Romanzo storico

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano

Descrizione: Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Categoria: Romanzo storico

Editore: Rizzoli

Collana: Scala italiani

Anno: 2015

ISBN: 9788817084673

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Sebastiano Vassalli fornisce nella postfazione di “Io, Partenope” (“Partenope… era una dea del mare venuta a morire sotto al Vesuvio”), ultima atto della sua scrittura, l’esegesi per la collocazione dell’opera nella sua produzione letteraria e nella sua poetica.

La biografia romanzata di Giulia Di Marco consente di presentare la dimensione religiosa di un secolo, il 1600, caratterizzato dall’ingerenza dispotica e repressiva del papato (“I papi… vogliono ridurre il rapporto degli uomini con Dio a un sistema governato da loro, e vogliono distruggere la spontaneità della fede”), completamente impegnato nei giochi di potere maschilisti (“Si sarebbe potuto impedire che si formasse, nella Chiesa, una via femminile al rapporto con Dio. La religione di Eva”), volti a mortificare le istanze mistiche e di rinnovamento, dei quali la suora si rende interprete, andando incontro alle violenze dell’Inquisizione.

Giulia ha un’infanzia contrassegnata dalla povertà (“Credevo… che nostra madre ci avrebbe venduti… seguendo l’ordine d’età”) e dagli abusi, e quando si affranca da una prematura convivenza more uxorio (“Con mastro Leonardo sono rimasta cinque anni e ho continuato a servirlo anche quando avrei potuto avere dei figli perché lui ormai era malato e non dormivamo più insieme”), si lascia irretire da un guappo.
“Io che ero nata in una famiglia poverissima a Sepino in Molise ed ero dovuta diventare l’amante bambina di un uomo che avrebbe potuto essere mio nonno, mi portavo dentro quel passato come una colpa, e volevo diventare normale. Perciò, quando ho creduto che fosse arrivata l’occasione giusta… ho creduto, a vent’anni di aver trovato l’amore.”

Nel nuovo corso della sua vita (“Che altro potevo fare se non diventare suora in quell’unica forma che era consentita a una ragazza come me, senza corredo né dote né presentatori autorevoli?”), la concezione religiosa di Suor Partenope trova seguito (“Padre Aniello… fu lui a tracciare le basi dottrinarie della nostra religione e della nostra Comunità di preghiera”), diffusione e simpatie in una città creativa come Napoli (“Un cattolicesimo alla napoletana, che mescola i corni di corallo ai santini, gli scongiuri ai Vangeli…”). Il successo dell’esperienza pone l’interprete dell’estasi sotto gli strali della repressione inquisitoria (“La Chiesa dei papi ci aveva già individuati come suoi nemici ma non avrebbe potuto arrestarci senza scontrarsi con i viceré di Napoli”)  e de “L’uomo più brutto del mondo: il nunzio apostolico monsignor Deodato Gentile… commissario del Santo Offizio per il Regno di Napoli”, che si accanisce contro gli attivisti del nuovo credo e fa “deportare” Giulia a Roma. Imprigionata, torturata e processata, viene costretta all’abiura in una cerimonia impostata per soddisfare gli appetiti insani del giustizialismo pontificio e popolano.

Dopo l’abiura, Suor Partenope rimane a Roma, ove conosce Gian Lorenzo Bernini, grande protagonista della bellezza artistica e del senso religioso di quel secolo. Interessato all’esperienza mistica di Giulia (“Avrebbe voluto sapere se, per gli uomini, quel piacere fisico si accompagna, come nella congiunzione tra i sessi, con l’uscita del seme dal corpo”), Bernini ne penetra talmente bene lo spirito (“L’estasi è soltanto un passaggio: uno tra i tanti, nel cammino che il nostro corpo e la nostra mente possono compiere all’interno di Dio”) da riprodurlo in una meravigliosa opera, ai tempi considerata scandalosa (“Le statue dello scandalo rappresentavano un Angelo seminudo, bellissimo, che trafiggeva con un dardo la santa patrona dei Carmelitani Scalzi, Santa Teresa”).

Il finale è ottimamente costruito e introduce il ruolo dello scrittore nella storia di Giulia (“Lo straniero che aveva avuto il potere di fermare il tempo”).

