Narrativa

IO CHE AMO SOLO TE

Bianchini Luca

Descrizione: Ninella ha cinquant'anni e un grande amore, don Mimì, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell'uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimì, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l'inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c'è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la "First Lady". È lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet "semicascante" della sposa al gran buffet di antipasti, dall'assegnazione dei posti alle bomboniere - passando per l'Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti: una diciassettenne che deve perdere cinque chili e la verginità; un testimone gay che si presenta con una finta fidanzata; una zia che da quando si è trasferita in Veneto dice "voi meridionali" e un truccatore che obbliga la sposa a non commuoversi per non rovinare il make-up. Io che amo solo te è un romanzo sulle gioie segrete, sull'arte di attendere e sulle paure dell'ultimo minuto. Tra ironia e commozione, quello di Luca Bianchini è un avventuroso viaggio sull'amore, che arriva - o ritorna - quando meno te lo aspetti, ti rimette in gioco e ti porta dove decide lui. Come il maestrale, che accompagna i tre giorni di questa storia, sullo sfondo di una Puglia dove regnano ancora antichi valori e tanta bellezza.

Categoria: Narrativa

Editore: Mondadori

Collana: Scrittori Italiani e Stranieri

Anno: 2013

ISBN:

Trama

Le Vostre recensioni

Ninella e don Mimì si amano, si sono sempre amati, ma in una Puglia che si rispetti il re delle patate non può sposare la sorella di un contrabbandiere.

Quindi ognuno è andato per la sua strada, si sono sposati con altre persone e ora, dopo trent’anni rieccoli che si incontrano, al matrimonio dei loro figli. Chiara, figlia della vedova Ninella, si sposerà con Damiano, il bamboccione figlio di Mimì e della ‘First lady’ Matilde.

Si parla di un matrimonio che è stato organizzato fin nel più piccolo dettaglio, per il quale Chiara, Ninella e Matilde hanno perso il sonno. Si parla di tableau mariage, di bouquet cascanti, di abiti scollati, di menù, trucco e parrucco.

Ma si parla anche di Ninella, fiera, bella, ma innamorata ancora del suo Mimì, di Mimì, che, accarezzandosi i baffi, si rende conto che rinunciando all’amore non lo ha mai veramente insegnato ai suoi figli; di Chiara e Damiano, che scoprono di amarsi, incredibilmente, il giorno del loro matrimonio, e mettono da parte tutte le paure e le scappatoie. Di Orlando, il fratello gay di Damiano, che per far contenti i suoi, porta al matrimonio una finta fidanzata, di Nancy la sorella adolescente di Chiara, che deve perdere 500 grammi e la verginità; e di Matilde, la first lady, a mio parere l’unica vera vittima di tutto il libro, il personaggio che, friggendo le polpette, non cresce e non muta in tutto il tempo narrativo.

E poi c’è Polignano, la Puglia, il vento, il mare, quel sud che ce l’hai sempre dentro se sei nato lì. Quelle tradizioni e usanze, che sembrano vecchie e fuori moda, ma che non si può far a meno di rispettare.

Io che amo solo te è una boccata d’aria fresca, un libro che leggi tutto d’un fiato. Ironico, tenero, con la giusta dose di dramma. E tifi per Mimì, per Ninella, speri che Orlando venga capito e accettato. E poi con, e come, Chiara e Damiano pensi prima che stiano facendo un errore e poi sei veramente felice per loro e, improvvisamente vestito a festa, vieni trasportato nella Masseria San Nicola al loro matrimonio.

Luca Bianchini ha raccontato un matrimonio vero, dove la sposa non dorme pensando ai tavoli e ha paura della zia troppo chiacchierona e dove le ‘buste’ hanno sempre la loro sacrosanta importanza. Ha raccontato amori vecchi e nuovi, ferite che si rimarginano e soddisfazioni insperate.

L’amore in questo libro la fa da padrone e chi lo legge ride e si commuove, pensa ai propri amori e inevitabilmente canticchia:

c’è gente che ha avuto mille cose…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Luca

Bianchini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Bianchini Luca


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Cresciuto in Svezia, figlio di una donna che non ha mai conosciuto e di un guardaboschi che cerca disperatamente di scorgere all’orizzonte quel mare che ha dovuto lasciare da bambino, Hans Olofson è arrivato per caso nello Zambia. Profondamente colpito dall’immensa bellezza dell’Africa, pensa di potersi fermare per sempre. Ma un giorno, qualcuno uccide i suoi vicini, bianchi come lui. E Olofson comincia a sentirsi minacciato.

L’occhio del leopardo

Mankell Henning

Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas

Bernie Gladhart è un mite venditore d’auto di Chicago che nel tempo libero si diletta, con scarso successo, a fare lo scrittore. Un giorno la moglie, impressionata dalla storia di Cabot Wright – giovane finanziere di Wall Street, autore di circa trecento violenze carnali – lo spinge a recarsi a new york per cercarlo e, basandosi sulla sua vicenda, a scrivere finalmente il Grande romanzo Americano. L’industria culturale, che nella vicenda intravede il soggetto ideale per un bestseller, punta immediatamente gli occhi su Cabot e il libro di Bernie. Inizia così una caccia all’uomo tra i grattacieli di new york – con Bernie accompagnato dalla zelante zoe Bickle, affiancatagli dall’editore – in cerca del «personaggio Cabot»; ma questi, una volta rintracciato, non ricorda più nulla: il «suo» romanzo resterà incompiuto, ma vedere la sua storia scritta lo spingerà a cercare la propria verità, che non ha nulla a che vedere con quella che vorrebbero attribuirgli, per motivi diversi, l’editore e il mondo che lo circonda. Un libro divertente e grottesco. Una descrizione precisa dei meccanismi perversi dell’industria culturale e un’esplorazione inedita dell’ambiguo gioco tra realtà e finzione.

Cabot Wright ci riprova

Purdy James

Questo libro raccoglie numerosi suggerimenti per organizzare divertenti attività di gruppo all’aperto con i bambini della scuola dell’infanzia. Si tratta di giochi, canzoni, filastrocche e indovinelli da utilizzare in diversi contesti: – in ambienti naturali (boschi, parchi, giardinetti); – in città (piazzali, parcheggi, per strada, sui mezzi pubblici). Si tratta di attività molto semplici da organizzare, per le quali non è necessario procurarsi materiali diversi da quelli che si possono trovare direttamente negli ambienti nei quali si svolgono i giochi. Un modo divertente per insegnare ai bambini a conoscere meglio l’ambiente che li circonda e a muoversi in autonomia sia in contesti urbani che in contesti naturali.

Giochi e attività nel bosco in città

Bezdek Ursula