Narrativa

¡VIVA LA VIDA!

Cacucci Pino

Descrizione: Un monologo fulminante che ripercorre i patimenti della reclusione forzata di Frida Kahlo, i lucidi deliri artistici di pittrice affamata di colore, la relazione con Diego Rivera. In un Messico quanto mai reale e al tempo stesso immaginifico, Pino Cacucci mette in scena la sintesi infuocata di un’esistenza, la parabola di una grande pittrice la cui opera continua a ottenere altissimi riconoscimenti. In poche pagine c’è il Messico, c’è il risveglio dell’immaginazione, c’è la storia di una donna, c’è la rincorsa di una passione mai spenta per un uomo. L’ardente esistenza di Frida Kahlo dal vertice estremo dei suoi giorni. Un breve libro che contiene una storia immensa.

Categoria: Narrativa

Editore: Feltrinelli

Collana: I Narratori

Anno: 2010

ISBN: 9788858816813

Recensito da Lucilla Parisi

Le Vostre recensioni

La morte può essere crudele, ingiusta, traditrice…Ma solo la vita riesce ad essere oscena, indegna, umiliante

Qual è il limite tra la sofferenza dignitosa e l’indecenza?” si chiede l’artista messicana Frida Kahlo nel monologo di “¡Viva la Vida!”, magistralmente scritto da Pino Cacucci, scrittore e sceneggiatore italiano.

Una domanda che ha il sapore acre della disperazione, quella della donna Frida a cui la vita ha tolto troppo quel maledetto 17 settembre 1925, quando la Pelona, la morte, l’ha guardata negli occhi diventando, da allora, sua compagna di vita inseparabile. Quel giorno, un incidente osceno – su un autobus divorato dallo scontro con un tram – strazia irrimediabilmente il suo corpo di giovane studentessa, trasformando per sempre la sua esistenza in “una resistenza indecente“.

L’amore profondo per il marito Diego Rivera, la passione autentica per l’arte, l’attaccamento disperato alla vita e la disillusione politica trovano voce in queste pagine.
Il lettore verrà travolto dalla rabbia della donna mutilata anche nella possibilità di mettere al mondo un figlio e dalla consistenza della passione con cui l’artista Frida Kahlo affronta la propria vita.

Non c’è nulla di semplice nell’esistenza di quest’artista tanto amata quanto discussa, i cui giorni sono stati gravati dalla presenza spietata del fantasma della Pelona.
Proprio questa presenza ha determinato in Frida una duplice e profonda urgenza: quella del vivere e quella di esprimere con l’arte la sua disperata vitalità, senza tuttavia mai abbandonare l’amara consapevolezza che la sua passione per il vivere era soltanto un “modo di distrarre la Pelona, di irridere la Morte, di beffarla e corteggiarla, di scendere a patti con lei“.

La forza di Frida emerge da queste pagine come un’esplosione necessaria ed irrinunciabile, almeno quanto l’amore per Diego Rivera, “il più stimato e venerato pittore muralista in un paese che amava l’arte almeno quanto le rivoluzioni“. Frida arriva a definirlo il secondo incidente “quasi” mortale della sua vita: un legame complesso tra due personalità ingombranti, in cui le umane debolezze dell’uno si trasformano inevitabilmente nel calvario dell’altra; un rapporto tuttavia destinato a resistere alle contingenze avverse
perché fondato su basi solide quali la stima reciproca, la condivisione e l’ideale politico. “Ci univano lo sdegno, la rabbia, l’odio per lo schifo del mondo, ma ci univa soprattutto la gioia di credere in qualcosa insieme, un grande ideale comune, l’illusione che ci fosse ancora qualcosa di pulito e limpido per cui combattere, e continuare a prendere a morsi la vita“.

