Romanzo storico

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

Descrizione: Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Rizzoli

Collana: Scala italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817084673

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sebastiano Vassalli fornisce nella postfazione di “Io, Partenope” (“Partenope… era una dea del mare venuta a morire sotto al Vesuvio”), ultima atto della sua scrittura, l’esegesi per la collocazione dell’opera nella sua produzione letteraria e nella sua poetica.

La biografia romanzata di Giulia Di Marco consente di presentare la dimensione religiosa di un secolo, il 1600, caratterizzato dall’ingerenza dispotica e repressiva del papato (“I papi… vogliono ridurre il rapporto degli uomini con Dio a un sistema governato da loro, e vogliono distruggere la spontaneità della fede”), completamente impegnato nei giochi di potere maschilisti (“Si sarebbe potuto impedire che si formasse, nella Chiesa, una via femminile al rapporto con Dio. La religione di Eva”), volti a mortificare le istanze mistiche e di rinnovamento, dei quali la suora si rende interprete, andando incontro alle violenze dell’Inquisizione.

Giulia ha un’infanzia contrassegnata dalla povertà (“Credevo… che nostra madre ci avrebbe venduti… seguendo l’ordine d’età”) e dagli abusi, e quando si affranca da una prematura convivenza more uxorio (“Con mastro Leonardo sono rimasta cinque anni e ho continuato a servirlo anche quando avrei potuto avere dei figli perché lui ormai era malato e non dormivamo più insieme”), si lascia irretire da un guappo.
“Io che ero nata in una famiglia poverissima a Sepino in Molise ed ero dovuta diventare l’amante bambina di un uomo che avrebbe potuto essere mio nonno, mi portavo dentro quel passato come una colpa, e volevo diventare normale. Perciò, quando ho creduto che fosse arrivata l’occasione giusta… ho creduto, a vent’anni di aver trovato l’amore.”

Nel nuovo corso della sua vita (“Che altro potevo fare se non diventare suora in quell’unica forma che era consentita a una ragazza come me, senza corredo né dote né presentatori autorevoli?”), la concezione religiosa di Suor Partenope trova seguito (“Padre Aniello… fu lui a tracciare le basi dottrinarie della nostra religione e della nostra Comunità di preghiera”), diffusione e simpatie in una città creativa come Napoli (“Un cattolicesimo alla napoletana, che mescola i corni di corallo ai santini, gli scongiuri ai Vangeli…”). Il successo dell’esperienza pone l’interprete dell’estasi sotto gli strali della repressione inquisitoria (“La Chiesa dei papi ci aveva già individuati come suoi nemici ma non avrebbe potuto arrestarci senza scontrarsi con i viceré di Napoli”)  e de “L’uomo più brutto del mondo: il nunzio apostolico monsignor Deodato Gentile… commissario del Santo Offizio per il Regno di Napoli”, che si accanisce contro gli attivisti del nuovo credo e fa “deportare” Giulia a Roma. Imprigionata, torturata e processata, viene costretta all’abiura in una cerimonia impostata per soddisfare gli appetiti insani del giustizialismo pontificio e popolano.

Dopo l’abiura, Suor Partenope rimane a Roma, ove conosce Gian Lorenzo Bernini, grande protagonista della bellezza artistica e del senso religioso di quel secolo. Interessato all’esperienza mistica di Giulia (“Avrebbe voluto sapere se, per gli uomini, quel piacere fisico si accompagna, come nella congiunzione tra i sessi, con l’uscita del seme dal corpo”), Bernini ne penetra talmente bene lo spirito (“L’estasi è soltanto un passaggio: uno tra i tanti, nel cammino che il nostro corpo e la nostra mente possono compiere all’interno di Dio”) da riprodurlo in una meravigliosa opera, ai tempi considerata scandalosa (“Le statue dello scandalo rappresentavano un Angelo seminudo, bellissimo, che trafiggeva con un dardo la santa patrona dei Carmelitani Scalzi, Santa Teresa”).

