Narrativa

Inseguendo un’ombra

Camilleri Andrea

Descrizione: Questa è la storia di Samuel Ben Nissim Abul Farag, di Guglielmo Raimondo Moncada, di Flavio Mitridate. Non si tratta di tre persone ma di un solo individuo. Caltabellotta, provincia di Agrigento, 1465. Samuel Ben Nissim appartiene alla comunità ebraica, ha quindici anni, la rotella di panno cucita sulla camicia a marcare la differenza con i cristiani. È svelto e colto, conosce già varie lingue. Il padre Rabbi Nissim nutre grandi ambizioni per quel figlio che istruisce anche nella qabbalaq. Ma il destino decide diversamente, le circostanze costringono il ragazzo a trovare rifugio in un convento di frati. Così la giovane promessa diventa un ebreo convertito, disprezzato dalla comunità giudaica, maledetto dalla sua famiglia, Samuel si chiude fra le mura del convento, vuol sbiadire nella memoria dei suoi. Addottrinato nella fede cattolica, al momento della conversione prende il nome di colui che lo tiene a battesimo, il conte Guglielmo Raimondo Moncada, poi si stabilisce a Roma, diventa prete e grande è la sua fama di predicatore. Giunge all'apice della sua carriera ecclesiastica nel 1481 quando il venerdì santo recita davanti al papa Sisto IV il sermone sulla Passione. Poi però succede qualcosa: "caduto in grave errore", questo solo dicono i documenti, perde lo stato ecclesiastico e scompare. Lo ritroviamo dopo qualche tempo con il nome di Flavio Mitridate, il re del Ponto era famoso per la conoscenza delle lingue oltre che per la resistenza al veleno...

Categoria: Narrativa

Editore: Sellerio editore Palermo

Collana: La memoria

Anno: 2014

ISBN: 9788838931697

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Inseguendo un’ombra” è una biografia romanzata che Andrea Camilleri ha scritto attingendo a una presentazione di Sciacia per indagare sulle metamorfosi di un personaggio controverso e misterioso, dai mille volti: “dalla spoglia della crisalide ormai morta dell’ex persecutore del suo stesso popolo e dell’uomo di corte vaticana nasce la nuova creatura. Un umanista. Un sapiente che metterà a disposizione di chi lo paga la sua profonda cultura. E che dell’umanesimo, sempre secondo Sciascia, rappresenterà la faccia ferina”.

Nel quartiere ebraico di Caltabellotta, in Sicilia, Samuel Ben Nissim Abul Farag è un adolescente ambizioso e straordinariamente portato per le lingue antiche, che padroneggia in modo insolito. Per questo attira le attenzioni di frate Arrigo (“Il frate sa che lui rivende al maestro d’erbe una parte delle pozioni di suo padre”), che decide il suo futuro approfittando delle circostanze (Samuel ha ucciso un uomo che tentava di impossessarsi del suo gruzzolo) e convertendolo al cristianesimo.

In occasione della conversione, Samuel cambia identità cercando la protezione di un potente: “È l’uso dell’epoca, che un nobile o un personaggio altolocato faccia da padrino al battesimo di un ebreo convertito”.
Così Samuel diviene Guglielmo Raimondo Moncada e affronta il periodo romano (“la vicenda della conversione, delle sue gesta contro il suo ex popolo e degli onori romani”) presso gli ambienti ecclesiastici papali. Qui conduce una vita sopra le righe, s’indebita e si macchia di un secondo omicidio.

Fugge all’estero e quando torna in Italia ha nuovamente cambiato nome: sarà Flavio Mitridate (“Giudeo e sodomita”) e si ricostruirà la vita assistendo “Giovanni Pico della Mirandola, giovane, ricco, bello, ma soprattutto uno studioso acuto, un ingegni filosofico originale e sempre avido di nuove conoscenze” e vivendo tra mille contrasti l’amore omosessuale per il giovane Lancillotto.

Nel finale, Camilleri non smentisce la sua anima di giallista e regala un epilogo aperto a soluzioni tra di loro inconciliabili. Quale sarà stata la vera sorte di Samuel-Moncada-Mitridate?

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Andrea

Camilleri

Libri dallo stesso autore

Intervista a Camilleri Andrea


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Roma, 25 agosto 1960. È in pieno svolgimento la cerimonia d'apertura della XVII Olimpiade moderna. Davanti ai capi di Stato di tutto il mondo sfilano atleti provenienti dai quattro angoli della Terra, portando con sé speranza, giovinezza, ma anche le delicate questioni di politica internazionale. Negli ambienti dei servizi segreti si diffonde la voce che ci sarà un tentativo di rapimento ai danni del presidente Gronchi da parte di una frangia deviata degli stessi servizi e di un gruppo di attivisti di estrema destra. Unendo la ricostruzione storica alla leggenda e all'invenzione, Colombati tratteggia un affresco d'epoca, nel quale scorre un thriller terribile e incalzante. Tra i protagonisti ci sono personaggi storicamente esistiti, su tutti lo scrittore americano John Fante, che si trova invischiato in una vicenda di spie e controspie. E quelli inventati, ma non meno reali, come Agostino Savio, agente segreto affascinante e ambiguo. O anche Olimpia Meneguzzer, figlia di un crudele maggiore del SIFAR in odore di golpe, adolescente incantatrice, intorno al cui fascino ruotano tutti i protagonisti di questo romanzo.

1960

Colombati Leonardo

Patrick, professore di storia dell’arte, decide di lasciare Roma, trasferirsi a Venezia e ripartire da zero. Suo unico rimpianto: non aver mai terminato il quadro che ritrae una misteriosa figura femminile. Durante il viaggio però Patrick sbatte la testa e quando arriva non ricorda altro che il suo nome. Ma in tasca trova un biglietto con l’indirizzo di una pensione dove ci sarà una nuova strana famiglia pronta ad accoglierlo. Finché un giorno incontra Raquel. E la riconosce: è lei la donna del quadro mai dipinto.

Il quadro mai dipinto

Bisotti Massimo

Le assi curve di Yves Bonnefoy

Finalmente qualcosa in comune tra lo Sheikh Zayed e l’Arabic Booker