Giallo - thriller - noir

IO SONO LO STRANIERO

Pasini Giuliano

Descrizione: Dopo il terribile inverno di Case Rosse, il commissario Roberto Serra ha lasciato l'Appennino emiliano per Termine, nel profondo Nord Est, sulle colline del Prosecco: quattro case, tre strade, una chiesa, un cimitero, e intorno solo vigneti, a perdita d'occhio. Lì, di sera, Roberto sfoga in incognito la sua passione per la cucina e per i vini nel piccolo ristorante ricavato nel chiostro di un antico monastero. Di giorno, invece, lavora nella questura della scintillante e perbenista Treviso. Una vita che scorre lenta, tra le sempre più rade visite della sua Alice e le sempre più frequenti chiacchierate con Susana, una bella sudamericana andata come lui a voltare pagina in quell'angolo di mondo. Sino a quando, un giorno d'inverno, il commissario non incontra Francesca, una ragazza eccentrica e disperata che cerca di convincerlo a occuparsi del caso di una giovane sparita nel nulla. Per quanto Roberto punti i piedi in nome della serenità ritrovata tra i vigneti di Termine - anche grazie ai farmaci che assume per non sprofondare nelle visioni angosciose che lo tormentano - davanti a lui si delinea una scia di scomparse misteriose: tutte donne, tutte giovanissime, tutte straniere. Invisibili per la procura, per la polizia, per la gente. Roberto non può più scappare. è costretto ad affrontare un'indagine che lo porterà a scrutare le acque nere dei laghi nascosti tra i vigneti, a scoprire che un passato irrisolto può allungare le sue dita fatali fino al nostro presente, a sondare gli abissi più oscuri della mente umana. Dormienza, pianto, allegagione, invaiatura... le fasi della vita delle vigne scandiscono la nuova indagine del commissario Serra, i cui occhi hanno la luce speciale di chi si sente, in ogni luogo, straniero - e proprio per questo vicino alla sofferenza delle vittime, alla disumanità dei carnefici. Con scrittura mobile, asciutta, a tratti intensamente poetica, Giuliano Pasini dà vita a un romanzo sull'amore e sull'odio, sul dolore e sulla redenzione. Un thriller -spumante, torbido e profumato- come un calice di Prosecco sur lie.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Mondadori

Collana: Omnibus

Anno: 2013

ISBN: 9788804624684

Trama

Le Vostre recensioni

Roberto Serra ha lasciato Case Rosse, il paesino dell’Appennino emiliano dove dirigeva il più piccolo commissariato italiano. È fuggito, da se stesso, dai fantasmi del passato e dalla danza, quel dono che vive come una maledizione insostenibile. Nasconde le cicatrici del volto dietro una folta barba e le ferite dell’animo con la monotonia di un’esistenza ogni giorno uguale. Ora la sua vita è tranquilla. Lavora all’ufficio immigrazione della questura di Trieste, orari regolari, nessun caso scioccante a stravolgere la sua quotidianità.

Roberto ha nuovi amici e una nuova casa. Abita a pochi chilometri da Treviso. A Termine,  un paesino  così piccolo da poter essere definito “un incrocio in mezzo ai vigneti“. Ha affittato un piccolo appartamento sopra l’unico ristorante; di giorno smuove scartoffie in questura, la sera scatena il suo estro culinario dando una mano in cucina al suo amico chef, Alvise. Ora è sereno, vuole esserlo, e ci riesce fino a quando nella sua vita non piomba una strana ragazzina ossuta, dalla chioma fucsia. È Francesca. La scorbutica, spigolosa e testarda Francesca. Lei cerca aiuto, è disperata e ha bisogno di Roberto Serra e della sua caparbietà. Glielo dice, lo urla. La sua ragazza Elèna, la donna della sua vita, è sparita. È stata rapita da oltre un mese e polizia e carabinieri non si sono dedicati al caso con la dovuta attenzione. Nessuno crede che si tratti davvero di un rapimento, Elèna è un’immigrata irregolare, potrebbe essere tornata nel suo paese o aver semplicemente deciso di sparire dalla vita di Francesca senza lasciare traccia. Lo sostiene anche Roberto, ma poi è costretto a cambiare idea.

