Narrativa

Io sono un gatto

Soseki Natsume

Descrizione: Il Novecento è appena iniziato in Giappone, e l'era Meiji sembra aver restituito onore e grandezza al paese facendone una nazione moderna. Per il gatto protagonista di queste pagine, però, un'oscura follia aleggia nell'aria, nel Giappone all'alba del XX secolo. Il nostro eroe vive, infatti, a casa di un professore che si cimenta in bizzarre imprese. Scrive prosa inglese infarcita di errori, recita canti no¯ō nel gabinetto, tanto che i vicini lo hanno soprannominato il «maestro delle latrine», accoglie esteti con gli occhiali cerchiati d'oro, spettegola della vita dissoluta di libertini e debosciati. Insomma, mostra a quale grado di insensatezza può giungere il genere umano in epoca moderna... Pubblicato per la prima volta nel 1905, Io sono un gatto non è soltanto un romanzo raro, che ha per protagonista un gatto, filosofo e scettico, che osserva distaccato un radicale mutamento epocale. È anche uno dei grandi libri della letteratura mondiale, la prima opera che, come ha scritto Claude Bonnefoy, inaugura il grande romanzo giapponese all'occidentale.

Categoria: Narrativa

Editore: Beat

Collana:

Anno: 2010

ISBN: 9788865590225

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

Finchè riesco a tirare avanti giorno per giorno, mi accontento. Gli umani, per quanto forti, non saranno in auge per sempre. Meglio attendere tranquillamente l’ora dei gatti”.

Che cosa pensano i gatti? Niente di più facile: osservano gli umani che bazzicano loro intorno e, con curiosità e un pizzico di snobismo, ne biasimano le debolezze, le cadute di stile, l’ingenuità e le imperfezioni che, soprattutto tra le pareti di casa, diventano macroscopiche.

E semplicemente sorridono sornioni.

E’ ciò che accade al protagonista felino di questa pagine scritte nel 1905 dall’autore giapponese Natsume Soseki, pseudonimo di Kinnosuke Natsume, e giunto in Italia solo nel 2006 edito da Neri Pozza.

Si tratta di una storia, apparentemente come tante, di un cucciolo abbandonato al proprio destino che, per fame e curiosità, si ritrova a fare i conti con gli uomini. Il micio dal pelo “misto di giallo e di grigio chiaro” viene accolto con distrazione e scarso entusiasmo nella casa di un eccentrico professore, che trascorre il proprio tempo tra improbabili svaghi culturali e la visita di conoscenti e amici alquanto bizzarri, come il professor Meitei, il giovane Kangetsu, il poeta Tofu.

La casa del professore diventa lo sfondo ideale per il racconto sarcastico del gatto senza nome che, dalle ginocchia del padrone su cui passa gran parte del suo tempo, assiste all’alternarsi di storie che rivelano la superficialità e talvolta l’insensatezza dell’azione e del pensiero umano.

In queste cose noi gatti siamo molto più semplici. Se abbiamo fame mangiamo, se abbiamo sonno dormiamo, quando ci arrabbiamo andiamo su tutte le furie, quando piangiamo lo facciamo con tutta l’anima. Tanto per cominciare, non teniamo cose inutili come un diario. Perché non ne abbiamo bisogno. […] Per quanto concerne noi gatti, le nostre quattro posture fondamentali – camminare, stare fermi, stare seduti e stare sdraiati, oltre a urinare e defecare – costituiscono già in sé un autentico diario, quindi siamo esonerati dalla seccatura di tenerne uno per conservare la nostra identità. Se uno ha il tempo di scrivere un diario, tanto vale che se ne stia a dormire nella veranda“.

L’iniziale snobismo del gatto dal pelo giallo si trasforma lentamente da biasimo in tenerezza, fino ad una sorta di amorevole compassione per il proprio padrone e per gli uomini, abbandonando il disprezzo e la riprovazione iniziali.

Più gli essere umani si mostrano solleciti nei miei confronti, più tendo a dimenticare che sono un gatto. A poco a poco mi sento più vicino a loro che ai miei simili, e ho rinunciato del tutto al progetto di chiamare a raccolta la gens felina per regolare il conto agli animali a due zampe, maschi o femmine che siano“.

