Saggi

Invisibile meraviglia

Tamaro Susanna

Descrizione: Per spalancare il panorama di meraviglie che l'universo naturale contiene non occorrono grandi spedizioni, possono bastare un parco cittadino, un balcone, persino una fessura nel pavimento di casa. Tenendo gli occhi e la mente bene aperti impareremo a decifrare le voci delle rondini e le abitudini dei merli, ad amare alcuni insetti e a combatterne altri, a seguire il ritmo con cui di stagione in stagione si vestono e si svestono gli alberi, dal flessuoso salice al burbero castagno. Seguire i voli delle rondini o le fioriture delle veroniche. Scoprire che il rospo si «innamora» per primo e che il picchio sa vedere nel futuro. Ricordare che della pervinca scriveva Giovanni Pascoli, dell'usignolo John Keats, e dell'upupa il poeta persiano Farid ad-din Attar. Per spalancare il panorama di meraviglie che l'universo naturale contiene non occorrono grandi spedizioni, possono bastare un parco cittadino, un balcone, persino una fessura nel pavimento di casa. Tenendo gli occhi e la mente bene aperti impareremo a decifrare le voci delle rondini e le abitudini dei merli, ad amare alcuni insetti e a combatterne altri, a seguire il ritmo con cui di stagione in stagione si vestono e si svestono gli alberi, dal flessuoso salice al burbero castagno. «Da quando ho memoria di me, le scienze naturali sono sempre state la mia unica vera passione» ricorda Susanna Tamaro. Una passione mai sopita e che in un tempo di lutti e difficoltà come l'attuale si impone come una necessità, quella di tornare a meravigliarsi, a provare gratitudine per la ricchezza e lo splendore dell'esistente. Il suo «taccuino di appunti» prende vita lungo i mesi grazie a un'osservazione quotidiana colta e intima, che si incanta per il volo delle coccinelle e dialoga con i grandi autori del passato, da Plinio il Vecchio a Charles Darwin. Ritroviamo così una dimensione domestica e sorprendente della natura che appartiene a tutti noi e che abbiamo il diritto di conoscere di più e meglio: perché la conoscenza è la prima e più necessaria forma dell'amore.

Categoria: Saggi

Editore: Solferino

Collana:

Anno: 2021

ISBN: 9788828207450

Recensito da Redazione i-LIBRI

Le Vostre recensioni

Pubblicato il 18 novembre per Solferino, Invisibile meraviglia di Susanna Tamaro ha come sottotitolo “osservazioni appassionate su ciò che ci circonda. Piccole lezioni per capire un grande mondo”.

La scrittrice, da bambina e poi da adulta, ha vissuto in città («Sono nata in un appartamento di città, vissuta in città, e ho passato una buona parte della mia vita adulta in un minuscolo appartamento al quarto piano di un palazzo nel centro di Roma. Fino ai trentasei anni, date le mie magre finanze, non ho mai posseduto un’automobile») e forse, per contrasto, da lì nasce il suo desiderio di osservare la natura. Per sua ammissione, prima ancora che scrittrice avrebbe voluto essere naturalista. La sua passione nasce dalle osservazioni infantili: fiori che nascono sui marciapiedi di Trieste, qualche passeggiata nei boschi, le vacanze nella casa dei nonni sul Carso, con i cugini e un fratello maggiore… e poi più tardi nella casa romana dove c’erano i porcellini di terra (Oniscus asellus) scoperti nella doccia, dopo gli studi al Centro sperimentale di cinematografia, prima di scoprirsi narratrice, su un taccuino per gli appunti Susanna Tamaro tracciava schizzi di foglie e animali. Oggi finalmente la scrittrice vive nella natura, in una casa immersa nei boschi a Porano, in Umbria. Alla natura la scrittrice si è rivolta anche nei mesi dell’emergenza Covid, all’inizio del 2020 («Mentre i media ci bombardavano di tragici bollettini e di immagini di morte e di disperazione, la natura intorno a noi stava esplodendo nel grande canto della vita che ogni primavera porta con sé»). Da lì sorge l’idea di condividere quello stupore, quella bellezza nascosta, raccontandoli nella Invisibile meraviglia (Solferino, pp. 192, in libreria euro 16; in edicola con il Corriere della Sera euro 13,90 più il prezzo del quotidiano)

