Romanzo storico

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

Descrizione: Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Rizzoli

Collana: Scala italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817084673

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sebastiano Vassalli fornisce nella postfazione di “Io, Partenope” (“Partenope… era una dea del mare venuta a morire sotto al Vesuvio”), ultima atto della sua scrittura, l’esegesi per la collocazione dell’opera nella sua produzione letteraria e nella sua poetica.

La biografia romanzata di Giulia Di Marco consente di presentare la dimensione religiosa di un secolo, il 1600, caratterizzato dall’ingerenza dispotica e repressiva del papato (“I papi… vogliono ridurre il rapporto degli uomini con Dio a un sistema governato da loro, e vogliono distruggere la spontaneità della fede”), completamente impegnato nei giochi di potere maschilisti (“Si sarebbe potuto impedire che si formasse, nella Chiesa, una via femminile al rapporto con Dio. La religione di Eva”), volti a mortificare le istanze mistiche e di rinnovamento, dei quali la suora si rende interprete, andando incontro alle violenze dell’Inquisizione.

Giulia ha un’infanzia contrassegnata dalla povertà (“Credevo… che nostra madre ci avrebbe venduti… seguendo l’ordine d’età”) e dagli abusi, e quando si affranca da una prematura convivenza more uxorio (“Con mastro Leonardo sono rimasta cinque anni e ho continuato a servirlo anche quando avrei potuto avere dei figli perché lui ormai era malato e non dormivamo più insieme”), si lascia irretire da un guappo.
“Io che ero nata in una famiglia poverissima a Sepino in Molise ed ero dovuta diventare l’amante bambina di un uomo che avrebbe potuto essere mio nonno, mi portavo dentro quel passato come una colpa, e volevo diventare normale. Perciò, quando ho creduto che fosse arrivata l’occasione giusta… ho creduto, a vent’anni di aver trovato l’amore.”

Nel nuovo corso della sua vita (“Che altro potevo fare se non diventare suora in quell’unica forma che era consentita a una ragazza come me, senza corredo né dote né presentatori autorevoli?”), la concezione religiosa di Suor Partenope trova seguito (“Padre Aniello… fu lui a tracciare le basi dottrinarie della nostra religione e della nostra Comunità di preghiera”), diffusione e simpatie in una città creativa come Napoli (“Un cattolicesimo alla napoletana, che mescola i corni di corallo ai santini, gli scongiuri ai Vangeli…”). Il successo dell’esperienza pone l’interprete dell’estasi sotto gli strali della repressione inquisitoria (“La Chiesa dei papi ci aveva già individuati come suoi nemici ma non avrebbe potuto arrestarci senza scontrarsi con i viceré di Napoli”)  e de “L’uomo più brutto del mondo: il nunzio apostolico monsignor Deodato Gentile… commissario del Santo Offizio per il Regno di Napoli”, che si accanisce contro gli attivisti del nuovo credo e fa “deportare” Giulia a Roma. Imprigionata, torturata e processata, viene costretta all’abiura in una cerimonia impostata per soddisfare gli appetiti insani del giustizialismo pontificio e popolano.

Dopo l’abiura, Suor Partenope rimane a Roma, ove conosce Gian Lorenzo Bernini, grande protagonista della bellezza artistica e del senso religioso di quel secolo. Interessato all’esperienza mistica di Giulia (“Avrebbe voluto sapere se, per gli uomini, quel piacere fisico si accompagna, come nella congiunzione tra i sessi, con l’uscita del seme dal corpo”), Bernini ne penetra talmente bene lo spirito (“L’estasi è soltanto un passaggio: uno tra i tanti, nel cammino che il nostro corpo e la nostra mente possono compiere all’interno di Dio”) da riprodurlo in una meravigliosa opera, ai tempi considerata scandalosa (“Le statue dello scandalo rappresentavano un Angelo seminudo, bellissimo, che trafiggeva con un dardo la santa patrona dei Carmelitani Scalzi, Santa Teresa”).

