Saggi

Insegnare a vivere

Morin Edgar

Descrizione: Sulle tracce di La testa ben fatta e I sette saperi necessari all’educazione del futuro, Edgar Morin auspica una riforma profonda dell’educazione, fondata sulla sua missione essenziale, che già Rousseau aveva individuato: insegnare a vivere. Si tratta di permettere a ciascuno di sviluppare al meglio la propria individualità e il legame con gli altri ma anche di prepararsi ad affrontare le molteplici incertezze e difficoltà del destino umano Questo nuovo libro non si limita a ricapitolare le idee dei precedenti ma sviluppa tutto ciò che significa insegnare a vivere nel nostro tempo, che è anche quello di Internet, e nella nostra civiltà planetaria, nella quale ci sentiamo così spesso disarmati e strumentalizzati.

Categoria: Saggi

Editore: Cortina Raffaello

Collana: Temi

Anno: 2015

ISBN: 9788860307460

Recensito da Luigi Bianco

Le Vostre recensioni

Edgar Morin, Insegnare a vivere

La conoscenza complessa riconosce sempre un residuo inesplicabile. Comprendere non è comprendere tutto, è anche riconoscere che c’è dell’incomprensibile.”

Un dibattito sempre aperto, oggi inspiegabilmente se non nascosto, quantomeno messo in una certa subordinazione, è quello sull’insegnamento, prima ancora che sulla cultura. Da millenni l’uomo politico, sociale, civile si è trovato di fronte alla questione-problema della propria formazione accademica e culturale, e conseguentemente della trasmissione del messaggio alle generazioni future. Riprendendo la bella immagine di Umberto Eco, è solo sulle spalle dei giganti, ossia dei nostri Maestri, che l’uomo si erge per riuscire a guardare oltre. E, neanche a dirlo, l’istituzione che permette – o dovrebbe permettere? – di comprendere a fondo quei giganti è la scuola. Invero l’insegnamento, vero propulsore che muove questo meccanismo che si rivolge – è bene ricordarlo – agli studenti, sta oggi vivendo una crisi profonda, dipendente da una progressiva sfiducia verso il ruolo del corpo docenti, considerata, ahinoi, sempre più una professione-contenitore più che una missione fondante e fondamentale. Ancora una volta, a trasmettere le sue idee a riguardo è l’illustre sociologo francese Edgar Morin nel suo Insegnare a vivere, edito Raffaello Cortina a cura di Mauro Ceruti e in traduzione di Susanna Lazzari. Già il titolo, che utilizza la nota espressione di Jean-Jacques Rousseau, ci indirizza precisamente: come e cosa si insegna? In che direzione, e quale ruolo ricopre l’insegnamento nel XXI secolo? E ancora, c’è qualche direzione possibile e percorribile? Il sottotitolo è chiaro, perentorio, e pone al centro del dibattito uno scopo precipuo: Manifesto per cambiare l’educazione. Solo un ripensamento radicale, una riflessione attenta e accurata, un cambiamento vero e rivoluzionario possono, afferma Morin, sciogliere questo nodo. Cambiamento che non parte dalla distruzione però, ma dal «superamento, termine che significa non solo che ciò che deve essere superato deve essere conservato, ma anche che tutto ciò che deve essere conservato deve essere rivitalizzato». La multidimensionalità, la globalizzazione ormai consolidata, la complessità del nuovo mondo sono tutti fattori e temi che hanno portato a un mutamento radicale della vita di tutti i giorni, al quale non si è ancora adeguata l’istruzione: è forse questa la ragione degli imperativi che scandiscono i capitoli, quasi a voler fornire dei punti fermi e decisi di appiglio nella volubile liquidità della nostra contemporaneità. «Vivere!», per riflettere davvero sulla vita e la sua multicromaticità, superare le incertezze e ragionare sulla differenza fra le diverse vite: è solo nostra la scelta; «Comprendere!», perché l’incomprensione dei costumi, dei linguaggi, degli usi e tradizioni straniere, o semplicemente l’incomprensione fra di noi, sempre distratti da un mondo mediatico e distante dalla realtà carnale, è uno fra i mali più grandi della nostra era, presa da una terribile frenesia; «Conoscere!», perché non si riempia semplicemente delle menti vacanti o parziali, ma si percorra un parte di strada insieme fino al raggiungimento della piena consapevolezza e conoscenza della conoscenza: il resto è solo lì che aspetta di essere scoperto; «Essere umano!», perché si ritorni all’uomo e all’umanità e si rifletta su concetti quali “identità”, “appartenenza”, “condizione umana”, assolutamente improcrastinabili. Infine, la sola chiave che tutto unisce e innalza: l’Eros, perché «dipende da noi civilizzare questa rivoluzione introducendovi l’Eros del direttore d’orchestra, maestro o professore, che può e deve guidare la rivoluzione pedagogica della conoscenza e del pensiero. […] Chi altri, nel suo umanesimo attivo, potrebbe incitare a essere umano?».