Nascono così le «piccole lezioni sulla natura» raccolte in un libro, Invisibile meraviglia, che è un invito ad aprire gli occhi e guardare, studiare, apprezzare quello che abbiamo intorno, e non vediamo. Dentro, ci sono fiori, uccelli, api, grilli, girini, pipistrelli. Piccoli abitanti di un mondo che abbiamo smesso di guardare e con cui non sappiamo più convivere. Un mondo che stiamo condannando a morte sottraendogli spazi e risorse e rompendo equilibri antichi: rospi che faticano a trovare cibo in stagni sempre più asciutti, rondini senza casa a cui fare ritorno, fiori senza più terra a cui ancorarsi. Un legame spezzato che ci rende più poveri e che Tamaro ci spinge a riannodare. Posando lo sguardo magari grazie a «un piccolo manuale che ci permetta di conoscere il mondo naturale che ci circonda quando scendiamo a fare due passi sotto casa. E vedrete, se ci riuscirò, che camminare riconoscendo le forme viventi e dando loro un nome, come se fossero vecchi amici, sarà molto diverso che passeggiare in mezzo a una generica “natura”».

Questo diario mescola l’esperienza diretta sul campo a nozioni di scienze naturali coltivate nel tempo: parole difficili — pappo, achene, emimetabolo, Pentatomidi — si mescolano a quadretti di vita vissuta che sembrano piccoli acquerelli. Sulla scia degli scrittori di favole naturalistiche, Tamaro regala ai suoi piccoli eroi — il signor Picchio, la signorina Coccinella — tratti e sentimenti «umani» e ne racconta con precisione scientifica le abitudini, divagando nel suo passato e presente, ritrovandosi nelle parole di altri scrittori e naturalisti.

Anche i fiori, le piante, sono personificati. Il tarassaco, se fosse una persona,«sarebbe l’amico che chiami nel cuore della notte e subito ti raggiunge senza fare neanche una domanda», la persona «che, davanti al dolore della tua anima, tra dieci parole sa scegliere sempre quella perfetta per far tornare la luce nel tuo cuore, quella che davanti a tutte le porte chiuse ti sa indicare quella che si potrebbe aprire». Le primule: «In un romanzo vittoriano, le vedo benissimo nei panni di una vecchia signorina di cui nessuno si è mai accorto e che, alla sua morte, lascia un quaderno pieno di magnifiche poesie». Nel prato: «Se la pratolina è il “cane di casa”, la pervinca è un animale da pascolo che ci ha seguito nei nostri spostamenti ed è rimasta a darne testimonianza». Per spiegare il meccanismo con cui alcuni fiori — la crepide, il senecio — disperdono i loro frutti per via aerea arrivando ciascuno a distanze diverse, c’è, scrive Tamaro, «chi parte per terre lontane e chi invece rimane a vivere nell’appartamento accanto a quello dei genitori».

Un Qr code all’inizio del libro permette, se inquadrato, di vedere alcune immagini (anche alcune pagine del famoso taccuino) e piccoli video di piante e animali raccontati nelle lezioni, e di sentirne i versi. Restano comunque impresse le descrizioni vive del racconto, che procede per piccoli capitoli seguendo lo scorrere delle stagioni: la scrittrice nel suo studio, che divide lo spazio con coccinelle in letargo invernale e passeri e un pipistrello che fanno il nido nelle fessure dei muri. Poi la mamma forbice che smette di mangiare e muore di consunzione perché troppo presa a pensare ai suoi piccoli (che poi mangiano lei, ricchissima di proteine), i rospi che sembrano essersi dati tutti appuntamento nello stesso momento per una festa nello stagno, la coppia di cuculi che cerca il nido altrui da «parassitare» e mette in atto le sue manovre di distrazione per piazzarci il proprio uovo, i grilli in amore, le cicale che ripetono senza fine: «Ce l’ho fatta, ce l’ho fatta»…

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Susanna

Tamaro

Libri dallo stesso autore

Intervista a Tamaro Susanna

Esther Hillesum, detta Etty, è una ragazza olandese di origini ebraiche, colta, curiosa, dalla sensibilità inusuale. Appassionata di letteratura russa e lettrice vorace, lavora come dattilografa al Consiglio Ebraico: la sua è una condizione privilegiata, allo scoppiare della Seconda guerra mondiale e con l'inizio delle persecuzioni razziali potrebbe scappare e salvarsi. Potrebbe coltivare i suoi studi, scoprire l'amore che comincia ad affacciarsi nella sua vita, realizzare i mille sogni suggeriti dalla sua fantasia. Ma decide di non abbandonare la sua famiglia, il suo popolo, e di condividerne fino in fondo la sorte...

