Narrativa

IO, UN ALTRO

Kertész Imre

Descrizione: Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Passaggi

Anno: 2012

ISBN: 9788845269462

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Le situazioni moderne riconducono sempre – direttamente o indirettamente – ad Auschwitz: in qualche maniera, Auschwitz è sempre presente in esse”.

Bastano poche ore per leggere questo libro, per immergersi nella sofferenza e sperimentare l’orrore, ma le riflessioni che suscita ti tengono la mente occupata per giorni. Non si tratta solo della denuncia di una tragedia che ha cambiato per sempre l’umanità e che ancora oggi si impone col suo fardello di vergogna, è il senso di vuoto di una società che si trova a dover combattere nemici senza nome, perché il male è una cosa naturale, sa trasformarsi e non scompare mai.

Sosto sulla Potsdamer Platz: lo smorto sole mattutino, un deserto di detriti e polvere – e questo nel cuore della città, nel centro esatto del luogo intorno al quale sorge il muro di cinta d’un tempo. Come dopo massicci, devastanti attacchi aerei, un lieve profumo di fuliggine nella luce mansueta, le strade che conducono verso il nulla, le impressioni sonore e olfattive della primavera del ’45, la malinconia inconcepibile dell’essere rimasti in vita…”.

Il premio Nobel Kertész, dopo essere sopravvissuto al dramma della deportazione e aver assistito ai grandi cambiamenti seguiti alla caduta del muro di Berlino, si ritrova ancora a riflettere sulla propria identità di ebreo e a confrontarsi con sentimenti antisemiti che riaffiorano, perché mai veramente sopiti, nell’Europa Centrale.

Durante i numerosi viaggi a cui si dedica tra il 1991 e il 1995, l’autore sente il bisogno di un appiglio e si interroga sul senso della vita e della morte, trasmettendoci il suo smarrimento tra incontri fugaci, belle descrizioni, ricordi e rimpianti. Le sue pagine sono intrise di obiettività e talvolta sconfinano nel pessimismo, ma giammai scadono nella banalità, nel luogo comune, e sono rese più lievi da numerosi riferimenti a brani musicali e citazioni di grandi narratori.

La meditazione di Kertész, il suo dialogo con se stesso, non cerca risposte né consenso: si accontenta di testimoniare e raccontare. È l’esperienza diretta che fa la differenza, la ferita che il tempo non è riuscito (e non riuscirà) a rimarginare. O forse la sensibilità di chi sa osservare le cose, penetrare gli eventi e guardare al di là di ciò che appare, anche se non è piacevole e richiede coraggio.

Negli ultimi tempi mi mancano i grandi sogni che indicano la via. Dormo invano, e il risveglio è persino superfluo.

Quando ti abbandona un sentimento, ecco il deserto infinito. Quando hai finito di leggere un lungo libro, perdendoti nel suo mondo; quando hai chiuso una relazione amorosa; quando svanisce il pungolo dell’ispirazione – sei senza scopo, desiderio, volontà e altri personali manipolazioni -, d’un tratto comprendi, e vedi il mondo esattamente com’è, per quello che realmente è”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Imre

Kertész

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kertész Imre


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

In una periferia londinese dai confini incerti, ruota la misteriosa scomparsa di una giovane ragazza dai capelli ramati. Un uomo dalla corporatura esile e lo sguardo vuoto compare dal nulla per le strade del quartiere con in mano una cartellina rosa e una borsa sportiva. Un ragazzo scampato alla morte dopo un pestaggio si diletta a torturare piccoli animali. Le invisibili tensioni che accomunano queste tre storie sono ... feroci pulsioni. Un thriller psicologico incalzante e scritto magistralmente dalla stessa autrice dei due successi internazionali "Le sfumature della luna" e "Naoi".

Feroci pulsioni

Saba Bilkis

Alice Allevi, finalmente specialista in Medicina legale, ha dovuto affrontare scelte difficili sia sul piano professionale che su quello sentimentale. Dopo un lungo e burrascoso corteggiamento, sembrava che tra lei e Claudio Conforti, l'affascinante e imprevedibile medico legale con il quale ha condiviso ogni disavventura dai tempi della specializzazione, fosse nato qualcosa. Per un attimo, Alice ha creduto finalmente di aver raggiunto un periodo di serenità, almeno al di fuori dell'Istituto di Medicina legale. Ma in un momento di smarrimento sentimentale chiede un trasferimento. E lo ottiene: a Domodossola. Per sua fortuna, o suo malgrado, Alice non avrà molto tempo per indugiare sul proprio destino, perché subito un nuovo caso la travolge. Durante quella che credeva essere un'autopsia di routine, Alice ritrova un diamante nello stomaco del cadavere. Una pietra di notevole caratura e valore, ma anche una prova materiale importante per il caso. Per questo, Alice si premura di convocare un ufficiale giudiziario a cui consegnarlo in custodia. L'ufficiale che si presenta da lei è un uomo distinto ed elegante, dai modi cortesi ed impeccabili, e Alice non esita ad affidargli il diamante. Ed è a quel punto che il fantomatico ufficiale sparisce nel nulla e i guai per Alice iniziano a farsi enormi...

Il ladro gentiluomo

Gazzola Alessia

C'è una scena de Il posto delle fragole di Bergman in cui la mente del protagonista è attraversata da un'immagine del passato: il padre e la madre che pescano in un lago. Che cosa significa quest'immagine circonfusa di una bianca luminosità irreale? Che il passato è irrimediabilmente presente, risponde La Capria. Questo è solo uno dei nuclei tematici, dei tanti significati di un libro semplice e complesso, colloquiale e profondo, godibile da leggere e difficile da definire. Che cos'è allora L'estro quotidiano? È apparentemente un diario, un libro d'ore, delle "ore che restano" dopo il compimento dell'ottantesimo anno. È un libro di saggezza, ma scritto da un uomo che non ha mai voluto essere saggio e fa davvero fatica a vedersi nel ruolo dell'ottantenne perché si sente ancora un ragazzo. È un libro pieno di indimenticabili ritratti di amici, di uomini e di donne che non ci sono più, e quindi parla molto della morte, ma lo fa quasi "per esorcismo e con poca vera convinzione", con humour e allegria.

L’estro quotidiano

La Capria Raffaele

L'anonimo protagonista di questo romanzo è il proprietario e l'anima di un'azienda di design per collezioni di moda, carte e oggetti. Lei, Bianca, insegnante di discipline pittoriche in un liceo delle arti, gli propone una serie di suoi disegni ispirati ai fiori. Disegni bellissimi, luminosi, intensi, unici. Lui se ne innamora e, come fa sempre, decide di acquisire non solo l'opera ma anche di sedurre l'artista, singolare e incantevole come quei disegni. Comincia così il corteggiamento, ma presto si accorge di essere lui ad aver bisogno di lei, conquistato e allo stesso tempo sconcertato dalla sua purezza quasi spirituale, dalla sua natura appassionata ed esigente, dalla gratuità dei suoi gesti, dalla sua vita con il figlio Gabriele in una casa piena di piante e di acqua che fa pensare a un paradiso. Ma il suono dell'acqua occorre saperlo ascoltare..

Una storia quasi perfetta

Veladiano Mariapia