Narrativa

IO SONO DI LEGNO

Carcasi Giulia

Descrizione: Una madre e una figlia. La figlia tiene un diario e la madre lo legge. Alla storia di anaffettività, di sentimenti negati o traditi della giovane Mia, Giulia risponde con la propria storia segnata da quell'"essere di legno" che sembra la malattia, il tormento di entrambe. È come se madre e figlia si scrutassero da lontano, o si spiassero, immobilizzate da una troppo severa autocoscienza. Bisogna tornare indietro. E Giulia lo fa. Torna a riflettere sulla giovinezza ferita dall'egoismo e dalla prepotenza di una sorella falsamente perbenista, sul culto delle apparenze della madre e sul conforto che le viene da una giovane monaca peruviana, Sofia. Torna a rivivere i primi passi da medico, fra corsie e sale operatorie, il matrimonio con un primario, la lunga attesa di una maternità sofferta e desiderata. Più la storia di Giulia si snoda nel buio del passato, più affiorano misteri che chiedono di essere sciolti. E il legno si ammorbidisce. Ma per madre e figlia l'incontro può solo avvenire a costo di pagare il prezzo di una verità difficile, fuori da ogni finzione.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Canguri

Anno: 2007

ISBN: 9788807701825

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Mia è un’adolescente arrabbiata ed insicura; Giulia una mamma che sembra non capirla. Entrambe sono chiuse, inaccessibili. Entrambe sono di legno

Due vite divise dalle generazioni e dai silenzi, dunque, che trovano un insolito punto d’incontro: la violazione dei pensieri più reconditi e segreti, quelli che Mia appunta sul suo diario e che Giulia legge per comprendere la figlia e riuscire a recuperare un rapporto che pare compromesso in modo irrimediabile. Come? Scrivendo a sua volta, mettendo a nudo il proprio cuore, esponendosi al giudizio di quella figlia che non la stima e la considera il suo opposto.

Così Mia scopre che la madre è diversa da come l’aveva conosciuta ed etichettata: è una donna capace di grandi slanci, che ha saputo amare senza pregiudizi, che nella vita ha rischiato, che ha avuto ed ha ancora paura. Soprattutto paura di perderla… Giulia, dal canto suo, ripercorrendo la propria vita e ricordandone passioni e sofferenze, ritrova un contatto con la parte più vera di sé.

Un plauso a Giulia Carcasi, giovanissima, per la capacità di descrivere i sentimenti di una madre… Dialoghi brevi e frasi dirette e semplici rendono il romanzo snello e di piacevole lettura.

Un unico appunto: il diario di Mia ed il racconto della madre Giulia sono scritti nello stesso stile… Lo si riscontra nell’uso delle metafore e nella scelta dell’immediatezza espressiva. In pratica, dal punto di vista stilistico, sembra che a parlare sia una sola persona. Il che, da un lato, potrebbe costituire un espediente volto ad avvicinare le due protagoniste, a metterne in evidenza il legame profondo, le affinità; dall’altro, potrebbe al contrario essere interpretato come un segno di “immaturità”, di “debolezza narrativa”.

Resta fermo, naturalmente, il giudizio positivo: “Io sono di legno” si legge tutto d’un fiato, è molto coinvolgente e sfiora, senza pesantezza, tematiche importanti come i rapporti e le incomprensioni familiari, l’insoddisfazione e il disagio giovanile.

Sei una donna di ieri, non di oggi: ti porti addosso la notte prima

Cerco di farti una carezza, non sono una donna di gesti, sono una donna di brividi immobili, Mia, ci provo, tu però ti scansi subito

Il destino, te ne accorgi che c’è quando guardi indietro, mai quando guardi avanti

“… ci sono due volte in cui si è donne bambine.

A diciotto anni nel corpo, per forza.

A sessant’anni nella testa, per debolezza

“«Tu pensi pensi e non fai niente» ti rimprovero, cercando di scuoterti dai tuoi giorni sconclusionati.

«Tu invece fai fai così non pensi».

Urli, hai la lava al posto del sangue

 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giulia

Carcasi

Libri dallo stesso autore

Intervista a Carcasi Giulia

In un tranquillo villaggio del Berkshire viene trovato il cadavere di una donna. Principale sospettato è un ospite del professor Kate Fansler, detective per caso e necessità, alter ego dell'autrice e protagonista di una serie di racconti gialli in cui le indagini coinvolgono sempre un mostro sacro della letteratura inglese. Il caso in questione sembrerebbe riguardare un inedito manoscritto di James Joyce...

Un delitto per James Joyce

Cross Amanda

Ambientato in una borghesia ricca e annoiata, Un anno fa domani si apre con un incidente d’auto in cui la moglie di Vittorio Congedo, medico affermato e protagonista della storia, muore. Molti dubbi restano sulle dinamiche dell’avvenimento che trasformerà completamente la vita del dottore: oltre a scoprire un’inattesa eredità milionaria lasciata dalla moglie, infatti, molto presto Vittorio si risposerà con una giovanissima paziente dalla quale avrà una figlia. Attorno a questo personaggio ossessionato e cinico si intrecceranno storie di sesso e amanti, denaro e lusso, di uomini imprigionati in un’infelicità dorata in cui la famiglia ha perso ogni valore consolatorio. La vicenda, che alterna al racconto principale le immagini delle vite dei suoi protagonisti, si snoda su più livelli temporali, animando un brillante mosaico in cui la capacità di scrittura di Mondadori affonda la lama nelle ipocrisie dei nostri giorni.

UN ANNO FA DOMANI

Mondadori Sebastiano

Chi salirà nel monte di Dio? Chi ha le mani innocenti e il cuore puro. Un quartiere di vicoli a Napoli: Montedidio. Un ragazzo di tredici anni va a bottega da Mast'Errico, il falegname. E' l'inizio della sua vita nuova, la vita che a sera, a casa, in una casa vuota per l'assenza del padre e per la malattia della madre, il ragazzo va scrivendo su una bobina di carta avuta in regalo dal tipografo di Montedidio. Ha anche un altro regalo, che porta sempre con sé, un "bùmeran", un legno nato per volare che il padre ebbe a sua volta da un marinaio di passaggio. Così passano i giorni: Mast'Errico gli insegna il mestiere e Don Rafaniello, uno scarparo che Mast'Errico tiene ospite a bottega, gli insegna a pensare sugli uomini e sulle cose.

MONTEDIDIO

De Luca Erri

Secondo le cronache ufficiali Giulia Di Marco è stata un'eretica, uno dei più clamorosi scandali del Cristianesimo. La sua vera storia, raccontata in prima persona, inizia in Molise: venduta come amante bambina a un uomo che poteva essere suo nonno, Giulia cresce nella miseria e anni dopo dovrà abbandonare una figlia in fasce. A Napoli diventa "suor Partenope" e indica al popolo una nuova strada per arrivare a Dio: l'estasi. Venerata come una santa, finisce per dare fastidio al nemico più terribile, il Papa. Perseguitata, torturata per mesi e costretta all'abiura, Giulia inizierà una nuova vita a Roma, divenendo confidente di Gian Lorenzo Bernini, l'architetto che sta aprendo l'Urbe al futuro.

Io, Partenope

Vassalli Sebastiano