È la vita che ritorna, imperante, prepotente. Trascina Serra fuori dall’isola felice nella quale si era rifugiato e lo scaraventa dinanzi alla tragica realtà, un orrore così raccapricciante da superare ogni immaginazione.

Elèna non è l’unica a essere stata rapita, non è la sola vittima del maniaco seriale che semina il terrore nel trevigiano. Lo scenario che si apre davanti all’incredulo poliziotto non è uno di quelli dinanzi ai quali si può fingere di non aver visto e lui si ritrova coinvolto anima e corpo nell’indagine che sgretolerà ogni parvenza si serenità dietro la quale era riuscito a schermarsi.

Giuliano Pasini torna e lo fa in grande stile. Io sono lo straniero è il suo secondo romanzo ed è la piena conferma del talento di un autore che, ne sono certa, ci riserverà molte altre piacevoli sorprese.

Il suo stile è veloce, asciutto, incalzante e cattura il lettore fino a mozzargli il fiato. La storia che ci racconta è cruda, a tratti angosciante, ma al contempo umana e toccante. I personaggi sono ben delineati e ad alcuni ci si affeziona come fossero reali.

Io sono lo straniero è stato preceduto da Venti corpi nella neve, pubblicato nel 2012 da Fanucci nella collana Time Crime (in questi giorni riproposto dalla medesima nella neonata collana Nero italiano) e primo thriller a vedere come protagonista Roberto Serra.

Successo editoriale e vincitore del Premio Massarossa, Venti corpi nella neve sarà presto pubblicato anche in Germania. Quando lo recensii, chiusi il mio articolo augurandomi che Serra tornasse presto a indagare. Dopo la lettura di Io sono lo straniero, non posso che rinnovare la medesima speranza.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giuliano

Pasini

Libri dallo stesso autore

Intervista a Pasini Giuliano


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Nata per essere assediata. È così che si sente Amira, diciotto anni e un grande sogno da realizzare nella città di Sarajevo del '93, lacerata dalle rappresaglie fra serbi e bosniaci. Il cuore della suonatrice di cigar box guitar batte all'unisono con i colpi di mortaio e le raffiche di mitra, ma Amira canta la sopravvivenza, la speranza. Della band Senza Strumenti fanno parte anche il colonnello Mustafa Setka, mago del basso, e il gigantesco ballerino di kolo, Masne, alle percussioni. I due per tutto il giorno seguono Jack, meglio conosciuto come Mozambik l'irlandese, fidanzato di Amira, spacciatore. All'occorrenza, Jack si offre come guida agli inviati di guerra che affollano l'Holiday Inn semidistrutto. Così conosce Carlo e Oscar, due fotoreporter italiani che inseguono uno scoop davvero straordinario: intendono trovare una vacca indiana che si dice abbia poteri da chiromante. Sarà per caso la zebù gir che il vecchio Ivan nasconde nella corte interna del suo negozio di tabacchi, adattato a fumeria d'oppio dopo l'inizio del conflitto? Del resto, non è la sola ospite che il commerciante cela a sguardi e orecchie indiscrete. In uno sgabuzzino è segregato, infatti, un serbo fuori di testa che, dopo una scorpacciata di funghi allucinogeni, si è ritrovato al di là delle linee nemiche. Lo scopo di Ivan è rispedirlo al mittente in cambio di un riscatto, da chiedere a un oscuro cecchino dei servizi segreti serbi, che trova la concentrazione solo canticchiando le hit di Barbra Streisand...

Il muggito di Sarajevo di Lorenzo Mazzoni

Mazzoni Lorenzo

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata "adottata" dai principali esponenti dell'élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Io sono Charlotte Simmons

Wolfe Tom

È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall'esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c'è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall'amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. Vincitore del premio DeA Planeta 2019.

Nel silenzio delle nostre parole

Sparaco Simona

Questo volume raccoglie gli scritti firmati personalmente da Carla Lonzi e quelli firmati collettivamente dal gruppo Rivolta Femminile che, dalla primavera del 1970 ai primi mesi del 1972, segnarono una rottura teorica con "il monologo della civiltà patriarcale". Prefazione di Maria Luisa Boccia.

Sputiamo su Hegel

Lonzi Carla