Saggi

Invisibile meraviglia

Tamaro Susanna

Descrizione: Per spalancare il panorama di meraviglie che l'universo naturale contiene non occorrono grandi spedizioni, possono bastare un parco cittadino, un balcone, persino una fessura nel pavimento di casa. Tenendo gli occhi e la mente bene aperti impareremo a decifrare le voci delle rondini e le abitudini dei merli, ad amare alcuni insetti e a combatterne altri, a seguire il ritmo con cui di stagione in stagione si vestono e si svestono gli alberi, dal flessuoso salice al burbero castagno. Seguire i voli delle rondini o le fioriture delle veroniche. Scoprire che il rospo si «innamora» per primo e che il picchio sa vedere nel futuro. Ricordare che della pervinca scriveva Giovanni Pascoli, dell'usignolo John Keats, e dell'upupa il poeta persiano Farid ad-din Attar. Per spalancare il panorama di meraviglie che l'universo naturale contiene non occorrono grandi spedizioni, possono bastare un parco cittadino, un balcone, persino una fessura nel pavimento di casa. Tenendo gli occhi e la mente bene aperti impareremo a decifrare le voci delle rondini e le abitudini dei merli, ad amare alcuni insetti e a combatterne altri, a seguire il ritmo con cui di stagione in stagione si vestono e si svestono gli alberi, dal flessuoso salice al burbero castagno. «Da quando ho memoria di me, le scienze naturali sono sempre state la mia unica vera passione» ricorda Susanna Tamaro. Una passione mai sopita e che in un tempo di lutti e difficoltà come l'attuale si impone come una necessità, quella di tornare a meravigliarsi, a provare gratitudine per la ricchezza e lo splendore dell'esistente. Il suo «taccuino di appunti» prende vita lungo i mesi grazie a un'osservazione quotidiana colta e intima, che si incanta per il volo delle coccinelle e dialoga con i grandi autori del passato, da Plinio il Vecchio a Charles Darwin. Ritroviamo così una dimensione domestica e sorprendente della natura che appartiene a tutti noi e che abbiamo il diritto di conoscere di più e meglio: perché la conoscenza è la prima e più necessaria forma dell'amore.

Categoria: Saggi

Editore: Solferino

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9788828207450

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Pubblicato il 18 novembre per Solferino, Invisibile meraviglia di Susanna Tamaro ha come sottotitolo “osservazioni appassionate su ciò che ci circonda. Piccole lezioni per capire un grande mondo”.

La scrittrice, da bambina e poi da adulta, ha vissuto in città («Sono nata in un appartamento di città, vissuta in città, e ho passato una buona parte della mia vita adulta in un minuscolo appartamento al quarto piano di un palazzo nel centro di Roma. Fino ai trentasei anni, date le mie magre finanze, non ho mai posseduto un’automobile») e forse, per contrasto, da lì nasce il suo desiderio di osservare la natura. Per sua ammissione, prima ancora che scrittrice avrebbe voluto essere naturalista. La sua passione nasce dalle osservazioni infantili: fiori che nascono sui marciapiedi di Trieste, qualche passeggiata nei boschi, le vacanze nella casa dei nonni sul Carso, con i cugini e un fratello maggiore… e poi più tardi nella casa romana dove c’erano i porcellini di terra (Oniscus asellus) scoperti nella doccia, dopo gli studi al Centro sperimentale di cinematografia, prima di scoprirsi narratrice, su un taccuino per gli appunti Susanna Tamaro tracciava schizzi di foglie e animali. Oggi finalmente la scrittrice vive nella natura, in una casa immersa nei boschi a Porano, in Umbria. Alla natura la scrittrice si è rivolta anche nei mesi dell’emergenza Covid, all’inizio del 2020 («Mentre i media ci bombardavano di tragici bollettini e di immagini di morte e di disperazione, la natura intorno a noi stava esplodendo nel grande canto della vita che ogni primavera porta con sé»). Da lì sorge l’idea di condividere quello stupore, quella bellezza nascosta, raccontandoli nella Invisibile meraviglia (Solferino, pp. 192, in libreria euro 16; in edicola con il Corriere della Sera euro 13,90 più il prezzo del quotidiano)

