Giallo - thriller - noir

Io so chi sei

Barbato Paola

Descrizione: Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla. Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente. Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare, Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele...

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Piemme

Collana:

Anno: 2018

ISBN: 9788856664966

Recensito da Elpis Bruno

Le Vostre recensioni

Io so chi sei di Paola Barbato: un thriller psicologico elaborato, complicato, estenuante.

Marilena detta Lena (Maria per l’ex amante) sopravvive alla scomparsa di Saverio, un animalista egocentrico, drogato, contestatore, che ha cambiato abitudini e vita di una ragazza mite (“Lena era onesta, solida, leale, non avrebbe fatto un torto a nessuno… Lei aveva la tendenza ad accogliere e a smorzare, se necessario a sacrificarsi”), che vive del suo impiego presso un hotel di Firenze.
Argo, il cane di Saverio che ora vive con lei, la mantiene in contatto con il passato e con gli amici dello scomparso.

Poi, un telefono le viene recapitato da un mittente sconosciuto – forse dallo stesso Saverio (“Saverio stava di nuovo stritolando la sua vita”), forse dal giornalista Marco Sartori al quale la sim del cellulare sembra intestata – e l’aggeggio diventa uno strumento di persecuzione (“È stalking come minimo”) di comunicazione, di speranza di ritrovare Saverio (“Se invece si fossero visti alla Porziuncola…”), che un misterioso stalker utilizza per pilotare la debole Lena e la induce a danneggiare la cerchia degli amici (“La scelta di proteggere Saverio a ogni costo era stata egoista e aveva portato a far soffrire persone che le erano state care”).

L’omicidio dell’amica avvocato Betta, la sparizione di Alex e una serie di altri eventi gettano sospetti su tutto e su tutti, su amici e colleghi di lavoro: Lena è guidata soltanto dal desiderio di liberare Saverio (“Faccio quello che vuoi se mi dimostri che è vivo”), che le immagini del telefono ritraggono rinchiuso in una gabbia.

Quando Lena raggiunge il culmine della prostrazione fisica e psicologica (“Ma la regola era una sola: lui comandava e lei ubbidiva”), un grezzo agente di polizia interviene in modo deciso per aiutarla (“Francesco Caparzo, detto la bestia… aveva deciso che Marilena Bacarelli era la sua pulzella da salvare, il suo angelo redentore”). Intanto, al destino di Lena si unisce quello di Lucio, il compagno della scomparsa Alex, anch’egli vittima delle torture psicologiche dell’oscuro regista…

Bruno Elpis

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Paola

Barbato

Libri dallo stesso autore

Intervista a Barbato Paola


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

La fine del liceo segna per Melania, adolescente cresciuta in un contesto matriarcale dell'entroterra sardo, un momento di svolta. L'abbandono della terra natale e la presa d'atto dei propri desideri saranno solo le prime di una serie di tappe in un labirinto di sguardi e di proiezioni. Il filo della vita porterà la protagonista a riflettere sui limiti e sulle ambiguità dell'identità femminile, ripercorrendo le orme di una nonna e una madre le cui ombre la seguiranno anche oltre il confine col mare.

Le Furie

Farina Mariachiara

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata "adottata" dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Io sono Charlotte Simmons

Wolfe Tom

Dorian Gray, un giovane di straordinaria bellezza, si è fatto fare un ritratto da un pittore. Ossessionato dalla paura della vecchiaia, ottiene, con un sortilegio, che ogni segno che il tempo dovrebbe lasciare sul suo viso, compaia invece solo sul ritratto. Avido di piacere, si abbandona agli eccessi più sfrenati, mantenendo intatta la freschezza e la perfezione del suo viso. Poiché Hallward, il pittore, gli rimprovera tanta vergogna, lo uccide. A questo punto il ritratto diventa per Dorian un atto d'accusa e in un impeto di disperazione lo squarcia con una pugnalata. Ma è lui a cadere morto: il ritratto torna a raffigurare il giovane bello e puro di un tempo e a terra giace un vecchio segnato dal vizio.

Il ritratto di Dorian Gray

Wilde Oscar

Le assi curve di Yves Bonnefoy