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Sebastiano

Vassalli

Libri dallo stesso autore

Intervista a Vassalli Sebastiano

Berlino nel 1933 è in subbuglio. L'undicenne Carla von Ulrich, figlia di Lady Maud Fitzherbert, cerca con tutte le forze di comprendere le tensioni che stanno lacerando la sua famiglia, nei giorni in cui Hitler inizia l'inesorabile ascesa al potere. Insieme a lei, tanti altri personaggi, Ethel Leckwith e suo figlio Lloyd, Volodja Peskov, destinato a un brillante futuro nei servizi segreti sovietici, e sua cugina Daisy, brillante frequentatrice dell'alta società, i due fratelli americani Woody e Chuck Dewar... Il destino li metterà a dura prova, così come le vite e le speranze di tanti altri verranno annientate dalla più grande e crudele guerra nella storia dell'umanità, che si scatenerà con violenza da Londra a Berlino, dalla Spagna a Mosca, da Pearl Harbor a Hiroshima, dalle residenze private alla polvere e al sangue delle battaglie che hanno segnato l'intero secolo.

L’inverno del mondo

Follett Ken

Stoccolma, 1767. Deve lasciare la città, subito. Per il giovane compositore, l’unica possibilità di salvezza è affrontare un lungo cammino e rifugiarsi a Trondheim. Lì cambierà identità e, con il nome di Jon Blund, potrà dedicarsi anima e corpo al suo grande amore: la musica. Ma il destino è sempre in agguato e, alla fine, le strade della vita conducono tutte alla stessa destinazione: la morte… Trondheim, oggi. Il detective Odd Singsaker stenta a crederci. Eppure è proprio lì: un antico carillon – risalente al XVIII secolo – adagiato sul petto di una donna barbaramente assassinata, cui sono state asportate le corde vocali. Oltre a quell’indizio inquietante, i suoi uomini non hanno trovato nulla: non ci sono impronte digitali né tracce di DNA, né testimoni che possano fornire un identikit del killer. Per risolvere il mistero, Singsaker deve quindi aggrapparsi a quell’unica, flebile traccia: l’ipnotica melodia suonata dal carillon. E ben presto scopre non solo chi l’ha composta – un certo Jon Blund –, ma anche che, nel corso dei secoli, è stata considerata una musica maledetta. Perché promette il sonno eterno a chiunque l’ascolti…

IL SILENZIO DEL CARNEFICE

Brekke Jørgen

«I suoni erano inauditi, ma facevano parte di me. Rarefazioni che avevo pur vissuto, anche se mai trovate espresse nel panorama musicale che mi circondava. Come un viaggio in abissi che contenevo. In un altro spazio. In un altro tempo.» Un grande scrittore racconta un maestro immenso della musica contemporanea. La facoltà dello stupore: è questo il nucleo attorno al quale orbita l'intera esperienza artistica di Franco Battiato, la matrice che accomuna tutti i brani della sua vastissima produzione. La sua musica è un dono, un invito a smarrirsi per poi ritrovarsi; è un'esortazione a sperimentare continue incursioni in un altrove sconosciuto, negli infiniti «mondi lontanissimi» che possono aprirsi lungo il cammino delle nostre vite. Ed è proprio questo «senso di stupore inaudito» il sentimento dal quale prende le mosse Aldo Nove per ripercorrere la parabola umana e creativa del musicista siciliano e illuminare le incessanti peregrinazioni dello spirito che la alimentano. In queste pagine conosceremo un giovanissimo Battiato che a Riposto, in Sicilia, trascorre interi pomeriggi ad ascoltare i suoni della natura, con l'inquietudine di chi ha sempre voglia di andare via; anni dopo, a Roma, lo vedremo incassare il «le faremo sapere» dei discografici, per poi seguirlo a Milano, dove muoverà i primi passi nel mondo della musica e si imporrà all'attenzione del pubblico e della critica come una delle voci più originali del momento. Leggeremo di incontri sorprendenti, di turbamenti capaci di trasformarsi in musiche e parole, in suoni che sembrano provenire dal recesso dell'anima e hanno la forza di dilatare il tempo e lo spazio. Verremo condotti per mano nei meandri dell'opera di uno dei più grandi geni della musica contemporanea e saremo chiamati a cogliere i «frammenti dell'infinito» disseminati lungo un percorso musicale ed esistenziale di rara intensità. Infine, leggeremo le parole d'amore e di riconoscenza di un grande scrittore nei confronti di un uomo...

Franco Battiato

Nove Aldo

Leone Ginzburg fu un eroe della Resistenza. Un eroe mite e integerrimo: non imbracciò mai le armi, lavoratore tenace, antifascista irriducibile. Fondò la casa editrice Einaudi e mandò avanti una famiglia sotto le bombe. Questa è la sua storia vera dal giorno in cui viene cacciato dall'università perché rifiuta di sottomettersi al fascismo fino a quello in cui è stato ucciso in carcere dai tedeschi.

Il tempo migliore della nostra vita

Scurati Antonio