L’ironia e la pungente analisi del pensiero felino sono la forza di questo libro che, a tratti, tradisce l’ambizione di un testo filosofico, grazie a certi passaggi di profonda e alta analisi del pensiero.

Divertente, intelligente e graffiante questo romanzo, dalla scrittura ritmata e sorprendente, merita una lettura, non solo dagli amanti del mondo felino che vi ritroveranno, spesso, atteggiamenti e pose del proprio gatto, ma anche dai lettori che desiderano accostarsi ad un testo estremamente originale e acuto.

Il romanzo di Soseki Natsume mi ha ricordato – per ragioni diverse – un altro libro, Il gatto in noi, scritto da William S. Burroughs (edito da Adelphi). Nel breve testo dello scrittore e saggista statunitense, vicino al movimento della Beat Generation, il punto di vista è quello umano, ma l’analisi dei gatti è a tal punto umanizzata da renderli veri e propri compagni psichici, insostituibili creature di grande intelligenza e insospettabile sensibilità: “Il gatto non offre servigi. Il gatto offre se stesso. Naturalmente vuole cura e un tetto. Non si compra l’amore con niente. Come tutte le creature pure, i gatti sono pratici“. 

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Natsume

Soseki

Libri dallo stesso autore

Intervista a Soseki Natsume


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Questo volume raccoglie gli scritti firmati personalmente da Carla Lonzi e quelli firmati collettivamente dal gruppo Rivolta Femminile che, dalla primavera del 1970 ai primi mesi del 1972, segnarono una rottura teorica con "il monologo della civiltà patriarcale". Prefazione di Maria Luisa Boccia.

Sputiamo su Hegel

Lonzi Carla

Quando fa il suo ingresso nell’aula di tribunale in cui verrà giudicata per l’omicidio del suo giovanissimo amante, Gladys Eysenach viene accolta dai mormorii di un pubblico sovreccitato, impaziente di conoscere ogni più sordido dettaglio di quello che promette di essere l’affaire più succulento di quanti il bel mondo parigino abbia visto da anni. Nel suo pallore, Gladys evoca davvero l’ombra di Jezabel, quell’ombra che nell’Athalie di Racine compare in sogno alla figlia, che così la descrive: «Non ne aveva, il dolore, smorzato la fierezza; / aveva anzi, ancora, quella finta bellezza / mantenuta con cure, con espedienti labili, / per riparar degli anni le sfide irreparabili». Sì, è ancora molto, molto bella, Gladys Eysenach: il tempo sembra averla «sfiorata come a malincuore, con mano cauta e gentile», quasi si fosse limitato ad accarezzarla teneramente, e le donne presenti nell’aula si sussurrano con invidia i nomi dei suoi innumerevoli amanti. Ma pochi giorni dopo, allorché vengono pronunciate le arringhe, tutta la sua bellezza pare averla abbandonata, e Gladys è ormai soltanto una donna vecchia e sfinita, che a mani giunte supplica i giudici di infliggerle la pena che merita. La condanna sarà lieve, invece, solo cinque anni: il movente passionale ha fatto sì che le venissero concesse le attenuanti previste dalla legge. Ma qual è la verità – quella verità che Gladys Eysenach ha cercato ad ogni costo di occultare? Qual è il vero movente dell’omicidio da lei commesso? Capace come pochi altri scrittori di scavare nel cuore femminile con implacabile, chirurgica precisione, Irène Némirovsky ci svela a poco a poco il segreto di questa donna che ha desiderato più di ogni altra cosa di sconfiggere il tempo, di rimanere immutabilmente bella, di essere amata per sempre – e che per questo è arrivata a uccidere.

Jezabel

Némirovsky Irene

IL CIRCOLO DEL LIBRO – PRIMO INCONTRO

Nell'incanto sospeso sulle rive del Grande Fiume, un uomo, finalmente in pace con se stesso, rievoca dall'oblio in cui era caduta una storia di seducente passione, dove musicisti e amanti, spie e combattenti, seguendo le note dei tre concerti per pianoforte di Ciajkovskij, percorrono una strada di amore e morte.

TRE CONCERTI

Bocchi Vittorio