Narrativa

Io, Pablo e le cacciatrici di eredità

Banda Alessandro

Descrizione: L'epoca di "Io, Pablo e le cacciatrici di eredità" è la nostra e i valori sono quelli del passato, dove, fusi abilmente in un miscuglio esiziale, percepiamo materiali letterari, stili di vita, vocazioni e talenti inespressi. Banda non propone una tesi all'incompiuto, ma ne esalta nella forma l'ardire; ricordando, analizza e ripensa negli ambienti, riportandoci agli affetti personali, non scheda indizi, ma ci immerge nel linguaggio. La storia centrale è il frutto di un raggiro, è un percorso di doppiezza, dove ogni gesto romantico nasconde un sotterfugio e dove il protagonista si fa amare, pur di vivere un'insperata seconda giovinezza, accetta, e noi empaticamente con lui, le artefatte seduzioni di due compagne con cui parure per un lungo viaggio. Due femmine gravide di rimpianto che, in omaggio alla legge estetica del dislocamento, sfruttano il loro sapore esotico per compensare le inadeguatezze di ruolo e rango. Le frasi non dette, o le attese attenzioni spontanee e disinteressate, sfumano la riduzione di una presenza a progetto e l'esistenza diviene simbolo del possesso. Banda fa sì che non si abbia bisogno di fornire una ragione alla conclusione: il viaggio "Merano - Mirano", dove lo slittamento di vocale fornisce lo straniamento di non luogo e non tempo. I rituali ipocriti della vita familiare, approntano un magistrale teatro del vero più coerente e efficace del reale.

Categoria: Narrativa

Editore: Gaffi

Collana:

Anno: 2016

ISBN: 9788861651692

Recensito da Monique Pistolato

Le Vostre recensioni

La sorte di un fratello scolaro discolo, donnaiolo con preferenze teutoniche, diventato bidello per raccomandazione/esasperazione raccontata con un linguaggio esilarante. 

Uno sguardo scanzonato tratteggia la vita di Pablo, primogenito di due insegnanti, già predestinato dal suo nome a fare storia: fugge le responsabilità, ha una lingua tagliente e tanti amori: a Merano e Mirano i decisivi. Nella sua vita disordinata, infatti, lo attende una trappola ordita dalla ex moglie e dall’ultima fidanzata, due avvoltoi pronti a scannare la stessa preda.

Con un linguaggio fresco, brioso, si evidenziano i tic incarnati dalle contendenti: “Soppressa, benché italiana ha esibito, o almeno simulato, tratti teutonici. La Krukka, benché germanica, come il nome conferma esplicitamente, ha esibito tipici tratti italici: menefreghismo, opportunismo, cinismo. Dove si vede la vanità delle caratterizzazioni a sfondo etnico. Magra consolazione, per me.

Già perché con queste due, adesso, me la devo vedere io.

È questa l’eredità che Pablo mi ha lasciato. A me ha trasmesso questo legato irrichiesto. Fare i conti (è proprio il caso di dirlo) con i fantasmi del suo passato. Fantasmi parecchio concreti però. E avidi. Avidissimi.”

Ma il tono ironico del romanzo non rimuove l’amaro dell’epilogo: l’interesse al denaro cancella affetti e pietà… E a farne le spese è chi scrive, unico testimone di grettezze senza esclusioni di colpi da parte di ex compagne senza pudori e di un’avvocaticchia Carciofo – Pippicalzelunghe

Una vicenda esemplare che, pur nella lievità della scrittura, sferza con le sue profondità lo stupore/dolore verso un’umanità perduta.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Alessandro

Banda

Libri dallo stesso autore

Intervista a Banda Alessandro

La detective ipovedente Blanca e i suoi colleghi, il commissario Martusciello, l’agente scelto Carità, Liguori e Micheli, si ritrovano a dover risolvere due casi che sembrano scollegati: il traffico di animali illegali provenienti dall’estero e la morte di una donna, apparentemente avvenuta a causa del morso di un ragno, rarissimo e letale. Nel primo caso, delle circostanze fortuite porteranno a galla indizi che provocheranno la morte di due veterinari, mentre il secondo caso sembra opera di un assassino seriale che usa i ragni come armi, ma le vittime non sono collegate in alcun modo. Nel commissariato regna l’anarchia, ognuno conosce solamente un pezzo dell’indagine e spesso lo nasconde agli altri, il puzzle fatica a comporsi fino all’ultimo perché le vicende private dei personaggi si ergono come muri tra di loro: ognuno come un animale ferito cerca con le proprie forze di aprirsi la strada verso la verità, senza accorgersi di essere mutilato lontano dal resto della squadra. Blanca si dibatte nei suoi sentimenti per Liguori e cerca un riparo nell’amore di Micheli, pur non ricambiandolo. Di tutte le bestie che abitano questo romanzo è proprio Blanca la più selvatica.

La danza dei veleni

Rinaldi Patrizia

Gli uomini muoiono e non sono felici. Un'opera teatrale di estrema tensione, in cui il delirio del potere e l'utopia della verità vengono esemplificati dal tragico destino di un imperatore pazzo e crudele.

Caligola

Camus Albert

Jess Thomas, giovane mamma single con due figli da mantenere, fa del suo meglio per vivere dignitosamente, ma i sacrifici sono molti, specie quando non c'è nessuno che ti possa dare una mano. Suo marito se ne è andato da tempo, sua figlia Tanzie è un genietto dei numeri, ma per far fruttare il suo talento matematico c'è bisogno di un aiuto concreto. E poi c'è Nicky, un adolescente difficile come tutti i ragazzi della sua età, vittima di bullismo, che non può certo combattere da solo... La famiglia di Jess è proprio scombinata e spesso lei non sa come fare e corre dei rischi inutili, finché inaspettatamente sul suo cammino incontra Ed Nicholls, quell'antipatico uomo d'affari cui lei pulisce la casa per arrotondare. Jess e Ed non si conoscono affatto. Jess non sa che lui è travolto da una crisi profonda e che uno stupido errore gli è costato tutto, e Ed non sa fino a che punto la ragazza sia nei guai, ma entrambi sanno cosa significhi essere davvero soli e desiderano la stessa cosa. Capiscono, nonostante la loro diversità, che hanno molto da imparare l'uno dall'altra e che una più uno fa più di due. In questo suo nuovo romanzo, Jojo Moyes racconta con grande empatia una storia d'amore insolita e coinvolgente tra due persone che si incontrano in circostanze inverosimili, come solo la vita sa riservare.

Una più uno

Moyes Jojo

Due poesie di Szymborska Wislawa