Giallo - thriller - noir

IO NICHI MORETTI

Legni Franco

Descrizione:

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Curiosando

Collana:

Anno: 2012

ISBN: 9788890499067

Trama

Le Vostre recensioni

Secondo romanzo di Franco Legni, avvocato prestato alla narrazione, “Io Nichi Moretti“, scritto in prima persona a sottolineare i punti in comune tra il personaggio e l’autore (entrambi nella professione legale e con molte sfumature comuni caratteriali e di vita) è un noir intrigante che è ambientato in pochissime giornate del caldo fine settembre 2007. Legni ci guida nella selva di personaggi curiosi e tutti abbastanza fuori di testa, quasi “estremi” nella loro lucida follia.

La scrittura di Legni è vivace, spigliata e appassionante, complice anche la cadenza toscana (pratese, per la precisione) che i personaggi indigeni hanno. C’è da distinguere infatti tra i protagonisti “locali” e gli altri: i poliziotti romani, anzi romaneschi, una napoletana decisamente verace e i cinesi, ormai elemento radicato nella provincia pratese, i cui dialoghi sono ovviamente riportati avendo cura di traslitterarli.

L’effetto, a metà tra i romanzi alla Camilleri dove il siciliano italianizzato è la caratteristica principale e il mitico “Quer pasticciaccio brutto de via Merulana” del grande Gadda, è di creare una nuova macrolingua nonché di conferire maggiore verosimiglianza ai fatti narrati, sebbene essi siano forse eccessivi.

L’autore ha il merito di realizzare un vero e proprio noir comico con avvenimenti e linguaggio che sembrano mutuati dalla filmografia di Tarantino, seppur inseriti in una realtà più vicina al lettore italiano.

Divertente (soprattutto nella descrizione di personaggi e situazioni), grottesco, ricco di pathos, il romanzo va letto tutto d’un fiato ed eventualmente riletto per il piacere di soffermarsi ancora sull’interessante fabula e sull’intreccio costruiti dall’autore.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Franco

Legni

Libri dallo stesso autore

Intervista a Legni Franco


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una fortezza ai limiti del deserto una guarnigione aspetta l'arrivo dei Tartari invasori. Ma sarà una lunghissima, vana, logorante attesa.

Il deserto dei tartari

Buzzati Dino

In un passaggio apparentemente marginale del racconto che da il titolo a questa raccolta disegnata dall'autore, la protagonista offre al suo professore di matematica, passato a trovarla, un bicchier d'acqua. Poi, mentre lo guarda bere, la ragazza è colpita dalla cosa più semplice, l'assoluta naturalezza del gesto, che l'uomo compie "come se in vita sua non avesse fatto altro che venire in cucina da me a bere acqua". È un tocco inconfondibile, che unisce in una riga tutta l'atmosfera di cui abbiamo bisogno e tutto l'intreccio che possiamo desiderare. Ma è anche di più. È la conferma che qualsiasi storia, anche minima, racconti - si tratti di un ragazzo che, come in Miss Little Sunshine, smette di parlare in casa, mentre intrattiene una fitta corrispondenza con i carcerati; di un adolescente che, alla morte del suo cane, si convince che nelle formule dell'algebra si annidi il segreto della felicità; o di una coppia gay di fronte a una scena topica, quella della presentazione ufficiale a due impettiti genitori -, Cameron sembra appunto non avere mai fatto altro.

Paura della matematica

Cameron Peter

La storia di Cicikov, geniale artista del raggiro, antieroe plebeo che insegue il pallido miraggio degli ideali borghesi: il suo viaggio alla ricerca di "anime morte" per ottenere aiuti finanziari dallo Stato è, come ha scritto Michail Bachtin, "un'allegra marcia carnevalesca nell'inferno", in cui tutti i valori sono capovolti in un avvolgente e paradossale realismo negativo: il benessere, la famiglia, la rispettabilità, ciò cui Cicikov aspira di più si tingono di grottesco, e la sua storia e quella dei personaggi da lui incontrati si rivelano come altrettante tappe di un epos mancato, di una gigantesca parodia omerica che anticipa le avventure di altri illustri antieroi del romanzo moderno.

Le anime morte

Gogol' Nikolaj Vasil'evič

Una nuova traduzione dell'Antigone di Sofocle dovuta al filosofo Massimo Cacciari. La tragedia sarà nei teatri italiani nei primi mesi del 2007 con la regia di Walter Le Moli. La traduzione di Cacciari, insieme alla regia di Le Moli, intende ritrovare l'afflato politico di una tragedia che è archetipo sociale, fondamento di una democrazia dialettica e discorsiva, in cui la partecipazione del cittadino alla vita della polis era fattivamente attiva. In questa prospettiva, lo scontro ideologico e dialogico tra Antigone e Creonte ritrova la forza propulsiva originaria, tanto da suggerire spunti di riflessione di grande attualità, capaci di superare il dato eminentemente teatrale: non personaggi visti in prospettiva psicologica, ma vere e proprie funzioni tragiche mosse dal Coro che diventa il vero motore, quasi un simbolo di ciò che resta, ovvero la sopravvivenza della città allo scontro di due concrezioni emblematiche della hybris.

Antigone

Sofocle