Narrativa

IO, UN ALTRO

Kertész Imre

Descrizione: Dopo i sommovimenti del 1989 e la caduta del Muro di Berlino, l'esistenza di Imre Kertész subisce un'accelerazione e diventa una vita nomade. Proporzionalmente alla sua fama di scrittore, aumentano i suoi viaggi e, tra il 1991 e il 1995, non fa che prendere appunti, annotare osservazioni, fissare nel racconto le proprie impressioni. Il dialogo costante con se stesso e con gli autori amati si amplia nell'osservazione della vita oltre i confini dell'Ungheria, una patria avvertita sempre più in declino e percorsa da sentimenti xenofobi e antisemiti. I viaggi sono l'occasione per confrontarsi, ancora una volta, con la propria identità di ebreo, di ungherese, di europeo dell'Est, di intellettuale a contatto con la cultura tedesca. Ovviamente, la mente non può non tornare all'accadimento che ha marcato la sua esistenza e quella dell'intera umanità: Auschwitz.

Categoria: Narrativa

Editore: Bompiani

Collana: Passaggi

Anno: 2012

ISBN: 9788845269462

Recensito da Marika Piscitelli

Le Vostre recensioni

Le situazioni moderne riconducono sempre – direttamente o indirettamente – ad Auschwitz: in qualche maniera, Auschwitz è sempre presente in esse”.

Bastano poche ore per leggere questo libro, per immergersi nella sofferenza e sperimentare l’orrore, ma le riflessioni che suscita ti tengono la mente occupata per giorni. Non si tratta solo della denuncia di una tragedia che ha cambiato per sempre l’umanità e che ancora oggi si impone col suo fardello di vergogna, è il senso di vuoto di una società che si trova a dover combattere nemici senza nome, perché il male è una cosa naturale, sa trasformarsi e non scompare mai.

Sosto sulla Potsdamer Platz: lo smorto sole mattutino, un deserto di detriti e polvere – e questo nel cuore della città, nel centro esatto del luogo intorno al quale sorge il muro di cinta d’un tempo. Come dopo massicci, devastanti attacchi aerei, un lieve profumo di fuliggine nella luce mansueta, le strade che conducono verso il nulla, le impressioni sonore e olfattive della primavera del ’45, la malinconia inconcepibile dell’essere rimasti in vita…”.

Il premio Nobel Kertész, dopo essere sopravvissuto al dramma della deportazione e aver assistito ai grandi cambiamenti seguiti alla caduta del muro di Berlino, si ritrova ancora a riflettere sulla propria identità di ebreo e a confrontarsi con sentimenti antisemiti che riaffiorano, perché mai veramente sopiti, nell’Europa Centrale.

Durante i numerosi viaggi a cui si dedica tra il 1991 e il 1995, l’autore sente il bisogno di un appiglio e si interroga sul senso della vita e della morte, trasmettendoci il suo smarrimento tra incontri fugaci, belle descrizioni, ricordi e rimpianti. Le sue pagine sono intrise di obiettività e talvolta sconfinano nel pessimismo, ma giammai scadono nella banalità, nel luogo comune, e sono rese più lievi da numerosi riferimenti a brani musicali e citazioni di grandi narratori.

La meditazione di Kertész, il suo dialogo con se stesso, non cerca risposte né consenso: si accontenta di testimoniare e raccontare. È l’esperienza diretta che fa la differenza, la ferita che il tempo non è riuscito (e non riuscirà) a rimarginare. O forse la sensibilità di chi sa osservare le cose, penetrare gli eventi e guardare al di là di ciò che appare, anche se non è piacevole e richiede coraggio.

Negli ultimi tempi mi mancano i grandi sogni che indicano la via. Dormo invano, e il risveglio è persino superfluo.

