Giallo - thriller - noir

IO UCCIDO

Faletti Giorgio

Descrizione: Un DJ di radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione notturna, una telefonata delirante. Uno sconosciuto rivela di essere un assassino. Il caso viene archiviato come uno scherzo di pessimo gusto. Il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati orrendamente mutilati. Da questo momento ha inizio una serie di delitti, preceduti ogni volta da una telefonata con un indizio sulla prossima vittima e sottolineati da una scritta tracciata con il sangue: «io uccido». Non c'è mai stato un serial killer nel Principato di Monaco. Adesso c'è. Il romanzo d'esordio nel thriller del comico italiano.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Dalai

Collana:

Anno: 2002

ISBN: 9788884902238

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

La cosa più difficile è dimenticare Vito Catozzo o Minchia signor tenente. Bisogna farlo, perché nella sua prova d’esordio Giorgio Faletti esibisce doti di scrittore di razza e merita di essere letto con l’atteggiamento che si riserva a Deaver, Connelly o agli altri bestselleristi seriali. Convince tutto, in Io Uccido. A partire dall’ambientazione, la ricca e soleggiata Montecarlo, così vicina e così lontana. Montecarlo, dove il male sembra quasi non poter stare “di casa”. Invece…

 Ma andiamo con ordine. Un dj della celeberrima Radio Montecarlo, Jean-Loup Verdier (a metà tra il Jack Folla di Cugia e Nick the Nightflyer), durante la sua trasmissione riceve una telefonata. In diretta, uno sconosciuto annuncia un omicidio. Proprio con le parole  “io uccido”, l’assassino chiude questa prima e  tutte le altre chiamate, cerniera dell’intera storia. Annuncia e colpisce. Implacabile. Scendono in pista i detective monegaschi, coordinati da Nicolas Hulot e affiancati dall’immancabile agente FBI, Frank Ottobre.

I protagonisti sono tratteggiati con mano sicura, dosando tutti gli ingredienti dei thriller polizieschi. Omicidi di star (piloti di formula uno, campionesse di scacchi, playboy ricchissimi, ballerini russi), depistaggi, interventi esterni di chi tenta di farsi giustizia, un susseguirsi di colpi di scena che, per definizione, non si racconta. Tutto ciò che serve per intrigare il lettore, insomma. Un successo meritato di pubblico e, per larga parte, persino di critica.

Il difficilissimo D’Orrico presentò Faletti come “il più grande scrittore italiano vivente”.  Non so se sia vero, ma certi passaggi dei dialoghi tra Jean-Loup e l’assassino (“Anche in questo siamo uguali. L’unica cosa che ci fa differenti è che tu, quando hai finito di parlare con loro, hai la possibilità di sentirti stanco. Puoi andare a casa e spegnere la tua mente e ogni sua malattia. Io no. Io di notte non posso dormire, perché il mio male non riposa mai.” “E allora tu che cosa fai, di notte, per curare il tuo male?” “Io uccido…”) fanno capire che la stoffa senza dubbio c’è. Tanto di cappello, signor Faletti. Io Uccido lo consiglio senza riserve. Peccato solo che quelli successivi non siano all’altezza di questo suo primo (ma l’ultimo, Appunti di un venditore di donne, ci fa sperare in una ripresa).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Faletti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Faletti Giorgio


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Il mondo poetico e artistico di Ginevra Lilli

Perché proprio 365 storie d'amore? Perché questo genere letterario è il solo che riesce a muoversi fra i vari sottogeneri della letteratura senza mai perdere la propria identità. Il romance è infatti declinato in decine di sfumature che contemplano escursioni nello storico, nel thriller, nella fantascienza, nell'erotico, nel fantasy e chi più ne ha più ne metta, pur mantenendo sempre la passione e i sentimenti saldamente in tolda di comando. Insomma, l'importante è che siano belle storie d'amore, dopodiché poco importa se ne sono protagonisti un pistolero e una bella ragazza all'epoca del far west o due viaggiatori dello spazio. E non importa nemmeno se i due innamorati sono entrambi uomini o entrambe donne, perché al lettore di romance piace esplorare tutte le possibili declinazioni dell'amore, senza restare ingabbiati nel pregiudizio eterosessuale. Un genere letterario, quindi, estremamente aperto e ricettivo, che offre grandi possibilità ai lettori ma anche agli scrittori, che possono sbizzarrirsi a descrivere storie d'amore e di passione all'interno dei sottogeneri a loro più congeniali.

365 STORIE D’AMORE

AA.VV.

Jonathan Livingston è un gabbiano che abbandona la massa dei comuni gabbiani per i quali volare non è che un semplice e goffo mezzo per procurarsi il cibo e impara a eseguire il volo come atto di perizia e intelligenza, fonte di perfezione e di gioia. Diventa così un simbolo, la guida ideale di chi ha la forza di ubbidire alla propria legge interiore; di chi prova un piacere particolare nel far bene le cose a cui si dedica. E con Jonathan il lettore viene trascinato in un'entusiasmante avventura di volo, di aria pura, di libertà.

IL GABBIANO JONATHAN LIVINGSTON

Bach Richard

Un ragazzino di tredici anni che è ancora bambino, ma che comincia ad avvertire la pulsione di scoprire la vita; una madre, vedova, che è ancora fiorente e desiderosa di vivere; L'inquietudine, la difficoltà dei rapporti, la scoperta del sesso. I turbamenti sessuali ed esistenziali di un adolescente che scopre la vita in un grande romanzo che ha segnato un'epoca: un libro scritto nel 1941 ma giudicato troppo scabroso dalla censura fascista, uscito in libreria solo nel 1944.

Agostino di Alberto Moravia

Moravia Alberto