Narrativa

¡VIVA LA VIDA!

Cacucci Pino

Descrizione: Un monologo fulminante che ripercorre i patimenti della reclusione forzata di Frida Kahlo, i lucidi deliri artistici di pittrice affamata di colore, la relazione con Diego Rivera. In un Messico quanto mai reale e al tempo stesso immaginifico, Pino Cacucci mette in scena la sintesi infuocata di un’esistenza, la parabola di una grande pittrice la cui opera continua a ottenere altissimi riconoscimenti. In poche pagine c’è il Messico, c’è il risveglio dell’immaginazione, c’è la storia di una donna, c’è la rincorsa di una passione mai spenta per un uomo. L’ardente esistenza di Frida Kahlo dal vertice estremo dei suoi giorni. Un breve libro che contiene una storia immensa.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2010

ISBN: 9788858816813

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

La morte può essere crudele, ingiusta, traditrice…Ma solo la vita riesce ad essere oscena, indegna, umiliante

Qual è il limite tra la sofferenza dignitosa e l’indecenza?” si chiede l’artista messicana Frida Kahlo nel monologo di “¡Viva la Vida!”, magistralmente scritto da Pino Cacucci, scrittore e sceneggiatore italiano.

Una domanda che ha il sapore acre della disperazione, quella della donna Frida a cui la vita ha tolto troppo quel maledetto 17 settembre 1925, quando la Pelona, la morte, l’ha guardata negli occhi diventando, da allora, sua compagna di vita inseparabile. Quel giorno, un incidente osceno – su un autobus divorato dallo scontro con un tram – strazia irrimediabilmente il suo corpo di giovane studentessa, trasformando per sempre la sua esistenza in “una resistenza indecente“.

L’amore profondo per il marito Diego Rivera, la passione autentica per l’arte, l’attaccamento disperato alla vita e la disillusione politica trovano voce in queste pagine.
Il lettore verrà travolto dalla rabbia della donna mutilata anche nella possibilità di mettere al mondo un figlio e dalla consistenza della passione con cui l’artista Frida Kahlo affronta la propria vita.

Non c’è nulla di semplice nell’esistenza di quest’artista tanto amata quanto discussa, i cui giorni sono stati gravati dalla presenza spietata del fantasma della Pelona.
Proprio questa presenza ha determinato in Frida una duplice e profonda urgenza: quella del vivere e quella di esprimere con l’arte la sua disperata vitalità, senza tuttavia mai abbandonare l’amara consapevolezza che la sua passione per il vivere era soltanto un “modo di distrarre la Pelona, di irridere la Morte, di beffarla e corteggiarla, di scendere a patti con lei“.

La forza di Frida emerge da queste pagine come un’esplosione necessaria ed irrinunciabile, almeno quanto l’amore per Diego Rivera, “il più stimato e venerato pittore muralista in un paese che amava l’arte almeno quanto le rivoluzioni“. Frida arriva a definirlo il secondo incidente “quasi” mortale della sua vita: un legame complesso tra due personalità ingombranti, in cui le umane debolezze dell’uno si trasformano inevitabilmente nel calvario dell’altra; un rapporto tuttavia destinato a resistere alle contingenze avverse
perché fondato su basi solide quali la stima reciproca, la condivisione e l’ideale politico. “Ci univano lo sdegno, la rabbia, l’odio per lo schifo del mondo, ma ci univa soprattutto la gioia di credere in qualcosa insieme, un grande ideale comune, l’illusione che ci fosse ancora qualcosa di pulito e limpido per cui combattere, e continuare a prendere a morsi la vita“.

La vita, protagonista poetica in queste pagine, ha il volto e le parole di Frida Kahlo, il cui “sguardo d’immensità perforante sapeva anche sferzare e annientare quando si imbatteva nell’ipocrisia e nell’arroganza umana”. Frida appassionata e intensa, rabbiosa e tormentata, è sopravvissuta alla vita per diventare, con il suo esempio e la sua arte, vita essa stessa. Donna capace di stupire e smarrire anche quando, con ironia e disarmante semplicità, dice “Ma a che mi servono i piedi, se ho ali per volare…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pino