Il finale è ottimamente costruito e introduce il ruolo dello scrittore nella storia di Giulia (“Lo straniero che aveva avuto il potere di fermare il tempo”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Vassalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vassalli Sebastiano

Regione dei Finger Lakes, stato di New York. È una notte di luna piena. Lucy Jarret è di fronte alle acque del lago, illuminate dai riflessi del cielo. Le sembra ancora di vedere il padre nella sua ultima notte di vita, seduto nel giardino di casa, l’aria pensierosa e turbata, pochi istanti prima di salire su quella barca che l’avrebbe portato alla morte. Sono passati anni da allora, anni in cui Lucy ha cercato di dimenticare, di farsene una ragione, senza mai riuscirci. Lucy è tornata a casa, dopo un lungo periodo in Giappone. Nella grande tenuta in riva al lago tutto è rimasto come allora, i fiori di melo pallidi come le stelle e le stanze buie, rimaste sempre chiuse da quella terribile notte. In un anfratto, sommersa tra i vecchi strumenti di pesca del padre, Lucy scopre per caso alcune lettere, risalenti ai primi anni del secolo, e una coperta da neonato, con un ricamo di lune e fiori. Un figura identica a quella delle preziose vetrate della chiesa del paese dove compare una donna misteriosa, dai grandi occhi azzurri, con in mano un mazzo di iris della stessa varietà che crescono nel giardino di Lucy. Chi è questa donna? E chi è Rose, colei che firma le lettere misteriose? Lucy lo deve scoprire a tutti i costi. È convinta che lì, nei frammenti della vita dimenticata di due donne, e forse in quelli di una bambina abbandonata, si nasconda un segreto terribile. Un segreto che ha portato suo padre verso una strada senza ritorno.

UN GIORNO MI TROVERAI

Edwards Kim

Bergen, 1528. Ha fatto un lungo viaggio, ma alla fine è riuscito a trovare la sua vittima. Il monaco è pronto a vendicarsi... Trondheim, oggi. Gunn Brita Dahle viene trovata morta nella biblioteca dell'università, nel deposito in cui si conservano i volumi più preziosi. L'assassino l'ha scuoiata e le ha tagliato la testa. E ha rubato il Libro di Johannes, un antico trattato di anatomia risalente ai primi del Cinquecento. Un trattato che da secoli è considerato maledetto.

La biblioteca dell’anatomista

Brekke Jørgen

Chi è Malik Mir Sultan Khan? L’uomo misterioso di cui parla tutta New York, erede di una piccola parte dell’enorme fortuna di Mrs Abbott, ritiratosi a vita privata in una remota località del subcontinente indiano. È soltanto uno scaltro seduttore di facoltose vedove? E come ha fatto negli anni Trenta a vincere per tre volte il campionato inglese di scacchi partendo da un piccolo villaggio sperduto nella foresta? Un giornalista americano, di stanza nel Punjab a metà degli anni Sessanta, decide di incontrarlo per ricostruire la sua storia. Una storia iniziata con una tigre, che appare nei suoi sogni di bambino e poi si fa reale portandogli via entrambi i genitori. Una storia che prosegue alla corte del nababbo che lo aiuta a perfezionare il suo stile nel chaturanga e lo introduce alla versione occidentale del gioco, per poter sfoggiare le sue vittorie (batterà addirittura il campione del mondo Capablanca) in giro per l’Europa umiliando i colonialisti inglesi. Una storia che s’intreccia con quella del mondo intero quando le sue doti di raffinato stratega trascinano Malik in uno strano gioco di guerra che deciderà le sorti del Secondo conflitto mondiale...

Il gioco degli dei

Maurensig Paolo

Diciassette storie di servan, giganti, animali, streghe, vecchie megere e quant'altro abbia da sempre popolato i racconti della tradizione piemontese, e non solo. Diciassette storie a cavallo tra Piemonte e Liguria, di paura, follia, superstizione, esorcismi, di diavolerie in genere. Bruno Vallepiano ci accompagna in un mondo che è appena scomparso, ma le cui lunghe ombre ci toccano ancora, non facendoci dormire sonni troppo tranquilli.

La pietra delle masche

Vallepiano Bruno