Narrativa

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

Descrizione: L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Categoria: Narrativa

Editore: Gaffi

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788861651692

Recensito da Monique Pistolato

Le Vostre recensioni

La sorte di un fratello scolaro discolo, donnaiolo con preferenze teutoniche, diventato bidello per raccomandazione/esasperazione raccontata con un linguaggio esilarante. 

Uno sguardo scanzonato tratteggia la vita di Pablo, primogenito di due insegnanti, già predestinato dal suo nome a fare storia: fugge le responsabilità, ha una lingua tagliente e tanti amori: a Merano e Mirano i decisivi. Nella sua vita disordinata, infatti, lo attende una trappola ordita dalla ex moglie e dall’ultima fidanzata, due avvoltoi pronti a scannare la stessa preda.

Con un linguaggio fresco, brioso, si evidenziano i tic incarnati dalle contendenti: “Soppressa, benché italiana ha esibito, o almeno simulato, tratti teutonici. La Krukka, benché germanica, come il nome conferma esplicitamente, ha esibito tipici tratti italici: menefreghismo, opportunismo, cinismo. Dove si vede la vanità delle caratterizzazioni a sfondo etnico. Magra consolazione, per me.

Già perché con queste due, adesso, me la devo vedere io.

È questa l’eredità che Pablo mi ha lasciato. A me ha trasmesso questo legato irrichiesto. Fare i conti (è proprio il caso di dirlo) con i fantasmi del suo passato. Fantasmi parecchio concreti però. E avidi. Avidissimi.”

Ma il tono ironico del romanzo non rimuove l’amaro dell’epilogo: l’interesse al denaro cancella affetti e pietà… E a farne le spese è chi scrive, unico testimone di grettezze senza esclusioni di colpi da parte di ex compagne senza pudori e di un’avvocaticchia Carciofo – Pippicalzelunghe

Una vicenda esemplare che, pur nella lievità della scrittura, sferza con le sue profondità lo stupore/dolore verso un’umanità perduta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Banda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Banda Alessandro

Marco Carrera, il protagonista del nuovo romanzo di Sandro Veronesi, è il colibrì. La sua è una vita di continue sospensioni ma anche di coincidenze fatali, di perdite atroci e amori assoluti. Non precipita mai fino in fondo: il suo è un movimento incessante per rimanere fermo, saldo, e quando questo non è possibile, per trovare il punto d'arresto della caduta - perché sopravvivere non significhi vivere di meno. Intorno a lui, Veronesi costruisce altri personaggi indimenticabili, che abitano un'architettura romanzesca perfetta. Un mondo intero, in un tempo liquido che si estende dai primi anni settanta fino a un cupo futuro prossimo, quando all'improvviso splenderà il frutto della resilienza di Marco Carrera: è una bambina, si chiama Miraijin, e sarà l'uomo nuovo.

Il colibrì

Veronesi Sandro

Per il bene dell'intero universo, il professor Martin deve essere eliminato. E con lui chiunque sia al corrente delle sue scoperte. Ma a causa di un contrattempo, l'alieno mandato sulla Terra si materializza ai bordi di un'autostrada, in una sera fredda e umida, completamente nudo, nonché privo delle più basilari nozioni della vita sociale. Inizia cosi una divertente commedia degli errori, in cui il finto professor Martin impara a vivere da terrestre. E ben presto, contro le previsioni aliene, la forzata vicinanza con la specie umana, soprattutto con i due esemplari (moglie e figlio) che compongono la famiglia del professore, lo costringe a rivedere il suo giudizio, passando dal più completo disgusto a un'inconfessabile simpatia. Certo, i terrestri sono tutt'altro che perfetti, eppure hanno inventato la poesia, la musica e persino il burro di arachidi...

Gli umani

Haig Matt

Attraverso dodici affreschi, tracciati come pennellate su tele, l'autore ci traghetta in un viaggio tra i sentieri dell'amore, verso situazioni d'analisi introspettiva e, talvolta, di disagio interiore. Perché amare è gioire e piangere. Benedire e maledirsi. Sussurrare e strillare. Sanguinare e curarsi. Sussultare e lenirsi. Perché amare...

L’amore dietro ogni cosa

Di Matteo Simone

Ciò che fa di Edgardo Franzosini uno scrittore diverso da qualsiasi altro è la sua capacità di raccontarci storie vere di personaggi che sembrano inventati, per quanto sono fuori del comune. Qui, ancora una volta, con quella visionarietà e quella levità che sono soltanto sue, percorre la breve, singolare esistenza dello scultore Rembrandt Bugatti (fratello del fondatore della casa automobilistica), divenuto celebre negli anni Dieci del Novecento per i suoi bronzi raffiguranti elefanti, pantere e leoni; un uomo che con gli animali visse in una sorta di struggente empatia, tanto da subire un vero trauma quando, allo scoppio della Grande Guerra, tutti quelli ospitati nello zoo di Anversa furono sterminati in via preventiva.

Questa vita tuttavia mi pesa molto

Franzosini Edgardo