Giallo - thriller - noir

IO UCCIDO

Faletti Giorgio

Descrizione: Un DJ di radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione notturna, una telefonata delirante. Uno sconosciuto rivela di essere un assassino. Il caso viene archiviato come uno scherzo di pessimo gusto. Il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati orrendamente mutilati. Da questo momento ha inizio una serie di delitti, preceduti ogni volta da una telefonata con un indizio sulla prossima vittima e sottolineati da una scritta tracciata con il sangue: «io uccido». Non c'è mai stato un serial killer nel Principato di Monaco. Adesso c'è. Il romanzo d'esordio nel thriller del comico italiano.

Categoria: Giallo - thriller - noir

Editore: Dalai

Collana:

Anno: 2002

ISBN: 9788884902238

Recensito da vanloon12

Le Vostre recensioni

La cosa più difficile è dimenticare Vito Catozzo o Minchia signor tenente. Bisogna farlo, perché nella sua prova d’esordio Giorgio Faletti esibisce doti di scrittore di razza e merita di essere letto con l’atteggiamento che si riserva a Deaver, Connelly o agli altri bestselleristi seriali. Convince tutto, in Io Uccido. A partire dall’ambientazione, la ricca e soleggiata Montecarlo, così vicina e così lontana. Montecarlo, dove il male sembra quasi non poter stare “di casa”. Invece…

 Ma andiamo con ordine. Un dj della celeberrima Radio Montecarlo, Jean-Loup Verdier (a metà tra il Jack Folla di Cugia e Nick the Nightflyer), durante la sua trasmissione riceve una telefonata. In diretta, uno sconosciuto annuncia un omicidio. Proprio con le parole  “io uccido”, l’assassino chiude questa prima e  tutte le altre chiamate, cerniera dell’intera storia. Annuncia e colpisce. Implacabile. Scendono in pista i detective monegaschi, coordinati da Nicolas Hulot e affiancati dall’immancabile agente FBI, Frank Ottobre.

I protagonisti sono tratteggiati con mano sicura, dosando tutti gli ingredienti dei thriller polizieschi. Omicidi di star (piloti di formula uno, campionesse di scacchi, playboy ricchissimi, ballerini russi), depistaggi, interventi esterni di chi tenta di farsi giustizia, un susseguirsi di colpi di scena che, per definizione, non si racconta. Tutto ciò che serve per intrigare il lettore, insomma. Un successo meritato di pubblico e, per larga parte, persino di critica.

Il difficilissimo D’Orrico presentò Faletti come “il più grande scrittore italiano vivente”.  Non so se sia vero, ma certi passaggi dei dialoghi tra Jean-Loup e l’assassino (“Anche in questo siamo uguali. L’unica cosa che ci fa differenti è che tu, quando hai finito di parlare con loro, hai la possibilità di sentirti stanco. Puoi andare a casa e spegnere la tua mente e ogni sua malattia. Io no. Io di notte non posso dormire, perché il mio male non riposa mai.” “E allora tu che cosa fai, di notte, per curare il tuo male?” “Io uccido…”) fanno capire che la stoffa senza dubbio c’è. Tanto di cappello, signor Faletti. Io Uccido lo consiglio senza riserve. Peccato solo che quelli successivi non siano all’altezza di questo suo primo (ma l’ultimo, Appunti di un venditore di donne, ci fa sperare in una ripresa).

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Giorgio

Faletti

Libri dallo stesso autore

Intervista a Faletti Giorgio

Storia di tre generazioni della potente famiglia catanese degli Uzeda di Francalanza, di antica origine spagnola, pronta a tutto pur di conservare la supremazia anche nella nuova, contraddittoria Italia unita. Il capolavoro di Federico De Roberto (Napoli 1861 - Catania 1927) è uno dei rari, grandi romanzi della letteratura italiana.

I Vicerè

De Roberto Federico

È nel Sahara più profondo la soluzione all'enigma delle origini della civiltà egizia? È lì che bisogna andare per trovare le tracce delle conoscenze «soprannaturali» che gli egizi avevano in materia di astronomia e di astrologia? E quello che sostiene Robert Bauval che, sovvertendo le tesi dell’archeologia accademica, trova sorprendenti collegamenti fra gli antichi egizi e una popolazione nera che è vissuta nel Sahara migliaia di anni prima dell'ascesa dei faraoni e che ha edificato dei complessi megalitici misteriosi. La scoperta recente di località come Gilf Kebir, Uwainat e Nabta Playa dimostra, a differenza di quanto Hanno sempre ritenuto gli egittologi «ufficiali», che gli egizi si sono spinti a distanze «impossibili» e hanno intessuto relazioni con regni dell'Africa subsahariana di cui restano tracce nei geroglifici ritrovati nelle piramidi. Ma quale segreto condividevano queste popolazioni e quella egizia? Qual è il significato astronomico dei complessi megalitici e del posizionamento delle piramidi? Quale messaggio hanno voluto trasmettere ai posteri? Unendo storiografia, archeologia, linguistica, archeoastronomia e lo studio dell'allineamento dei grandi edifici egizi, Bauval scrive un capitolo affascinante e assolutamente inedito su una civiltà che ancora conserva molti misteri irrisolti.

Il mistero della genesi

Brophy Thomas

Giovane e romantico ufficiale, da poco inurbato a Trieste, Alfonso Nitti divide le sue giornate fra la monotonia del lavoro d'ufficio e una squallida camera d'affitto, compensando le frustrazioni della routine quotidiana con l'inquieta dolcezza della fantasia, popolata di sogni di grandezza e di rivalsa. Ma quando, insperata, gli si presenta l'occasione di rovesciare la propria sorte conquistando l'amore della ricca Annette Maller, egli si mostra incapace di sfruttare tempestivamente il successo, esitante di fronte a una scelta che nell'intimo lo sconcerta. Dilaziona i tempi, torna al paese nativo in una vana ricerca della propria autenticità, creando, con la sua stessa lontananza, le premesse dello scacco che lo condurrà al suicidio.

Una vita

Svevo Italo

IL SILENZIO IMPERFETTO – di Aldo Penna