Narrativa

Jane Austen Book Club

Fowler Karen Joy

Descrizione: Jocelyn ha passato i cinquanta e come Jane Austen, la sua scrittrice preferita, non si è mai sposata anche se sa tutto dell'amore e del corteggiamento. Per risollevare l'umore di Sylvia, amica del cuore fin da quando era ragazzina, appena separata, la donna ha un'idea geniale: fondare un club del libro, il Jane Austen Book Club. Chiama perciò a raccolta le amiche più care che, come lei, amano la Austen. Unico problema: ognuna di loro ama la grande scrittrice a modo suo...

Categoria: Narrativa

Editore: Neri Pozza

Collana: I narratori delle tavole

Anno: 2005

ISBN: 9788854500297

Recensito da Stefania De Lucia

Le Vostre recensioni

Se è proprio vero, come affermava Kipling, che «non c’è niente di meglio di Jane, quando sei nei pasticci», allora lo è anche che nessun libro su Jane Austin può sostituirsi alle parole della Austen stessa. Riscriverla, con l’ambizione di riuscire a riprodurre l’argento che percorre i suoi romanzi, quel collante che tiene insieme il groviglio di personaggi, descrizioni e digressioni, può risultare – esattamente come in questo caso – un’operazione assai azzardata.

Inseribile nel profluvio di prodotti editoriali e mediatici che celebrano la fascinazione che l’opera di Jane Austen genera da ormai quasi due secoli, il romanzo di Karen Joy Fowler Jane Austen Book Club non convince pienamente il lettore.

La trama, come suggerisce il titolo, ruota intorno agli incontri mensili di un club di lettori delle opere di Jane, cinque donne e un uomo, che si riuniscono per discutere i romanzi della grande scrittrice, intrecciando i commenti su trame e personaggi alle loro personali vicende di vita. Il club si riunisce per un totale di sei mesi: ogni incontro è ospitato nella casa di uno dei protagonisti e incentrato su un’opera scelta dal padrone di casa, sulla quale sarà lui stesso ad avviare una riflessione. In questo modo, le trame e le considerazioni su capolavori come Emma, Mansfield Park, Northanger Abbey, Persuasione, Orgoglio e pregiudizio, Ragione e sentimento si mescolano alla storia dell’ospite di turno, talora in modo davvero caotico, senza che sia possibile trovare dei veri parallelismi.

Gli incontri sui romanzi della Austen fanno dunque da sfondo a sei approfondimenti sui diversi membri del club, ciascuno con le proprie specifiche caratteriali, il proprio mestiere e la propria storia di vita. Sylvia, che sta divorziando da Daniel ma lo ritrova prima che il romanzo termini; Allegra, sua figlia, lesbica innamorata di una donna che ha tradito la sua fiducia; la noiosa Bernadette, a cui nemmeno le descrizioni di Fowler sembrano riuscire a dare un po’ di verve; Jocelyn, la donna moderna del gruppo, priva di una famiglia propria ma dal carattere aperto all’incontro con l’altro; Grigg, un uomo assai  fuori dai generis, appassionato di letteratura fantascientifica ma che, per amore della lettura e non solo, non disdegnerà di entrare a far parte di un club per “signore” e infine Prudie, insegnante di francese, una storia familiare disastrosa alle spalle e un marito di cui non sembra assai convinta.

Completa l’opera un apparato finale in cui l’autrice riprende elementi della trama dei romanzi trattati e fornisce una lista di celebri commenti alle opere di Austen che tuttavia non arricchiscono e non interagiscono con la narrazione e costituiscono dunque un’appendice anonima.

Larga parte della critica di stampo vittoriano ci insegna che la fortuna dei romanzi di Jane Austen è generata dal revival nostalgico che la sua narrazione riesce a generare attraverso forme votate al sentimentalismo e alla malinconia. Inserire una narrazione moderna in una cornice narrativa così pretenziosa risulta dunque un’operazione assai delicata, nella quale Fowles fallisce forse proprio per mancanza di queste caratteristiche fondanti. Le incursioni nel passato e nel presente della vita dei sei membri del club non producono la stessa spirale di attesa che invece troviamo nei romanzi di Jane e anche l’epilogo finale, che dà conto del modo in cui le vicende di ciascuno dei sei membri del gruppo si sono evolute, non riesce a privare il romanzo di quella sensazione che si tratti, in realtà, di sei voci distinte, che non si amalgamano e non s’intessono in quella dimensione corale che caratterizza, invece, le opere della grande scrittrice inglese.