Un gomitolo aggrovigliato è il mio cuore

Ferri Edgarda

Anana e un uomo che fa. Come un pioniere, si e aperto la strada in una terra ostile - lo stato indiano somiglia al nostro, invadente e dispotico quando chiede, inesistente quando serve - e intravede finalmente l'orizzonte: la sua è una fabbrica modello, pronta a decollare sul mercato internazionale. Anche i suoi figli gli sembrano un miracolo, mentre la moglie è capricciosa e insicura. Nei sogni Anand accarezza un'altra donna: accanto a Kavika, non è più solo. E quando di colpo tutto si complica, perché politici rapaci lo tormentano con un subdolo ricatto, Kavika è l'unica che lo sa ascoltare. Ma qual è il karma di Anand? Proteggere sua moglie per amore dei figli, o dare ascolto ai propri bisogni più intimi e abbandonarsi tra le braccia di Kavika? Cedere al ricatto che minaccia la sua fabbrica e adeguarsi alla corruzione imperante, o combattere e dire di no? Kamala è una vita che combatte. Ha lavorato nei cantieri con il figliolino al collo, dormendo sul marciapiede in una tenda improvvisata. Fare la serva per la famiglia di Anand le sembra una conquista: ha una casa minuscola in cui tornare la sera, può mandare a scuola il suo amato Narayan. La sua vita è distante mille miglia da quella dei suoi datori di lavoro, che spendono in un pomeriggio di shopping quello che lei guadagna in un anno, ma Kamala sarebbe contenta così. Se non fosse per la speculazione edilizia che minaccia la sua casa. Se non fosse per la calunnia che rischia di distruggere tutto quello che ha.

La fabbrica della speranza

Sankaran Lavanya

Il bar Novecento, di fronte allo stadio San Paolo, è un’istituzione, un punto di riferimento dove passare intere giornate. Non solo per commentare le partite, né per il caffè di Mario, né per la bellezza di Paola, la cassiera che fa girare la testa a chiunque. Al bar Novecento si va soprattutto per parlare con O’ Professore, l’uomo che da trent’anni siede allo stesso tavolino sul fondo della sala, e giorno dopo giorno raccoglie palpitanti racconti di epiche sfide, confessioni di figli tornati in città per esaudire l’ultimo desiderio del padre morente, richieste di consigli su amori infelici. A ciascuno di loro, O’ Professore saprà rivolgere profetiche, illuminanti parole sul senso della vita.

Il resto della settimana

De Giovanni Maurizio

Milano, estate 1981: siamo nella fase più tarda, e più feroce, della stagione terroristica in Italia. Non ancora quarantenne, Giacomo Colnaghi a Milano è un magistrato sulla linea del fronte. Coordinando un piccolo gruppo di inquirenti, indaga da tempo sulle attività di una nuova banda armata, responsabile dell’assassinio di un politico democristiano. Il dubbio e l’inquietudine lo accompagnano da sempre. Egli è intensamente cattolico, ma di una religiosità intima e tragica. È di umili origini, ma convinto che la sua riuscita personale sia la prova di vivere in una società aperta. È sposato con figli, ma i rapporti con la famiglia sono distanti e sofferti. Ha due amici carissimi, con i quali incrocia schermaglie polemiche, ama le ore incerte, le periferie, il calcio, gli incontri nelle osterie. Dall’inquietudine è avvolto anche il ricordo del padre Ernesto, che lo lasciò bambino morendo in un’azione partigiana. Quel padre che la famiglia cattolica conformista non poté mai perdonare per la sua ribellione all’ordine, la cui storia eroica Colnaghi ha sempre inseguito, per sapere, e per trattenere quell’unica persona che ha forse amato davvero, pur senza conoscerla. L’inchiesta che svolge è complessa e articolata, tra uffici di procura e covi criminali, tra interrogatori e appostamenti, e andrà a buon fine. Ma la sua coscienza aggiunge alla caccia all’uomo una corsa per capire le ragioni profonde, l’origine delle ferite che stanno attraversando il Paese. Si risveglia così il bisogno di immergersi nella condizione degli altri, dall’assassino che gli sta davanti al vecchio ferroviere incontrato al bar, per riconciliare la giustizia che amministra con l’esercizio della compassione. Una corsa e un’immersione pervase da un sentimento dominante di morte. Un lento disvelarsi che segue parallelo il ricordo della vicenda del padre che, come Giacomo Colnaghi, fu dominato dal desiderio di trovare un senso, una verità. Anche a costo della vita.

Morte di un uomo felice

Fontana Giorgio