Narrativa

Io sono Red Baker

Ward Robert

Descrizione: Quando nel 1985 Robert Ward pubblicò Red Baker, romanzo accolto da un enorme successo di critica e vincitore del Pen West, non sapeva che il libro fosse destinato a scomparire dalle librerie per un bel po’ di tempo. Riapparve più avanti, sull’onda di un feroce passaparola. Red Baker era divenuto una sorta di oggetto di culto fra scrittori come Robert Stone, Richard Price, Michael Connelly, Cristopher Hitchens, James Crumley, Laura Lippman. Oggi Ward è autore di undici romanzi e un libro di nonfiction. Red Baker è stato paragonato a Il grande Gatsby di Fitzgerald e soprattutto a Furore di Steinbeck, per la capacità di dare voce alle classi più svantaggiate e meno rappresentate.

Categoria: Narrativa

Editore: Barney

Collana:

Anno: 2014

ISBN: 9788898693023

Recensito da Claudia Oldani

Le Vostre recensioni

Sullo sfondo di una Baltimora truce ed inospitale, Red Baker, un insolito protagonista, ci racconta la sua storia. E’ il 1983, Red conduce una vita modesta con la moglie ed il figlio adolescente, concedendosi qualche svago nel fine settimana con l’immancabile amico Dog. L’improvvisa perdita del lavoro all’acciaieria della città precipita Red in una disperazione allarmante, in cui non vi è più spazio per i problemi del quotidiano. Deluso, afflitto, arrabbiato e colpevole, l’uomo si lancia in una folle ricerca di riscatto, in cui l’autocommiserazione prende il sopravvento. Una discesa agli inferi in cui non mancano droga, alcool e stripper, ma anche sentimenti tangibili, forti e devastanti.

Pubblicato per la prima volta nel 1985, Io sono Red Baker approda per la prima volta in Italia grazie agli sforzi di Nicola Manuppelli, editor e traduttore per la neonata Barney Edizioni, che ha scovato a Los Angeles lo scrittore, Robert Ward, e ne ha riportato alla luce il grande successo. Nomi del calibro di Michael Connely, Richard Price e Robert Stone hanno fatto del romanzo un oggetto di culto, grazie alla sua potenza e alla sua capacità di dare voce alla classi più disagiate.

Io sono Red Baker è la storia di un’America che conosciamo solo marginalmente, di volti e di nomi sfocati, che non rimangono impressi nella memoria. Eppure Robert Ward sa come far parlare questi volti, sa raccontare vite che altrimenti non avremmo mai potuto conoscere. Se Baltimora è lo scenario perfetto perché rappresenta l’esatto opposto del sogno americano, in cui non ci sono luci brillanti e desideri da realizzare, lo è anche perché si presta a più interpretazioni: Baltimora è qualsiasi periferia, qualsiasi luogo di passaggio e prigionia. Red Baker affoga nei suoi errori e la città rimane impassibile a guardarlo.

La maestria di Robert Ward nel condurre il lettore attraverso le folli scelte di Red cattura per tutta la lunghezza de romanzo, guadagnandosi pienamente il plauso unanime della critica. Il protagonista affascina e ci attira a sé attraverso sentimenti difficili e contrastanti: un richiamo misto di affetto e astio come se a parlarci fosse un amico, per non dire la nostra voce più intima.

Coinvolgente, potente e forte, Io sono Red Baker è una lettura feroce ma indispensabile, sorprendentemente attuale. Rimane una domanda: perché arriva in Italia soltanto ventinove anni dopo la sua prima pubblicazione?

