Giallo - thriller - noir

IO E GLENDA

Woodrell Daniel

Descrizione: Shuggie è un adolescente obeso, che racconta la propria storia e quella della sua famiglia, composta dalla madre Glenda e dal patrigno Red, un uomo brutale e ignorante che odia il ragazzo ma lo usa nei suoi furti di medicine e di qualsiasi altra cosa che possa poi rivendere. Glenda tira avanti occupandosi del cimitero locale e passa il tempo cercando di distrarre Red da suo figlio, che lei invece adora: lo chiama Sweet Mister e non fa che promettergli che prima o poi avranno una vita migliore. Ma quando un giorno Glenda vede una Thunderbird verde coi sedili di pelle e il suo giovane guidatore, Jimmy Vin Pearce, si innesca una catena di eventi che potrebbe generare solo dolore e sangue... così la donna deve tenere segreta la sua infatuazione per i soldi e i bei vestiti di Jimmy Vin, mentre lei e suo figlio sognano di scappare dalla loro vita d’inferno per trovarne una priva della violenza che hanno conosciuto finora.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Fanucci

Collana: Collezione Vintage

Anno: 2010

ISBN: 9788834716281

Recensito da Nicoletta Scano

Le Vostre recensioni

Il romanzo di Daniel Woodrell si legge in poche ore e vi lascerà attoniti per qualche giorno.

L’autore riesce a raccontare una vicenda terribile senza abbandonare il punto di vista pulito di un ragazzino di 13 anni. In alcuni momenti non tralascia neppure una certa vena umoristica.

Eppure la maggior parte di quanto viene narrato non può che sconcertare.
Io e Glenda è la storia miserabile di un adolescente grasso e maltrattato, disperatamente e forse morbosamente attaccato ed incantato dalla madre, costretto dal padre (o dal patrigno?) a commettere furtarelli, ad assistere e partecipare a serate condite da alcol, droghe, medicinali sottratti a malati terminali e sesso occasionale.

Attraverso gli occhi ancora ingenui di Shug, l’autore dipinge una realtà senza speranza, appiattita nella mediocrità dell’ignoranza e della sopraffazione, in un’epopea sconvolgente attraverso la quale l’eroe della vicenda non si evolve, ma procede a ritroso verso il raggiungimento di un destino segnato.

Intenso e originale il personaggio della madre Glenda, che dall’alto dei suoi tacchi a spillo continua a chiamare il protagonista “Pasticcino”: passa la vita sorseggiando rhum dal thermos che dice di riempire con il thè, ammicca per disperazione agli uomini che la osservano con bramosia malcelata, si concede ai maltrattamenti del compagno con rassegnazione e finge di non vedere ciò che Shug è costretto a sopportare.

Una storia che ci ricorda quanto è difficile il riscatto per chi non conosce alternative, per chi cresce schiacciato tra ricatti, minacce e affetti disperati.
Un libro per non smettere di ricordare che dietro ogni persona c’è un’infanzia.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Daniel

Woodrell

Libri dallo stesso autore

Intervista a Woodrell Daniel


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Vent'anni fa, un'estate in Riviera, una di quelle estati che segnano la vita per sempre. Elio ha diciassette anni, e per lui sono appena iniziate le vacanze nella splendida villa di famiglia nel Ponente ligure. Figlio di un professore universitario, musicista sensibile, decisamente colto per la sua età, il ragazzo aspetta come ogni anno "l'ospite dell'estate, l'ennesima scocciatura": uno studente in arrivo da New York per lavorare alla sua tesi di post dottorato. Ma Oliver, il giovane americano, conquista tutti con la sua bellezza e i modi disinvolti. Anche Elio ne è irretito. I due condividono, oltre alle origini ebraiche, molte passioni: discutono di film, libri, fanno passeggiate e corse in bici. E tra loro nasce un desiderio inesorabile quanto inatteso, vissuto fino in fondo, dalla sofferenza all'estasi. "Chiamami col tuo nome" è la storia di un paradiso scoperto e già perduto, una meditazione proustiana sul tempo e sul desiderio, una domanda che resta aperta finché Elio e Oliver si ritroveranno un giorno a confessare a se stessi che "questa cosa che quasi non fu mai ancora ci tenta".

Chiamami col tuo nome

Aciman André

Una rivisitazione in chiave femminile dell’antica fiaba che indaga il cannibalismo sentimentale per tentare una risposta originale e netta all’annoso quesito: che cos’è l’amore?

Barbablù

Nothomb Amélie

In una Venezia magica, si consuma l'ultimo atto di un'antica storia d'amore, rivissuta attraverso l'adagio di un concerto per oboe di un Anonimo del '700, da un uomo e una donna che non hanno mai cessato di amarsi.

Anonimo Veneziano

Berto Giuseppe

Vorrei poter scrivere un libro che fosse solo un incipit, che mantenesse per tutta la sua durata la potenzialità dell'inizio, l'attesa ancora senza oggetto. (Italo Calvino, Se una notte d'inverno un viaggiatore)".Questo è un libro "solo di incipit": i più significativi della letteratura mondiale (da Omero alla letteratura contemporanea) narrati, con "svolgimenti molteplici, inesauribili", da una ventina di scrittori, a cui si aggiungono le testimonianze sulla "potenzialità" e difficoltà dell'inizio" di Raffaele La Capria, Dacia Maraini, Melania Mazzucco, raccolte dallo scrittore e magnifico "conversatore" Paolo Di Paolo.

Cronache dal Big-Bang

AA.VV.