Narrativa

Io sono un gatto

Soseki Natsume

Descrizione: Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788865590225

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Finchè riesco a tirare avanti giorno per giorno, mi accontento. Gli umani, per quanto forti, non saranno in auge per sempre. Meglio attendere tranquillamente l’ora dei gatti”.

Che cosa pensano i gatti? Niente di più facile: osservano gli umani che bazzicano loro intorno e, con curiosità e un pizzico di snobismo, ne biasimano le debolezze, le cadute di stile, l’ingenuità e le imperfezioni che, soprattutto tra le pareti di casa, diventano macroscopiche.

E semplicemente sorridono sornioni.

E’ ciò che accade al protagonista felino di questa pagine scritte nel 1905 dall’autore giapponese Natsume Soseki, pseudonimo di Kinnosuke Natsume, e giunto in Italia solo nel 2006 edito da Neri Pozza.

Si tratta di una storia, apparentemente come tante, di un cucciolo abbandonato al proprio destino che, per fame e curiosità, si ritrova a fare i conti con gli uomini. Il micio dal pelo “misto di giallo e di grigio chiaro” viene accolto con distrazione e scarso entusiasmo nella casa di un eccentrico professore, che trascorre il proprio tempo tra improbabili svaghi culturali e la visita di conoscenti e amici alquanto bizzarri, come il professor Meitei, il giovane Kangetsu, il poeta Tofu.

La casa del professore diventa lo sfondo ideale per il racconto sarcastico del gatto senza nome che, dalle ginocchia del padrone su cui passa gran parte del suo tempo, assiste all’alternarsi di storie che rivelano la superficialità e talvolta l’insensatezza dell’azione e del pensiero umano.

In queste cose noi gatti siamo molto più semplici. Se abbiamo fame mangiamo, se abbiamo sonno dormiamo, quando ci arrabbiamo andiamo su tutte le furie, quando piangiamo lo facciamo con tutta l’anima. Tanto per cominciare, non teniamo cose inutili come un diario. Perché non ne abbiamo bisogno. […] Per quanto concerne noi gatti, le nostre quattro posture fondamentali – camminare, stare fermi, stare seduti e stare sdraiati, oltre a urinare e defecare – costituiscono già in sé un autentico diario, quindi siamo esonerati dalla seccatura di tenerne uno per conservare la nostra identità. Se uno ha il tempo di scrivere un diario, tanto vale che se ne stia a dormire nella veranda“.

L’iniziale snobismo del gatto dal pelo giallo si trasforma lentamente da biasimo in tenerezza, fino ad una sorta di amorevole compassione per il proprio padrone e per gli uomini, abbandonando il disprezzo e la riprovazione iniziali.

Più gli essere umani si mostrano solleciti nei miei confronti, più tendo a dimenticare che sono un gatto. A poco a poco mi sento più vicino a loro che ai miei simili, e ho rinunciato del tutto al progetto di chiamare a raccolta la gens felina per regolare il conto agli animali a due zampe, maschi o femmine che siano“.

L’ironia e la pungente analisi del pensiero felino sono la forza di questo libro che, a tratti, tradisce l’ambizione di un testo filosofico, grazie a certi passaggi di profonda e alta analisi del pensiero.

Divertente, intelligente e graffiante questo romanzo, dalla scrittura ritmata e sorprendente, merita una lettura, non solo dagli amanti del mondo felino che vi ritroveranno, spesso, atteggiamenti e pose del proprio gatto, ma anche dai lettori che desiderano accostarsi ad un testo estremamente originale e acuto.