Quando ti abbandona un sentimento, ecco il deserto infinito. Quando hai finito di leggere un lungo libro, perdendoti nel suo mondo; quando hai chiuso una relazione amorosa; quando svanisce il pungolo dell’ispirazione – sei senza scopo, desiderio, volontà e altri personali manipolazioni -, d’un tratto comprendi, e vedi il mondo esattamente com’è, per quello che realmente è”.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Imre

Kertész

Libri dallo stesso autore

Intervista a Kertész Imre


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Pubblicato nel 1957 nella collana einaudiana "I Gettoni", sotto la direzione di Elio Vittorini, torna in libreria "Gymkhana-Cross", di Luigi Davì: racconti sulla quotidianità di piccoli eroi, ragazzi di ieri divisi tra fabbrica, ragazze, compagni, in una città, Torino, che con la Fiat marciava a grandi passi verso la modernità. Con una scrittura vivace, gergale, asciutta, Gymkhana-Cross descrive un tempo e un mondo in cui gli operai avevano ancora un paradiso, e qualche santo a cui rivolgersi: Davì narra ciò che vede e sperimenta, nell'orizzonte circoscritto di giornate umili e banali, alla periferia di tutto, spesso anche dei cambiamenti. Per portare fino a noi il sapore di gesti semplici (un bicchiere di vino, una partita a bocce), declinati, oggi, con il sentimento dolce della malinconia.

GYMKHANA – CROSS

Davì Luigi

Clary Fray vorrebbe soltanto che qualcuno le restituisse la sua vecchia, normalissima, vita. Ma non c'è niente di normale nella tua vita se puoi vedere licantropi, vampiri e altri Nascosti, se tua madre è in un coma magicamente indotto e tu scopri di essere uno Shadowhunter, un cacciatore di demoni. Se Clary si lasciasse il mondo dei Cacciatori alle spalle avrebbe più tempo per Simon (forse più di un amico ormai). Ma è il mondo dei Cacciatori che non è disposto a lasciar andare lei, soprattutto Jace, il suo affascinante, permaloso fratello appena ritrovato. Per Clary l'unico modo di salvare la madre è inseguire Valentine, il cacciatore ribelle, che è probabilmente pazzo, sicuramente malvagio e anche, purtroppo, suo padre. A complicare le cose a New York si moltiplicano gli omicidi dei figli dei Nascosti. E la città diventa sempre più pericolosa, anche per uno Shadowhunter come Clary. Età di lettura: da 13 anni.

Shadowhunters. Città di cenere

Clare Cassandra

Storia del nuovo cognome è il seguito dell’amica geniale, pubblicato nel 2011. L’amica geniale racconta l’infanzia e l’adolescenza di due ragazze napoletane, Lila e Lenù, seguite nelle intense peripezie della loro amicizia, in un quartiere povero e feroce negli anni del passaggio a un benessere conquistato con ogni mezzo. Al cuore del romanzo c’è il rapporto tra le due amiche, un rapporto di affetto, di gelosia, di competizione, di emulazione, di rifiuto e di attrazione vertiginosa. Ritroviamo le due protagoniste e la loro straordinaria amicizia nelle nuove prove che la vita mette loro davanti. Lila si sposa a soli diciassette anni con un giovane del quartiere arricchitosi con commerci e traffici non sempre limpidi, e diventa la signora Carracci in una nuova esistenza dove agio e violenza, frustrazione e potere si mischiano. Lenù continua invece a studiare, suscitando l’ammirazione e l’invidia dell’amica. È una gara a chi delle due riuscirà a uscire dal quartiere che le imprigiona, a liberarsi da un ambiente che entrambe odiano. Ameranno anche lo stesso uomo.

Storia del nuovo cognome

Ferrante Elena

Questo libro raccoglie testi poetici nati sull’onda di pensieri, suggestioni, emozioni diverse, evocate dalla natura, da incontri e dalla sfera dei sentimenti. Le immagini e i versi, pur nella loro puntualità, sono palpiti della stessa anima, sospesa nel cielo e incantata dal cielo. “Costellazioni” ha vinto il Premio Letterario Inediti Casinò di Sanremo Semeria – 2018.

Costellazioni

Spes Ilaria