...

Leggi tutto

LEGGI COMMENTI ( Nessun commento )

Aggiungi un tuo commento

Scrivi la tua recensione

Devi effettuare il login per aggiungere un commento oppure registrati

Joy

Karen

Fowler

Libri dallo stesso autore

Intervista a Fowler Karen Joy

Eternità

Milano, anno del Signore 1576. Sono giorni oscuri quelli che sommergono la capitale del Ducato. La peste bubbonica è al suo culmine, il Lazzaretto Maggiore rigurgita di ammalati, i monatti stentano a raccogliere i morti. L'aria è un miasma opaco per il fumo dei roghi accesi ovunque. In questo scenario spettrale il notaio criminale Niccolò Taverna viene convocato dal capitano di Giustizia per risolvere un difficile caso di omicidio. La vittima è Bernardino da Savona, commissario della Santa Inquisizione che aveva il compito di far valere le decisioni della Corona di Spagna sul suolo del Ducato di Milano. Bernardino aveva ricevuto l'incarico di occuparsi degli ordini ecclesiastici in odore di eresia, come quello misterioso degli Umiliati, messi al bando dall'arcivescovo Carlo Borromeo e desiderosi di vendetta. Contemporaneamente, Niccolò Taverna deve riuscire a individuare il responsabile del furto del Candelabro del Cellini trafugato dal Duomo di Milano. Ma ben presto si accorge che sta seguendo una pista sbagliata perché un altro oggetto, ben più prezioso, è stato sottratto... Nella Milano piagata dalla peste e su cui grava l'incubo della Santa Inquisizione, Taverna deve fare appello a tutte le sue sorprendenti capacità investigative per venire a capo di questi casi che rischiano di compromettere la sua carriera e la sua stessa incolumità, ma che conducono anche sul suo cammino la giovane e intrigante Isabella, nei cui occhi Niccolò ha l'impressione di annegare. Ventiquattro ore, non una di più: questo è il tempo incalzante nel quale si svolge l'indagine, e con essa l'intero romanzo. Un libro in cui l'esattezza della ricostruzione storica si unisce alla descrizione di tecniche investigative antiche incredibilmente simili a quelle sofisticate di oggi. Il notaio criminale Niccolò Taverna si prepara a sezionare con il bisturi della logica e l'intelligenza del cuore misteri oscuri e inquietanti, che allungano la loro ombra fino a noi...

IL SEGNO DELL’UNTORE

Forte Franco

1 – Introduzione alla sezione fantasy

Roma 1139. Inquieto, un uomo alza gli occhi alla volta celeste. Seguendo le indicazioni dei suoi predecessori, è arrivato nella Città Eterna per assistere all'eclissi che mostrerà un allineamento astrale unico. All'ora stabilita, la luna a poco a poco si dissolve nell'oscurità, rivelando 112 stelle. È il segno che l'uomo aspettava: ancora 112 papi, poi, sulle rovine della Chiesa, sorgerà un nuovo mondo. Roma, 2000. Incredula, una giovane archeologa fissa il cielo. Poche ore prima, il Vaticano le ha ordinato d'interrompere gli scavi nelle catacombe di San Callisto, mettendo così fine alla sua carriera accademica. E adesso lei giace sull'asfalto, in una pozza di sangue. Tuttavia, nell'istante in cui l'aggressore le ha conficcato il pugnale nel petto, Elisabetta ha notato un dettaglio agghiacciante. Un dettaglio impossibile da dimenticare. Roma, oggi. Sconcertata, una suora studia i simboli astrologici tracciati sul muro. Ma quello non è il solo enigma custodito dall'antico colombario di San Callisto. Intorno a lei, infatti, ci sono decine di scheletri caratterizzati da un'anomalia inquietante: la stessa anomalia del sicario che, anni prima, aveva cercato di ucciderla. Decisa a far luce sul mistero, suor Elisabetta entra in possesso di un rarissimo esemplare del Dottor Faust di Marlowe e intuisce che quei versi sono il codice per svelare il cerchio diabolico che lega passato, presente e futuro. Perché il papa è morto, il conclave è alle porte e la profezia sta per compiersi…

Il marchio del diavolo

Cooper Glenn