Il finale è ottimamente costruito e introduce il ruolo dello scrittore nella storia di Giulia (“Lo straniero che aveva avuto il potere di fermare il tempo”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Vassalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vassalli Sebastiano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

È la storia dell'incontro tra un aviatore, costretto da un guasto ad un atterraggio di fortuna nel deserto, e un ragazzino alquanto strano, che gli chiede di disegnargli una pecora. Il bambino viene dallo spazio e ha abbandonato il suo piccolo pianeta perchè si sentiva troppo solo lassù: unica sua compagna era una rosa. Un libro che si rivolge ai ragazzi e "a tutti i grandi che sono stati bambini ma non se lo ricordano più", come dice lo stesso autore nella dedica del suo libro. Prefazione di Nico Orengo. Edizione speciale per i 70 anni. Età di lettura: da 8 anni.

Il piccolo principe

De Saint-Exupery Antoine

Un mazzo di rose rosse senza biglietto. Regali sulla porta di casa. Lettere sotto il tergicristallo... Lo psichiatra Jan Forstner è l'oggetto delle attenzioni insistenti di una sconosciuta. All'inizio pensa si tratti dei sentimenti innocui di una paziente. Ma quando un amico giornalista, che stava per fargli delle rivelazioni sconvolgenti che lo riguardavano da vicino, viene trovato barbaramente ucciso, Forster capisce di essere il bersaglio finale di una pazza omicida. Una stalker che non si ferma davanti a nulla pur di ottenere ciò che vuole...

FOLLIA PROFONDA

Dorn Wulf

Clamence, un brillante avvocato parigino, abbandona improvvisa mente la sua carriera e sceglie come quartier generale un locale d'infimo ordine, il Mexico-City, ad Amsterdam. Presa coscienza dell'insincerità e della doppiezza che caratterizza la sua vita, Clamence decide di redimersi confessando e incitando (per sincerità, per virtù, per dialettica?) gli occasionali avventori della taverna portuale a confessare la loro "cattiva coscienza". Ma non bisogna lasciarsi ingannare: Clamence non si redime. L'eroe di Camus secondo le sue stesse parole "percorre una carriera di falso profeta che grida nel deserto e rifiuta di uscirne".

La caduta

Camus Albert

Chi ha letto "La donna di Gilles" sa che non c'è un'altra scrittrice capace come Madeleine Bourdouxhe di raccontare gli sbigottimenti e le lusinghe dell'amore: senza sbavature né svenevolezze, ma con un'intensità e un'evidenza che hanno qualcosa di lancinante. In questo secondo romanzo della Bourdouxhe (che Jonathan Coe ha definito «una delle più belle scoperte letterarie degli ultimi anni») non siamo più nella grigia e fuligginosa periferia di Liegi, bensì nella "douceur de vivre" della Parigi della fine degli anni Trenta; e se Elisa, la struggente protagonista della Donna di Gilles, viveva nell'attesa, nel dono di sé, nella devozione assoluta per un marito di cui tutto sapeva accogliere e perdonare, Marie (che pure ama profondamente il suo, di marito) scopre la violenza della passione quando, su una spiaggia della Costa Azzurra, incrocia lo sguardo di un ragazzo di vent'anni dalle spalle sottili, i fianchi stretti e le lunghe gambe abbronzate. Un pomeriggio si incontrano, come per caso, su un sentiero che costeggia il mare e, su un pezzetto di carta che lei non getterà, lui scrive un numero di telefono. Che Marie chiamerà, tornata a Parigi, dalla cabina telefonica di un caffè. In una breve Nota all'edizione Gallimard della Donna di Gilles, Madeleine Bourdouxhe aveva scritto: «L'annientamento nell'amore: un po' la storia di tutte le donne», ma qui la prospettiva è cambiata, e il suo sguardo segue con vibrante complicità il percorso di una donna che affronta, con un'audacia che quasi la stupisce, «l'intransigenza del desiderio»...

Marie aspetta Marie

Bourdouxhe Madeleine