Nascono così le «piccole lezioni sulla natura» raccolte in un libro, Invisibile meraviglia, che è un invito ad aprire gli occhi e guardare, studiare, apprezzare quello che abbiamo intorno, e non vediamo. Dentro, ci sono fiori, uccelli, api, grilli, girini, pipistrelli. Piccoli abitanti di un mondo che abbiamo smesso di guardare e con cui non sappiamo più convivere. Un mondo che stiamo condannando a morte sottraendogli spazi e risorse e rompendo equilibri antichi: rospi che faticano a trovare cibo in stagni sempre più asciutti, rondini senza casa a cui fare ritorno, fiori senza più terra a cui ancorarsi. Un legame spezzato che ci rende più poveri e che Tamaro ci spinge a riannodare. Posando lo sguardo magari grazie a «un piccolo manuale che ci permetta di conoscere il mondo naturale che ci circonda quando scendiamo a fare due passi sotto casa. E vedrete, se ci riuscirò, che camminare riconoscendo le forme viventi e dando loro un nome, come se fossero vecchi amici, sarà molto diverso che passeggiare in mezzo a una generica “natura”».

Questo diario mescola l’esperienza diretta sul campo a nozioni di scienze naturali coltivate nel tempo: parole difficili — pappo, achene, emimetabolo, Pentatomidi — si mescolano a quadretti di vita vissuta che sembrano piccoli acquerelli. Sulla scia degli scrittori di favole naturalistiche, Tamaro regala ai suoi piccoli eroi — il signor Picchio, la signorina Coccinella — tratti e sentimenti «umani» e ne racconta con precisione scientifica le abitudini, divagando nel suo passato e presente, ritrovandosi nelle parole di altri scrittori e naturalisti.

Anche i fiori, le piante, sono personificati. Il tarassaco, se fosse una persona,«sarebbe l’amico che chiami nel cuore della notte e subito ti raggiunge senza fare neanche una domanda», la persona «che, davanti al dolore della tua anima, tra dieci parole sa scegliere sempre quella perfetta per far tornare la luce nel tuo cuore, quella che davanti a tutte le porte chiuse ti sa indicare quella che si potrebbe aprire». Le primule: «In un romanzo vittoriano, le vedo benissimo nei panni di una vecchia signorina di cui nessuno si è mai accorto e che, alla sua morte, lascia un quaderno pieno di magnifiche poesie». Nel prato: «Se la pratolina è il “cane di casa”, la pervinca è un animale da pascolo che ci ha seguito nei nostri spostamenti ed è rimasta a darne testimonianza». Per spiegare il meccanismo con cui alcuni fiori — la crepide, il senecio — disperdono i loro frutti per via aerea arrivando ciascuno a distanze diverse, c’è, scrive Tamaro, «chi parte per terre lontane e chi invece rimane a vivere nell’appartamento accanto a quello dei genitori».

Un Qr code all’inizio del libro permette, se inquadrato, di vedere alcune immagini (anche alcune pagine del famoso taccuino) e piccoli video di piante e animali raccontati nelle lezioni, e di sentirne i versi. Restano comunque impresse le descrizioni vive del racconto, che procede per piccoli capitoli seguendo lo scorrere delle stagioni: la scrittrice nel suo studio, che divide lo spazio con coccinelle in letargo invernale e passeri e un pipistrello che fanno il nido nelle fessure dei muri. Poi la mamma forbice che smette di mangiare e muore di consunzione perché troppo presa a pensare ai suoi piccoli (che poi mangiano lei, ricchissima di proteine), i rospi che sembrano essersi dati tutti appuntamento nello stesso momento per una festa nello stagno, la coppia di cuculi che cerca il nido altrui da «parassitare» e mette in atto le sue manovre di distrazione per piazzarci il proprio uovo, i grilli in amore, le cicale che ripetono senza fine: «Ce l’ho fatta, ce l’ho fatta»…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Susanna

Tamaro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tamaro Susanna

«Gli inquilini», pubblicato originariamente nel 1971, è la storia di Henry Lesser, l'ultimo occupante di una palazzina di Brooklyn che deve essere abbattuta per far posto a un condominio di lusso. Nonostante i goffi tentativi di sfratto da parte del proprietario Levenspiel, Lesser non vuole abbandonare l'appartamento, perché lì ha iniziato a scrivere il suo romanzo ed è lì che intende terminarlo. Quando nella palazzina si trasferisce, per abitarci abusivamente, Willie Spearmint, anche lui scrittore, fra i due si instaura una rivalità che è al tempo stesso letteraria (Willie sembra decisamente più sicuro di sé rispetto alla propria scrittura) e razziale (Lesser è ebreo, Spearmint afroamericano) e che assume uno sfondo anche sessuale quando entra in scena Irene, la fidanzata, di Willie.