Il romanzo di Soseki Natsume mi ha ricordato – per ragioni diverse – un altro libro, Il gatto in noi, scritto da William S. Burroughs (edito da Adelphi). Nel breve testo dello scrittore e saggista statunitense, vicino al movimento della Beat Generation, il punto di vista è quello umano, ma l’analisi dei gatti è a tal punto umanizzata da renderli veri e propri compagni psichici, insostituibili creature di grande intelligenza e insospettabile sensibilità: “Il gatto non offre servigi. Il gatto offre se stesso. Naturalmente vuole cura e un tetto. Non si compra l’amore con niente. Come tutte le creature pure, i gatti sono pratici“. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Natsume

Soseki

Libri dallo stesso autore

Intervista a Soseki Natsume


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Una voce forte, corale e ipnotica racconta dunque la vita straordinaria di queste donne, partite dal Giappone per andare in sposa agli immigrati giapponesi in America, a cominciare da quel primo, arduo viaggio collettivo attraverso l’oceano. È su quella nave affollata che le giovani, ignare e piene di speranza, si scambiano le fotografie dei mariti sconosciuti, immaginano insieme il futuro incerto in una terra straniera. A quei giorni pieni di trepidazione, seguirà l’arrivo a San Francisco, la prima notte di nozze, il lavoro sfibrante, la lotta per imparare una nuova lingua e capire una nuova cultura, l’esperienza del parto e della maternità, il devastante arrivo della guerra, con l’attacco di Pearl Harbour e la decisione di Franklin D. Roosevelt di considerare i cittadini americani di origine giapponese come potenziali nemici. Fin dalle prime righe, la voce collettiva inventata dall’autrice attira il lettore dentro un vortice di storie fatte di speranza, rimpianto, nostalgia, paura, dolore, fatica, orrore, incertezza, senza mai dargli tregua. Un altro scrittore avrebbe impiegato centinaia di pagine per raccontare le peripezie di un intero popolo di immigrati, avrebbe sprecato torrenti di parole per dire cos’è il razzismo. Julie Otsuka ci riesce con queste essenziali, preziose pagine.

Venivamo tutte per mare

Otsuka Julie

"'Qui sono proprio io', scrive Roberto Vecchioni: e questo è davvero il suo libro piú intimo, piú autobiografico e urgente. Il libro in cui l'idea stessa della vita e della felicità, il senso del rotolare dei giorni, trova forma di racconto. Perché i momenti piú belli o piú intensi della nostra esistenza brillano nella memoria: sono luci che abbiamo dentro e che a un tratto sentiamo il bisogno di portare fuori. Magari per i nostri figli, e per tutti quelli che hanno voglia di ascoltare".

La vita che si ama

Vecchioni Roberto

Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre l’ha rifiutata dopo il parto, suo padre è un inetto. A prendersi cura di lei, la zia Erminia, il cui affetto però nasconde qualcosa di terribile, e la tata Maddalena, affettuosa e piangente. Ma Rebecca ha mani bellissime e talento per il piano. Grazie all’anziana signora De Lellis, Rebecca recupera un rapporto con la complessa figura della madre, scoprendo i meccanismi perversi della sua famiglia. E nella musica trova un suo modo singolare di riscatto, una vita forse possibile. La Veladiano racconta senza sconti l’ipocrisia, l’intolleranza, la crudeltà della natura, la prevaricazione degli uomini sulle donne, l’incapacità di accettare e di accettarsi, la potenza delle passioni e del talento. E lo fa con una scrittura limpida, godibilissima, con personaggi buffi, comici, memorabili, e con la sapiente leggerezza di una favola.

La vita accanto

Veladiano Mariapia

Arrivano tutte le sere, d'estate. Scaricano da un furgoncino un divano, tavolini e lampade. E pescano. L'alcolizzato abita in una Baracca. I ragazzi vanno da lui a raccattare i vuoti per rivenderseli e comprare qualcosa, un hamburger oppure una scatola di proiettili. Quel giorno il ragazzino sceglie i proiettili. La seconda guerra mondiale è appena finita, e nessuno fa caso a un adolescente con un fucile sottobraccio, fermo a una stazione di servizio. Il ragazzino è un uomo e ricorda, prima che il vento si porti via tutto, l'America e i suoi sogni, l'alcolizzato e le sue bottiglie, i due sul divano in riva al lago. La scelta, leggera e terribile, tra hamburger e proiettili, un colpo di fucile in un campo di meli e l'amico bello e ferito, lasciato lì a morire dissanguato. "American Dust" è un'elegia delicata e sorprendente, in cui l'infanzia e la morte danzano insieme, avvolte nella polvere del sogno americano.

AMERICAN DUST

Brautigan Richard