Narrativa

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

Descrizione: L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Categoria: Narrativa

Editore: Gaffi

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788861651692

Recensito da Monique Pistolato

Le Vostre recensioni

La sorte di un fratello scolaro discolo, donnaiolo con preferenze teutoniche, diventato bidello per raccomandazione/esasperazione raccontata con un linguaggio esilarante. 

Uno sguardo scanzonato tratteggia la vita di Pablo, primogenito di due insegnanti, già predestinato dal suo nome a fare storia: fugge le responsabilità, ha una lingua tagliente e tanti amori: a Merano e Mirano i decisivi. Nella sua vita disordinata, infatti, lo attende una trappola ordita dalla ex moglie e dall’ultima fidanzata, due avvoltoi pronti a scannare la stessa preda.

Con un linguaggio fresco, brioso, si evidenziano i tic incarnati dalle contendenti: “Soppressa, benché italiana ha esibito, o almeno simulato, tratti teutonici. La Krukka, benché germanica, come il nome conferma esplicitamente, ha esibito tipici tratti italici: menefreghismo, opportunismo, cinismo. Dove si vede la vanità delle caratterizzazioni a sfondo etnico. Magra consolazione, per me.

Già perché con queste due, adesso, me la devo vedere io.

È questa l’eredità che Pablo mi ha lasciato. A me ha trasmesso questo legato irrichiesto. Fare i conti (è proprio il caso di dirlo) con i fantasmi del suo passato. Fantasmi parecchio concreti però. E avidi. Avidissimi.”

Ma il tono ironico del romanzo non rimuove l’amaro dell’epilogo: l’interesse al denaro cancella affetti e pietà… E a farne le spese è chi scrive, unico testimone di grettezze senza esclusioni di colpi da parte di ex compagne senza pudori e di un’avvocaticchia Carciofo – Pippicalzelunghe

Una vicenda esemplare che, pur nella lievità della scrittura, sferza con le sue profondità lo stupore/dolore verso un’umanità perduta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Banda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Banda Alessandro


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Holly Golightly, la protagonista di questo estroso romanzo breve, è una cover-girl di New York, attrice cinematografica mancata, generosa di sé con tutti, consolatrice di carcerati, eterna bambina chiassosa e scanzonata. È un personaggio incantevole, dotato di una sorprendente grazia poetica. Intorno a lei ruotano tipi bizzarri come Sally Tomato, paterno gangster ospite del penitenziario di Sing Sing, O.J. Berman, il potente agente dei produttori di Hollywood, il "vecchio ragazzo" Rusty Trawler, Joe Bell, proprietario di bar e timido innamorato...

Colazione da Tiffany

Capote Truman

I segreti di Roma racchiude un'insospettabile antologia di storie, una galleria di personaggi e di vicende. Sono le pietre e gli oggetti stessi a parlare, in uno snodarsi ininterrotto di ricordi: dal mito di Romolo e Remo alle origini della città, alla gloria intrisa di sangue del Rinascimento; dalla spregiudicatezza di Cesare alla tenebrosa genialità di Caravaggio; dal fascino di Lucrezia Borgia, alla procace sensualità di Anna Fallarino, marchesa Casati Stampa di Soncino, che fu al centro di uno dei più scabrosi delitti del dopoguerra. Rifacendosi alla storia di Roma, ma anche ad alcune esperienze personali vissute in momenti cruciali della nostra epoca (dall'occupazione nazista al boom degli anni Sessanta), Augias ricava da questa congerie di persone e di fatti il racconto complessivo di una città contraddittoria, insieme metropoli e villaggio, dove ogni sentimento umano - l'ardimento e la codardia, la generosità e l'ignavia, l'intraprendenza e la mollezza - ha trovato gli interpreti e la scena per la sua rappresentazione.

I SEGRETI DI ROMA

Augias Corrado

IL CIRCOLO DE I-LIBRI – PROBLEMI DI SERVER

Le abitudini della felicità

Colbert Brian