Narrativa

INSEPARABILI

Piperno Alessandro

Descrizione: Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno:

ISBN: 9788804608806

Trama

Le Vostre recensioni

Anno 1929: un giovane Albero Moravia pubblica la prima edizione de “Gli indifferenti”, romanzo scandalo che impietosamente ritrae la noia e la falsità della classe borghese all’epoca del fascismo.
Anno 2012. Il romanzo “Inseparabili – Il fuoco amico dei ricordi” di Alessandro Piperno vince il premio Strega, narrando e ritraendo la borghesia dell’anno 2010.
Sono passati ottant’anni e mi viene naturale chiedermi: cos’è cambiato – in quasi un secolo – in questa classe sociale?
Qual è stata l’evoluzione dei fratelli Michele e Carla, della madre Mariagrazia e del suo viscido amante Leo, protagonisti de “Gli indifferenti”?
La risposta la dobbiamo cercare nei personaggi degli “Inseparabili”: in Filippo e Samuel (o Semi) Pontecorvo, due fratelli romani di origine ebrea dei quali Piperno celebra vita, morte e miracoli (soprattutto, ma non esclusivamente, sessuali). E nei loro genitori: la madre Rachel e – coincidenza imbarazzante di nomi! – nel defunto padre Leo.
Filippo è autore di comics di successo (“Erode e i suoi pargoli”): è sposato ad Anna, ricca di famiglia, “un’attricetta … che solca lo show business dall’età di quindici anni … una revanscista di prim’ordine che ogni sera, prima di addormentarsi, fantastica su una ribalta che le consenta di superare di slancio qualsiasi successo il padre abbia mai ottenuto …”. Con queste premesse, ‘Fili’ conduce “una vita equamente spartita tra lassismo ipocondria e disincanto”, da fedifrago impenitente.
Samuel è “il fratello inessenziale, … il cadetto in tutti i sensi”: un bocconiano che dopo un’esperienza manageriale in banca si lancia in un’avventura imprenditoriale spericolata. Le ansie sedate a colpi di Pasaden e il senso di colpa per la morte del padre sono le probabili cause della sua disfunzione sessuale.
I due fratelli si muovono in un mondo ove trionfano volubilità, superficialità, noia, maldicenze, tra “feste estive in terrazzo in occasione delle quali … circondarsi di … amici eccentrici e di … nemici prestigiosi”. In una generazione nella quale “l’interesse dei ragazzi per la marca degli zainetti e l’ossessione delle ragazze per la lacca e il mascara” hanno “soppiantato in modo così radicale qualsiasi utopia rivoluzionaria.”
Ma è soprattutto il diaframma che separa le persone, lo stesso che fa vivere agli eroi di Moravia una vita esteriore falsa e scollata da quella interiore, il vero dramma della vita familiare: “l’atmosfera di grottesca, insensata omertà in cui l’intera famigliola è precipitata” al punto da asserire che “l’ipocrisia è una preziosa risorsa sociale” e “il miglior antidoto contro il caos.”
Le cose più interessanti del romanzo?
Innanzitutto l’abilità descrittiva e la ricchezza del linguaggio. Volutamente contaminato dalle evoluzioni borghesi della lingua italiana.
Poi l’espediente di rivelare nelle ultime pagine l’identità del narratore onnisciente, che è anche l’autore delle illustrazioni.
Infine l’esplosione impietosa del fuoco amico dei ricordi, nel seminterrato (il “palcoscenico sommerso della loro ultraventennale ipocrisia”), ove il padre ha vissuto da recluso dopo l’infamante accusa di pedofilia. Quando, sotto i colpi dei ricordi che deflagrano, il fuoco amico divampa, lo spettro della festa ebraica, quel “Seder di Pesach” “occasione … di riunire attorno a sé parenti”, evoca – ancora una volta – la festa con la quale si conclude la resa degli “Indifferenti”.
E dunque torniamo alla domanda iniziale: cos’è cambiato in un secolo (seppure approssimato per eccesso)? La risposta è: nella sostanza poco o niente.
E allora mi faccio un’altra domanda: che senso ha attribuire un premio letterario a un romanzo che declina e proclama il fallimento umano, la vacuità esistenziale e l’ipocrisia dei rapporti sociali in tempi come quelli che stiamo vivendo? Probabilmente nessuno. Questa è la risposta che si è dato …
… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Piperno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piperno Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Racconti pregnanti, ambientati nel territorio di Bergamo, città emblema del lavoro, e in Calabria con i suoi paesi di mare e collina e la gente semplice e orgogliosa. Protagonisti di ogni età, in un confronto che è amore per la vita, realtà distanti nella storia e nelle relazioni, con personalità accomunate nei forti sentimenti e negli stupori di fronte al miracolo del divenire. Sono vicende caratterizzate dall'inquietudine e dalla pacatezza, dalla meditazione e dalla vitalità dello spirito. Sono ritratti del cuore e della mente, racconti in cui trovarsi e ritrovarsi. Bergamo e la Calabria, il nord e il sud del Paese, mondi lontani, con tratti comuni e distanze non solo geografiche.

