la loro esistenza dirigendola verso mete a noi e a loro ignote, fortuite o predestinate, ma che siano scelte con gioia e passione. Tutto ciò mantenendo la forte «volontà di portare a compimento la missione storica del saper-vivere-pensare-agire nel ventunesimo secolo», permettendo che avvenga in noi, e quindi nel sistema dell’educazione, una profonda «metamorfosi» vitale, l’unica che ci potrebbe far respirare nell’aria ormai satura di un pensiero troppo vecchio in un mondo troppo nuovo.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “Insegnare a vivere” di Edgar Morin – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edgar

Morin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morin Edgar

Protagonista di questo romanzo breve - che segnò l'esordio di Pontiggia nel segno di una grande maturità stilistica - è un giovane poco più che adolescente, costretto dalla situazione economica a entrare in un universo che gli è alieno - il mondo spersonalizzato e frustrante dell'impiego in banca. Inizialmente egli spera di poter conciliare il lavoro quotidiano con le sue aspirazioni segrete ma, quando il progetto si rivela irrealizzabile, sprofonda nel grigiore della sua condizione, facendo di essa il proprio unico, esclusivo orizzonte. Al lungo racconto che dà il titolo al volume seguono sedici storie: immagini realistiche e grottesche dei nostri vizi quotidiani, realizzate con ironia e distacco sostenuti da una grande tensione drammatica.

La morte in banca

Pontiggia Giuseppe

In un pittoresco mosaico di stravaganti preghiere si dipanano storie cucite ad arte, tra il sacro ed il profano. Questi racconti sono perle di un rosario, gocce stillanti, e voci fuori dal coro. Un campionario di vicende narrate senza filtri, dove il perbenismo non è ammesso e dove prendono vita in maniera spontanea e bestiale, solipsistiche aberrazioni del sé. Perché la verità condita da bianche bugie è più nera del sole. Profane preghiere scandiscono il tempo dell'incertezza. Qui dove nessuna lezione di vita viene impartita. Racconti diversi a volte per-versi inscenano un carosello di esistenze violate. Dove il sacro è pretesto per riscoprire il corpo e il credo solo un vincolo profano. Non vi è spazio per l'ipocrisia della correttezza in queste pagine sporcate dalle penne di anime originali e controcorrente. Una raccolta di diciotto racconti curata dall'autore Simone Pozzati. Un mix di scrittori in cui spiccano i racconti di autori noti al panorama nazionale come Marilù Manzini, il poeta beat Antonio Veneziani, il regista Livio Galassi, il biografo e poeta Ignazio Gori, lo scrittore Maurizio Valtieri, il commediografo Simone Romano e l'editore Simone Di Matteo.

Del sacro e del profano

Pozzati Simone e autori vari

Moby Dick, pubblicato nel 1851, è considerato il capolavoro di Melville e uno dei più noti libri della letteratura americana e mondiale. Vi narra in prima persona la sua avventura Ismaele, che si imbarca come marinaio assieme a un ramponiere indiano sulla baleniera Pequod. Il capitano della nave, Achab, un personaggio cupo che incute rispetto e timore nei suoi uomini, ha perso una gamba per colpa della balena bianca Moby Dick e ora vuole vendicarsene, a qualunque costo. Inizia così una lunga caccia. La snervante attesa dell'incontro con il cetaceo che sfugge al capitano offrirà al narratore l'occasione di meditazioni scientifiche, religiose, filosofiche e artistiche, all'interno della struttura del romanzo d'avventura per mare. Intanto l'immenso oceano, con i suoi mostri e le sue profondità, si erge in tutta la propria potenza e imperscrutabilità dinanzi all'uomo, che gli può contrapporre solo una fragile esistenza, oscillante tra il bene e il male. Fino a che sopraggiunge la catastrofe finale, fatalmente presentita, quando Moby Dick distruggerà la baleniera e tutto l'equipaggio trascinando con sé Achab e il suo arpione. Solo Ismaele si salverà e potrà così raccontare la loro folle, ambiziosa quanto disperata, impresa.

Moby Dick

Melville Herman

Sette racconti

Atti di adorazione

Mishima Yukio