Narrativa

INSEPARABILI

Piperno Alessandro

Descrizione: Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno:

ISBN: 9788804608806

Trama

Le Vostre recensioni

Anno 1929: un giovane Albero Moravia pubblica la prima edizione de “Gli indifferenti”, romanzo scandalo che impietosamente ritrae la noia e la falsità della classe borghese all’epoca del fascismo.
Anno 2012. Il romanzo “Inseparabili – Il fuoco amico dei ricordi” di Alessandro Piperno vince il premio Strega, narrando e ritraendo la borghesia dell’anno 2010.
Sono passati ottant’anni e mi viene naturale chiedermi: cos’è cambiato – in quasi un secolo – in questa classe sociale?
Qual è stata l’evoluzione dei fratelli Michele e Carla, della madre Mariagrazia e del suo viscido amante Leo, protagonisti de “Gli indifferenti”?
La risposta la dobbiamo cercare nei personaggi degli “Inseparabili”: in Filippo e Samuel (o Semi) Pontecorvo, due fratelli romani di origine ebrea dei quali Piperno celebra vita, morte e miracoli (soprattutto, ma non esclusivamente, sessuali). E nei loro genitori: la madre Rachel e – coincidenza imbarazzante di nomi! – nel defunto padre Leo.
Filippo è autore di comics di successo (“Erode e i suoi pargoli”): è sposato ad Anna, ricca di famiglia, “un’attricetta … che solca lo show business dall’età di quindici anni … una revanscista di prim’ordine che ogni sera, prima di addormentarsi, fantastica su una ribalta che le consenta di superare di slancio qualsiasi successo il padre abbia mai ottenuto …”. Con queste premesse, ‘Fili’ conduce “una vita equamente spartita tra lassismo ipocondria e disincanto”, da fedifrago impenitente.
Samuel è “il fratello inessenziale, … il cadetto in tutti i sensi”: un bocconiano che dopo un’esperienza manageriale in banca si lancia in un’avventura imprenditoriale spericolata. Le ansie sedate a colpi di Pasaden e il senso di colpa per la morte del padre sono le probabili cause della sua disfunzione sessuale.
I due fratelli si muovono in un mondo ove trionfano volubilità, superficialità, noia, maldicenze, tra “feste estive in terrazzo in occasione delle quali … circondarsi di … amici eccentrici e di … nemici prestigiosi”. In una generazione nella quale “l’interesse dei ragazzi per la marca degli zainetti e l’ossessione delle ragazze per la lacca e il mascara” hanno “soppiantato in modo così radicale qualsiasi utopia rivoluzionaria.”
Ma è soprattutto il diaframma che separa le persone, lo stesso che fa vivere agli eroi di Moravia una vita esteriore falsa e scollata da quella interiore, il vero dramma della vita familiare: “l’atmosfera di grottesca, insensata omertà in cui l’intera famigliola è precipitata” al punto da asserire che “l’ipocrisia è una preziosa risorsa sociale” e “il miglior antidoto contro il caos.”
Le cose più interessanti del romanzo?
Innanzitutto l’abilità descrittiva e la ricchezza del linguaggio. Volutamente contaminato dalle evoluzioni borghesi della lingua italiana.
Poi l’espediente di rivelare nelle ultime pagine l’identità del narratore onnisciente, che è anche l’autore delle illustrazioni.
Infine l’esplosione impietosa del fuoco amico dei ricordi, nel seminterrato (il “palcoscenico sommerso della loro ultraventennale ipocrisia”), ove il padre ha vissuto da recluso dopo l’infamante accusa di pedofilia. Quando, sotto i colpi dei ricordi che deflagrano, il fuoco amico divampa, lo spettro della festa ebraica, quel “Seder di Pesach” “occasione … di riunire attorno a sé parenti”, evoca – ancora una volta – la festa con la quale si conclude la resa degli “Indifferenti”.
E dunque torniamo alla domanda iniziale: cos’è cambiato in un secolo (seppure approssimato per eccesso)? La risposta è: nella sostanza poco o niente.
E allora mi faccio un’altra domanda: che senso ha attribuire un premio letterario a un romanzo che declina e proclama il fallimento umano, la vacuità esistenziale e l’ipocrisia dei rapporti sociali in tempi come quelli che stiamo vivendo? Probabilmente nessuno. Questa è la risposta che si è dato …
… Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Piperno

Libri dallo stesso autore

Intervista a Piperno Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.

Bianca come il latte rossa come il sangue

D'Avenia Alessandro

Il boulevard... delle ossa" è una nuova puntata della serie "I Nuovi Misteri di Parigi", con Nestor Burma nei panni dell'investigatore fuori dagli schemi. Questa volta il detective privato della Fiat Lux, accompagnato dalla fidata segretaria Hélène che avrà un ruolo di primissimo piano, ci porta alla scoperta del centralissimo XI arrondissement, dove si troverà coinvolto in una vicenda del tanto inedita quanto mai complicata e movimentata che ha come protagonisti un mercante di diamanti ebreo, la malavita cinese, un giro di prostitute russe d'alto bordo che porta fino a Shangai, ma anche scheletri femminili con una gamba sola e cadaveri che non si rivelano tali fino in fondo.

Il boulevard delle ossa

Malet Leo

Dopo aver letto il libro Tutti i sapori del noir di ti invitiamo a lasciarci una Recensione qui sotto: sarà utile agli utenti che non abbiano ancora letto questo libro e che vogliano avere delle opinioni altrui. L’opinione su di un libro è molto soggettiva e per questo leggere eventuali recensioni negative non ci dovrà frenare dall’acquisto, anzi dovrà spingerci ad acquistare il libro in fretta per poter dire la nostra ed eventualmente smentire quanto commentato da altri, contribuendo ad arricchire più possibile i commenti e dare sempre più spunti di confronto al pubblico online. Recensioni

Tutti i sapori del noir

Autori Vari

«Stizzita per la scemenza dei suoi stessi oracoli e per l’ingenua credulità dei Greci, la sacerdotessa di Delfi Pannychis XI, lunga e secca come quasi tutte le Pizie che l’avevano preceduta, ascoltò le domande del giovane Edipo, un altro che voleva sapere se i suoi genitori erano davvero i suoi genitori, come se fosse facile stabilire una cosa del genere nei circoli aristocratici, dove, senza scherzi, donne maritate davano a intendere ai loro consorti, i quali peraltro finivano per crederci, come qualmente Zeus in persona si fosse giaciuto con loro». Con queste parole spigolose e beffarde ha inizio La morte della Pizia e subito il racconto investe alcuni dei più augusti miti greci, senza risparmiarsi irriverenze e furia grottesca. Ma Dürrenmatt è troppo buono scrittore per appagarsi di una irrisione del mito. Procedendo nella narrazione, vedremo le storie di Delfi addensarsi in un «nodo immane di accadimenti inverosimili che danno luogo, nelle loro intricatissime connessioni, alle coincidenze più scellerate, mentre noi mortali che ci troviamo nel mezzo di un simile tremendo scompiglio brancoliamo disperatamente nel buio». L’insolenza di Dürrenmatt non mira a cancellare, ma a esaltare la presenza del vero sovrano di Delfi: l’enigma. La morte della Pizia è stato pubblicato da Dürrenmatt all’interno del Mitmacher nel 1976.

La morte della Pizia

Dürrenmatt Friedrich