Gli inquilini

Malamud Bernard

Uno spaccato della vita agreste che ha come protagonista il Medico Veterinario e una cerchia di allevatori che trascorrono parte della vita in montagna con le loro mandrie condividendo sacrifici e disagi ma anche una totale immersione nella Natura e nella solidarietà tra gente che vive le stesse fatiche quotidiane, e la restante parte nella campagna della pianura Cuneese... Durante la lettura del libro si viene coinvolti in una realtà che può apparire sconosciuta alla maggioranza dei lettori, ma che fa parte delle radici contadine più autentiche e profonde del territorio in cui viviamo. Sono storie che colpiscono, narrate in prima persona: una via di mezzo tra la rubrica dell'esperto Veterinario e il racconto appassionato alla James Herriot. Il mondo dei volatili è reso con delicatezza e sensibilità, con toni semplici ma fondamentali. Ne consegue uno spaccato di vita reale, dove i lati di questa professione vengono messi in evidenza nella sua totalità, dai chiaroscuri alla brillantezza di un mestiere a stretto contatto con la Natura.

Dove osano le rondini

Marengo Silvio

W. Somerset Maugham non ha mai dovuto dilungarsi troppo a spiegare che cosa fosse il suo secondo e più celebre romanzo, quello che già alla sua uscita, nel 1915, fece di lui uno scrittore immensamente popolare. In diverse occasioni, si limitò infatti a precisare che Schiavo d’amore non era «un’autobiografia, ma un romanzo autobiografico» – e che Philip Carey, pur essendo orfano come lui, medico come lui, e come lui attratto dai lati meno dominabili dell’esistenza, era solo il protagonista di una finzione, e non la controfigura del suo autore. I lettori (allora come oggi) erano quindi liberi di seguire Philip prima durante gli studi a Heidelberg, poi negli anni della bohème parigina, e alla fine per tutto il lungo, tormentoso e distruttivo amore per Mildred, la cameriera reprensibile, perfida e perciò ancor più desiderabile (di cui non a caso Bette Davis è stata la definitiva incarnazione cinematografica) che finirà quasi per ucciderlo. Ma se si può anche fingere di credere a quel diabolico illusionista di Maugham quando sostiene di aver prestato a Philip solo i sentimenti, è legittimo sospettare che poche altre volte, in letteratura, la menzogna romanzesca – anche la più sofisticata e avvincente, come questa – abbia coinciso in modo tanto fedele e tanto necessario con una personale, e quasi feroce, autenticità.

Schiavo d’amore

Maugham W. Somerset

La commissaria Lisa Mancini a soli trentatré anni ha già alle spalle una carriera straordinaria. Tanti successi in Italia e all'estero di cui potrebbe vantarsi, ma che creano intorno a lei un'aura di mistero il giorno in cui decide di abbandonare l'incarico all'Interpol di Lione per dirigere il commissariato di Montezenta, un piccolo centro romagnolo con i pregi e i difetti della provincia italiana, e di tutte le province del mondo. Nessuno conosce il motivo del trasferimento di Lisa. Tutto quello che sappiamo sul suo conto è che, sbrigate le pratiche di routine, passa le giornate chiusa nel suo ufficio a giocare a Candy Crush sul cellulare. Finché non viene denunciata la scomparsa di River: un quindicenne di origine inglese che vive con la sua famiglia in un piccolo villaggio appena fuori dalle mura medievali di Montezenta. Una comunità libertaria e anticonformista che trasforma in opere d'arte i materiali di scarto, e che attira per questo su di sé l'ostilità e i pregiudizi del resto della popolazione. River - uno studente modello, capace di farsi amare da tutti - è davvero una vittima oppure sta scappando da qualcosa di cui è lui stesso responsabile? Per riuscire a rispondere a questa domanda, Lisa dovrà combattere i demoni del suo passato, e trasformare la ricerca del ragazzo in un viaggio a perdifiato dentro sé stessa. In un romanzo straripante di scelte coraggiose e parole raccolte con cura, di canzoni che si insinuano nei pensieri e film che lasciano folgorati, Lisa Mancini è un personaggio che parla di noi, delle nostre paure, dei nostri affetti più incandescenti.

Tre madri

Serafini Francesca