Cacucci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cacucci Pino

Con una ambientazione contemporanea, il primo volume di una saga di stampo mitologico - ''The Awakening series'' - che dosa sapientemente amore, avventura, elementi storici. Un vero CASO EDITORIALE che incanterà le giovani lettrici di tutto il mondo. Helen, timida adolescente di Nantucket, sta quasi per uccidere il ragazzo più attraente dell'isola, Lucas Delos, davanti a tutta la sua classe. L'episodio si rivela essere qualcosa di più di un mero incidente. Helen teme per la sua salute mentale: ha iniziato ad avere incubi di notte e allucinazioni di giorno. Ogni volta che vede Lucas le appaiono tre donne che piangono lacrime di sangue. Il tentato omicidio porta Helen a scoprire che lei e Lucas non stanno facendo altro che interpretare i ruoli di un'antica tragedia d'amore. Le apparizioni femminili rappresentano infatti le Erinni. Helen, come l'omonima Elena di Troia, è destinata a dare inizio alla guerra a causa della sua relazione con Lucas. I due scoprono sulla loro pelle che i miti non sono leggende. Ma è giusto o sbagliato stare con il ragazzo che si ama se questo significa mettere in pericolo il resto del mondo? Come si sconfigge il destino?

STARCROSSED

Angelini Josephine

Sullo sfondo di una Lione degli anni sessanta, le vite di Jean ed Eloise vengono intrecciate da un filo invisibile e allo stesso tempo separate da un muro sottile, che divide i loro appartamenti un tempo uniti. Non si conoscono, eppure la vita dell'uno entra in quella dell'altra attraverso i suoni, i rumori e le parole che il muro lascia filtrare. Sono anime logorate dalla solitudine, dall'attesa dei rispettivi amori e oscurate dalle loro esistenze, come il sole a mezzanotte.

Come il sole a mezzanotte

Warner Jason

Theresa Osborne, giornalista di Boston, divorziata e madre di un ragazzino dodicenne, raccoglie sulla spiaggia, durante una vacanza, una bottiglia contenente una lettera. Garrett, l'uomo che la firma, ha perso la donna amata e le strazianti parole del suo messaggio insinuano in Theresa una sottile curiosità. Profondamente turbata da emozioni che non riesce a frenare, Theresa si avventura, grazie anche a fortunate coincidenze, in una località turistica della costa alla ricerca del protagonista di questo amore infelice.

LE PAROLE CHE NON TI HO DETTO

Sparks Nicholas

In una metropoli attanagliata dalla crisi economica, assediata dal crimine, dall’immondizia e da un sole cocente e malato, un’unità speciale delle forze di polizia – la Red – sembra essere l’unica risposta possibile alla richiesta della cittadinanza: giustizia e sicurezza. Sono in pochi a conoscerne l’esistenza e la squadra dipende direttamente dal più alto potere politico. Il motivo di tanta segretezza è che la Red agisce in via sperimentale e con metodi che ai più potrebbero far gridare, nel migliore dei casi, a una violazione della privacy. Il commissario Vincent Tripaldi è a capo della Red. Ha alle spalle una storia difficile, il rapporto asfittico con suo fratello gemello Nicolas lo ha portato a rifugiarsi dietro una maschera di misantropia e cinismo, ad autoconvincersi che l’egoismo sia l’unico vero sentimento umano, che l’amore non esista. Vincent non ha amici, solo colleghi, le sue uniche gratificazioni le attinge dal lavoro; fuori dalla Red è un uomo solo. Quando si trova a indagare sull’omicidio di un collega, Vincent si rende conto che l’assassino usa contro la Red le sue stesse armi: per mostrarne i limiti ed evidenziarne la pericolosità sociale insita in un’attività investigativa che tiene così poco in considerazione i diritti elementari dei cittadini. Durante l’indagine Vincent si trova risucchiato in un vortice che ne mina le convinzioni più profonde: sulla natura del suo rapporto con la sua apprendista Naima, con suo fratello Nicolas, con il suo mentore Luca Basile. L’inchiesta lo trascina sempre più a fondo, fino a metterlo davanti a una verità tanto atroce da non trovare posto neppure nel peggiore dei suoi incubi. Vincent Tripaldi ora deve decidere cosa fare della propria vita: scegliere se abbandonarsi all’odio o provare a rincorrere l’amore.

Nel posto sbagliato

Poldelmengo Luca