La vita, protagonista poetica in queste pagine, ha il volto e le parole di Frida Kahlo, il cui “sguardo d’immensità perforante sapeva anche sferzare e annientare quando si imbatteva nell’ipocrisia e nell’arroganza umana”. Frida appassionata e intensa, rabbiosa e tormentata, è sopravvissuta alla vita per diventare, con il suo esempio e la sua arte, vita essa stessa. Donna capace di stupire e smarrire anche quando, con ironia e disarmante semplicità, dice “Ma a che mi servono i piedi, se ho ali per volare…

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Pino

Cacucci

Libri dallo stesso autore

Intervista a Cacucci Pino


Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.i-libri.com/home/wp-content/themes/ilibri/single-libri.php on line 862

Un giorno d'autunno, alla porta del dottor Kazunori, uno psicoanalista, si presenta un'affascinante ragazza che lo informa di non riuscire a sentire la musica. Da qui si sviluppa un'intricata vicenda in cui i tentativi di risalire alla causa del problema (la musica è una metafora dell'orgasmo) vengono descritti con una suspence da romanzo giallo. "Musica" si presenta come un'opera controversa, che mostra la doppia disposizione dell'autore nei confronti della scienza trattata: l'indiscutibile interesse che suscita in un intellettuale quale era lui e lo scetticismo di un nietzscheano convinto che non lascia troppo spazio alle giustificazioni e alle influenze esteriori.

Musica

Mishima Yukio

10 REGOLE PER VIVERE COL PARTNER – di Paola Capitani

Pierre Boileau e Thomas Narcejac si incontrano alla fine degli anni Quaranta e prendono quasi immediatamente la decisione che farà di loro una delle coppie più famose della letteratura francese, e non solo: quella di realizzare "qualcosa di radicalmente nuovo", inserendo "nel genere poliziesco i temi di quello fantastico". Nei Diabolici compaiono alcuni dei Leitmotiv della loro sterminata, formidabile produzione: l’ambientazione provinciale e piccolo-borghese, il realismo psicologico, la suspense – e soprattutto l’inversione dei ruoli: in un’autentica spirale di angoscia, l’assassino si trasforma in una vittima braccata dalla defunta.

I diabolici

Boileau Pierre, Narcejac Thomas

Inseparabili. Questo sono sempre stati l'uno per l'altro i fratelli Pontecorvo, Filippo e Samuel. Come i pappagallini che non sanno vivere se non sono insieme. Come i buffi e pennuti supereroi ritratti nel primo fumetto che Filippo ha disegnato con la sua matita destinata a diventare famosa. A nulla valgono le differenze: l'indolenza di Filippo - refrattario a qualsiasi attività non riguardi donne, cibo e fumetti - opposta alla determinazione di Samuel, brillante negli studi, impacciato nell'arte amatoria, avviato a un'ambiziosa carriera nel mondo della finanza. Ma ecco che i loro destini sembrano invertirsi e qualcosa per la prima volta si incrina. In un breve volgere di mesi, Filippo diventa molto più che famoso: il suo cartoon di denuncia sull'infanzia violata, acclamato da pubblico e critica dopo un trionfale passaggio a Cannes, fa di lui il simbolo, l'icona in cui tutti hanno bisogno di riconoscersi. Contemporaneamente Samuel vive giorni di crisi, tra un investimento a rischio e un'impasse sentimentale sempre più catastrofica: alla vigilia delle nozze ha perso la testa per Ludovica, introversa rampolla della Milano più elegante con un debole per l'autoerotismo. Nemmeno l'eccezionale, incrollabile Rachel, la mame che veglia su di loro da quando li ha messi al mondo, può fermare la corsa vertiginosa dei suoi ragazzi lungo il piano inclinato dell'esistenza. Forse, però, potrà difendere fino all'ultimo il segreto impronunciabile che li riguarda tutti... Alessandro Piperno ritrova la famiglia Pontecorvo - già protagonista di Persecuzione - e chiude il dittico del Fuoco amico dei ricordi con un'opera del tutto autonoma che, al tempo stesso, scioglie ogni nodo lasciato in sospeso dal primo libro. Inseparabiliè la storia di una famiglia che deve lottare con l'amore e il rancore, il lutto e la solitudine, fino alla resa dei conti. È il racconto verosimile fino al dettaglio di quanto fortuito e inarrestabile sia il meccanismo che genera un grande successo mediatico e insieme il "referto" implacabile, scioccante, degli effetti che una pubblica glorificazione può sortire su chi ne è oggetto: sui suoi desideri, sul suo carattere, sulle relazioni con coloro che ama. È un libro splendente, ironico, emozionante, percorso da una felicità narrativa che ricorda l'euforia di Con le peggiori intenzioni - la cui protagonista, Gaia, fa da guest-star in un velenoso cammeo. Un grande romanzo di oggi, veloce, crudele ma cadenzato dal passo classico di una Commedia umana che senza tempo si ripete.

INSEPARABILI

Piperno Alessandro