Insegnare a vivere di Edgar Morin, che chiude la trilogia pedagogica dopo La testa ben fatta (Raffaello Cortina, 2000) e I sette saperi necessari all’educazione del futuro (Raffaello Cortina, 2001), è un libro che nella sua brevità (poco più di 100 pagine) estende diversi temi mostrandone criticità e soluzioni, alcune molto concrete e persino urgenti, altre, c’è da dirlo, ancora troppo distanti dalla reale applicabilità. L’idea di fondo non è quella di una distruzione generale e disordinata, come già dicevamo, ma in primis una analisi accurata della contemporaneità. Analizzando gli insegnamenti, vengono a poco a poco enucleati, con raffinatezza e grande acume, tutte le criticità della nostra società. Scevro di esempi e di pensieri inutilmente articolati, Morin è incisivo ma mai duro, fortemente severo ma mai catastrofico: è lui che compone il suo manifesto, una base seria da cui partire per costruire e ricostruire ciò che è declinato nel corso degli anni. Chiaro, mai equivoco, Insegnare a vivere si presenta come una guida e una riflessione per tutti: per gli insegnanti, per far ripartire un sistema stantio, quasi putrido; per i genitori, perché sappiano l’importanza dell’istruzione e della formazione, della cultura e della passione che costituiranno la forza e l’appoggio delle donne e degli uomini di domani; per la società intera, perché riconosca e valorizzi l’insegnamento come unica difesa contro l’irruenza, la violenza (verbale, psicologica, fisica), l’ignoranza e l’incomprensione; per gli studenti e i giovani tutti, perché capiscano, comprendano, vivano la loro esistenza dirigendola verso mete a noi e a loro ignote, fortuite o predestinate, ma che siano scelte con gioia e passione. Tutto ciò mantenendo la forte «volontà di portare a compimento la missione storica del saper-vivere-pensare-agire nel ventunesimo secolo», permettendo che avvenga in noi, e quindi nel sistema dell’educazione, una profonda «metamorfosi» vitale, l’unica che ci potrebbe far respirare nell’aria ormai satura di un pensiero troppo vecchio in un mondo troppo nuovo.

Luigi Bianco

Il blog di Luigi Bianco

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( 1 commento )

Luigi Bianco, «Recensioni». “Insegnare a vivere” di Edgar Morin – Louis Book World

[…] Pubblicazione I-Libri […]

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Edgar

Morin

Libri dallo stesso autore

Intervista a Morin Edgar


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un gruppo di italiani e francesi, cerca di fondare una patria in un'isola della Melanesia, non lontana dalla Nuova Guinea.

Le isole del paradiso

Nievo Stanislao

Il fantasma di un uomo politico osserva il proprio funerale dall'alto: nella sua regione, e soprattutto nella sua città, era noto come Diecipercento, Dieci per intimi e familiari. Tra i volti in chiesa, il fantasma riconosce Margherita, una nipote fuggita anni prima lontano dalla famiglia. La donna, che non crede alla versione ufficiale della morte dello zio, è tornata in incognito per cercare la verità. Nei giorni seguenti il fantasma di Diecipercento segue Margherita nella sua indagine, nella speranza di scoprire l'identità del suo assassino. La ricerca, però, si complica e diventa esplorazione delle memorie e confronto tra i valori che dividono i due protagonisti.

DIECIPERCENTO E LA GRAN SIGNORA DEI TONTI

Di Martino Antonella

De Amicis, Edmondo – IL TAMBURINO SARDO (Cuore, 1886)

La storia si snoda tra Italia e Argentina, intrecciando temi storici e politici in una trama avvincente, a metà tra thriller e spionaggio. Un anziano signore, Vincenzo Binetti, abita da solo in un appartamento nel quartiere Esquilino a Roma. Un giorno il vecchio sparisce e il suo vicino di casa, Flavio Bertone, commissario di polizia, cinquantenne, separato e con la delusione esistenziale di non essere diventato padre, si mette sulle sue tracce e scopre che il vero nome del vecchio non è Vincenzo Binetti, bensì Evaristo Torriani: un argentino dal passato avventuroso e contraddittorio, amico di Che Guevara, ma poi agente dei servizi segreti e, infine, nel ’78, anche cameriere personale di Jorge Luis Borges. Alcuni indizi, insieme all’intuito del commissario, fanno pensare che Torriani possa essere tornato nella sua città natale, Buenos Aires, dove vive ancora sua figlia Isabella. A Buenos Aires, il commissario incontra Isabella, convinta che il padre sia morto nel ’79, e poi scopre che i servizi segreti stanno cercando Torriani da trent’anni perché ritenuto responsabile di aver sottratto al governo una lista di nomi dei veri genitori degli orfani del regime di Videla.

IL CAMERIERE DI BORGES

Bussotti Mario