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Robert

Ward

Libri dallo stesso autore

Intervista a Ward Robert


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

L'"Antigone", la più antica delle sette tragedie sofoclee pervenutaci, riportò la vittoria negli agoni tragici del 442 a. C. e narra di Antigone che trasgredisce gli ordini del re Creonte in nome delle leggi divine e decide di seppellire il fratello Polinice. "Edipo re" è uno dei capolavori del teatro tragico di tutti i tempi; uno dei monumenti della poesia e del pensiero greco. Il re tebano che inconsciamente uccide il padre e sposa la madre, e che poi lentamente scopre i propri misfatti, non è solo il protagonista di un dramma scenico tecnicamente perfetto, ma altresì il simbolo dell'oscura, inconsapevole vicenda dell'uomo, creatura di enorme e nessun valore, di sublime e inetta capacità, alla fine sventurata. Ma quando poi "Edipo a Colono" riprende la storia e presenta il protagonista che, dopo essersi accecato, a distanza ormai di anni, approda con l'unico sostegno della figlia Antigone alla terra ospitale di Atene per morirvi, il delitto e la sventura hanno trovato nella sofferenza la catarsi. Gli orrori sono resi sublimi, l'esperienza eroica. La tensione si è allentata, l'equilibrio ristabilito, e la tragedia, ancora dolente ma piena di saggezza e di affetti, sfuma in una religiosità rasserenante.

Edipo re

Sofocle

Anna, in seguito a un fortuito errore durante un'operazione di neurochirurgia, non riesce più a parlare del proprio passato: ogni volta che è chiamata a farlo si esprime con un linguaggio onirico, privo di riferimenti comprensibili. Ezio, brillante neurologo responsabile dell'errore chirurgico, è colpito e amareggiato dalla patologia di Anna. I due si frequentano, si innamorano, ma il mistero della donna persiste, e diventa per il medico un'irrinunciabile ossessione: più si avvicina all'enigma, più questo si nasconde dietro una fitta rete di coincidenze. È Anna a non saper comunicare il proprio passato o è Ezio a non saperlo comprendere? Gli amanti si inseguono dall'Italia a Berlino, tra sospetti, eminenti psichiatri e rapporti epistolari, correndo affiancati, come rette parallele, a costruire il percorso di un amore impossibile; per scoprire che la loro storia si può leggere da una parte o dall'altra, proprio come un palindromo.

Anna. Storia di un palindromo

D'Isa Francesco

Un'organizzazione nascente, spietata e sanguinaria, dalle periferie cerca la conquista del cielo. Tre giovani eroi maledetti, che hanno un sogno ingenuo e terribile. Un poliziotto molto deciso, un coro di malavitosi, giocatori d'azzardo, criminologi, giornalisti, giudici, cantanti, mafiosi, insieme a pezzi deviati del potere e terroristi neri. E il piú esclusivo bordello in città. Un romanzo epico di straordinaria potenza, il cuore occulto della Storia d'Italia messo a nudo.

ROMANZO CRIMINALE

De Cataldo Giancarlo

Tra campioni e perdenti, vittorie e sconfitte, venti storie sul senso di precarietà che caratterizza ogni sfida. Perché nello sport, come nella vita, è tutta una questione di equilibrio. Vite che si intrecciano, si sfiorano, spesso inconsapevolmente, da un racconto all’altro, in un gioco dove le comparse si trasformano in protagonisti e i protagonisti tornano sullo sfondo, dove un luogo o un ricordo uniscono due sconosciuti e un dettaglio diventa sostanza. Così, alla periferia di Napoli, un pugile a fine carriera bussa alla porta del vicino per chiedergli aiuto. L’anziano signore è tornato nella sua città dopo una vita trascorsa al Nord, forse a Ivrea, lavorando come operaio. Per anni l’unico punto di riferimento dell’uomo è stato il canoista che vedeva ogni mattina, alle sette e trentacinque in punto, dal finestrino dell’autobus, lo stesso canoista che ha smesso di andare sul fiume e adesso non trova la forza di alzarsi da letto. Lì vicino, nella stessa sconfinata periferia, c’è una donna affacciata al balcone, guarda la croce della parrocchia e fuma. Il figlio si è fatto prete e il marito, costretto su una sedia a rotelle, si è dato alla fotografia. La stessa donna, cinque anni più tardi, incontra a una mostra del marito – fotografie di atleti, scatti fugaci dei protagonisti di questa grande storia – una neurologa che ha una relazione con un giocatore di golf. È la stessa donna che ha lasciato il compagno dopo che la figlia è morta durante un incontro di tennis. Lui, distrutto, solo, una domenica incontra su un treno un ciclista che assomiglia in modo impressionante a Fausto Coppi. Comincia la storia dei novelli Coppi e Bartali… Un crocevia di destini per il primo inedito italiano di 66thand2nd.

LE COINCIDENZE

Polidoro Ivan