Racconti tra nord e sud

Talarico Olimpio e Mapelli Angelo Maurizio

Davide ha nove anni e proprio non ne vuole sapere di andare a comprare le cose per la scuola : la mamma insiste e quel banale tragitto tra la casa e il negozio si rivelerà fatale. In coma,tra il sonno e la veglia in cui è costretto, Davide sente e “vede” le persone, distraendosi con le storie degli altri: storie di ospedale, di infermiere e lotte fra medici, come quel “dottore antipatico” che tenterà l’impossibile per salvarlo. Un rapporto speciale fatto di empatia e sensazioni che superano l’apparenza si formerà fra il medico e il ragazzino. Eppure il primo è un uomo schivo, scorbutico, un dio nel proprio lavoro ma incapace di gestire i rapporti umani; l’altro è immobile sul un letto, in condizioni disperate.

MANI CALDE

Zucca Giovanna

Giovanni ha diciotto anni, trascorsi quasi tutti a Verona, dove è nato. Una vita tranquilla, qualche amico e, ogni giorno, i lunghi allenamenti in piscina per prepararsi alle gare. Anche a casa regna la quiete: Giovanni vive solo con suo padre, notaio, in quel genere di grande appartamento abitato da due uomini che ogni donna può immaginarsi. Selvaggia ha diciotto anni, molte amiche e diversi spasimanti, vive sul mare e assapora l'estate appena iniziata quando sua madre le sconvolge la vita: si trasferiranno per ragioni di lavoro. Selvaggia cambierà scuola, dovrà ricominciare tutto da capo e lo dovrà fare a Verona, la città dove è nata e da cui proprio la mamma, tanti anni prima, l'aveva portata via, separandola dal padre e dal fratello gemello. Quando Selvaggia varca per la prima volta la soglia della nuova casa, Giovanni è rintanato in camera sua. Gli basta la voce di lei per capire che nulla sarà più come prima. Giovanni scopre quella voce come un regalo, ma al tempo stesso la riconosce, è un suono che vive da sempre dentro di lui: Selvaggia, la sorella perduta, è tornata nella sua vita, per sempre. Lei a Verona non conosce nessuno: solo Johnny - come lo ha subito ribattezzato - può farle da guida e tenerle compagnia nei tre lunghi mesi che devono trascorrere prima della ripresa scolastica. Selvaggia è bellissima, piena di fascino ma anche capricciosa fino allo sfinimento, croce e delizia per il fratello ritrovato. Presto tra i due si sprigiona un'elettricità, un magnetismo, un'affinità che ha un solo nome, per loro impronunciabile: desiderio. Questo romanzo è la cronaca dell'amore tra due ragazzi che si affacciano alla vita, un amore meraviglioso e impossibile nel modo più crudele, perché non è la diversità a separare i due innamorati - non sono una sirenetta e un principe, un vampiro e una fanciulla - ma, proprio nella terra dei Montecchi e dei Capuleti, è la vicinanza assoluta a condannarli. Densissimo di echi letterari eppure diretto come il diario di un teenager, Le affinità alchemiche ha il candore e l'intensità per rinnovare nel nostro cuore un'emozione senza tempo, per ammaliarci ancora una volta con il miracolo e la tragedia della seduzione. Selvaggia e Johnny: ricordatevi questi nomi, la loro fiamma brucia alta nel cielo

LE AFFINITA’ ALCHEMICHE

Coltorti Gaia

“Il grande Gatsby” ovvero l'età del jazz: luci, party, belle auto e vestiti da cocktail, ma dietro la tenerezza della notte si cela la sua oscurità, la sua durezza, il senso di solitudine con il quale può strangolare anche la vita più promettente. Il giovane Nick Carraway, voce narrante del romanzo, si trasferisce a New York nell'estate del 1922. Affitta una casa nella prestigiosa e sognante Long Island, brulicante di nuovi ricchi disperatamente impegnati a festeggiarsi a vicenda. Un vicino di casa colpisce Nick in modo particolare: si tratta di un misterioso Jay Gatsby, che abita in una casa smisurata e vistosa, riempiendola ogni sabato sera di invitati alle sue stravaganti feste. Eppure vive in una disperata solitudine e si innamorerà insensatamente della cugina sposata di Nick, Daisy... Il mito americano si decompone pagina dopo pagina, mantenendo tutto lo sfavillio di facciata ma mostrando anche il ventre molle della sua fragilità. Proprio come andava accadendo allo stesso Fitzgerald, ex casanova ed ex alcolizzato alle prese con il mistero di un'esistenza ormai votata alla dissoluzione finale.

Il grande Gatsby

Fitzgerald Francis Scott